VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Balotelli a forza due: gol, pagella e palle. Isteria tanta, equilibrio poco, de Boer in quattro giorni da esonerato a imperatore galattico. Milan, ma che succede fuori dal campo?

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
25.09.2016 07:54 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 65899 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Mario Balotelli è un caso spinoso e lo sarà per il resto della propria carriera. Perché basta un pizzico di quel talento che può mostrare per avere una convocazione in nazionale - per una partita complicata come quella con la Spagna - mentre altri giocatori devono sudarsi troppe magliette per un momento del genere. Cos'è Balo? Un falso d'autore oppure la Gioconda, come aveva spiegato Raiola? Certo, di Mino si possono dire tante cose, ma non che non sappia riconoscere un grande calciatore. Lo si è visto con Pogba, con Ibrahimovic, con Donnarumma. Certo, non ha mai detto che Mattioni era un Renoir, perché sapeva di non doversi sconfessare. Però questa difesa a Balotelli fa capire quanto l'italolandese creda in lui. Anche da un punto di vista mediatico, perché è impensabile credere a un giocatore che per anni (sono già tre di fila) fa flop più o meno su tutta la linea. Così, dopo la preconvocazione, bisogna interrogarsi su chi è Balotelli. Sicuramente è una creatura, oltre che di se stesso, della stampa italiana. Quella che s'accalca per la prima conferenza a Nizza - pur mai banale - e che saluta al campione rinato dopo i primi due gol. Quello che lo prende in giro per il due in pagella per l'Equipe (senza probabilmente conoscere i voti del giornale francese) o che lo reputa sempre acerbo quando viene escluso per un problema. Balotelli ha bisogno di un oblio mediatico anche per non credersi più di quel che è. Già il fatto di non essere stato convocato all'Europeo può essere una discreta sveglia, coccolarlo non aiuta.

Ecco, l'isteria per Balotelli è più o meno paragonabile a quello che è successo all'Inter per Frank de Boer. La partita con il Beer Sheva era un imbarazzo totale, ma è pur sempre una partita di Europa League, la prima, senza grande valore sulla qualificazione al turno successivo. De Boer ha avuto grossi problemi ma anche un tempo esageratamente limitato per capire un calcio completamente diverso da quello olandese, solitamente offensivo e senza dettami tattici capaci di irretire un avversario più forte. L'Inter aveva bisogno di partite, di giocare, di conoscersi. Perché Banega è un giocatore di classe mondiale, Joao Mario, pur con una valutazione eccessiva, ha comunque dato quantità e qualità rispetto a chi, come Felipe Melo e Kondogbia, aveva sì grande fisicità ma limitate doti tecniche. L'Inter ha una rosa molto competitiva, in attesa di Gabigol: ecco, la presentazione del brasiliano è più o meno come quella di Ronaldo vent'anni fa, utilizzata sì per una questione tecnica, ma anche il marketing fa la differenza nel calcio italiano. Se Gabigol dovesse rispondere alle attese sul campo diventerà davvero il "sogno" citato da Tronchetti Provera. De Boer è passato da quattro giorni da quasi esonerato - con sfida contro la Juventus a San Siro - a imperatore galattico, con l'acquario di dipendenti e le poltrone in pelle umana. La verità sta nel mezzo, come quasi sempre, il campionato è lungo e un mese può cambiare il corso degli eventi, ma senza pregiudicare del tutto la situazione.

Poi ci sono le questioni serie, importanti, quelle che cambiano davvero il corso degli eventi. Il closing del Milan è ancora in divenire, le voci si affastellano, diventano realtà se ripetute quelle x volte - e smentite senza forza - soprattutto guardando come l'Inter con Suning è tornata a essere una potenza economica del calcio globale, mentre i rossoneri hanno queste difficoltà. Eppure del caso se ne parla da parecchio tempo, ancor prima dell'avvento di Thohir. Chissà se è la volta buona.

Pensieri sparsi: Spalletti sa bene di non essere simpatico alla claque di Totti, ma forse gli sta allungando la carriera. La Fiorentina va sulle montagne russe, soprattutto come umore, mentre la Lazio ha qualche problema strutturale ma potenzialmente una grande capacità di esprimere talento. Dietro, considerando che il Crotone è la squadra più debole dell'intera Serie A, ad avere grossi limiti è l'Atalanta: tecnicamente si può salvare senza grossi problemi, l'impressione è che abbia imboccato una china pericolosa, più o meno come l'Hellas Verona dell'anno scorso. La differenza è che i nerazzurri hanno vinto una partita (e gli scaligeri dovettero aspettare parecchio) mentre i bergamaschi appaiono in confusione, un po' come Gasperini. L'isteria, in parte, ha toccato anche Allegri dopo il Siviglia e l'Inter. Ma può stare tranquillo, ha la squadra più forte d'Italia per distacco. Ed è giusto valutare le cose nel proprio complesso, non solo per un paio di risultati.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.