HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Totopanchina Juve: chi sarà l'erede di Allegri?
  Simone Inzaghi
  Maurizio Sarri
  Pep Guardiola
  Sinisa Mihajlovic
  Didier Deschamps
  Mauricio Pochettino
  Josè Mourinho
  Antonio Conte

La Giovane Italia
Editoriale

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna…

Direttore TuttoMercatoWeb e Sportitalia
22.04.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 31002 volte
Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna…

Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci una delle tue perle?) chiede una scala e un cacciavite e smonta la scritta “Cucina italiana” al vichingo che aveva fatto uno spaghetto senza far neanche bollire l’acqua. Anche la scena del clacson mi ha fatto piegare. Ma, ripeto, peccato che fosse la trentesima volta che vedevo il film di Checco Zalone. Eppure faceva ridere ancora. Stesso discorso del calcio italiano. Vedi sempre le stesse scene, non cambia mai nulla, nessuno fa qualcosa di nuovo e alla fine del film piangi sempre. Ogni anno la stessa storia: la Juventus deve vincere la Champions League, il Napoli deve provare a vincere lo scudetto e l’Inter fa il mercato migliore di sempre per ridurre il gap dal vertice. Finale: sempre lo stesso. Tra una scena e l’altra cambiano gli spot (elettorali o se volete anche pubblicitari). Il sistema decide di seguire la scia di Fifa e Uefa e allora si punta, a chiacchiere e non a fatti, sul calcio femminile. Io vengo accusato di essere sessista perché dico che il calcio femminile non mi piace, ad esempio mi piace più il volley femminile che il maschile, ma qui non è un problema di genere bensì di sport e di gusto sportivo e dimentichiamo i veri problemi del sistema calcio (maschile). Il femminile viene spinto (e sappiamo tutti perché) ma i primi a non credere nel progetto sono i vertici federali. Se lo considerano anche dilettantismo un motivo ci sarà e non si fa nulla di concreto per far crescere un sistema che non interessa a nessuno se non allo 0,5% delle atlete impegnate in questa disciplina. Rispetto per tutti ma prima di nuovi esperimenti vorremmo che la Figc si occupasse dei problemi seri e concreti del calcio italiano. Non basta uno Stadium aperto gratuitamente, con il sole e con la serie A ferma, per dimostrare che c’è interesse verso questo sport. Così come non ce ne frega nulla delle squadre B. In Spagna funzionano perché hanno un’altra concezione e sono partiti con criteri ben precisi. Qui ha ragione Lotito: meglio le multiproprietà che le squadre B. Quanti tifosi della Juventus, su 14 milioni, nel week end si informano del risultato della squadra di Zironelli? Nessuno. In Italia non abbiamo le strutture per far giocare la Primavera, con calciatori che il sabato prima giocano tra giovani e la domenica dopo fanno l’esordio in prima squadra o segnano all’Olimpico contro la Lazio. Sui giovani bisogna puntare. Senza strutture non esisteranno mai squadre B o C. La Juventus ha giocato un anno intero nel deserto di Alessandria, ditemi voi a cosa o a chi è servito questo campionato? Mokulu al posto di Ronaldo lo vedrei bene ma sinceramente, scherzi a parte, non vedo mezzo calciatore della Juventus B che il prossimo anno possa fare al caso di Allegri. Ora c’è il dibattito se andare avanti oppure no. Fermatevi. In C mandate le piazze che lo meritano, sviluppiamo il territorio, premiate le società sane e non facciamo politica anche su queste cose. Non ci lamentiamo, poi, se a metà aprile la Juventus è uscita con l’Ajax dei baby, che il Napoli non ha visto palla in 180 minuti con la quarta forza della Premier e che l’Inter ha fatto un giro turistico, prima in Champions e poi in Europa League. Oppure il Milan che è uscito dall’Europa senza mai entrarci dalla porta principale. Siamo indecenti nel sistema politico e lo specchio non può essere che quel rettangolo verde. Avevamo copiato agli inglesi il boxing day, la chiusura anticipata del calciomercato, agli spagnoli le squadre B e a non so chi la figata del calcio femminile. Siamo in Italia, facciamoci copiare dagli altri, altrimenti, facciamo come Checco prendiamo una scala e togliamo la scritta “Calcio Italiano” da qualche insegna. Non contiamo più nulla. Mi è piaciuta, invece, l’apertura di Gravina all’Associazione dei Procuratori e mi piace anche che un calciatore non possa avere un procuratore fino ai 16 anni, lo può avere fino ai 18 ma l’agente non può prendere soldi e poi inizia una nuova vita. Mi piace l’idea - anche se so bene che è una presa in giro - perché i procuratori hanno già bloccato il baby prodigio a 12 anni e dai 16 anni ai 18 anni non lavorano gratis, al massimo prenderanno soldi a nero. Quindi mi piace l’idea ma conosciamo già l’inganno. Domanda: tra poco partirà la sessione estiva di calciomercato, saprete dirci quando è fissata la chiusura? Casomai ditecelo prima del 31 luglio. Please.
