HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

A.S: anche Kakà dopo CR7. Romagnoli si può dire. Il Dybala post Bonucci. Spalletti, comanda lui

25.11.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 13200 volte

Ora che Kakà ha detto che Andrè Silva avrebbe potuto giocare nel suo Milan, il portoghese potrà proseguire più tranquillo la sua stagione nel Milan. Le malelingue e i professionisti della sfiga (quella che portano quando sono liberamente consenzienti e che invocano quando sono legittimamente dissenzienti) ne sono rimasti spiazzati. Quando in estate aveva parlato Cristiano Ronaldo a favore del suo compagno di Nazionale, quelli che la sanno lunga si erano dati la spiegazione di comodo che li faceva vivere più tranquilli. Eh per forza, stesso procuratore...Oggi che l'eterno Bambino d'oro ha attribuito a sua volta la propria benedizione al capo-cannoniere, come la mettiamo? Eh per forza aveva appena parlato con Marco Fassone...ah beh no aveva citato, elogiato e ringraziato poco prima anche Silvio Berlusconi e Adriano Galliani...Spiacenti ma anche su Andrè Silva, Kakà sfugge alla regola del luogo comune, con Kakà la prova del nove funziona sempre. Lui è credibilità allo stato puro.  Ed è per questo che il Milan e i Milanisti sognano: che quando serve faccia sentire la sua voce in una riunione di spogliatoio, che quando conta scenda dalla scaletta dell'aereo con un nuovo acquisto, che la sua presenza convinca anche le istituzioni più importanti del calibro di un progetto come quello rossonero. Senza preoccupazioni, anche se sono le stesse che in altri ambiti avevano caratterizzato l'estate. Erano tantissimi gli addetti ai lavori, a Maggio e Giugno, scettici sul progetto del Milan: sapete, leggiamo i giornali, non avete soldi per fare il mercato, Donnarumma se ne andrà. Scenario smentito senza bisogno di smentite. Esattamente come sta accadendo adesso e come accadrà nei prossimi mesi.

Quando in un incontro conviviale con i tifosi, Massimiliano Mirabelli aveva pronunciato, non in sede ufficiale e non davanti alle telecamere o ai taccuini, il nome di Andrea Belotti, si era aperto il cielo sopra Torino. Come vi permettete?! Nominare il giocatore di un 'altra squadra?! E giù reprimende e bacchettate sulle dita, non certo da parte del Torino, che è Club prestigioso, sereno ed equiibrato, ma da parte di chi se ne faceva scudiero e portavoce indefesso. I toni erano seri, non conoscete le regole, Belotti non si può nemmeno nominare o pronunciare e così via...Passano i mesi, ed ecco che magicamente cambiano le regole. Gli esegeti del bon ton sono stati folgorati sulla via di Milano. Si vede che è un problema di bussola, di orientamento. Da Milano verso Torino i nomi non si possono fare!!! Da Torino verso Milano invece sì, ma certo cari che si può. E' da settimane che leggiamo che Patrick Cutrone è già del Torino, ma adesso abbiamo iniziato a capire che Alessio Romagnoli sarà inevitabilmente della Juve. Gli stessi che scrivevano che De Sciglio sarebbe passato a zero o giù di lì alla Juventus e che non hanno ancora metabolizzato il vero prezzo di Bonucci (40 milioni di euro meno 15 milioni di De Sciglio, ovvero 25 mlioni di euro), oggi fanno direttamente il prezzo del difensore centrale rossonero per il quale nell'estate 2016 Antonio Conte e il Chelsea avevano offerto 50 milioni di euro. Ma da Torino verso Milano si può...

I tifosi juventini ci sono rimasti male, per quelle dichiarazioni di Paulo Dybala a France Football, frasi possibiliste su una sua partenza più o meno ravvicinata. I tifosi più avveduti sanno che, come per Pogba, il destino di Dybala è l'estero ma non vogliono che lui lo dica. Soprattutto in un momento come questo in cui la Juventus non è prima in classifica e in cui lui non brilla per realizzazione di reti a raffica. Lo stesso zero a zero di mercoledì sera con il Barcellona, anche se Paolo come lo chiama Allegri è stato più volte pericoloso, non ha medicato la situazione. Non sappiamo se avesse o meno ragione Bonucci, la verità in tasca nel calcio non ce l'ha nessuno. Pensiamo semplicemente che la stagione di Dybala fino a questo momento sia una questione di slot: pieno di elogi in campionato e rilassamento in Champions. Deve provare ad invertirlo. Ma pensiamo anche che, come confermano i messaggi che gli lancia di tanto in tanto il suo allenatore in conferenza stampa, che Dybala non debba fraintendere. Il  fatto che Bonucci sia partito non significa che la sua carriera possa proseguire come se niente fosse. Anche se non c'è più Bonucci, farebbe bene a tenere a mente certi incitamenti e certe stimolazioni.

Luciano Spalletti è il vero e unico fattore nerazzurro di questa stagione. Ciò che era slabbrato e in libera uscita, oggi è compatto e appuntito. Spalletti ha nettamente migliorato, con durezza, carisma e cattiveria, quella divaricazione presente nello spogliatoio fra la componente slava e quella sudamericana. Qualcuno sostiene che il minor presenzialismo del vicepresidente argentino Zanetti rientri nelle misure adottate da Spalletti per evitare piccole e grandi fratture fra gli uni e gli altri. Non sappiamo, ma poco importa. il risultato finale è quello che conta. Ha avuto non moltissimo dal mercato Spalletti e forse proprio per questo ha ottenuto tantissimo in termini di carta bianca nelle scelte e nell'organizzazione della squadra. Tutti i giocatori già in organico stanno rendendo di più rispetto all'anno scorso e una parte dei nuovi si è inserita molto bene. L'immagine e la somiglianza non si comprano sul mercato e Spalletti le ha plasmate sulla sua squadra. E si vede.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il colpo di De Laurentiis: Ancelotti rilancia il Napoli e Napoli. E ora Sarri? Ecco la nuova Inter e tutti gli allenatori di A 24.05 - Ancelotti sbarca ufficialmente a Napoli. 3 anni di contratto a circa 5 milioni di euro. Con il suo staff al completo e con una gran voglia di tornare ad essere protagonista nel nostro campionato. Il presidente De Laurentiis ha fatto un grande colpo, ha riportato in Italia un grandissimo...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: un colpo a centrocampo, il futuro di Dybala e le polemiche sullo scudetto. Inter: dalla Champions passano i riscatti… ma non Icardi. Milan: Donnarumma e altri “autogol”. Napoli: Ancelotti sì o no? Italia: benvenuto Mancio, ma… 15.05 - L’Italia della politica cerca un modo per uscire dalla fase di stallo. Ci prova da mesi. Cercano un’intesa ma non la trovano. Ce la mettono tutta. E intanto l’Italia va avanti. Anche senza di loro. Ci si pone delle domande: “Ma non sarà che si può fare anche senza?”. Loro temono che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy