VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Attenzione attenzione! Ecco il Milan di Barbara con un "top" d'eccezione, il patto con Seedorf e papà che ha preso una decisione "costosa". Galliani, ecco cosa è successo

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
18.03.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 53911 volte
© foto di Federico De Luca

Talune persone ci stanno sull'anima a pelle.
Il sottoscritto, per esempio, ai tempi del liceo "Paolo Giovio" detestava Trombatore Massimo (nome fittizio) della terza C perché tutte le ninfette con la "Smemo" se lo allisciavano in quanto discreto manzo adolescenziale, mentre nessuna di queste maledette si filava noialtre mezzeseghe butterate. Ebbene, conosciuto Trombatore Massimo all'ultimo anno per questioni legate allo spaccio di introvabili numeri del Guerin Sportivo, siamo diventati "amici migliori", di quelli che addirittura arrivavi a prestargli il vhs pipparolo di "Paprika" con Deborah Caprioglio, accompagnato da minacciosa raccomandazione: "Se lo perdi t'ammazzo, trattalo come se fosse un rene". Puntualmente il vhs godereccio veniva requisito da papà Trombatore, che con la scusa di "moralizzare" passava notti bollenti a consumare videoregistratore, diottrie e bottiglie impolverate di Unicum Riserva.
La fregnaccia va a introdurre il tema della settimana che mi piace intitolare "non giudichiamo in base alle apparenze perché esse, a volte, condizionano il nostro giudizio critico secondo superate teorie lombrosiane" (un titolo demmerda, lo so).

Per dire, Galliani, di facciata sta antipatico. Fa il figo da Giannino, dice "sono il più titolato nell'universo mondo", snocciola classifiche del genere "tra le idi di marzo e il solstizio d'inverno il Milan è certamente primo nella classifica del calendario di Frate Indovino. E ora brindiamo come se non ci fosse un domani". Per questo e per altri motivi, oggi, vien facile attaccarlo, si gode nel vederlo soffrire seduto solo soletto sulla sediola di San Siro, lo si indica come principale responsabile del disastro rossonero. E probabilmente lo è, ma di sicuro non merita così tanto accanimento.
Tra tante colpe, Adriano Galliani paga soprattutto per non aver capito che era arrivato il momento di levare le tolle. Ha perseverato, si è intestardito, ha sfidato Barbara senza capire che stava sfidando Silvio, tra una presentazione e l'altra ha continuato a vendere fumo ai tifosi rossoneri e alla fine ne ha pagato le conseguenze con gli interessi.
Un anno fa, per dire, l'ad dalla cravatta gialla celebrava il trio dalla cresta ingellatissima: Balotelli-El Shaarawy-Niang "sono il futuro del Diavolo, il coacervo tra gioventù e capacità che farà la fortuna della squadra per i prossimi dieci anni". Ebbene, dopo soli dodici mesi Balotelli è più stimolato dal ping pong che dal calcio, del Faraone sappiamo che non verrà schierato prima della prossima stagione (e qualcuno dovrà spiegarci perché...), Niang invece pare si sia iscritto alla 1000 miglia di Indianapolis urlando al cielo "dimostrerò al mondo che sono un grande pilota. Se non ci riuscirò dirò che è stato Traorè".
Certe cose hanno definitivamente seccato l'ambiente e Adriano se n'era accorto per tempo. Avrebbe fatto bene a dar seguito alla minaccia di novembre ("mi dimetto e non torno sui miei passi"). Non se l'è sentita (presumibilmente per mere questioni legate alla buonuscita) e il risultato è questo: 28 anni di onorata carriera pallonara macchiati in maniera indelebile per non aver avuto il coraggio di dire "mi faccio da parte".
La soluzione del doppio amministratore delegato rossonero presa a suo tempo ha convinto pochi e fatto sorridere i più, consci del fatto che presto o tardi due galli nel pollaio finiscono col litigarsi la gallina più procace.
Il prossimo cda sancirà la definitiva uscita di scena di Galliani che verrà adeguatamente liquidato per tutto quello che ha dato al Milan. Probabilmente era giusto risparmiargli l'umiliazione della contestazione e concedergli l'onore delle armi, ma certe cose purtroppo succedono solo nei film con Mel Gibson.