La festa della Juventus è sacra, giusta, da applausi ma mi è sembrata la festa di un bambino di 5 anni. I genitori preparano tutta la casa, festoni, torta, animatori e palloncini. Sull’invito c’è scritto: inizio festa ore 18. Alle 19 non c’è nessuno, alle 20 si presenta solo un bambino e alle 21 è tutto finito. Che ansia. Chi lo dice al bambino che deve festeggiare il suo compleanno? Tenero, cucciolo. Così è sembrata la festa scudetto della Juventus. Striscioni capovolti, tifosi in sciopero, cori contro i napoletani e una festa forzata. Festeggiamo lo scudetto perché va festeggiato ma quattro giorni prima eravamo ad un funerale. Il calcio è infame. Si giudicano solo i risultati ed è anche giusto che sia così. Il risultato principale, quest’anno come lo scorso, la Juventus l’ha cannato. Non ci sono troppe spiegazioni. Ripartire da Allegri è una forzatura, servirebbe un’ondata di freschezza.
Obiettivo fallito anche per il Napoli che dallo scudetto si allontana e non si avvicina. In Europa esce troppo presto e male, senza aver mai visto la palla in 180 minuti di monologo londinese. Serviva Ancelotti, il re della panchina, per una stagione così? No. Non chiedevamo lo scudetto, certo, e neanche un trofeo. Chiedevamo, come si fa a bocce, che si avvicinasse al pallino e non che buttasse la boccia in fronte al vecchietto che sta vedendo la partita in fondo in fondo. Ancelotti nulla. Ha mirato il pallino e ha colpito De Laurentiis in fronte che, almeno, gode della promozione del suo Bari. Anche qui di vincente, però, c’è poco. Come accadde in C, con il Napoli, De Laurentiis per vincere un campionato deve spendere almeno il doppio dei competitors altrimenti non lo vince. Così in D, in C, in B e in A… Il Bari vince la D ma con i soldi di Brianza, Simeri, Bolzoni, Di Cesare, Iadaresta e tutta la compagnia il campionato lo avrebbe vinto anche l’Igea Virtus.
Complimenti a Semplici e alla Spal. Conquistare, virtualmente, la salvezza con cinque giornate di anticipo equivale a conquistare uno scudetto con altrettante gare di anticipo. Ferrara è un esempio da seguire. Stadio sistemato e bello, società seria, allenatore top, squadra costruita con intelligenza da Vagnati. Che ci fanno questi in A che due anni fa erano in C? La mia domanda. La risposta era semplice: vabbè, fatevi due giri a San Siro e due giri all’Olimpico e tornerete in C, in due tre anni, come altre realtà provinciali. Loro no. Sono stati bravissimi. A Bologna hanno rischiato pesante con Inzaghi ma Sinisa ha messo tutto a posto. Adesso il jolly, contro l’Empoli, per chiudere i giochi salvezza. Saputo è intervenuto tardi ma quando l’ha fatto ha svoltato. Sinisa è perfetto per portare la barca in porto e a Bologna ha fatto un ottimo lavoro. Bologna ha confermato che Pippo Inzaghi era un grande bomber, un grandissimo sciupafemmine (e per questo avrà sempre la nostra stima), ma l’allenatore a grandi livelli è un’altra cosa. La B è già grasso che cola. Aveva ammazzato il Bologna senza farlo mai giocare a calcio con 11 persone colorate di rosso e blu dietro la linea della palla. Sinisa ha ridato fiducia ed organizzazione ad una squadra, non forte, ma neanche da buttare a mare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Guardiola alla Juve, tutto vero. L’operazione è ancora in piedi. Si tratta con il Tottenham per Pochettino al City. Sarri proposto da Ramadani. Il Milan vira su Inzaghi. Fiorentina verso la cessione 24.05 - Guardiola e la Juve, è tutto vero. In questo momento nessuno può avere la certezza al mille per mille di come finiranno le cose, ma sicuramente a questa operazione si sta lavorando da tempo, ci sono state delle proposte accettate, degli accordi già presi e siamo alla stretta finale....

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve e la panchina, Inter e Milan e l’ultima curva Champions 23.05 - Non si parla d’altro. Da giorni. Ed è inevitabile che sia così: quando la panchina di una delle squadre più importanti in Europa è ancora da assegnare è ovvio che ci sia grande fermento, soprattutto fra la tifoseria. Che non si fa prendere dal panico: sa che la società è solida e...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte: firmato il precontratto! La Juventus sempre più avanti per Sarri. Cosa ci faceva Allegri a Londra il 7 maggio? Ecco chi c’era nello stesso albergo negli stessi giorni… 22.05 - Non c’è tempo per discettare e o poetare, il mercato allenatori è già sangue e sudore, e le notizie si accavallano. Partiamo dalla prima. Lo posso annunciare in anteprima: Antonio Conte ha firmato per l’Inter! Il segreto meno segreto del 2019, con l’accordo pendente da settimane,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510