VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Berlusconi: rispettoso silenzio. Solo Milan, no vecchi e nuovi. Sarri: sembra il Conte del 2011

07.10.2017 07:26 di Mauro Suma   articolo letto 12539 volte

Da parte della dirigenza del Milan rispettoso silenzio. E non poteva essere altrimenti. Qui però a stretto contatto con la carne viva del popolo rossonero, non possiamo fischiettare per aria. Le parole del presidente Berlusconi hanno destabilizzato il clima mediatico attorno al Milan ma hanno compattato i tifosi, una considerazione la nostra che non vuole essere frettolosa o cattiva ma che è sostanzialmente realistica e in qualche modo dispiaciuta. Perchè se un uomo che ha dato una enormità al Milan in termini di storia e di prestigio viene criticato dai suoi stessi tifosi sui social, non può non dispiacere. Le frasi di questi giorni sono la conferma, se qualche figurino duro di comprendonio non ci fosse ancora arrivato, che il closing e la nuova proprietà non sono la causa di nulla, ma sono l'effetto. Di un ciclo rossonero che per tanti motivi, soprattutto interni, non è riuscito ad evolvere con la stessa velocità, dal Gennaio 2012 all'Aprile 2017, con cui è cambiato il calcio. Se una volta Sacchi dopo il Milan andava in Nazionale e Capello dopo il Milan andava al Real Madrid, mentre oggi Seedorf dopo il Milan va al Shenzhen (Serie B cinese) e Brocchi dopo il Milan va al Brescia (Serie B italiana), il tocco e l'inerzia non sono più purtroppo così magici e così trainanti. E non è certo una colpa di qualcuno, ma il semplice discrimine fra una presidenza epocale e un calcio che cambia pelle ogni minuto. Al presidente Berlusconi avevano reso miglior servizio le ultime parole di Arrigo Sacchi ("Si è pentito di non aver preso Sarri quando glielo consigliai") che le sue stesse frasi al Corriere. Per il resto, giusto parlare in termini rispettosi e non frettolosi di Riccardo Montolivo. Peccato che da Seedorf ("Tu per me non rappresenti nulla") in poi, il buon Monto sia stato costantemente indicato al pubblico ludibrio, anche se non certo dal presidente Berlusconi, come un certo tipo di uomo e un certo tipo di giocatore. Riccardo andava sostenuto e tutelato prima, non preso a pretesto adesso.

Veniamo a noi. Il Milan ha una rosa che può lottare per il terzo e per il quarto posto fino all'ultima giornata di Campionato. Letto, firmato e sottoscritto. Perchè questo accada devono essere valorizzate tutte le componenti della rosa. Nessuna esclusa. Perchè il Milan è da terzo-quarto posto, senza garanzie e se gli episodi iniziano ad andare dalla parte giusta perchè la concorrenza è molto forte, se aggiunge la sua grandissima campagna acquisti alle certezze delle ultime stagioni. Vero che tutta la spina dorsale del Campionato del ritorno in Europa ha finito la scorsa stagione gravemente infortunata (Abate, Montolivo, Bonventura, Romagnoli), ma sembra di cogliere dell'altro. E' fisiologico e quasi inevitabile che con  l'arrivo di 11 giocatori in un gruppo, si possa creare lo strato del "nuovi" e lo strato dei "vecchi". Ma la mano non deve rimanere aperta, l'atmosfera non deve restare irrisolta, fra cose dette e cose non dette, sensazioni sussurrate e sensazioni implose. Il pugno si deve chiudere per colpire. E ognuno deve mettere la sua falange. Perchè la grande campagna acquisti rossonera dell'estate 2017 non è in questo momento una addizione? Perchè bisogna sottrarre lo zoccolo duro della scorsa stagione. Donnarumma, Romagnoli, Suso, Bonaventura, ci sono, sono loro, li vediamo, li riconosciamo, sono sempre seri e professionali, ma non sono ancora quelli veri, quelli giusti, quelli decisivi e responsabilizzati della scorsa stagione. Il modulo di gioco? Anche l'ultimo Seedorf, giocatore meraviglioso, era rientrato a centrocampo dopo aver vinto la Champions League in attacco perchè davanti c'erano Ibra, Boateng e Robinho. Mutatis mutandis, non deve esserci nessun problema per Jack che sempre a centrocampo aveva iniziato la scorsa stagione con Suso, Bacca e Niang davanti. Lo stesso, più o meno, dicasi per Suso che anche nel 3-5-2 può allargarsi per andare a far male dove gli viene meglio, mentre la punta, gli inserimenti da centrocampo, si possono preparare a sfruttare i suoi palloni come benissimo si fece a Doha. Il Milan c'è e lo spazio c'è per tutti. Non devono esserci permalosità o questioni di principio. Dialogando molto, perchè non si dialoga mai abbastanza, il Milan non è lontano dal mettere a posto tutto e dal trovare la quadra. Deve volerlo. Parlandosi e guardandosi dentro. Il Milan è sempre quella cosa che il nome dietro la maglia conta molto meno dello stemma sul petto. Nelle stagioni cruciali è fondamentale ricordarselo e metterlo in pratica. Non ogni giorno. Ma ogni minuto. Il derby, gli avversari, le critiche, l'Europa, la stagione: ebbene sì, ne vale la pena.

