VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Assalto cinese all'Europa: cifre da record! Guarin, Gervinho e Lavezzi: da risorsa a minaccia

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
11.02.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 30154 volte
© foto di Federico De Luca

La Cina va all'assalto del calcio europeo. Il verdetto di gennaio è chiaro, è una vera rivoluzione nel calciomercato. E non è ancora finita: in Cina c'è tempo fino al 26 febbraioper tesserare i nuovi acquisti. Per ora gli investimenti sono stati di oltre 250 milioni, addirittura superiori a quelli della Premier League. I club della Chinese Super League hanno speso più di tutta la Serie A, la Liga, la Ligue 1 e la Bundesliga messe insieme. Hanno movimentato anche il nostro calciomercato, senza i soldi cinesi avremmo avuto poco da raccontare. Prima la vicenda Luiz Adriano: l'accordo con il Jiangsu e il dietrofront, una volta arrivato in Cina. Il brasiliano ha ripreso l'aereo ed è tornato a Milanello. Ci ha provato anche Alberto Zaccheroni a portarlo nella Chinese Super League, ma il Milan ha detto no al suo Beijing Guoan.

Il Jangsu, dopo Luiz Adriano, ci ha provato anche Fredy Guarin. Il colombiano alla fine è andato in Cina, ma allo Shanghai Shenua. Dopo la sua partenza, l'Inter ha chiuso per Eder e ha iniziato a pensare anche all'estate, con Soriano e Banega. Lo stesso discorso vale per la Roma, che ha ceduto Gervinho all'Hebei Fortune e acquistato El Shaarawy, Perotti e Zukanovic. I club italiani hanno fatto mercato grazie ai soldi cinesi, è stata una risorsa. Alla lunga, però, può trasformarsi in un pericolo. Il calcio cinese può davvero insidiare l'Europa?

Il progetto è ambizioso, in partenza ha avuto più successo rispetto ad altri tentativi come quello americano della MLS. La Cina non è un campionato esotico per giocatori a fine carriera, è questa la differenza principale. I campioni sono nel pieno del forma, non ancora trentenni. Il caso di Alex Teixeira, 26 anni, è il più eclatante: lo volevano i club più importanti d'Europa, è passato dallo Shakthar allo Jiangsu per 50 milioni. E' l'acquisto più costoso di gennaio, davanti a Jackson Martinez e Ramires. Cinque dei sei più pagati nel mercato di riparazione sono arrivati nel campionato cinese. Solo la Premier League, grazie a diritti tv, può tenere il passo. Gli acquisti di Imbula, Niasse, Shelvey, Iturbe e Townsend lo dimostrano. Non stiamo parlando di Manchester City e Chelsea, ma di Stoke City, Everton, Newcastle e Bournemouth. In Cina addirittura c'è un club di seconda divisione, il Tianjin Quanjian, che ha speso circa 40 milioni. Non solo dall'Europa, perché dal Brasile lo Shandong ha preso il difensore Gil e il Beijing Guoan sia Renato Augusto che Ralf. Ora manca solo Ezequiel Lavezzi, un campione affermato richiesto anche da tanti club europei. Ha 30 anni, non è un giocatore a fine carriera. Lo Shanghai Shenua l'ha praticamente convinto con una mega-offerta da 15 milioni a stagione. Lo voleva anche l'Inter a scadenza, ma a queste cifre non si può competere. Quella che sembrava una risorsa, allora, si sta trasformando in una minaccia. E' il pericolo cinese, e siamo solo all'inizio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.