VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Berlusconi e Fassone, da voi pretendiamo chiarezza. Finora un solo vincitore. Pochettino e il Barcellona, Perin e la Lazio e quell'Icardi che di nome non fa Mauro... FIGC: il giorno del verdetto. Perché votare Tavecchio e perché Abodi

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
06.03.2017 13:24 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 33468 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La Juventus allunga anche quando frena: è la dimostrazione che il campionato è finito da un pezzo o, meglio ancora, non è mai cominciato. Siccome il campo regala solo noia e fatti scontati, dobbiamo trovare notizie fuori dal campo per restare svegli. Per parlare di mercato è presto, ma non prestissimo, per capire in che direzione sta andando il nostro calcio dovremmo aspettare le 15 circa di oggi.
Nel frattempo ringraziamo i fantomatici cinesi per tenerci svegli tutte le notti con il fantomatico closing. Diciamo la verità: nessuno sta capendo più nulla e - se anche Galliani è rimasto spiazzato da quest'ultimo rinvio - allora siamo in buona compagnia. Noi crediamo a quello che vediamo, a quello che leggiamo e alle comunicazioni ufficiali. Se dovessimo ipotizzare, allora, i tifosi non dovrebbero più leggere i giornali ma affidarsi agli avvocati per avere analisi più lucide. Sicuramente questa storia della cessione del Milan si è incanalata su un binario sbagliato e, comunque vada, qualcuno dovrà spiegare. Se il closing si farà, la preoccupazione del minuto riguarderà la solvibilità di questi nuovi padroni e il futuro di un club così glorioso affidato a dei cinesi che non hanno una buona fama in fase di partenza. Se il closing non si farà, allora, sarà davvero un disastro. E vi dirò di più: il vero disastro sarà per Berlusconi che - in un colpo solo - dovrà spiegare a stampa e tifosi (e ci auguriamo di finire qui) quale Santo deve ringraziare per aver incassato 200 milioni di euro senza aver venduto neanche il 2% della sua società. Ci sono troppi punti di domanda su questa cessione e troppi fari puntati addosso al Milan per poter pensare che questi cinesi siano ricchi come Mister Bee. Berlusconi dovrebbe fare delle dichiarazioni pubbliche e non rilasciare un'intervista di due righe. Fassone dovrebbe dare delle risposte e il tempo dei silenzi non è più consentito. Capiamo il patto di riservatezza, ma questa storia rischia di finire in farsa mondiale. Non possiamo leggere sul Corriere della Sera che il principale capo cordata cinese che vuole il Milan è un truffatore e il dirigente italiano che li rappresenta resta ancora in silenzio. Non possiamo pensare che Fassone faccia rescindere a MIrabelli un contratto con l'Inter e non gli abbia dato garanzie. Qui si sta giocando con la professionalità e la vita di dirigenti e, se manca la chiarezza, in questa fase, manca tutto. Fassone deve parlare. Berlusconi deve spiegare. Sinceramente restiamo convinti che una svolta debba pur esserci, altrimenti, davvero si rischia di contare morti e feriti lungo il percorso di una storia surreale. Nel frattempo c'è solo un vincitore: Adriano Galliani. L'ultima parola, l'ultimo sorriso e l'ultima zampata sono sempre sue. Nelle ultime sessioni aspettavamo sempre il colpo del Condor. Signori, nessuno ne parla ma per ora il vero colpo l'ha messo a segno il Condor al 92' con le squadre già sotto la doccia.
