HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Arbitro napoletano per la Juve, l’ultima follia dei complottisti che non la smettono di inquinare il calcio. Dybala lascia la casa a Torino. Anche Ronaldo spinge Icardi al Real. E l’Inter cosa aspetta a ridiscutere la clausola?

09.02.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 24271 volte
© foto di Federico De Luca

Finalmente un campionato incerto, due squadra in corsa per lo scudetto, uno straordinario Napoli per il gioco che esprime, un’altrettanto straordinaria Juventus che non molla un centimetro, eppure c’è qualcuno che questa volata non se lo gode. 
Ma come si fa nel 2018 a pensare ancora che le designazioni arbitrali vengano fatte per favorire Tizio o Caio, oppure (ancora peggio) che certi arbitri possano andare in campo per qualcuno o contro qualche altro. Dietrologia assurda. I complottisti che impazzano sui social non sanno che con questo atteggiamento altro non fanno se non danneggiare l’immagine della loro squadra. Qualunque essa sia. E’ successo quindici giorni fa con Maresca, è risuccesso ieri con la designazione di Guida di Torre Annunziata per la sfida delicata fra Fiorentina e Juventus. L’equazione Torre Annunziata-Napoli non sta in piedi. Guida è un arbitro internazionale, se devo dire non mi fa impazzire per una gestione delle partite troppo adrenalinica, ma è un arbitro in carriera, ambizioso. Se qualcuno pensa che possa andare in campo per sfavorire la Juventus a vantaggio del Napoli per territorialità, mi permetto di dire che non ha capito nulla degli arbitri. Agli arbitri interessa soltanto la loro carriera, sia per ambizione che per business. Quindi cerchiamo di crescere, cambiamo cultura sportiva se vogliamo un calcio migliore e una società più giusta. Non so che partita farà Guida stasera, ad aiutarlo ci sarà anche il Var, una cosa la dico con certezza: non arbitrerà pensando al Napoli, ma a quello che sta facendo lui. 
Qualcuno sostiene che il designatore Rizzoli, proprio per non dare spago ai complottisti, potrebbe evitarsi queste designazioni “territoriali” che fanno discutere. Io dico invece che Rizzoli fa bene, chi pensa con la mente al male tanto avrà sempre qualcosa da ridire. Anzi così, come successo a Verona con Maresca, si possono abbattere anche gli ultimi muri e sconfiggere gli antisportivi. Almeno lo spero.
Rimanendo in tema Juventus, ha fatto discutere la notizia rimbalzata sui giornali nei giorni scorsi secondo la quale l’argentino non avrebbe rinnovato l’affitto della sua casa di Torino. Mi vien da pensare che potrebbe averne presa una più bella o semplicemente diversa, ma stando dietro al discorso al gossip, è chiaro che tutto viene visto in ottica mercato. 
Dybala va o resta alla Juventus? 
Una risposta a questa domanda credo che oggi come oggi non la possa dare neppure Marotta. Di sicuro, però, non scommetterei un euro sulla sicura permanenza dell’argentino a Torino. Prima dell’infortunio che per me è anche di natura psicosomatica, guarda caso arriva quando le cose non vanno bene, non c’è serenità, il rapporto tra Dybala e il mondo Juventus non era sicuramente ai suoi livelli massimi. Anzi. 
Il fatto che i bianconeri stiamo giocando meglio senza l’argentino o quanto meno stiano dimostrando di poterne fare a meno, è un altro indicatore da valutare. In particolare c’è un tale Higuain che sembra più a suo agio, si muove meglio da solo negli spazi che a volte doveva condividere con Dybala. Insomma, a fine stagione la Juve tirerà le somme. Non è escluso che Marotta decida di monetizzare e puntare su altri giocatori altrettanto importanti. Dalla Spagna tornano voci sull’interesse per Isco, un giocatore che piace moltissimo e non da oggi. Il Real cambierà parecchio, deve rifondare e Isco è nella lista dei partenti. Ma anche pensando a mantenere l’attuale 4-3-3, un giocatore come Dybala, trequartista o seconda punta, diventa di difficile collocazione, mentre sugli esterni la Juve è coperta da Bernardeschi, Mandzukic, Cuadrado e Douglas Costa. Sappiamo che Dybala è corteggiato dal Psg, ma le sue qualità si sposerebbero benissimo anche con il calcio del Barcellona o del Real, spagnolo in generale. La Juve aspetta e Marotta non ha problemi. Se il giocatore non ritrova umiltà, voglia di crescere, non torna in sintonia con l’ambiente, l’Ad bianconero è pronto a far partire un’asta capace di portare altre plusvalenze.
Abbiamo già scritto da tempo anche del futuro incerto di Icardi. Social o non social, addio annunciato o meno, il caso è aperto. Anche qui, non scommetterei un euro sulla permanenza dell’argentino all’Inter. Dal Ct argentino Sampaoli a Ronaldo ieri, troppa gente del calcio parla di un Icardi sulla strada per Madrid. Ricordiamo che l’argentino ha una clausola da 110 milioni e fa gola. Se decide di andar via sarà dura trattenerlo quindi non capisco come l’Inter non stia accelerando per cambiare il contratto con l’attaccante. Soltanto alzando la clausola puoi avere più possibilità di trattenerlo e, comunque, puoi incassare di più dall’addio. Banale.  Che succederà? Icardi è combattuto, qualcosa anche in famiglia deve essere successo, la discussione è in corso. Mi chiedo: ma farebbe bene o no l’Inter a cedere Icardi? Per me si. E’ un giocatore che ha bisogno di una intera squadra che lavori per lui. E’ vero che fa tanti gol, ma li fa solo lui. La manovra diventa prevedibile in una squadra come l’Inter mentre in una squadra piena di campioni come il Real (ad esempio) le soluzioni sono tante. L’analisi è in corso, forse non è un caso che l’Inter si sia già coperta le spalle andando a prendere un talento come Lautaro Martinez pagato più di 20 milioni.
In attesa, una cosa è certa: Icardi e Dybala restano o vanno via sarà il tormentone del mercato estivo.  


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->