VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Balotelli-Prandelli: è il momento! Come Bearzot-P. Rossi. Pogba patrimonio dell'umanità: e il prezzo sale. Thohir spara Vidic copiando il Milan. Quote Milan: se fosse vero...

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
08.03.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 23974 volte

Nelle versioni più fortunate dei Mondiali azzurri, il Ct e il suo principale attaccante sono arrivati uniti alla rassegna iridata. Uniti contro tutti, compattati dalle polemiche che li riguardavano e dalla voglia di riscatto. Nel 1982 toccò a Bearzot che veniva attaccato da tutte le baronie italiche della carta stampata tranne il Guerin Sportivo, e a Paolo Rossi appena uscito dallo scandalo delle scommesse. Nel 2006 la ruota girava per Marcello Lippi, che per qualcuno non poteva allenare l'Italia al Mondiale per alcune schegge di Calciopoli che avevano lambito lui stesso e il figlio Davide, e per Francesco Totti non ancora al top della forma dopo il terribile infortunio di Roma-Empoli. Adesso ecco sulla scena Cesare Prandelli e Mario Balotelli. il Ct è arrivato lungo sulla questione della permanenza. Fino a Gennaio era un tema lontano, come lontano era il Mondiale. Ma più il Brasile si avvicina e più la pressione mediatica marca stretto il Ct, ecco che il futuro diventa argomento insistito, ossessivo e controverso. Non a caso, proprio per questa debolezza di fondo del momento, è arrivato l'attacco di Conte su Chiellini. Con Prandelli ancora saldo verso il 2016, non sarebbe accaduto nulla, E' questo allora il momento di fare l'alleanza d'acciaio con l'altro bersagliato di lungo corso, Mario Balotelli. Tanto casino per nulla. Niente ping pong e niente problemi alla spalla: ieri si è allenato benissimo (mezz'ora di immagini su Milan Channel lo confermano più di ogni altra cosa), ed è recuperato. Cesare e Mario, la strana coppia deve diventare lo zoccolo duro delle motivazioni azzurre. Ci sembra un buon inizio di Mondiale.

Ottimo il presidente Agnelli. Tempestivo e attuale, connesso, rapace. Due anni fa Mino Raiola alzò la posta sul tavolo del PSG parlando di Ibra come della Gioconda. Andrea dice, questa volta ci penso io. E sfrutta abilmente la prestigiosa vetrina dell'UNESCO per dichiarare Paul Pogba patrimonio dell'umanità. Sarà una griffe che seguirà come una scia luminosa Pogba nei titoli di tutti i giornali e di tutti i siti del mondo. E il prezzo sale. Quando un Club decide di tenere un big e di investire su di lui nel medio-lungo periodo ne parla il meno possibile. Lascia che lo facciano gli altri. Ieri il presidente Agnelli è sceso in campo su Pogba. Come dire, ok Mino sei bravo, ma questa volta ci penso io. La volata di Pogba è iniziata.

Per anni l'interismo ha costruito la sua diversità sul Milan, puntando sull'orgoglio del silenzio. Noi non siamo come il Milan che ogni volta che fa una cosa la spara come se fosse lo sbarco della Luna. Noi siamo seri, non siamo mediatici. E così via. Intanto il fatturato, proprio perché le vittorie del 2010 sono state festeggiate a pane e salame e non potenziando brand e marketing come quei successi meritavano, il fatturato scendeva fino a 180 milioni l'anno con la necessità impellente di vendere subito. E il Milan con il suo appeal mediatico restava stabile sui 260 milioni. Oggi con Thohir la musica è cambiata. Arriva Vidic, 33 anni a Ottobre, con alle spalle una indubbia carriera ma una brutta stagione con lo United, e il Sito nerazzurro urla con la sua homepage il nuovo acquisto. Esattamente come ha sempre fatto il Milan. Chissà come la prenderanno i duri e i puri.

31 Luglio 2012, intervista del presidente Berlusconi a Milan Channel. Presidente, le porte sono aperte a nuovi investitori? Risposta: "Magari, a patto che siano figure realmente in grado di fare e di volere il bene del Milan collaborando con noi". La posizione del presidente da 28 anni del Milan non è mai cambiata. Le smentite di Fininvest non sono le trite e ritrite smentite da calciomercato con cui il giornalismo sportivo italiano si trova periodicamente a dover fare i conti. Sono smentite scolpite. Aggiornarsi, consultarsi, su tutte le aziende del Gruppo è un conto, vendere è tutt'altra cosa. E Silvio Berlusconi, il presidente dei 28 trofei in Italia, in Europa e nel Mondo, il Milan non lo vende. E' dal 2009 che ritualmente, su questo tema, si dimostrano molto più attendibili le smentite che le sparate. Il Milan in termini di brand e storia inimitabili costa molto e ha un palmares difficilissimo da eguagliare. Ecco perché il presidente Berlusconi il 31 Luglio 2012 a Milan Channel, rispose: "Magari...".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.