VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Ausilio show. Juve, sveglia che il mercato sta finendo. #cairobraccino e il web impazza! Roma, prendi un portiere. Sinisa, ti dico due cose su Muriel...

Nato ad Avellino, vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Scrivi su Twitter: MCriscitiello
12.01.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 64393 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' un mercato di gennaio abbastanza insolito. Solitamente, in inverno, dormono tutti sonni profondi e poi qualcuno si sveglia l'ultima settimana. Questa volta non si capisce più nulla: sono passate meno di due settimane dall'inizio del calciomercato e siamo nel vivo delle trattative. Aeroporti pieni di tifosi, calciatori che arrivano ed altri che stanno per arrivare. W i top player dell'Inter. Podolski ha infiammato Linate, Shaqiri ha mandato in tilt Malpensa in un giorno infrasettimanale e San Siro è tornato magicamente ad essere frequentato dai tifosi interisti. Poi non dite che il mercato non ha poteri che neanche la classifica ha. La gente ama i sogni più dei fatti concreti. Anche perché la realtà è spesso illusoria. E' un gennaio che assomiglia tanto al 25 agosto. Ci divertiremo. Piero Ausilio sta facendo i miracoli veri per accontentare Mancini, quasi, in tutto e per tutto. Podolski lo prende in prestito e Shaqiri in "pagherò". Anche io voglio fare il Direttore Sportivo dell'Inter. Prendo grandi campioni, vado dalla banca, accumulo il debito e poi vediamo se i conti tornano. Ausilio ha solo un compito: prendere i calciatori richiesti dal Mister o che piacciono a lui. Sta facendo grandi cose. Il problema è della proprietà che deve tirar fuori tanti soldi e deve pensare ad una chiusura di bilancio del 2014 da brividi. Profondo rosso. E non è il titolo di un film. Se l'Inter porterà a termine un'altra operazione avrà chiuso alla grande il mercato di gennaio. C'è da dire che la corsa al terzo posto, obiettivo minimo stagionale, resta molto complicata. Troppi punti da recuperare e troppe squadre avanti in classifica.
La Juventus, invece, avrebbe bisogno di un difensore e un trequartista ma sembra arrivata a gennaio un po' troppo distratta. Un club come la Juve, che deve vincere in Italia e deve affermarsi in Europa, dovrebbe arrivare al famigerato mercato di riparazione con le idee più chiare ma soprattutto con maggiore praticità. Rolando, e non parliamo di Nesta, se è un obiettivo vero lo devi chiudere a metà dicembre. E l'alternativa chi sarebbe? Nessuno... Vediamo, decidiamo. Così non va. Sneijder ci piace! Bene, lo prendiamo, trattiamo l'ingaggio del calciatore ma non sappiamo cosa ci rispondono i turchi. Va bene che sono alla canna del gas ma alla Juventus serve prendere il calciatore in questi 30 giorni di mercato e se offri 6 milioni ma loro ne chiedono 20, a metà strada è dura trovarsi. Programmazione. In questo caso a Marotta è leggermente mancata. In tutto ciò la ferita di Doha è ancora aperta e la distanza da Garcia è la stessa della lunghezza di un violino.
Sta impazzando sul web l'hastag #cairobraccino vendi il Torino. I tifosi fanno, giustamente, i conti in tasca a Urbano Cairo che grazie al Toro è diventato un personaggio per l'opinione pubblica e ha un marchio da esibire che si riflette anche sul suo lavoro. I tifosi del Torino non hanno tutti i torti. Il rapporto con Cairo non è mai stato idilliaco ma quando ci sono i risultati è come quando la signora delle pulizie non viene: nascondi la polvere del salotto sotto il tappeto e quando entra tua moglie fai credere che la casa è in ordine. Ma se il tappeto è tarocco e non persiano e in cucina c'è la spazzatura fino a fuori il balcone, tua moglie ti prenderà con la scopa. Stesso discorso del tifoso granata. Non ne può più di Cairo. Il salto di qualità? Mai! Un investimento da Toro? Mai. Nocerina, Quagliarella, Amauri e qualche straniero sconosciuto che conosce solo Petrachi. E se lo conosce solo Petrachi un motivo ci sarà. O lui è troppo bravo o gli altri sono tutti fessi. Scegliete voi l'opzione A o l'opzione B. Cairo è un mago della finanza, fa quadrare i conti e non posa mai 1 se non prende 2. Il problema è che nel calcio la regola non è la stessa della tv o della pubblicità. La base è che ci perdi, se sei bravo pareggi. Vincere è complicatissimo. Ci riescono 2 su 80. Il calcio per Cairo è un veicolo importante ma non può essere un veicolo per far soldi; almeno non a Torino con una piazza gloriosa che sogna un calcio vero.
Roma-Lazio è stato un grande spot per il nostro calcio. Totti dovrebbero clonarlo. La Roma ha reagito da leone più che da lupa. La Lazio ha fatto un grande primo tempo e si sono affrontate due squadre eccezionali. Per una volta il derby lo hanno vinto entrambe. Una riflessione sul mercato della Roma: Sabatini cerca difensori, centrocampisti e attaccanti ma l'unica cosa da fare è trovare subito un buon portiere. De Sanctis ha ancora la forza per salvarti il risultato al 90' perché la qualità non si discute ma, ormai, è diventato inaffidabile e troppo rischioso. Ti fa perdere le partite, te le indirizza sul binario sbagliato e una squadra che ragiona da grande non può continuare ad andare avanti con uno scarto del Napoli.
Complimenti alla Sampdoria, sempre più protagonista di questo mercato invernale. Mihajlovic ha voluto fortemente Muriel, l'Udinese sperava di prendere 30 ma vista la non esplosione del colombiano 12 vanno più che bene. Praticamente un milione a gol, nell'ultimo anno e mezzo. Inserire dentro Coda (ingaggio elevato) è stato un colpo da fenomeno. Un consiglio a Sinisa: Muriel a Genova può esplodere. Il mare, il clima e il pugno duro del tecnico possono far schizzare il valore di Luis. Come qualità non dobbiamo neanche parlarne; questo è un ragazzo che da solo ti può fare la differenza. I tifosi della Samp si innamoreranno di Muriel quando prende palla al piede a centrocampo e se ne va da solo in porta. Gli avversari restano a centrocampo. Un talento unico, sono innamorato della sua classe ma odio la sua poca professionalità e spirito di sacrificio. A Udine aveva due tutor, uno staff che lo seguiva ovunque eppure nessuno ha potuto nulla. Classica storia che nasce male e finisce male. Sinisa, marcalo fino a casa, occhio a cosa mangia che lievita come il panettone, non deve toccare mezza birra e la sera deve rinchiudersi in casa. Deve fare campo-casa, casa-campo. Così avrai un fenomeno in squadra. Fagli sentire la tua fiducia e allenalo con la palla, odia ogni tipo di cronometro o controllo sulla condizione fisica. In bocca al lupo a Muriel e complimenti alla Samp che lo ha preso. Se ingrana, la Samp volerà.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.