In Spagna, a Barcellona, non hanno problemi di closing ma hanno problemi di panchina. L'esperienza al Barça ha confermato quello che avevamo intravisto a Roma. Luis Enrique ha notevoli limiti per allenare club che puntano a vincere tutto. Il suo addio ha aperto il valzer delle panchine nel momento topico della stagione. Annuncio avvenuto nei tempi sbagliati. Il primo contatto il Barcellona l'ha avuto, mesi fa, con Koeman. Adesso si fanno altri nomi ma quello più caldo e attendibile è quello che porta a Mauricio Pochettino. I dirigenti blaugrana stanno verificando la fattibilità dell'operazione, ma vogliono sondare anche altri allenatori per non sbagliare la scelta. In Italia iniziano i movimenti di mercato. La Fiorentina sta lavorando per Giampaolo in ottica futura e spera di poter chiudere la stagione con Paulo Sousa, la Lazio cerca un portiere e l'ha individuato in Mattia Perin. L'accordo per il trasferimento alla Lazio c'è, ma Tare e Lotito hanno da sciogliere prima qualche riserva sul recupero del ragazzo dall'infortunio. Se ne riparlerà a maggio.
Avete visto Icardi come è forte e come trascina l'Inter di Pioli? Bene, non ce ne frega nulla. Lo sappiamo già. C'è un altro Icardi che ben più lontano da Milano è pronto a spiccare il volo verso una carriera importante. Di cognome fa Icardi ma di nome non fa Mauro bensì Simone. Non è sposato con Wanda e se lo becca per strada Maxi Lopez non gli gonfia la faccia. E' un ragazzo del 1996 e fa il centrocampista, un medianaccio dai piedi buoni. Icardi gioca nel Catanzaro, ieri ha anche segnato ed è un calciatore da prendere al volo. Sarebbe il classico calciatore da Chievo Verona o Sassuolo che poi parcheggerebbero un anno in serie B. Icardi ha grandi prospettive e ha tutto per fare una carriera importante. E' giovane, ha struttura fisica e ampi margini di miglioramento. Seguiamolo.
In chiusura il grande giorno del Presidente Federale. Oggi a Fiumicino, all'Hilton, sapremo chi sarà il numero 1 della FIGC per i prossimi 4 anni. Abodi sfida Tavecchio e il calcio dovrà pronunciarsi. I sondaggi premiano Tavecchio ma l'unica cosa che conta è l'urna. Verso le 15 sapremo tutto. Diretta su Sportitalia dalle 13 alle 15 per conoscere il nome del vincitore che, molto probabilmente, scopriremo solo al terzo scrutinio (50% + 1).
Perché votare Tavecchio?
1) In questi due anni ha lavorato bene e ha seminato tanto. Si era presentato male ma poi ha smentito tutti con i fatti
2) Tavecchio ha stretto rapporti politici internazionali, con Fifa e Uefa, molto importanti e strategici. Cambiare interlocutore per l'Italia sarebbe un disastro
3) Tavecchio è uomo del fare e non dell'apparire: arriva dal calcio dilettantistico e conosce benissimo tutte le categorie. Pronto a fare riforme sostanziali; il suo programma è chiaro e preciso. Se non lo rispetterà, saremo i primi a dirgli di andare a casa.
4) Piaccia o no, con Tavecchio ci sono tutte le big del nostro calcio (Juventus, Milan e Inter) e sono loro che muovo la macchina a vapore. Iniziare un mandato con queste tre società contro sarebbe da pazzi.
5) Votare Tavecchio sarebbe importante per ridurre le società in B e in Lega Pro e riformare completamente la serie D. Campionati che così allargati non servono a nessuno. Distribuiscono povertà e non ricchezza...
6) Votare Tavecchio perché in caso di vittoria di Abodi, un secondo dopo, ci sarebbero litigi clamorosi tra Abodi e i suoi principali sponsor dalla Lega Pro: Ghirelli e Gravina, vero motore della candidatura di Abodi.

Perché Votare Abodi?
1) Ottimo politico del pallone, parla bene e si presenta meglio di Tavecchio
2) Sposterebbe tutto il potere su Roma e annienterebbe la Lega Calcio con più poteri romani e meno milanesi (è un bene, sicuri?)
3) Giusto votare Abodi per dare un volto nuovo, definitivamente, alla Lega di serie B


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.