HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
16.07.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 48454 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi, invece, lo ha visto per il sistema. Cristiano Ronaldo porta prestigio alla serie A, soldi e - a Torino - sperano anche una grande coppa. Non è una equazione scontata, ci mancherebbe, ma la Juventus sul mercato ha vinto la Champions del 2018. Portare CR7 in Italia, in questa sessione, è stato un colpo di classe. E gli operai di Melfi? Purtroppo non si rendono conto che Ronaldo e il calcio sono su un altro pianeta, diverso dal nostro, e questa operazione non ha nulla a che fare con noi comuni mortali. Qui stiamo parlando di un'azienda che acquista un'altra azienda. Una specie di fusione per i prossimi quattro anni, con giro d'affari pazzesco per tutti. Oggi ci sarà il Ronaldo day, eppure, la Juventus sta facendo di tutto per nascondere il suo colpo e non ha alcuna intenzione di renderlo un colpo mediatico. Volontà di Ronaldo o strategia comunicativa della Juventus? Questo non lo sappiamo ma, certamente, l'arrivo nascosto del fenomeno a Caselle, durante la finale del Mondiale, stride nell'era dei bagni di folla negli aeroporti italiani. La riservatezza è giusta ma è anche giusto presentare Ronaldo diversamente da Perin e Cancelo. Perché tutti sappiamo che è il numero 1 al mondo. Ronaldo avrebbe meritato uno Stadium pieno, ingresso riservato solo a maglie numero 7 e ad uno spettacolo di presentazione. C'è chi la pensa in modo diverso, certo, ma quando fai un colpo così, una volta ogni 50 anni o forse il primo così ad effetto nella storia, non può passare in secondo piano. Vedremo oggi cosa dirà Ronaldo. L'Italia lo abbraccia sperando che porti un'ondata di entusiasmo in tutto il sistema e attiri altri campioni. La Juventus non aveva bisogno del portoghese per vincere quello che già vince ma ha bisogno, eccome, di lui per tentare l'assalto a questa maledetta Coppa dei Campioni. Per un Cristiano che arriva, un Gonzalo che potrebbe andare. Sono arrivati i giorni di Sarri. Adesso tocca, in fretta, al mercato. Nella stiva di Sarri c'era Jorginho, nel bagaglio a mano dovrebbero esserci Rugani e Higuain. Gonzalo, a Torino, ha fatto bene. Due annate positive ma non ha lasciato il segno come a Napoli. Sotto il Vesuvio ha scritto pagine indelebili, sotto la Mole ha seguito in filone e si è limitato ad andare in coro con gli altri componenti dell'orchestra. Con l'arrivo di Cristiano Ronaldo rischierebbe di essere sempre più offuscato ma, soprattutto, per questioni bilancistiche converrebbe venderlo adesso e non tra un anno. L'operazione papà-Sarri sarebbe fantastica per tutti e anche Gonzalo ci guadagnerebbe in Premier.
Giorni caldi al Milan. Elliot sta cambiando il club ma se può farlo, da subito, a livello economico dovrà aspettare almeno un'altra estate per cambiare reparto tecnico. Pensare ad un nuovo Direttore Sportivo e ad un nuovo allenatore oggi, ad un mese dal campionato, sarebbe folle. Mirabelli e Gattuso, da quando hanno iniziato a lavorare insieme, hanno seminato benissimo e ora sono pronti alla raccolta. Nonostante l'assenza della proprietà. Meritano una chance vera e, a fine maggio, si potranno tirare le somme. Il Milan ha, dopo un anno, un valore nella rosa che prima non aveva e a bilancio ha molte meno commissioni degli anni precedenti. Frutto di un lavoro onesto e certosino, iniziato la scorsa estate; con l'unica eccezione di aver sbagliato la conferma di Montella. Questa squadra ha bisogno di tre rinforzi, di soldi e di ordine. Non ha bisogno di un nuovo DS o di un allenatore. Elliot ha le idee chiare ma deve creare, non distruggere. Il Milan ha toccato il punto più basso degli ultimi anni, ora deve rialzarsi e ripartire. Ripianare e tornare in due anni ai vertici del campionato italiano e in quattro deve tornare competitivo in Europa. Tanti anni persi, troppi, e pessima gestione economica delle ultime stagioni sportive.
A Napoli, invece, sono in attesa di colpi pesanti. Ha ragione De Laurentiis quando dice che il colpo già l'ha fatto (Ancelotti) ma è anche vero che la Juventus rischia di staccarsi e l'Inter sta migliorando sempre di più. Il Napoli, come le altre, non ripartirà dai punti in classifica dell'ultima giornata ma ripartirà da zero. Già ripetersi è quasi impossibile. Figuriamoci migliorarsi. De Laurentiis deve regalare due top player ad Ancelotti anche in chiave Champions, altrimenti per il Napoli sarà inevitabile un passo indietro rispetto all'ultima stagione. Questa soddisfazione, a distanza, a Sarri non può darla. Il mercato del Napoli, fin qui, è stato sufficiente ma non scoppiettante. Anche se è già una buona base ripartire dalle conferme. Un centrocampista e un attaccante dovrebbero essere le priorità, insieme ad un esterno. Il Napoli deve difendere il ruolo di anti-Juve ma la concorrenza di Inter e Roma si fa sempre più agguerrita. Lo scudetto? Se non l'ha vinto lo scorso anno, difficilmente potrà riuscirci adesso. Ma, almeno in Champions, sicuramente si potrà fare meglio della scorsa stagione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la miglior risposta al sorteggio è quella meno scontata, parola di Allegri. Inter: la cifra sul rinnovo di Icardi, le voci (esagerate) su Spalletti. Milan: la "resistenza" di Gattuso in attesa del mercato. Var: basta ostruzionismo 18.12 - Ciao. Siamo entrati nei clamorosi sette giorni del “tanti auguri a te e ai tuoi cari” che alcuni temerari trasformano da subito in “buon Natale, ma anche buon anno nuovo, a te e ai tuoi cari”. La maggior parte della gente che ti dice “a te e ai tuoi cari” odia te e anche i tuoi cari,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Disfatta europea figlia di un campionato inutile e di un sistema morto. Spalletti-Gattuso: due pesi e due misure. Gravina, servono fatti. Anche in Kosovo il mercato chiude il 31. Lega Pro, la Capotondi e il paracadute... 17.12 - Inutile girarci intorno. Possiamo dire che il PSV è diventato il Barcellona o che ad Atene il rigore non c'era ma la verità è una sola: non possiamo ridurci a tifare il Barcellona o ad attaccare l'arbitro per passare il turno in Champions League ed Europa League in situazioni di estrema...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Chi deciderà all'Inter? Spalletti rischia e non poco. Il Milan viene colpito dall'UEFA, ma non affondato. Settimana nera in Europa, ma nulla è perduto 16.12 - Il tentativo è stato quello di introdurlo con tranquillità, come una figura che mancava in una già nutrita dirigenza. Ma l'arrivo di Giuseppe Marotta rivoluziona le decisioni all'Inter, per forza di cose. Niente scossoni, nessun addio brusco, ma lo stop dei rinnovi contrattuali e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->