VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Benitez, football is something else! Mancio, ma che razza di Inter è questa? Palazzi e la Covisoc: ma il nero non è reato?

Nato ad Avellino il 30-09-1983, si è trasferito a Milano per lavorare ad Eurosport e Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb dal 2007 e di Sportitalia. Conduttore del Gran Galà del Calcio AIC 2011 e 2012, fondatore della società Micri Communicat
06.04.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 36880 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Due anni fa scrissi delle lacune di Benitez sul campionato e i pregi sul torneo corto. Venne giù il mondo. Dal classico "sei antinapoletano" o al generico "siete servi del Nord". C'è un dato di fatto, o meglio ancora statistico, che fa prevalere le lacune di Benitez durante il campionato e in Italia è peggio che andar di notte. Il Napoli è sprofondato, in una stagione in cui aveva l'obbligo morale di riconquistare la Champions dopo la notte di Bilbao e avrebbe avuto almeno l'obbligo di provare a vincere lo scudetto. Non parliamo di tricolore perché Benitez non ci credeva neanche ai nastri di partenza, ma almeno un "misero" terzo posto deve essere obbligatorio per una squadra che ha alzato notevolmente il proprio tetto ingaggi. Benitez è figlio del paradosso. Pareggia in casa con tutte le piccole, lascia 4 giorni di riposo alla squadra come premio perché ha nostalgia di Liverpool, lavora su una preparazione atletica da professore di ginnastica al liceo e come manager è completamente da rivedere. Almeno in Italia, le squadre si iniziano a costruire dalla difesa; lui ha toppato mezzo mercato. Continuiamo a chiederci l'utilità di un Direttore Sportivo, come Bigon, se non parla alla squadra quando le cose vanno male e se non è lui in prima persona a decidere le strategie di mercato. Altra cosa fuori dal normale: un vero Direttore non va in panchina. Bigon si decida, una volta per tutte, se vuole fare il team manager a vita o vuole divertirsi nel calcio stando a protestare con il quarto uomo per un gol dubbio dell'avversario. Faccia chiarezza anche Aurelio De Laurentiis su cosa vorrà fare da grande. Se sei il Presidente del Sassuolo nessuno ti stressa, perché tutto quello che viene è oro, ma se hai deciso di fare calcio a Napoli significa che hai le spalle larghe e hai messo in preventivo che, prima o poi, dovrai pensare a vincere. I napoletani sono così: vogliono sempre il massimo, perché ti danno anche l'anima e pur di tifare per il Napoli si priverebbero delle vacanze al mare, di una cena al ristorante ma non si priverebbero mai del Napoli e del casatiello a Pasqua. A maggior ragione, al tifoso azzurro girano come in un frullatore se sa che la famiglia del suo Presidente è riccamente ricompensata dal club della città. Il crollo del Napoli non ha una spiegazione e neanche una logica, così come molte scelte di Benitez che non si sta confermando neanche un professionista esemplare non dando risposte sul suo futuro che, oggettivamente, stanno condizionando l'andamento della squadra.
Peggio del Napoli, neanche il Parma che ha salvato almeno la dignità. Peggio del Napoli, l'Inter. Mancini, una delusione dietro l'altra. Quando Roby è arrivato a Milano nessuno avrebbe immaginato che a Pasqua, l'interista più incazzato avrebbe rimpianto Mazzarri. Invece è successo. Una squadra senza valori, dignità e ferocia agonistica. Va bene il british style, Mancio, ma quando c'è da prendere a calci chi va in campo non farti scrupoli. Benissimo l'allenamento mattutino il giorno di Pasqua. La categoria dei calciatori è pericolosissima. L'importanza della loro vita professionale è così suddivisa (ovviamente parliamo della maggior parte dei casi e non dei pochi professionisti in circolazione). 1) Il conto corrente in banca 2) Il contratto degli anni successivi 3) La bella vita e le belle donne 4) La preoccupazione più grande: quanti allenamenti a settimana dobbiamo fare 5) La lunghezza delle vacanze natalizie ed estive 6) Comprare l'auto più bella e la casa più grande del compagno. Pensate in che mani un allenatore e una società devono finire. L'Inter non ha gioco è vero ma, soprattutto, non ha un briciolo di dignità calcistica. Prima di pretendere, bisogna dare. Sempre e comunque.
In chiusura vogliamo tornare ad occuparci della politica e della giustizia del calcio italiano. Siamo nelle mani di Stefano Palazzi e dei suoi uomini. Massimo rispetto per le autorità e per coloro che cercano sempre di far prevalere la verità. Però, siccome abbiamo ampia fiducia nel lavoro del Procuratore Federale, vogliamo capire come si effettuano le indagini e da dove partono. Palazzi è un napoletano atipico. Parla poco, non si vede mai ma fa sentire il suo peso. Il rapporto con l'Alta Corte di Giustizia Federale e con gli altri gradi non è sempre idilliaco e, molte volte, occorre la sapienza del Professor Artico per far prevalere la legge dello sport all'inciucio calcistico. Siamo in un Paese del terzo mondo, dove a prevalere è sempre il furbetto del quartierino e a pagare non è mai il pluriomicida ma il ladro di caramelle. Mentre Corona è in carcere, in Sicilia il figlio di Provenzano fa da guida turistica agli stranieri spiegando cos'è la mafia. Nel nostro calcio, Palazzi non è ancora riuscito a frenare due flussi che stanno ammazzando tutti i campionati italiani: i pagamenti a nero e le scommesse clandestine. Calciatori arrestati dalla Procura di Cremona, oggi, sono regolarmente in campo e fanno la differenza, mezza serie B e quasi tutta la Lega Pro chiude accordi economici con calciatori che guadagnano il 30% a busta paga e il 70% a nero; il che significa che le società e gli stessi professionisti dichiarano al fisco solo il 30%. I contributi? Un optional per queste società che ogni mese non hanno mazzate rispetto a chi deve pagare molti più soldi perché il nero a contratto non è previsto. Palazzi è la nostra speranza, non la nostra condanna. Artico deve essere il pioniere di un calcio pulito, le sue indagini devono andare oltre i report farlocchi di una Covisoc assente e senza senso. Spiegatemi a cosa serve una Commissione di vigilanza se non vigila sui pagamenti a nero, sui rimborsi fuffa a procuratori che si divertono a fare bollino blu, bollino rosso come se stessimo decidendo la provenienza di una banana. In Italia è più grave pagare, non gli stipendi attenzione ma un mese di contributi con 12 giorni di ritardo, che pagare da 10 anni stipendi a nero, comprarsi le ultime 6-7 partite promettendo contratti futuri agli avversari di turno e indagare su Presidenti che combinano le partite e scommettono sulle stesse sui mercati asiatici. Palazzi, aiutaci a capire. Vai avanti e saremo con te fino a che morte non ci separi. Vogliamo un calcio pulito, dove a pagare non siano sempre i soliti fessi ma i soliti truffatori professionisti. E' un grido di allarme per salvare quel briciolo di dignità a questo mondo che l'ha persa del tutto.
Seguiranno aggiornamenti, con accurata descrizione dei fatti, nelle prossime puntate.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.