HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
16.07.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 48433 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi, invece, lo ha visto per il sistema. Cristiano Ronaldo porta prestigio alla serie A, soldi e - a Torino - sperano anche una grande coppa. Non è una equazione scontata, ci mancherebbe, ma la Juventus sul mercato ha vinto la Champions del 2018. Portare CR7 in Italia, in questa sessione, è stato un colpo di classe. E gli operai di Melfi? Purtroppo non si rendono conto che Ronaldo e il calcio sono su un altro pianeta, diverso dal nostro, e questa operazione non ha nulla a che fare con noi comuni mortali. Qui stiamo parlando di un'azienda che acquista un'altra azienda. Una specie di fusione per i prossimi quattro anni, con giro d'affari pazzesco per tutti. Oggi ci sarà il Ronaldo day, eppure, la Juventus sta facendo di tutto per nascondere il suo colpo e non ha alcuna intenzione di renderlo un colpo mediatico. Volontà di Ronaldo o strategia comunicativa della Juventus? Questo non lo sappiamo ma, certamente, l'arrivo nascosto del fenomeno a Caselle, durante la finale del Mondiale, stride nell'era dei bagni di folla negli aeroporti italiani. La riservatezza è giusta ma è anche giusto presentare Ronaldo diversamente da Perin e Cancelo. Perché tutti sappiamo che è il numero 1 al mondo. Ronaldo avrebbe meritato uno Stadium pieno, ingresso riservato solo a maglie numero 7 e ad uno spettacolo di presentazione. C'è chi la pensa in modo diverso, certo, ma quando fai un colpo così, una volta ogni 50 anni o forse il primo così ad effetto nella storia, non può passare in secondo piano. Vedremo oggi cosa dirà Ronaldo. L'Italia lo abbraccia sperando che porti un'ondata di entusiasmo in tutto il sistema e attiri altri campioni. La Juventus non aveva bisogno del portoghese per vincere quello che già vince ma ha bisogno, eccome, di lui per tentare l'assalto a questa maledetta Coppa dei Campioni. Per un Cristiano che arriva, un Gonzalo che potrebbe andare. Sono arrivati i giorni di Sarri. Adesso tocca, in fretta, al mercato. Nella stiva di Sarri c'era Jorginho, nel bagaglio a mano dovrebbero esserci Rugani e Higuain. Gonzalo, a Torino, ha fatto bene. Due annate positive ma non ha lasciato il segno come a Napoli. Sotto il Vesuvio ha scritto pagine indelebili, sotto la Mole ha seguito in filone e si è limitato ad andare in coro con gli altri componenti dell'orchestra. Con l'arrivo di Cristiano Ronaldo rischierebbe di essere sempre più offuscato ma, soprattutto, per questioni bilancistiche converrebbe venderlo adesso e non tra un anno. L'operazione papà-Sarri sarebbe fantastica per tutti e anche Gonzalo ci guadagnerebbe in Premier.
Giorni caldi al Milan. Elliot sta cambiando il club ma se può farlo, da subito, a livello economico dovrà aspettare almeno un'altra estate per cambiare reparto tecnico. Pensare ad un nuovo Direttore Sportivo e ad un nuovo allenatore oggi, ad un mese dal campionato, sarebbe folle. Mirabelli e Gattuso, da quando hanno iniziato a lavorare insieme, hanno seminato benissimo e ora sono pronti alla raccolta. Nonostante l'assenza della proprietà. Meritano una chance vera e, a fine maggio, si potranno tirare le somme. Il Milan ha, dopo un anno, un valore nella rosa che prima non aveva e a bilancio ha molte meno commissioni degli anni precedenti. Frutto di un lavoro onesto e certosino, iniziato la scorsa estate; con l'unica eccezione di aver sbagliato la conferma di Montella. Questa squadra ha bisogno di tre rinforzi, di soldi e di ordine. Non ha bisogno di un nuovo DS o di un allenatore. Elliot ha le idee chiare ma deve creare, non distruggere. Il Milan ha toccato il punto più basso degli ultimi anni, ora deve rialzarsi e ripartire. Ripianare e tornare in due anni ai vertici del campionato italiano e in quattro deve tornare competitivo in Europa. Tanti anni persi, troppi, e pessima gestione economica delle ultime stagioni sportive.
A Napoli, invece, sono in attesa di colpi pesanti. Ha ragione De Laurentiis quando dice che il colpo già l'ha fatto (Ancelotti) ma è anche vero che la Juventus rischia di staccarsi e l'Inter sta migliorando sempre di più. Il Napoli, come le altre, non ripartirà dai punti in classifica dell'ultima giornata ma ripartirà da zero. Già ripetersi è quasi impossibile. Figuriamoci migliorarsi. De Laurentiis deve regalare due top player ad Ancelotti anche in chiave Champions, altrimenti per il Napoli sarà inevitabile un passo indietro rispetto all'ultima stagione. Questa soddisfazione, a distanza, a Sarri non può darla. Il mercato del Napoli, fin qui, è stato sufficiente ma non scoppiettante. Anche se è già una buona base ripartire dalle conferme. Un centrocampista e un attaccante dovrebbero essere le priorità, insieme ad un esterno. Il Napoli deve difendere il ruolo di anti-Juve ma la concorrenza di Inter e Roma si fa sempre più agguerrita. Lo scudetto? Se non l'ha vinto lo scorso anno, difficilmente potrà riuscirci adesso. Ma, almeno in Champions, sicuramente si potrà fare meglio della scorsa stagione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

L'umiltà di CR7 e una rosa pazzesca: il buongiorno della Juve. Il bilancio del mercato: la rinascita di Milano. De Laurentiis stecca, Ancelotti no. E' stata l'estate dei grandi agenti e intermediari 19.08 - L'antipasto del campionato, ripartito sotto i riflettori quando forse era lecito aspettarsi una più sensibile e umana commozione da parte delle alte sfere del nostro pallone, è stato quel che ci aspettavamo. Il Chievo che alza le sue Maginot, la Juventus ancora sulle gambe, Cristiano...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy