VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Bologna: Corvino aspetta Jovetic. Inter: Berardi vede nerazzurro. Saputo-Thohir: chi ha "messo" di più? Conte-Chelsea: Nazionale ok. Milan: Mihajlovic come Allegri

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
12.03.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 39068 volte

Prima di Natale, Inter-Lazio a San Siro. Jovetic "teme" Candreva. L'ambiente sa all'epoca dell'interesse nerazzurro per l'esterno della Lazio e la gara assume quel motivo, quel contorno. Qualche mese dopo, ancora Jovetic al centro di una partita casalinga dell'Inter. Questa volta non per il "timore" di essere sostituito, ma per la "speranza" di raggiungere il suo papà calcistico. A Firenze, narrano le cronache che in privato JoJo chiamasse proprio "papà" l'attuale direttore sportivo del Bologna che a sua volta sa perfettamente che l'Inter farà di tutto per non riscattare il montenegrino o per non tenerlo una volta riscattato. Jovetic non è l'unica minaccia per il futuro rossoblù di Giaccherini che, sotto San Luca, è in prestito con diritto di riscatto. Giak punta su un buon finale di stagione e su una chance all'Europeo per assestarsi a Bologna o per riprendere quota sul mercato. Perché se non arrivasse Jovetic, una fiche vera per arrivare a Manolo Gabbiadini il Bologna la metterà sul tavolo dell'estate.

Tante ironie sull'assenza di Berardi da Juventus-Sassuolo di ieri sera, dopo i 2 gol (contro sia Inter che Milan) segnati a San Siro. Ma come il mondo del mercato sa bene, nonostante Juventus e Sassuolo dal punto di vista del mercato e da quello politico-televisivo abbiano una visione unica e condivisa, non c'è nulla di scritto fra bianconeri e neroverdi sul conto e sul futuro dell'esterno offensivo caro anche ad Antonio Conte. Quindi, tutto è possibile. Dipendesse dal giocatore, andrebbe all'Inter. E' il suo sogno, è la sua fede calcistica. Ma tra bilanci, casse che piangono e fair play finanziario, questo rischia di non essere possibile. La stagione molto mediatica ma molto meno di campo rispetto alla media/minuti giocati nel Sassuolo da parte di Zaza, sta facendo riflettere molto il "buon" Domenico.

Scrivevamo prima di obiettivi ambiziosi del mercato da parte del Bologna. Dice, come è possibile che possa permetterseli? Al tempo. Il Bologna non è molto mediatico, ma ci piace far sapere che da quando guida il Club, mister Joey Saputo ha "messo" nel Bologna 98 milioni cash, freschi, veri, sonanti. Novantotto milioni. Senza fare prestiti e senza virgolette. Messi. Spesi. Dalla tasca al pallone, dal conto corrente al campo di calcio. Non sappiamo fra fonti di Appiano e fonti giornalistiche quanto effettivamente abbia messo, speso, investito nella molto più mediatica Inter il presidente Erick Thohir, ma 98 restano comunque tanti. Una sorta di Cima Coppi dei nuovi presidenti di Club italiani che vengono dall'estero.

E' un bene per la Nazionale che Antonio Conte guidi il gruppo al'Europeo sapendo di essere di lì a poco il numero uno tecnico del Chelsea. Un bene per il Commissario tecnico: sa benissimo che l'esito dell'Europeo con l'Italia lo seguirà a Stamford Bridge. Fare bene sulla panchina azzurra nell'estate 2016 consentirà al tecnico salentino di approdare a Londra con il petto in fuori, credibile e autorevole. In caso contrario, un Europeo negativo farebbe giurisprudenza sui tabloid inglesi in coincidenza magari con le prime difficoltà, sempre possibili dopo un cambiemento del genere, sul fronte Blues. Non solo, Pensiamo anche ai giocatori della Nazionale italiana, quelli più giovani, quelli più ambiziosi. Anche loro in carne e ossa. Mettersi in luce agli occhi del Ct potrebbe voler dire per loro tenere testo un cordone ombelicale con il prossimo allenatore di una Società ricca e blasonata che "abita" in Champions League.

Semra ci fossero Niang ed El Shaarawy nel dopo Siena fra il presidente Berlusconi e Allegri. E si potrebbe interpretare ci siano sempre Niang e questa volta Menez fra il presidente Berlusconi e Mihajlovic. Paradossalmente, la giusta soluzione tecnica e di campo per il Milan senza l'impiego di Niang fuori causa per due mesi, potrebbe rimodellare lo scenario. Ma la settimana è stata scandita sul fronte dell'eterno triangolo presidenti-allenatori-tifosi, da due punti, da due tacche, a favore dei tecnici. Sia a Milano che a Palermo, i tifosi chiedono ai rispettivi presidenti più continuità di atteggiamento e più disponibilità nella valutazione degli allenatori. Il calcio di oggi è un lavoro delicato. Tutte le squadre sono all'avanguardia tatticamente. Le rose sono numerose e mettere a punto un equilibrio di campo, un sistema di gioco, è mestiere da orologiai svizzeri. E' un lavoro lento, delicato, in discussione ogni minuto, ogni ora, ogni giorno. In questo contesto è complicato che una idea presidenziale, quale che sia l'allenatore o quale che sia sia la squadra, sul tal giocatore o sul tal ruolo, venga assorbita da un tessuto che è andato formandosi fra lavoro quotidiano, passi avanti, passi indietro, conferme, errori, progressi. Non facciamo nomi e cognomi non per stare abbottonati e coperti o al riparo da chissà cosa: il tema non è particolare, ma generale, universale. E' il calcio di oggi, molto vicino alla Formula 1 con scuderie e ingegneri che cercano di superarsi ogni giorno, con un meccanismo, un dettaglio in più. In un calcio così tattico, così esasperato, così sul filo di lana, quando l'allenatore garantisce regole, lavoro, compattezza, ambiente e una doverosa apertura al dialogo con la Società e con il presidente, si è già molto più che a metà dell'opera. I tifosi di qualsiasi squadra lo percepiscono, lo sanno e lo fanno notare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.