HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Arbitro napoletano per la Juve, l’ultima follia dei complottisti che non la smettono di inquinare il calcio. Dybala lascia la casa a Torino. Anche Ronaldo spinge Icardi al Real. E l’Inter cosa aspetta a ridiscutere la clausola?

09.02.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 24144 volte
© foto di Federico De Luca

Finalmente un campionato incerto, due squadra in corsa per lo scudetto, uno straordinario Napoli per il gioco che esprime, un’altrettanto straordinaria Juventus che non molla un centimetro, eppure c’è qualcuno che questa volata non se lo gode. 
Ma come si fa nel 2018 a pensare ancora che le designazioni arbitrali vengano fatte per favorire Tizio o Caio, oppure (ancora peggio) che certi arbitri possano andare in campo per qualcuno o contro qualche altro. Dietrologia assurda. I complottisti che impazzano sui social non sanno che con questo atteggiamento altro non fanno se non danneggiare l’immagine della loro squadra. Qualunque essa sia. E’ successo quindici giorni fa con Maresca, è risuccesso ieri con la designazione di Guida di Torre Annunziata per la sfida delicata fra Fiorentina e Juventus. L’equazione Torre Annunziata-Napoli non sta in piedi. Guida è un arbitro internazionale, se devo dire non mi fa impazzire per una gestione delle partite troppo adrenalinica, ma è un arbitro in carriera, ambizioso. Se qualcuno pensa che possa andare in campo per sfavorire la Juventus a vantaggio del Napoli per territorialità, mi permetto di dire che non ha capito nulla degli arbitri. Agli arbitri interessa soltanto la loro carriera, sia per ambizione che per business. Quindi cerchiamo di crescere, cambiamo cultura sportiva se vogliamo un calcio migliore e una società più giusta. Non so che partita farà Guida stasera, ad aiutarlo ci sarà anche il Var, una cosa la dico con certezza: non arbitrerà pensando al Napoli, ma a quello che sta facendo lui. 
Qualcuno sostiene che il designatore Rizzoli, proprio per non dare spago ai complottisti, potrebbe evitarsi queste designazioni “territoriali” che fanno discutere. Io dico invece che Rizzoli fa bene, chi pensa con la mente al male tanto avrà sempre qualcosa da ridire. Anzi così, come successo a Verona con Maresca, si possono abbattere anche gli ultimi muri e sconfiggere gli antisportivi. Almeno lo spero.
Rimanendo in tema Juventus, ha fatto discutere la notizia rimbalzata sui giornali nei giorni scorsi secondo la quale l’argentino non avrebbe rinnovato l’affitto della sua casa di Torino. Mi vien da pensare che potrebbe averne presa una più bella o semplicemente diversa, ma stando dietro al discorso al gossip, è chiaro che tutto viene visto in ottica mercato. 
Dybala va o resta alla Juventus? 
Una risposta a questa domanda credo che oggi come oggi non la possa dare neppure Marotta. Di sicuro, però, non scommetterei un euro sulla sicura permanenza dell’argentino a Torino. Prima dell’infortunio che per me è anche di natura psicosomatica, guarda caso arriva quando le cose non vanno bene, non c’è serenità, il rapporto tra Dybala e il mondo Juventus non era sicuramente ai suoi livelli massimi. Anzi. 
Il fatto che i bianconeri stiamo giocando meglio senza l’argentino o quanto meno stiano dimostrando di poterne fare a meno, è un altro indicatore da valutare. In particolare c’è un tale Higuain che sembra più a suo agio, si muove meglio da solo negli spazi che a volte doveva condividere con Dybala. Insomma, a fine stagione la Juve tirerà le somme. Non è escluso che Marotta decida di monetizzare e puntare su altri giocatori altrettanto importanti. Dalla Spagna tornano voci sull’interesse per Isco, un giocatore che piace moltissimo e non da oggi. Il Real cambierà parecchio, deve rifondare e Isco è nella lista dei partenti. Ma anche pensando a mantenere l’attuale 4-3-3, un giocatore come Dybala, trequartista o seconda punta, diventa di difficile collocazione, mentre sugli esterni la Juve è coperta da Bernardeschi, Mandzukic, Cuadrado e Douglas Costa. Sappiamo che Dybala è corteggiato dal Psg, ma le sue qualità si sposerebbero benissimo anche con il calcio del Barcellona o del Real, spagnolo in generale. La Juve aspetta e Marotta non ha problemi. Se il giocatore non ritrova umiltà, voglia di crescere, non torna in sintonia con l’ambiente, l’Ad bianconero è pronto a far partire un’asta capace di portare altre plusvalenze.
Abbiamo già scritto da tempo anche del futuro incerto di Icardi. Social o non social, addio annunciato o meno, il caso è aperto. Anche qui, non scommetterei un euro sulla permanenza dell’argentino all’Inter. Dal Ct argentino Sampaoli a Ronaldo ieri, troppa gente del calcio parla di un Icardi sulla strada per Madrid. Ricordiamo che l’argentino ha una clausola da 110 milioni e fa gola. Se decide di andar via sarà dura trattenerlo quindi non capisco come l’Inter non stia accelerando per cambiare il contratto con l’attaccante. Soltanto alzando la clausola puoi avere più possibilità di trattenerlo e, comunque, puoi incassare di più dall’addio. Banale.  Che succederà? Icardi è combattuto, qualcosa anche in famiglia deve essere successo, la discussione è in corso. Mi chiedo: ma farebbe bene o no l’Inter a cedere Icardi? Per me si. E’ un giocatore che ha bisogno di una intera squadra che lavori per lui. E’ vero che fa tanti gol, ma li fa solo lui. La manovra diventa prevedibile in una squadra come l’Inter mentre in una squadra piena di campioni come il Real (ad esempio) le soluzioni sono tante. L’analisi è in corso, forse non è un caso che l’Inter si sia già coperta le spalle andando a prendere un talento come Lautaro Martinez pagato più di 20 milioni.
In attesa, una cosa è certa: Icardi e Dybala restano o vanno via sarà il tormentone del mercato estivo.  


