VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Ausilio show. Juve, sveglia che il mercato sta finendo. #cairobraccino e il web impazza! Roma, prendi un portiere. Sinisa, ti dico due cose su Muriel...

Nato ad Avellino, vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Scrivi su Twitter: MCriscitiello
12.01.2015 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 64403 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' un mercato di gennaio abbastanza insolito. Solitamente, in inverno, dormono tutti sonni profondi e poi qualcuno si sveglia l'ultima settimana. Questa volta non si capisce più nulla: sono passate meno di due settimane dall'inizio del calciomercato e siamo nel vivo delle trattative. Aeroporti pieni di tifosi, calciatori che arrivano ed altri che stanno per arrivare. W i top player dell'Inter. Podolski ha infiammato Linate, Shaqiri ha mandato in tilt Malpensa in un giorno infrasettimanale e San Siro è tornato magicamente ad essere frequentato dai tifosi interisti. Poi non dite che il mercato non ha poteri che neanche la classifica ha. La gente ama i sogni più dei fatti concreti. Anche perché la realtà è spesso illusoria. E' un gennaio che assomiglia tanto al 25 agosto. Ci divertiremo. Piero Ausilio sta facendo i miracoli veri per accontentare Mancini, quasi, in tutto e per tutto. Podolski lo prende in prestito e Shaqiri in "pagherò". Anche io voglio fare il Direttore Sportivo dell'Inter. Prendo grandi campioni, vado dalla banca, accumulo il debito e poi vediamo se i conti tornano. Ausilio ha solo un compito: prendere i calciatori richiesti dal Mister o che piacciono a lui. Sta facendo grandi cose. Il problema è della proprietà che deve tirar fuori tanti soldi e deve pensare ad una chiusura di bilancio del 2014 da brividi. Profondo rosso. E non è il titolo di un film. Se l'Inter porterà a termine un'altra operazione avrà chiuso alla grande il mercato di gennaio. C'è da dire che la corsa al terzo posto, obiettivo minimo stagionale, resta molto complicata. Troppi punti da recuperare e troppe squadre avanti in classifica.
La Juventus, invece, avrebbe bisogno di un difensore e un trequartista ma sembra arrivata a gennaio un po' troppo distratta. Un club come la Juve, che deve vincere in Italia e deve affermarsi in Europa, dovrebbe arrivare al famigerato mercato di riparazione con le idee più chiare ma soprattutto con maggiore praticità. Rolando, e non parliamo di Nesta, se è un obiettivo vero lo devi chiudere a metà dicembre. E l'alternativa chi sarebbe? Nessuno... Vediamo, decidiamo. Così non va. Sneijder ci piace! Bene, lo prendiamo, trattiamo l'ingaggio del calciatore ma non sappiamo cosa ci rispondono i turchi. Va bene che sono alla canna del gas ma alla Juventus serve prendere il calciatore in questi 30 giorni di mercato e se offri 6 milioni ma loro ne chiedono 20, a metà strada è dura trovarsi. Programmazione. In questo caso a Marotta è leggermente mancata. In tutto ciò la ferita di Doha è ancora aperta e la distanza da Garcia è la stessa della lunghezza di un violino.
Sta impazzando sul web l'hastag #cairobraccino vendi il Torino. I tifosi fanno, giustamente, i conti in tasca a Urbano Cairo che grazie al Toro è diventato un personaggio per l'opinione pubblica e ha un marchio da esibire che si riflette anche sul suo lavoro. I tifosi del Torino non hanno tutti i torti. Il rapporto con Cairo non è mai stato idilliaco ma quando ci sono i risultati è come quando la signora delle pulizie non viene: nascondi la polvere del salotto sotto il tappeto e quando entra tua moglie fai credere che la casa è in ordine. Ma se il tappeto è tarocco e non persiano e in cucina c'è la spazzatura fino a fuori il balcone, tua moglie ti prenderà con la scopa. Stesso discorso del tifoso granata. Non ne può più di Cairo. Il salto di qualità? Mai! Un investimento da Toro? Mai. Nocerina, Quagliarella, Amauri e qualche straniero sconosciuto che conosce solo Petrachi. E se lo conosce solo Petrachi un motivo ci sarà. O lui è troppo bravo o gli altri sono tutti fessi. Scegliete voi l'opzione A o l'opzione B. Cairo è un mago della finanza, fa quadrare i conti e non posa mai 1 se non prende 2. Il problema è che nel calcio la regola non è la stessa della tv o della pubblicità. La base è che ci perdi, se sei bravo pareggi. Vincere è complicatissimo. Ci riescono 2 su 80. Il calcio per Cairo è un veicolo importante ma non può essere un veicolo per far soldi; almeno non a Torino con una piazza gloriosa che sogna un calcio vero.
Roma-Lazio è stato un grande spot per il nostro calcio. Totti dovrebbero clonarlo. La Roma ha reagito da leone più che da lupa. La Lazio ha fatto un grande primo tempo e si sono affrontate due squadre eccezionali. Per una volta il derby lo hanno vinto entrambe. Una riflessione sul mercato della Roma: Sabatini cerca difensori, centrocampisti e attaccanti ma l'unica cosa da fare è trovare subito un buon portiere. De Sanctis ha ancora la forza per salvarti il risultato al 90' perché la qualità non si discute ma, ormai, è diventato inaffidabile e troppo rischioso. Ti fa perdere le partite, te le indirizza sul binario sbagliato e una squadra che ragiona da grande non può continuare ad andare avanti con uno scarto del Napoli.
Complimenti alla Sampdoria, sempre più protagonista di questo mercato invernale. Mihajlovic ha voluto fortemente Muriel, l'Udinese sperava di prendere 30 ma vista la non esplosione del colombiano 12 vanno più che bene. Praticamente un milione a gol, nell'ultimo anno e mezzo. Inserire dentro Coda (ingaggio elevato) è stato un colpo da fenomeno. Un consiglio a Sinisa: Muriel a Genova può esplodere. Il mare, il clima e il pugno duro del tecnico possono far schizzare il valore di Luis. Come qualità non dobbiamo neanche parlarne; questo è un ragazzo che da solo ti può fare la differenza. I tifosi della Samp si innamoreranno di Muriel quando prende palla al piede a centrocampo e se ne va da solo in porta. Gli avversari restano a centrocampo. Un talento unico, sono innamorato della sua classe ma odio la sua poca professionalità e spirito di sacrificio. A Udine aveva due tutor, uno staff che lo seguiva ovunque eppure nessuno ha potuto nulla. Classica storia che nasce male e finisce male. Sinisa, marcalo fino a casa, occhio a cosa mangia che lievita come il panettone, non deve toccare mezza birra e la sera deve rinchiudersi in casa. Deve fare campo-casa, casa-campo. Così avrai un fenomeno in squadra. Fagli sentire la tua fiducia e allenalo con la palla, odia ogni tipo di cronometro o controllo sulla condizione fisica. In bocca al lupo a Muriel e complimenti alla Samp che lo ha preso. Se ingrana, la Samp volerà.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti... 24.07 - I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.