VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Balotelli a forza due: gol, pagella e palle. Isteria tanta, equilibrio poco, de Boer in quattro giorni da esonerato a imperatore galattico. Milan, ma che succede fuori dal campo?

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
25.09.2016 07:54 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 65868 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Mario Balotelli è un caso spinoso e lo sarà per il resto della propria carriera. Perché basta un pizzico di quel talento che può mostrare per avere una convocazione in nazionale - per una partita complicata come quella con la Spagna - mentre altri giocatori devono sudarsi troppe magliette per un momento del genere. Cos'è Balo? Un falso d'autore oppure la Gioconda, come aveva spiegato Raiola? Certo, di Mino si possono dire tante cose, ma non che non sappia riconoscere un grande calciatore. Lo si è visto con Pogba, con Ibrahimovic, con Donnarumma. Certo, non ha mai detto che Mattioni era un Renoir, perché sapeva di non doversi sconfessare. Però questa difesa a Balotelli fa capire quanto l'italolandese creda in lui. Anche da un punto di vista mediatico, perché è impensabile credere a un giocatore che per anni (sono già tre di fila) fa flop più o meno su tutta la linea. Così, dopo la preconvocazione, bisogna interrogarsi su chi è Balotelli. Sicuramente è una creatura, oltre che di se stesso, della stampa italiana. Quella che s'accalca per la prima conferenza a Nizza - pur mai banale - e che saluta al campione rinato dopo i primi due gol. Quello che lo prende in giro per il due in pagella per l'Equipe (senza probabilmente conoscere i voti del giornale francese) o che lo reputa sempre acerbo quando viene escluso per un problema. Balotelli ha bisogno di un oblio mediatico anche per non credersi più di quel che è. Già il fatto di non essere stato convocato all'Europeo può essere una discreta sveglia, coccolarlo non aiuta.

Ecco, l'isteria per Balotelli è più o meno paragonabile a quello che è successo all'Inter per Frank de Boer. La partita con il Beer Sheva era un imbarazzo totale, ma è pur sempre una partita di Europa League, la prima, senza grande valore sulla qualificazione al turno successivo. De Boer ha avuto grossi problemi ma anche un tempo esageratamente limitato per capire un calcio completamente diverso da quello olandese, solitamente offensivo e senza dettami tattici capaci di irretire un avversario più forte. L'Inter aveva bisogno di partite, di giocare, di conoscersi. Perché Banega è un giocatore di classe mondiale, Joao Mario, pur con una valutazione eccessiva, ha comunque dato quantità e qualità rispetto a chi, come Felipe Melo e Kondogbia, aveva sì grande fisicità ma limitate doti tecniche. L'Inter ha una rosa molto competitiva, in attesa di Gabigol: ecco, la presentazione del brasiliano è più o meno come quella di Ronaldo vent'anni fa, utilizzata sì per una questione tecnica, ma anche il marketing fa la differenza nel calcio italiano. Se Gabigol dovesse rispondere alle attese sul campo diventerà davvero il "sogno" citato da Tronchetti Provera. De Boer è passato da quattro giorni da quasi esonerato - con sfida contro la Juventus a San Siro - a imperatore galattico, con l'acquario di dipendenti e le poltrone in pelle umana. La verità sta nel mezzo, come quasi sempre, il campionato è lungo e un mese può cambiare il corso degli eventi, ma senza pregiudicare del tutto la situazione.

Poi ci sono le questioni serie, importanti, quelle che cambiano davvero il corso degli eventi. Il closing del Milan è ancora in divenire, le voci si affastellano, diventano realtà se ripetute quelle x volte - e smentite senza forza - soprattutto guardando come l'Inter con Suning è tornata a essere una potenza economica del calcio globale, mentre i rossoneri hanno queste difficoltà. Eppure del caso se ne parla da parecchio tempo, ancor prima dell'avvento di Thohir. Chissà se è la volta buona.

Pensieri sparsi: Spalletti sa bene di non essere simpatico alla claque di Totti, ma forse gli sta allungando la carriera. La Fiorentina va sulle montagne russe, soprattutto come umore, mentre la Lazio ha qualche problema strutturale ma potenzialmente una grande capacità di esprimere talento. Dietro, considerando che il Crotone è la squadra più debole dell'intera Serie A, ad avere grossi limiti è l'Atalanta: tecnicamente si può salvare senza grossi problemi, l'impressione è che abbia imboccato una china pericolosa, più o meno come l'Hellas Verona dell'anno scorso. La differenza è che i nerazzurri hanno vinto una partita (e gli scaligeri dovettero aspettare parecchio) mentre i bergamaschi appaiono in confusione, un po' come Gasperini. L'isteria, in parte, ha toccato anche Allegri dopo il Siviglia e l'Inter. Ma può stare tranquillo, ha la squadra più forte d'Italia per distacco. Ed è giusto valutare le cose nel proprio complesso, non solo per un paio di risultati.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Paperumma ha rovinato tutto: immagine da ricostruire. Gli agenti bravi e quelli che fanno danni: da Raiola a Di Campli fino a Giuffredi. Inter, tocca a te! Palermo, non trema solo Zamparini... 10.07 - Doveva essere un titolo da cartone animato è stato, invece, un titolo premonitore. Paperumma non ha portato benissimo a Gigio Donnarumma che oltre a costruire la sua carriera, adesso, dovrà ricostruire la sua immagine. Un anno fa aveva l'immagine migliore del nostro campionato. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.