VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Attenzione: la mossa a sorpresa che rilancia Tavecchio. Clamoroso: sono d'accordo con Abodi! Serie A ai minimi storici, retrocesse già a febbraio

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
29.02.2016 13.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 42072 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Da quando Tavecchio si è seduto sulla poltrona di Presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio ha lavorato più per respingere le bordate che gli arrivavano che per cambiare realmente il calcio. Il tempo per lavorare è stato poco e neanche la possibilità di leggere tutte le carte che in un minuto ha dovuto pensare alla campagna elettorale. Stesso discorso per Gravina, nuovo Presidente della Lega Pro. Sta studiando per capire dove mettere le mani in un mare di problemi, ma tra poco dovrà pensare alla prossima tornata elettorale e non a risolvere i problemi di 54 società italiane. La cosa sconcertante sono i regolamenti e gli statuti. Gli uomini passano, ma siamo prigionieri di una legislatura che va cambiata al più presto. Tavecchio torna a sperare. Fino ad una settimana fa era considerato da tutti l'ex Presidente della Figc. Ha contro mezzo sistema del calcio italiano, il Coni spinge in altre direzioni e Lotito non ha più il potere di un anno fa. Infantino Presidente della Fifa, però, è l'ultima carta disperata di Tavecchio. Aveva giurato il voto a Infantino e, nonostante le tentazioni, ha rispettato la parola data. Siccome non siamo alla Caritas ma in un mondo di squali, tra poco Tavecchio si presenterà alla porta di Infantino per chiedere un appoggio ufficiale per le prossime elezioni. Nulla di sconvolgente. Bisogna, però, partire subito per arrivare in tempo al secondo mandato. La posizione di Carraro e Abete, tuttavia, risulta sempre determinante. Per il lettore classico, leggere i nomi di Carraro e Abete rievoca il passato, invece, nei salotti giusti di Roma i due ex Presidenti sono sempre attivi. Oggi più che mai. Carraro spinse Tavecchio alla Presidenza Federale, poi il rapporto si è incrinato. Sembrerebbe che Carletto - dopo l'appoggio ricevuto - abbia pensato più ai fattarelli suoi che a quelli di chi lo ha spinto su quella poltrona. Abete è un nome sempre forte. Il progetto più ambizioso sarebbe: Infantino Presidente Fifa, Abete in corsa per la presidenza Uefa e Tavecchio che scende a compromessi con i primi due che riconferma la leadership nazionale. Non è semplice, ci mancherebbe... Anche perché portare a capo del sistema del calcio mondiale un italiano e mezzo, per noi, sarebbe come fare bingo, ma per gli altri sarebbe come perdere potere. Sullo sfondo c'è Roma 2024: Malagò sta lavorando benissimo in quella direzione e sta cercando di allontanare la candidatura di Parigi, oggi tra le principali minacce per Roma. Il vento sta cambiando, la politica sta facendo passi importanti e l'Italia non sta a guardare. Prendiamo come esempio il golf: il Presidente della Federazione Golf, Chimenti, meriterebbe una statua vicino al Colosseo per aver portato in Italia la Ryder Cup del 2022, quando aveva avversari con più credenziali e più potere. Chimenti ha dimostrato che, con la buona volontà, l'ingegno e la fantasia si possono abbattere muri invalicabili. La politica del calcio è ancora indietro di qualche anno, ma qualcosa sta cambiando. Malagò studia ed esamina se chiude il cerchio con Roma 2024, al Colosseo servirebbe un'altra statua. Preferibilmente non da coprire. Si stanno facendo oggi i giochi anche per l'elezione del Presidente della Lega di serie B. Andrea Abodi è un po' come l'uomo che è sposato con la moglie ma in testa ha da sempre un'altra donna. Quella del piano di sopra. Bene, Abodi sogna la Lega di A ma nel frattempo non vuole perdere giustamente la Lega di B. Allora sta lavorando con i club per la conferma del mandato. Ad oggi manca una candidatura affidabile per la successione di Abodi, anche se il nome che circola potrebbe mettere tutti d'accordo. Il Presidente della Lega di B, settimana scorsa, ha detto una cosa che mi trova d'accordo. Clamoroso. Abodi ha giustamente fatto presente che il paracadute - per come è impostato - non è un principio sano e garante di competitività tra le società. In poche parole il prossimo anno, in B, ci sarà solo una promozione diretta e una attraverso i play off. Il Verona è già in serie A. Il paracadute sul quale potrà contare l'Hellas è di quelli di ferro e basterà costruire una squadra competitiva con i soldi delle Leghe per tornare immediatamente su. Stesso discorso valso due anni fa per il Palermo e quest'anno per il Cagliari. Quello che dice Abodi è giusto e sensato. In occasione dell'ultima assemblea hanno fatto passare per pazzo e visionario il Presidente della Pro Vercelli che avrebbe detto cose che vi raccontiamo da tempo. Ma questo è un altro capitolo. Triste ma vecchio.
In confidenza, vi volevo anche raccontare che, ormai, non dormo più bello e beato come faccio la domenica pomeriggio da 5-6 anni. Aspetto con ansia le partite di serie A della domenica, perché unite al divano e alla copertina conciliano il sonno. Le partite di domenica pomeriggio sono sempre meno, stadi sempre più vuoti, con le piccole che non riescono a riempire neanche metà stadio, e partite di qualità indecente. Ti ritrovi a fine febbraio con i verdetti già segnati per la retrocessione. Signore e Signori vi preannuncio chi retrocederà quest'anno... Verona, Carpi e Frosinone! Ho vinto "quacchecosa"? Bisogna trovare un rimedio serio e concreto. Oggi Crotone sogna e giustamente gode per una promozione storica che sta arrivando, ma faccia qualcosa, da subito, per evitare di essere la prossima vittima sacrificale. I Vrenna e Ursino sono bravi e qualcosa si inventeranno ma chi sale in A, con 4 soldi, non può essere mandato così al patibolo. Le favole degli anni '80 Ascoli, Avellino, Pisa e Cremonese esistevano sul serio. E c'era spazio per i sogni veri. Non mi parlate oggi di favola Sassuolo perché il Sassuolo non ha nulla di provinciale, se non i pochi tifosi allo stadio e lo status sulla cartina geografica. Il Sassuolo ha una proprietà talmente solida che potrebbe prendere, sicuramente, il posto del malandato Thohir.
In attesa di risposte, porgiamo i nostri più cordiali saluti...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.