VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

A.S: anche Kakà dopo CR7. Romagnoli si può dire. Il Dybala post Bonucci. Spalletti, comanda lui

25.11.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 12871 volte

Ora che Kakà ha detto che Andrè Silva avrebbe potuto giocare nel suo Milan, il portoghese potrà proseguire più tranquillo la sua stagione nel Milan. Le malelingue e i professionisti della sfiga (quella che portano quando sono liberamente consenzienti e che invocano quando sono legittimamente dissenzienti) ne sono rimasti spiazzati. Quando in estate aveva parlato Cristiano Ronaldo a favore del suo compagno di Nazionale, quelli che la sanno lunga si erano dati la spiegazione di comodo che li faceva vivere più tranquilli. Eh per forza, stesso procuratore...Oggi che l'eterno Bambino d'oro ha attribuito a sua volta la propria benedizione al capo-cannoniere, come la mettiamo? Eh per forza aveva appena parlato con Marco Fassone...ah beh no aveva citato, elogiato e ringraziato poco prima anche Silvio Berlusconi e Adriano Galliani...Spiacenti ma anche su Andrè Silva, Kakà sfugge alla regola del luogo comune, con Kakà la prova del nove funziona sempre. Lui è credibilità allo stato puro.  Ed è per questo che il Milan e i Milanisti sognano: che quando serve faccia sentire la sua voce in una riunione di spogliatoio, che quando conta scenda dalla scaletta dell'aereo con un nuovo acquisto, che la sua presenza convinca anche le istituzioni più importanti del calibro di un progetto come quello rossonero. Senza preoccupazioni, anche se sono le stesse che in altri ambiti avevano caratterizzato l'estate. Erano tantissimi gli addetti ai lavori, a Maggio e Giugno, scettici sul progetto del Milan: sapete, leggiamo i giornali, non avete soldi per fare il mercato, Donnarumma se ne andrà. Scenario smentito senza bisogno di smentite. Esattamente come sta accadendo adesso e come accadrà nei prossimi mesi.

Quando in un incontro conviviale con i tifosi, Massimiliano Mirabelli aveva pronunciato, non in sede ufficiale e non davanti alle telecamere o ai taccuini, il nome di Andrea Belotti, si era aperto il cielo sopra Torino. Come vi permettete?! Nominare il giocatore di un 'altra squadra?! E giù reprimende e bacchettate sulle dita, non certo da parte del Torino, che è Club prestigioso, sereno ed equiibrato, ma da parte di chi se ne faceva scudiero e portavoce indefesso. I toni erano seri, non conoscete le regole, Belotti non si può nemmeno nominare o pronunciare e così via...Passano i mesi, ed ecco che magicamente cambiano le regole. Gli esegeti del bon ton sono stati folgorati sulla via di Milano. Si vede che è un problema di bussola, di orientamento. Da Milano verso Torino i nomi non si possono fare!!! Da Torino verso Milano invece sì, ma certo cari che si può. E' da settimane che leggiamo che Patrick Cutrone è già del Torino, ma adesso abbiamo iniziato a capire che Alessio Romagnoli sarà inevitabilmente della Juve. Gli stessi che scrivevano che De Sciglio sarebbe passato a zero o giù di lì alla Juventus e che non hanno ancora metabolizzato il vero prezzo di Bonucci (40 milioni di euro meno 15 milioni di De Sciglio, ovvero 25 mlioni di euro), oggi fanno direttamente il prezzo del difensore centrale rossonero per il quale nell'estate 2016 Antonio Conte e il Chelsea avevano offerto 50 milioni di euro. Ma da Torino verso Milano si può...

I tifosi juventini ci sono rimasti male, per quelle dichiarazioni di Paulo Dybala a France Football, frasi possibiliste su una sua partenza più o meno ravvicinata. I tifosi più avveduti sanno che, come per Pogba, il destino di Dybala è l'estero ma non vogliono che lui lo dica. Soprattutto in un momento come questo in cui la Juventus non è prima in classifica e in cui lui non brilla per realizzazione di reti a raffica. Lo stesso zero a zero di mercoledì sera con il Barcellona, anche se Paolo come lo chiama Allegri è stato più volte pericoloso, non ha medicato la situazione. Non sappiamo se avesse o meno ragione Bonucci, la verità in tasca nel calcio non ce l'ha nessuno. Pensiamo semplicemente che la stagione di Dybala fino a questo momento sia una questione di slot: pieno di elogi in campionato e rilassamento in Champions. Deve provare ad invertirlo. Ma pensiamo anche che, come confermano i messaggi che gli lancia di tanto in tanto il suo allenatore in conferenza stampa, che Dybala non debba fraintendere. Il  fatto che Bonucci sia partito non significa che la sua carriera possa proseguire come se niente fosse. Anche se non c'è più Bonucci, farebbe bene a tenere a mente certi incitamenti e certe stimolazioni.

Luciano Spalletti è il vero e unico fattore nerazzurro di questa stagione. Ciò che era slabbrato e in libera uscita, oggi è compatto e appuntito. Spalletti ha nettamente migliorato, con durezza, carisma e cattiveria, quella divaricazione presente nello spogliatoio fra la componente slava e quella sudamericana. Qualcuno sostiene che il minor presenzialismo del vicepresidente argentino Zanetti rientri nelle misure adottate da Spalletti per evitare piccole e grandi fratture fra gli uni e gli altri. Non sappiamo, ma poco importa. il risultato finale è quello che conta. Ha avuto non moltissimo dal mercato Spalletti e forse proprio per questo ha ottenuto tantissimo in termini di carta bianca nelle scelte e nell'organizzazione della squadra. Tutti i giocatori già in organico stanno rendendo di più rispetto all'anno scorso e una parte dei nuovi si è inserita molto bene. L'immagine e la somiglianza non si comprano sul mercato e Spalletti le ha plasmate sulla sua squadra. E si vede.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero 10.02 - Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Arbitro napoletano per la Juve, l’ultima follia dei complottisti che non la smettono di inquinare il calcio. Dybala lascia la casa a Torino. Anche Ronaldo spinge Icardi al Real. E l’Inter cosa aspetta a ridiscutere la clausola? 09.02 - Finalmente un campionato incerto, due squadra in corsa per lo scudetto, uno straordinario Napoli per il gioco che esprime, un’altrettanto straordinaria Juventus che non molla un centimetro, eppure c’è qualcuno che questa volata non se lo gode.  Ma come si fa nel 2018 a pensare ancora...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato non finisce mai: l’Inter mani su Martinez, Napoli Younes e Sarri e Gattuso sempre più rossonero... 08.02 - È davvero passata già una settimana dalla fine del mercato. Non ce ne siamo neanche accorti, davvero, e la battuta (troppo semplice) che è perché anche durante il mercato non è che è successo molto non ve la passo. Semplicemente le società hanno continuato a lavorare... Il colpo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.