VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Atalanta, Torino e Sassuolo: in Italia le fiabe non esistono. Il Napoli è tornato, la Juve ha bisogno di un centrocampista. Toc toc, qualcuno sta seguendo il Pordenone?

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
12.12.2016 17:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 69224 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' un po' come dire ad un bambino di sei anni che Babbo Natale non esiste. In più glielo dici il 24 sera, quando casomai è già pronto dietro la porta. Guardiamo in faccia la realtà, noi adulti, e lasciamo le fiabe ai bambini; almeno fin quando crescono. Nel calcio italiano, anche per colpa di noi giornalisti, facciamo credere ai tifosi disillusi che ci potrà essere una fiaba come quella dello scorso anno in Premier. L'Atalanta vince 6-7 partite consecutive e la favola la distruggiamo, addirittura, mettendo il peso dello scudetto sulle spalle di Gasperini. Fin quando vogliamo scherzare scherziamo ma quando vogliamo essere oggettivi dobbiamo esserlo. L'Italia non è l'Inghilterra, la Germania o la Francia. Da noi le fiabe non esistono: alt, se per fiaba intendiamo che la piccola squadra possa vincere lo scudetto come accadde ai tempi all'Hellas Verona. Non si può. La favola italiana si fermerà, al massimo, alla conquista di un terzo-quarto posto ma non di più. Non vogliamo credere a Babbo Natale ma neanche alla Befana che scende dal camino. Non vogliamo togliere nulla ad Atalanta, Torino e Sassuolo: sono storie che possiamo raccontare ma non sono storie...da entrare nella storia. In Italia lo scudetto lo vince e lo vincerà la Juventus. Se non vince la Juve lo vincono o Milan o Inter, e di questi tempi è abbastanza chiaro che non c'è il pericolo, e ogni 20-30 anni può accadere il miracolo che il tricolore finisca a Napoli o a Roma. A Napoli finisce se un marziano si trova sulla terra e indossa la maglia del Napoli: è successo per davvero! A Roma succede se una famiglia ricca ha un padre talmente tifoso che pur di godere per la sua Roma indebita tutto il gruppo di famiglia. O c'è anche l'altro caso romano dove per vincere lo scudetto poi devi finire in disgrazia fallito. Come vedete le grandi eccezioni esistono ma le favole no. L'Atalanta farà un campionato che resterà negli annali ma oltre la qualificazione in Europa League non potrà andare. Stesso discorso per il Torino e anche la favola Sassuolo non può reggere la doppia competizione, altrimenti rischia di fare buchi in campionato e buchi in Coppa. Per ora siamo così. Prendere o lasciare. Il Napoli torna a gioire ma dobbiamo, anche qui, avere una linea credibile. Il Napoli, nelle ultime settimane, ha perso punti, non la testa. La squadra di Sarri - anche se non raccoglieva - ha sempre giocato un buon calcio. A volte è stata punita da un palo, altre volte dall'assenza di un finalizzatore. A tal proposito, complimenti al Napoli per aver preso Pavoletti e complimenti al Napoli se dovesse decidere di cedere Gabbiadini. Manolo è un ottimo ragazzo e un buon calciatore ma, per indossare la maglia del Napoli, prima di avere due piedi importanti devi avere gli attributi. Gabbiadini è un ragazzo umile ed educato. In una piazza come Napoli servono calciatori con il pelo sullo stomaco che si arriccia dietro la schiena. Sarri sta facendo grandi cose, se consideriamo che senza una punta di ruolo sta tenendo degnamente la barca a galla e si è qualificato da primo in classifica in Champions League. La Juventus ha vinto lo scudetto perché lo potrebbe perdere solo per responsabilità propria e, per il discorso che facevamo prima, perché purtroppo le milanesi non sono così competitive da pensare in grande. C'è la Roma sì, ma oltre il secondo posto Spalletti non può guardare. La Juve è fortissima ma è battibile. A centrocampo non ha risolto mai i suoi problemi dove, in tre anni, ha perso centrocampisti del calibro di Vidal, Pirlo e Pogba. Hai detto niente. Serve un centrocampista e serviranno, non ora, due difensori. Pezzo dopo pezzo, Marotta costruirà la Juve del futuro e non dimentichiamo che al primo anno, nel calcio, tutti pagano dazio. Anche la Juventus pigliatutto, con l'insediamento di Marotta e Paratici, commise molti errori e non sembrava competitiva; a tal punto che dalla Curva, una partita sì e l'altra pure, si innalzava il coro "Luciano Moggi Luciano Moggi". Marotta ha sbagliato, ma dopo un anno di errori ha capito il mondo Juve e da lì ha commesso un errore su centomila.
Vogliamo parlare solo di serie A o qualcuno si degna di guardare anche ai campionati minori? Vogliamo o no sprecare due righe per il Pordenone che in Lega Pro si sta confermando dopo i miracoli dello scorso anno? Ricordiamoci che, in piazze piccole, confermarsi è sempre più complicato che affermarsi e solo chi respira un po' di calcio può ben sapere che a Pordenone Tedino sta facendo grandi cose. Questo allenatore alla veneranda età di 52 anni sta dando lezioni di calcio a mezza Italia. In un Paese normale, lo scorso anno si sarebbe già andati a fregarlo al Pordenone. Lui è rimasto lì e sta bissando l'ottimo lavoro svolto. La squadra gioca un calcio bellissimo, forse il più bel gioco in Italia insieme - a tratti - a quello del Napoli. Arma è l'Higuain del Pordenone ma gente come Burrai, Pietribiasi e Semenzato sono un gran lusso per la categoria. Tedino, alla fine dello scorso anno, disse una frase che solo chi mastica di calcio può capire: "Quest'anno non abbiamo sbagliato un allenamento". Bene, un allenatore che dice questa frase andrebbe sposato due volte. La prima perché l'ha detta, la seconda perché non ha sbagliato un allenamento. La razza peggiore del calcio? Sono i calciatori. Pensano solo ai diritti e neanche conoscono i doveri. Pensano solo ai soldi che, puntualmente, a fine carriera finiscono perché non hanno la cultura di metterli da parte o di farli fruttare (tranne i top player che anche se volessero farli finire non ci riuscirebbero) e anche se perdono pensano "ma che me ne frega, tanto la mia responsabilità la devo dividere per 18". Per questo Tedino è un maledetto genio. Non solo per la tattica, ma anche per la gestione di una squadra, perché a vincere i campionati non sono mai le squadre forti ma i gruppi forti. Trovate le differenze poi ci riaggiorniamo la settimana prossima. Viva i Tedino, abbasso i Pecchia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.