VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Attenta Juve, la Roma ha più fame. Mazzarri: non solo Zenga, Mancini, Moyes e Spalletti, sale Materazzi. Milan: Balo non ci manchi. Vidal-Cuadrado: Fiorentina più brava

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
18.10.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 24491 volte

A metà settimana Massimiliano Allegri ha chiamato a raccolta gli juventini, sulle colonne del Corriere della Sera. Doveva essere l'adunata, il segnale di un ambiente che si ricompatta e si ripropone. Invece si è rivelata una chiamate alle armi all'incontrario. Dopo la sua intervista, si è scatenata la Roma. Parole giallorosse da tutte le parti. Mai una squadra italiana è andata giù così dura contro l'altra, forse neanche Mou. I suoi erano spot, ora contro questo ora contro quello. Ma da Roma contro la Juventus abbiamo assistito ad una offensiva strategica totale a tenaglia. Da De Sanctis a Garcia la manovra di accerchiamento è stata implacabile, a tutto campo. Altro che il violese degli anni Ottanta. De Sanctis piatto come pochi altri, Garcia addirittura virulento. E la Juventus? Tace e snobba. Snobba e tace. Forse perché si sente più forte, forse perché non ha voglia di estremizzare il confronto con l'alleato in Lega, forse perché è più importante il fronte aperto sul risarcimento post-Calciopoli con la Federcalcio. Ognuno la pensi come vuole. Ma la Juventus del 2012 era diversa. Ad ogni alito di vento del Milan, la Juve di Conte e Marotta replicava dura, quasi con la bava alla bocca. Quella Juventus aveva più fame del Milan e forse anche per quello vinse quello Scudetto 2011-2012. Oggi chi passa agli occhi dell'opinione pubblica per avere più passione civile nella reazione a Juve-Roma, è la Roma stessa. Dura, cazzuta, intransigente. Anche Allegri è diverso dal 2012. Da Milanello scattava come una molla ad ogni domande sulle bordate juventine. L'Allegri di ieri a Vinovo non ricorda per niente quello rossonero. Un Allegri da ordinaria amministrazione, quasi burocratico, assente, lontano. E la Roma con la sua fame azzanna...

Mazzarri accerchiato. Mazzarri nell'alveare dei pretendenti, veri e presunti, alla sua panchina. Il calcio è strano. I sette gol in due partite, i tanti infortunati, sembra scontato che l'Inter perda contro il Napoli. Tutto troppo facile, troppo scontato. Niente di più facile che il solito calcio stia preparando il terreno per la vittoria nerazzurra...In quel caso Walter Mazzarri sarebbe sempre più saldo sulla sua panchina, anche dopo le varie investiture presidenziali. A proposito: l'intervista di ieri al Sito dell'Inter, è la conferma di quanto Thohir abbia colto in pieno l'avversione al tecnico da parte della folla nerazzurra e abbia posto la questione di fiducia. Come spesso si fa in politica, quando il governo pone questioni di fondo. Sostenete la squadra, e quindi anche il tecnico, ve lo chiedo di cuore. Mazzarri ringrazia. In ogni caso l'alveare, nel caso malaugurato in cui la situazione precipiti, è così popolato: Zenga, in pole position. Ovvero, se la stagione prende una butta piega buttiamoci almeno sull'interismo. Moyes, per via del fascino United che Thohir subisce. Ma: costa troppo. Spalletti: idem. Mancini: sempreverde. Attenzione però all'outsider. Se volesse, potrebbe liberarsi dalla panchina indiana del Chennaiyin. E' Marco Materazzi, reduce da un buon avvio di stagione con la squadra indiana. Visto che il presidente Thohir si dichiara tifoso assoluto dell'Inter, lo sbocco potrebbe essere quello di uno degli idoli più recenti della gente nerazzurra.

Due momenti. Babacar, giocatore con tutto il rispetto molto meno dotato da madre natura di Mario Balotelli, due settimane fa si dannava l'anima da solo contro l'Inter nella Fiorentina dei grandi assenti. Lottava su tutti i palloni, si proponeva da tutte le parti e aggrediva scattando tutte le zolle del Franchi. La squadra aveva bisogno e lui era al suo servizio. Quante volte Montolivo e compagni avevano chiesto questo a Balo nella scorsa stagione...Altro momento. Le agenzie battevano questa settimana le frasi dello stesso Mario Balotelli dirette a Cesare Prandelli. Un brivido, la fonte imperlata di sudore: Oddio, adesso la vigilia di Verona-Milan diventa come l'anno scorso un lungo, teso, nervoso, batti e ribatti attorno a Mario Balotelli. No, ci svegliamo. Mario non è più al Milan, E' al Liverpool. Ed è così che ci siamo ripresi, accogliendo anche la notizia dei recuperi di tutti gli infortunati, da Diego Lopez a Bonaventura, da Menez a Van Ginkel. L'anno scorso la vigilia di Verona-Milan, con la rivalità fra bresciani impersonati da Balotelli e i veronesi, era stata sorniona e tranquilla per i gialloblù, elettrica e fuorviante per i rossoneri che sono stati contagiati dall'uno contro uno voluto e poi subito da Mario contro l'intero Bentegodi che lo avrebbe poi sopraffatto puntando sull'ironia. Nulla contro Balotelli. Ma la lettura di questa settimana, di come è stata e di come invece avrebbe potuto essere se Balo fosse ancora qui, ci ha confermato come Mario non manchi al Milan. Lo ha confermato nelle trasmissioni di Milan Channel, Paolo Berlusconi splendido padrone di casa a Segrate al secondo derby vintage per il nostro Claudio Lippi ottimamente organizzato da Veronese e Francioso. Ed è la stessa serenità che abbiamo trovato a Riccione, Romagna rossonera. Sono nati nel 1984 quelli del Milan Club Riccione, quando il Milan era una matricola e perdeva sempre i derby. Ma i Milanisti avevano lo stesso il sacro fuoco. Bene, va riacceso. Fin da domani, a Verona. Dove è dura sempre, ma dove lo sarà soprattutto domani.

La Fiorentina in estate è stata sul punto di cedere Cuadrado, nello stesso identico modo in cui la Juventus è stata ad un millimetro dall'operazione Vidal in uscita. Sono sempre situazioni delicate quelle in cui un giocatore è ormai psicologicamente ceduto, concettualmente partito. Se poi per mille e un motivo l'affare non si concretizza, riattaccare la spina è tutt'altro che facile. Non c'è niente di automatico nel calcio. Soprattutto quando un rapporto è ormai concluso e rimane formalmente in piedi solo per la mancanza di una firma, per un contratto non compilato, un dialogo di mercato non portato a termine. Riavvolgere può essere un problema irrisolvibile. In questo senso però la Fiorentina è stata più brava con Cuadrado. Il colombiano ha resettato. Sente quanto la città e la squadra abbiano bisogno di lui con tanti assenti e lui c'è. Corre, tira, segna. Vidal invece è psicologicamente ingolfato. Forse perché non sente più il morso di Conte. Forse perché in cuor suo pensa che se si fosse operato prima avrebbe giocato meglio con il Cile quel Mondiale a cui teneva tantissimo. Oppure perché con tutti i campioni nell'organico della Juventus, sente di potersi permettere qualche lungaggine. Vai a capire. Innegabile però che il mercato del tira e molla abbia restituito un campione alla Fiorentina e ne abbia invece sottratto uno alla Juventus.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.