VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Balotelli a forza due: gol, pagella e palle. Isteria tanta, equilibrio poco, de Boer in quattro giorni da esonerato a imperatore galattico. Milan, ma che succede fuori dal campo?

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
25.09.2016 07.54 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 65809 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Mario Balotelli è un caso spinoso e lo sarà per il resto della propria carriera. Perché basta un pizzico di quel talento che può mostrare per avere una convocazione in nazionale - per una partita complicata come quella con la Spagna - mentre altri giocatori devono sudarsi troppe magliette per un momento del genere. Cos'è Balo? Un falso d'autore oppure la Gioconda, come aveva spiegato Raiola? Certo, di Mino si possono dire tante cose, ma non che non sappia riconoscere un grande calciatore. Lo si è visto con Pogba, con Ibrahimovic, con Donnarumma. Certo, non ha mai detto che Mattioni era un Renoir, perché sapeva di non doversi sconfessare. Però questa difesa a Balotelli fa capire quanto l'italolandese creda in lui. Anche da un punto di vista mediatico, perché è impensabile credere a un giocatore che per anni (sono già tre di fila) fa flop più o meno su tutta la linea. Così, dopo la preconvocazione, bisogna interrogarsi su chi è Balotelli. Sicuramente è una creatura, oltre che di se stesso, della stampa italiana. Quella che s'accalca per la prima conferenza a Nizza - pur mai banale - e che saluta al campione rinato dopo i primi due gol. Quello che lo prende in giro per il due in pagella per l'Equipe (senza probabilmente conoscere i voti del giornale francese) o che lo reputa sempre acerbo quando viene escluso per un problema. Balotelli ha bisogno di un oblio mediatico anche per non credersi più di quel che è. Già il fatto di non essere stato convocato all'Europeo può essere una discreta sveglia, coccolarlo non aiuta.

Ecco, l'isteria per Balotelli è più o meno paragonabile a quello che è successo all'Inter per Frank de Boer. La partita con il Beer Sheva era un imbarazzo totale, ma è pur sempre una partita di Europa League, la prima, senza grande valore sulla qualificazione al turno successivo. De Boer ha avuto grossi problemi ma anche un tempo esageratamente limitato per capire un calcio completamente diverso da quello olandese, solitamente offensivo e senza dettami tattici capaci di irretire un avversario più forte. L'Inter aveva bisogno di partite, di giocare, di conoscersi. Perché Banega è un giocatore di classe mondiale, Joao Mario, pur con una valutazione eccessiva, ha comunque dato quantità e qualità rispetto a chi, come Felipe Melo e Kondogbia, aveva sì grande fisicità ma limitate doti tecniche. L'Inter ha una rosa molto competitiva, in attesa di Gabigol: ecco, la presentazione del brasiliano è più o meno come quella di Ronaldo vent'anni fa, utilizzata sì per una questione tecnica, ma anche il marketing fa la differenza nel calcio italiano. Se Gabigol dovesse rispondere alle attese sul campo diventerà davvero il "sogno" citato da Tronchetti Provera. De Boer è passato da quattro giorni da quasi esonerato - con sfida contro la Juventus a San Siro - a imperatore galattico, con l'acquario di dipendenti e le poltrone in pelle umana. La verità sta nel mezzo, come quasi sempre, il campionato è lungo e un mese può cambiare il corso degli eventi, ma senza pregiudicare del tutto la situazione.

Poi ci sono le questioni serie, importanti, quelle che cambiano davvero il corso degli eventi. Il closing del Milan è ancora in divenire, le voci si affastellano, diventano realtà se ripetute quelle x volte - e smentite senza forza - soprattutto guardando come l'Inter con Suning è tornata a essere una potenza economica del calcio globale, mentre i rossoneri hanno queste difficoltà. Eppure del caso se ne parla da parecchio tempo, ancor prima dell'avvento di Thohir. Chissà se è la volta buona.

Pensieri sparsi: Spalletti sa bene di non essere simpatico alla claque di Totti, ma forse gli sta allungando la carriera. La Fiorentina va sulle montagne russe, soprattutto come umore, mentre la Lazio ha qualche problema strutturale ma potenzialmente una grande capacità di esprimere talento. Dietro, considerando che il Crotone è la squadra più debole dell'intera Serie A, ad avere grossi limiti è l'Atalanta: tecnicamente si può salvare senza grossi problemi, l'impressione è che abbia imboccato una china pericolosa, più o meno come l'Hellas Verona dell'anno scorso. La differenza è che i nerazzurri hanno vinto una partita (e gli scaligeri dovettero aspettare parecchio) mentre i bergamaschi appaiono in confusione, un po' come Gasperini. L'isteria, in parte, ha toccato anche Allegri dopo il Siviglia e l'Inter. Ma può stare tranquillo, ha la squadra più forte d'Italia per distacco. Ed è giusto valutare le cose nel proprio complesso, non solo per un paio di risultati.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.