VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Attenzione: la mossa a sorpresa che rilancia Tavecchio. Clamoroso: sono d'accordo con Abodi! Serie A ai minimi storici, retrocesse già a febbraio

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
29.02.2016 13:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 42108 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Da quando Tavecchio si è seduto sulla poltrona di Presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio ha lavorato più per respingere le bordate che gli arrivavano che per cambiare realmente il calcio. Il tempo per lavorare è stato poco e neanche la possibilità di leggere tutte le carte che in un minuto ha dovuto pensare alla campagna elettorale. Stesso discorso per Gravina, nuovo Presidente della Lega Pro. Sta studiando per capire dove mettere le mani in un mare di problemi, ma tra poco dovrà pensare alla prossima tornata elettorale e non a risolvere i problemi di 54 società italiane. La cosa sconcertante sono i regolamenti e gli statuti. Gli uomini passano, ma siamo prigionieri di una legislatura che va cambiata al più presto. Tavecchio torna a sperare. Fino ad una settimana fa era considerato da tutti l'ex Presidente della Figc. Ha contro mezzo sistema del calcio italiano, il Coni spinge in altre direzioni e Lotito non ha più il potere di un anno fa. Infantino Presidente della Fifa, però, è l'ultima carta disperata di Tavecchio. Aveva giurato il voto a Infantino e, nonostante le tentazioni, ha rispettato la parola data. Siccome non siamo alla Caritas ma in un mondo di squali, tra poco Tavecchio si presenterà alla porta di Infantino per chiedere un appoggio ufficiale per le prossime elezioni. Nulla di sconvolgente. Bisogna, però, partire subito per arrivare in tempo al secondo mandato. La posizione di Carraro e Abete, tuttavia, risulta sempre determinante. Per il lettore classico, leggere i nomi di Carraro e Abete rievoca il passato, invece, nei salotti giusti di Roma i due ex Presidenti sono sempre attivi. Oggi più che mai. Carraro spinse Tavecchio alla Presidenza Federale, poi il rapporto si è incrinato. Sembrerebbe che Carletto - dopo l'appoggio ricevuto - abbia pensato più ai fattarelli suoi che a quelli di chi lo ha spinto su quella poltrona. Abete è un nome sempre forte. Il progetto più ambizioso sarebbe: Infantino Presidente Fifa, Abete in corsa per la presidenza Uefa e Tavecchio che scende a compromessi con i primi due che riconferma la leadership nazionale. Non è semplice, ci mancherebbe... Anche perché portare a capo del sistema del calcio mondiale un italiano e mezzo, per noi, sarebbe come fare bingo, ma per gli altri sarebbe come perdere potere. Sullo sfondo c'è Roma 2024: Malagò sta lavorando benissimo in quella direzione e sta cercando di allontanare la candidatura di Parigi, oggi tra le principali minacce per Roma. Il vento sta cambiando, la politica sta facendo passi importanti e l'Italia non sta a guardare. Prendiamo come esempio il golf: il Presidente della Federazione Golf, Chimenti, meriterebbe una statua vicino al Colosseo per aver portato in Italia la Ryder Cup del 2022, quando aveva avversari con più credenziali e più potere. Chimenti ha dimostrato che, con la buona volontà, l'ingegno e la fantasia si possono abbattere muri invalicabili. La politica del calcio è ancora indietro di qualche anno, ma qualcosa sta cambiando. Malagò studia ed esamina se chiude il cerchio con Roma 2024, al Colosseo servirebbe un'altra statua. Preferibilmente non da coprire. Si stanno facendo oggi i giochi anche per l'elezione del Presidente della Lega di serie B. Andrea Abodi è un po' come l'uomo che è sposato con la moglie ma in testa ha da sempre un'altra donna. Quella del piano di sopra. Bene, Abodi sogna la Lega di A ma nel frattempo non vuole perdere giustamente la Lega di B. Allora sta lavorando con i club per la conferma del mandato. Ad oggi manca una candidatura affidabile per la successione di Abodi, anche se il nome che circola potrebbe mettere tutti d'accordo. Il Presidente della Lega di B, settimana scorsa, ha detto una cosa che mi trova d'accordo. Clamoroso. Abodi ha giustamente fatto presente che il paracadute - per come è impostato - non è un principio sano e garante di competitività tra le società. In poche parole il prossimo anno, in B, ci sarà solo una promozione diretta e una attraverso i play off. Il Verona è già in serie A. Il paracadute sul quale potrà contare l'Hellas è di quelli di ferro e basterà costruire una squadra competitiva con i soldi delle Leghe per tornare immediatamente su. Stesso discorso valso due anni fa per il Palermo e quest'anno per il Cagliari. Quello che dice Abodi è giusto e sensato. In occasione dell'ultima assemblea hanno fatto passare per pazzo e visionario il Presidente della Pro Vercelli che avrebbe detto cose che vi raccontiamo da tempo. Ma questo è un altro capitolo. Triste ma vecchio.
In confidenza, vi volevo anche raccontare che, ormai, non dormo più bello e beato come faccio la domenica pomeriggio da 5-6 anni. Aspetto con ansia le partite di serie A della domenica, perché unite al divano e alla copertina conciliano il sonno. Le partite di domenica pomeriggio sono sempre meno, stadi sempre più vuoti, con le piccole che non riescono a riempire neanche metà stadio, e partite di qualità indecente. Ti ritrovi a fine febbraio con i verdetti già segnati per la retrocessione. Signore e Signori vi preannuncio chi retrocederà quest'anno... Verona, Carpi e Frosinone! Ho vinto "quacchecosa"? Bisogna trovare un rimedio serio e concreto. Oggi Crotone sogna e giustamente gode per una promozione storica che sta arrivando, ma faccia qualcosa, da subito, per evitare di essere la prossima vittima sacrificale. I Vrenna e Ursino sono bravi e qualcosa si inventeranno ma chi sale in A, con 4 soldi, non può essere mandato così al patibolo. Le favole degli anni '80 Ascoli, Avellino, Pisa e Cremonese esistevano sul serio. E c'era spazio per i sogni veri. Non mi parlate oggi di favola Sassuolo perché il Sassuolo non ha nulla di provinciale, se non i pochi tifosi allo stadio e lo status sulla cartina geografica. Il Sassuolo ha una proprietà talmente solida che potrebbe prendere, sicuramente, il posto del malandato Thohir.
In attesa di risposte, porgiamo i nostri più cordiali saluti...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.