Per dire, Barbara. La tiritera degli scettici la conosciamo: "E' ultra-raccomandata (ma davvero?), è una donna e le donne che vuoi che ne sappiano di pallone, non ha la cravatta gialla, ha creato danni al club per mere questioni amorose, non ha gli attributi necessari per stare a galla nella melma del calcio". Ecco, diciamo che forse è così, ma diciamo anche che nessuno può sapere cosa davvero può fare la figlia di cotanto padre.
Intanto sappiamo che in un'Ansa ormai ingiallita, BB scrisse cose assolutamente condivisibili: il Milan ha perso il suo stile, ha speso male i suoi soldi, ha dato spazio a manager, agenti e faccendieri vari, si è dimenticato cos'era e cosa deve essere. Aveva ragione da vendere, è intervenuta a gamba tesa, ha fatto bene.
Chi pensa "ora tocca alla ragazzina camminare con le sue gambe, vediamo come se la cava" deve sapere che: la "ragazzina" in attesa di assicurarsi la responsabilità della parte sportiva del club s'è portata avanti con la faccenda stadio. Il Milan grazie ai soldi di facoltosi partner arabeggianti avrà il suo nuovo impianto nell'arco di un lustro. I collaboratori sui quali punterà sono già noti: Maldini sarà richiamato all'ovile, Sogliano sarà il nuovo responsabile del mercato. Nelle ultime settimane sembrava che la trattativa si fosse interrotta, semplicemente il ds del Verona voleva garanzie sulla propria autonomia. Ora le ha.
Ma le idee (e fortune) di Barbara non finiscono qui: la raccolta di sponsor prosegue nonostante i risultati non invoglino a investire sui rossoneri, soprattutto BB pare abbia convinto papà Silvio a ridiscendere in campo nell'unico modo che consente a una squadra gloriosa di conservare la gloria: spendendo. Berlusconi tornerà a investire perché vuole far fruttare la scelta Seedorf, perché non vuole mandare allo sbaraglio Barbara, perché nonostante tutto se lo può permettere ancora. Chi dice "non accadrà perché decidono i figli di primo letto e quelli son stufi di veder sperperati quattrini nel Milan" non sa che magari è anche così, ma in famiglia a un bel punto nessuno può andare contro il volere di papà.
Il prossimo sarà un mercato difficile ma certamente non avaro. A Sogliano verrà chiesto di sbarazzarsi delle zavorre e di fare quello che ha fatto a Verona: scovare talenti prima degli altri. Sembra una cosa impossibile, ma un tempo era la prerogativa proprio di Galliani.

Per dire, Thohir. L'indonesiano pare bonaccione, micio-micio e un po' fessacchiotto, ma in realtà sta lavorando sottotraccia con un'intensità spiazzante. Si dice in particolare che sia in dirittura d'arrivo un'operazione di carattere economico "esalta Inter". I dettagli settimana prossima...

Per dire, Jonathan. Sembrava l'ultimo dei brasiliani, il calciatore nato nel Paese sbagliato, il miracolato di Branca, l'inutile piccoletto indegno di correre sulla fascia che fu di Maicon, l'esterno alto che non aveva mai fatto il terzino e quindi "dove vuole andare con Mazzarri, lui che sulle ali costruisce tutto il suo gioco".
Per tutti doveva essere il primo nella lista degli epurati del sergente Walter e invece no. Jonathan ha parlato col suo allenatore, si è messo a disposizione e ha fatto una cosa che tra i calciatori non è sempre scontata: s'è fatto un mazzo così.
Ha imparato cos'è una diagonale difensiva, ha raddoppiato gli sforzi, s'è allenato come e più degli altri, si è tappato le orecchie quando gli davano del bidone, ha continuato a sbattere (e continuerà a farlo) contro i suoi limiti tecnici, in ogni caso s'è preso una grande rivincita. Nonostante tutto non ha mai pensato di togliersi la maglietta dopo un gol o di mettere il dito sul muso per zittire chi lo criticava. Lui, quando segna o regala un assist a un compagno... abbassa lo sguardo come se si sentisse in imbarazzo.
Non sappiamo se Prandelli ha in testa questo azzardo - molto probabilmente no - sappiamo però che, numeri alla mano, Jonathan quest'anno è certamente sul podio di coloro che in serie A hanno reso di più lungo la corsia di destra. In più conosce decisamente bene il Brasile e ha negli occhi quella luce che nel 2006 aveva tal Grosso.
Ci sono giocatori che nascono fenomeni, si adagiano, e finiscono per diventare dei mediocri. Altri che che sono scarsi, lavorano per superare i propri limiti e alla fine si guadagnano il rispetto. Voi che genere preferite? (#jonathanaimondiali).

ps. e poi c'è Carolina Marcialis. Siccome il partito di quelli che vogliono Cassano in Brasile cresce sempre più, qualcuno dica alla di lui moglie di evitare certi fastidiosi cinguettii su twitter. Prandelli non gradisce o magari se ne frega altamente, ma perché rischiare? (twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.