VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Attenta Juve, la Roma ha più fame. Mazzarri: non solo Zenga, Mancini, Moyes e Spalletti, sale Materazzi. Milan: Balo non ci manchi. Vidal-Cuadrado: Fiorentina più brava

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
18.10.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 24493 volte

A metà settimana Massimiliano Allegri ha chiamato a raccolta gli juventini, sulle colonne del Corriere della Sera. Doveva essere l'adunata, il segnale di un ambiente che si ricompatta e si ripropone. Invece si è rivelata una chiamate alle armi all'incontrario. Dopo la sua intervista, si è scatenata la Roma. Parole giallorosse da tutte le parti. Mai una squadra italiana è andata giù così dura contro l'altra, forse neanche Mou. I suoi erano spot, ora contro questo ora contro quello. Ma da Roma contro la Juventus abbiamo assistito ad una offensiva strategica totale a tenaglia. Da De Sanctis a Garcia la manovra di accerchiamento è stata implacabile, a tutto campo. Altro che il violese degli anni Ottanta. De Sanctis piatto come pochi altri, Garcia addirittura virulento. E la Juventus? Tace e snobba. Snobba e tace. Forse perché si sente più forte, forse perché non ha voglia di estremizzare il confronto con l'alleato in Lega, forse perché è più importante il fronte aperto sul risarcimento post-Calciopoli con la Federcalcio. Ognuno la pensi come vuole. Ma la Juventus del 2012 era diversa. Ad ogni alito di vento del Milan, la Juve di Conte e Marotta replicava dura, quasi con la bava alla bocca. Quella Juventus aveva più fame del Milan e forse anche per quello vinse quello Scudetto 2011-2012. Oggi chi passa agli occhi dell'opinione pubblica per avere più passione civile nella reazione a Juve-Roma, è la Roma stessa. Dura, cazzuta, intransigente. Anche Allegri è diverso dal 2012. Da Milanello scattava come una molla ad ogni domande sulle bordate juventine. L'Allegri di ieri a Vinovo non ricorda per niente quello rossonero. Un Allegri da ordinaria amministrazione, quasi burocratico, assente, lontano. E la Roma con la sua fame azzanna...

Mazzarri accerchiato. Mazzarri nell'alveare dei pretendenti, veri e presunti, alla sua panchina. Il calcio è strano. I sette gol in due partite, i tanti infortunati, sembra scontato che l'Inter perda contro il Napoli. Tutto troppo facile, troppo scontato. Niente di più facile che il solito calcio stia preparando il terreno per la vittoria nerazzurra...In quel caso Walter Mazzarri sarebbe sempre più saldo sulla sua panchina, anche dopo le varie investiture presidenziali. A proposito: l'intervista di ieri al Sito dell'Inter, è la conferma di quanto Thohir abbia colto in pieno l'avversione al tecnico da parte della folla nerazzurra e abbia posto la questione di fiducia. Come spesso si fa in politica, quando il governo pone questioni di fondo. Sostenete la squadra, e quindi anche il tecnico, ve lo chiedo di cuore. Mazzarri ringrazia. In ogni caso l'alveare, nel caso malaugurato in cui la situazione precipiti, è così popolato: Zenga, in pole position. Ovvero, se la stagione prende una butta piega buttiamoci almeno sull'interismo. Moyes, per via del fascino United che Thohir subisce. Ma: costa troppo. Spalletti: idem. Mancini: sempreverde. Attenzione però all'outsider. Se volesse, potrebbe liberarsi dalla panchina indiana del Chennaiyin. E' Marco Materazzi, reduce da un buon avvio di stagione con la squadra indiana. Visto che il presidente Thohir si dichiara tifoso assoluto dell'Inter, lo sbocco potrebbe essere quello di uno degli idoli più recenti della gente nerazzurra.

Due momenti. Babacar, giocatore con tutto il rispetto molto meno dotato da madre natura di Mario Balotelli, due settimane fa si dannava l'anima da solo contro l'Inter nella Fiorentina dei grandi assenti. Lottava su tutti i palloni, si proponeva da tutte le parti e aggrediva scattando tutte le zolle del Franchi. La squadra aveva bisogno e lui era al suo servizio. Quante volte Montolivo e compagni avevano chiesto questo a Balo nella scorsa stagione...Altro momento. Le agenzie battevano questa settimana le frasi dello stesso Mario Balotelli dirette a Cesare Prandelli. Un brivido, la fonte imperlata di sudore: Oddio, adesso la vigilia di Verona-Milan diventa come l'anno scorso un lungo, teso, nervoso, batti e ribatti attorno a Mario Balotelli. No, ci svegliamo. Mario non è più al Milan, E' al Liverpool. Ed è così che ci siamo ripresi, accogliendo anche la notizia dei recuperi di tutti gli infortunati, da Diego Lopez a Bonaventura, da Menez a Van Ginkel. L'anno scorso la vigilia di Verona-Milan, con la rivalità fra bresciani impersonati da Balotelli e i veronesi, era stata sorniona e tranquilla per i gialloblù, elettrica e fuorviante per i rossoneri che sono stati contagiati dall'uno contro uno voluto e poi subito da Mario contro l'intero Bentegodi che lo avrebbe poi sopraffatto puntando sull'ironia. Nulla contro Balotelli. Ma la lettura di questa settimana, di come è stata e di come invece avrebbe potuto essere se Balo fosse ancora qui, ci ha confermato come Mario non manchi al Milan. Lo ha confermato nelle trasmissioni di Milan Channel, Paolo Berlusconi splendido padrone di casa a Segrate al secondo derby vintage per il nostro Claudio Lippi ottimamente organizzato da Veronese e Francioso. Ed è la stessa serenità che abbiamo trovato a Riccione, Romagna rossonera. Sono nati nel 1984 quelli del Milan Club Riccione, quando il Milan era una matricola e perdeva sempre i derby. Ma i Milanisti avevano lo stesso il sacro fuoco. Bene, va riacceso. Fin da domani, a Verona. Dove è dura sempre, ma dove lo sarà soprattutto domani.

La Fiorentina in estate è stata sul punto di cedere Cuadrado, nello stesso identico modo in cui la Juventus è stata ad un millimetro dall'operazione Vidal in uscita. Sono sempre situazioni delicate quelle in cui un giocatore è ormai psicologicamente ceduto, concettualmente partito. Se poi per mille e un motivo l'affare non si concretizza, riattaccare la spina è tutt'altro che facile. Non c'è niente di automatico nel calcio. Soprattutto quando un rapporto è ormai concluso e rimane formalmente in piedi solo per la mancanza di una firma, per un contratto non compilato, un dialogo di mercato non portato a termine. Riavvolgere può essere un problema irrisolvibile. In questo senso però la Fiorentina è stata più brava con Cuadrado. Il colombiano ha resettato. Sente quanto la città e la squadra abbiano bisogno di lui con tanti assenti e lui c'è. Corre, tira, segna. Vidal invece è psicologicamente ingolfato. Forse perché non sente più il morso di Conte. Forse perché in cuor suo pensa che se si fosse operato prima avrebbe giocato meglio con il Cile quel Mondiale a cui teneva tantissimo. Oppure perché con tutti i campioni nell'organico della Juventus, sente di potersi permettere qualche lungaggine. Vai a capire. Innegabile però che il mercato del tira e molla abbia restituito un campione alla Fiorentina e ne abbia invece sottratto uno alla Juventus.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.