Napoli-Juve: come finirà? Una sosta con i partenopei davanti ai bianconeri dovevano non solo raccontarcela ma farcela vedere bene, perchè ci potessimo credere. La Juventus come macchina da calcio e come singoli resta superiore, ma il Napoli tira dritto. Sarri e De Laurentiis non hanno ancora detto una parola sulla Var, anche se in loro soccorso è giunto Spalletti parlando di "vantaggi" da parte di chi critica la tecnologia arbitrale. Spalletti si sente in lizza, essendo a pari punti con i bianconeri, e ci prova gusto, anche se non risultano allo stato ancora suoi commenti alle frasi di Ancelotti: "Dall'Inter non ci hanno mai chiesto Vidal". Ma come? E le promesse? E il vengo qui a dirvelo se non le mantengono? Ne deve ancora passare di calcio sotto i ponti in questa stagione. Buffon e Allegri sbagliano a mostrare il loro nervo scoperto sulla Var, così come Marotta e Paratici. Non vogliamo dare consigli a nessuno, ma ricordiamo il 2011-2012 e il lungo duello fra il secondo Milan di Massimiliano Allegri e la prima Juve di Antonio Conte. Oggi sembrano essersi invertite le parti, con un allenatore sempre dalla stessa parte. Allegri, quello dalla parte più nervosa. Nel 2011-12 il Milan si innervosiva, si stizziva e dichiarava, la Juventus no, zitta, compatta e pancia a terra. Ecco, nella Juventus di oggi rivediamo quel Milan e nel Napoli di oggi rivediamo quella Juventus. Ma saranno sicuramente illusioni ottiche di inizio Ottobre...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata 13.04 - Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef. IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le lezioni di Juve e Roma: a tutti. Sarri e il suo sogno e i prestiti “vietati” 12.04 - È una beffa. Forse la peggiore. Un rigore, di cui discuteremo anche a lungo, nel tempo di recupero, con addirittura l’espulsione di Buffon, raramente visto così arrabbiato. La Juventus stava raddoppiando l’impresa della Roma, e sarebbe stato duro dover scegliere quale sarebbe stato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La rifondazione della Juventus: è davvero possibile? E dove? Ecco quello di cui ha bisogno per crescere. Ma servono molti soldi, sicuri che questo non sia il massimo in Europa? 11.04 - Si fa presto a dire rivoluzione juventina. Le macerie (solo europee, va detto) lasciate dagli attacchi aerei di Cristiano Ronaldo hanno stappato le discussioni sulla rifondazione a Vinovo. Gente che va, gente che viene, progetti che cambiano. Ora, francamente sembra altamente impraticabile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Morata e altri “miracoli” (ma l’Uefa chiude gli occhi). Inter: un guaio ricorrente e lo strano caso De Vrij. Milan: terremoto Gattuso, a un anno dal closing. Napoli: per i fischi c’è ancora tempo 10.04 - Per prima cosa procedo con l’esperimento. Tutti i lunedì notte da ormai dieci anni spedisco le mie cose al valido Alessio Alaimo. Lui mi odia perché gli mando i pezzi alle 23.55 e magari sta facendo fiki-fiki, oppure è legittimamente ubriaco, oppure ha sonno. A volte mi dice “per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.