VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Assalto alla Juve. Allegri cambia modulo, difesa da proteggere. Napoli non molla: il Trio vale lo scudetto. Attenti all’Inter, Spalletti sposta. Milan rimpianto Aubameyang. Roma più debole anche con Schick. Scommettiamo sul Toro

08.09.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 30277 volte
Assalto alla Juve. Allegri cambia modulo, difesa da proteggere. Napoli non molla: il Trio vale lo scudetto. Attenti all’Inter, Spalletti sposta. Milan rimpianto Aubameyang. Roma più debole anche con Schick. Scommettiamo sul Toro

Possiamo dire che il campionato comincia domani? Diciamolo. Le prime due giornate sono state di studio, anticipate per fare un favore a Ventura che poi ha sprecato tutti i bonus.

Queste due settimane passate al capezzale della Nazionale mi hanno intristito. Ma si può giocare così male e in modo così sprovveduto tatticamente? Per di più essere scarichi caratterialmente? Aridatece Conte. Ma purtroppo non si può. Così con Ventura detto "aiutami a piangere", temo davvero che anche lo spareggio possa diventare una montagna da scalare.

Ha ragione Tavecchio, non andare in Russia sarebbe davvero l’Apocalisse. E allora qualcuno dica a Ventura cosa deve fare nelle prossime gare. In fondo l’avevano pensato sulla panchina azzurra con Lippi direttore tecnico. Saltato Lippi, Ventura si è trovato solo. Ma anche nudo.

Per fortuna torna il campionato e la tristezza, spero, come l’Epifania se la porta via. Intanto c’è il Var e il giochino funziona. Abbiamo trovato qualcosa di nuovo per menarla e rimenarla. La moviola del Var. Geniale.

Nuova, invece, non è la Juventus. Caso mai lavata con Perlana-Marotta. Funzionerà ancora? Vincerà il settimo scudetto per andare direttamente nella storia delle storie. Come noi nessuno mai….Possibile, probabile.

Se voglio andare sul sicuro scommetto scudetto alla Juve e non se ne parla più. Così non mi insultano neppure sui social e sono tranquillo. Vado sul banale? Sullo scontato? Anche no.

Siccome trovare nuove motivazioni non è facile, l’idea di dare ancora l’assalto alla Champions insiste e persiste, temo che, forse, non si è pensato troppo alla difesa, a Buffon, Chiellini e Barzagli che hanno una stagione in più e tanta usura addosso.

Basterà Howedes al posto di Bonucci? Cresceranno il giovane Rugani e il disperso Benatia? Non lo so. C’è solo una strada: cambiare modulo. L’anno scorso ho salutato con la fanfara il tentativo di Allegri di giocare il 4-2-3-1 per mettere in campo assieme Higuain, Dybala, Mandzukic e Cuadrado, ma la finale con il Real ha fatto crollare tutte le certezze. Modulo complicato. Fase difensiva sempre border line. Si può giocare questo modulo ad alto livello solo con dieci giocatori al massimo della condizione come nella doppia sfida con il Barcellona dell’anno scorso. Forse in campionato può ancora funzionare, ma questa volta dico che non può restare in panchina uno come Matuidi. Tre centrocampisti (Khedira o Bentancur che è fortissimo, Pjanic e Matuidi si impongono) con un albero di Natale, Dybala-Mandzukic dietro a Higuain, potrebbero essere la nuova strada bianconera. Sono il futuro.

E gli esterni Douglas Costa, Bernardeschi e Cuadrado dove li metto? Berna può fare la seconda punta. Cuadrado può spezzare le partite in corso e se fossi Allegri lo reimposterei esterno basso di spinta come giocava nel Lecce e a volte nella Fiorentina. Douglas Costa non mi ha mai fatto impazzire (forse neppure Ancelotti), ma può darsi sia un problema mio.

Comunque, ho fatto il pistolotto per dire che forse la Juve non è più o non è ancora, una macchina perfetta. Lo diventerà? Assai probabile. Però…però…però…Tanti però

Il Napoli, invece, perfetto lo è già. E qui si accettano le scommesse per lo scudetto. Quest’anno o mai più. Sono convinto anch’io come Raiola (cattiva compagnia) che l’anno prossimo Sarri voglia e possa salutare la banda, quindi tre anni di grande lavoro già fatto vanno monetizzati. E quelli del Napoli se lo sono ampiamente detto nello spogliatoio. Il Trio più o meno Lescano funziona, il calcio incanta e la squadra è maturata. C’è pure una panchina addestrata e di qualità, quindi concentrazione e testa bassa: si può fare. Con buona pace di Maradona che un altro scudetto a Napoli faticherebbe a sopportarlo. Questione di Ego.

Attenti, però, anche all’Inter. Cosa ha fatto di così grande e decisivo?

Ha preso Spalletti e Spalletti è uno che sposta gli equilibri. Ricordate cos’era la Roma di Garcia e cosa ha fatto lui portandola al terzo posto in pochi mesi? La cultura del lavoro e le regole che sta imponendo in un gruppo e in uno spogliatoio storicamente anarchico, potrebbero cambiare la prospettiva. Scudetto? No, manca qualcosa in difesa e non c’è un uomo di qualità capace di tenere la palla e ispirare dietro la punta, ma l’Inter darà parecchia noia a tutti. Quanta non lo so. E poi a gennaio il fair play finanziario potrebbe consentire qualcosa.

Il Milan con il fair play è venuto a patti. Per rispettarli vuole il quarto posto che vale i soldi Champions, è un obiettivo quasi obbligato. E per me ce la può fare. Il Milan va assemblato, sinceramente non lo vedo ancora maturo per insidiare posizioni-scudetto. Forse lo sarebbe stato con un Aubameyang (rimpianto ieri da Mirabelli) o un Belotti davanti. In sostanza, manca un bomber da venti gol e questo alla lunga peserà. A meno che Cutrone non sia davvero un crac alla faccia dell’età e continui così fino a maggio. Comunque per il quarto posto è da mano sul fuoco.

E la Roma? Ho la sensazione che faticherà a capire Di Francesco e, soprattutto, ha perso giocatori che non ha sostituito come Salah e Rudiger, ma anche altri. Un girone di Champions da urlo potrebbe incidere anche sull’autostima. Troppe incognite in campo e fuori, compreso Schick che mi piace moltissimo, ma non è un esterno. Vedremo cosa si inventerà l’allenatore, profeta del 4-3-3.

C’è poco da inventare nella Lazio che ha tenuto la sua struttura. Con "sette" Nani al posto di Keita e Leiva al posto di Biglia, qualcosa ha perso, ma la dimensione Europa League sembra garantita. Dimensione dalla quale si è allontanata la Fiorentina per scelta più o meno obbligata (ringiovanire e tagliare i costi), ma anche l’Atalanta. Cessioni a parte, reggere il campionato e l’Europa League per chi non è abituato, qualche contraccolpo lo provoca. Chiedere al Sassuolo.

E allora chi sarà la sorpresa dell’anno? Non ho dubbi: voto Toro. Lo avevo già fatto l’anno scorso e se Miha mi delude ancora lo vado a prendere per un orecchio. Si fa per dire, naturalmente. Stia calmo.

Comunque, con Belotti, Ljaijc e Niang davanti, centrocampo e difesa molto più forti, alle spalle il vento di Cairo, nuovo re Mida italiano, che soffia forte, questo Toro è toro vero. Attenti alle corna.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.