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tutte le sfaccettature dell'affare (fatto) chiamato "Ronaldo". Inter: le chance per Rafinha, l'idea per il centrocampo e il messaggio di Icardi. Milan: qualcuno salvi il soldato Gattuso. Napoli: il regalo di ADL per Ancelotti 10.07 - Oggi non c’è molto tempo. Però c’è parecchia “ciccia”, del resto sono iniziati i ritiri e il Mondiale sta per finire. E più il Mondiale si avvicina alla fine, più tornano le bombe di mercato. Le bombe di mercato sono importantissime, sono “il metadone” che accompagna i tossici del...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

“Un giorno all’improvviso…”CR7-Juve, mille vantaggi e un solo svantaggio. Paratici, dal colpo del secolo al bluff del millennio. Raduno Milan: squadra da sostenere, proprietà da contestare. Meret-Napoli, a Pastorello non prendeva il telefono 09.07 - C’è un popolo in attesa. Bambini impazziti che sognano il loro idolo con la maglia della propria squadra del cuore. Il popolo si divide in due: quelli che non vedono l’ora di abbracciarlo e quelli che non vogliono neanche sentire nominare Cristiano Ronaldo, per profonda scaramanzia....

EditorialeDI: Marco Conterio

Lunga ricostruzione della trattativa del secolo: Cristiano Ronaldo alla Juventus. La partita a poker Real-Mendes e il rischio boomerang. Poi i messaggi nascosti, l'orgoglio di Perez, lo United e la strategia economica per raggiungere il sogno 08.07 - Scordata e dimenticata, relegata al ruolo di recettrice di grandi talenti o di campioni in cerca di riscatto, l'Italia è tornata nella cartina geografica mondiale del calcio che conta. Perché Cristiano Ronaldo alla Juventus è trattativa e suggestione che rinverdisce fasti antichi,...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Cristiano Ronaldo sempre più Juve, Higuain verso il Chelsea, l’Inter insiste per Malcom. Milan: obiettivo cessioni 07.07 - Cristiano Ronaldo si avvicina sempre più. La Juventus è a pochi passi dal traguardo, vede insomma l’arrivo. Se Florentino Perez accetta l’offerta di 120 milioni di euro, Cr7 è bianconero. Ci vorrà ancora un pò di pazienza ma l’ottimismo in casa Juventus non manca. E’ chiaro che il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy