VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Bologna: Corvino aspetta Jovetic. Inter: Berardi vede nerazzurro. Saputo-Thohir: chi ha "messo" di più? Conte-Chelsea: Nazionale ok. Milan: Mihajlovic come Allegri

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
12.03.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 39013 volte

Prima di Natale, Inter-Lazio a San Siro. Jovetic "teme" Candreva. L'ambiente sa all'epoca dell'interesse nerazzurro per l'esterno della Lazio e la gara assume quel motivo, quel contorno. Qualche mese dopo, ancora Jovetic al centro di una partita casalinga dell'Inter. Questa volta non per il "timore" di essere sostituito, ma per la "speranza" di raggiungere il suo papà calcistico. A Firenze, narrano le cronache che in privato JoJo chiamasse proprio "papà" l'attuale direttore sportivo del Bologna che a sua volta sa perfettamente che l'Inter farà di tutto per non riscattare il montenegrino o per non tenerlo una volta riscattato. Jovetic non è l'unica minaccia per il futuro rossoblù di Giaccherini che, sotto San Luca, è in prestito con diritto di riscatto. Giak punta su un buon finale di stagione e su una chance all'Europeo per assestarsi a Bologna o per riprendere quota sul mercato. Perché se non arrivasse Jovetic, una fiche vera per arrivare a Manolo Gabbiadini il Bologna la metterà sul tavolo dell'estate.

Tante ironie sull'assenza di Berardi da Juventus-Sassuolo di ieri sera, dopo i 2 gol (contro sia Inter che Milan) segnati a San Siro. Ma come il mondo del mercato sa bene, nonostante Juventus e Sassuolo dal punto di vista del mercato e da quello politico-televisivo abbiano una visione unica e condivisa, non c'è nulla di scritto fra bianconeri e neroverdi sul conto e sul futuro dell'esterno offensivo caro anche ad Antonio Conte. Quindi, tutto è possibile. Dipendesse dal giocatore, andrebbe all'Inter. E' il suo sogno, è la sua fede calcistica. Ma tra bilanci, casse che piangono e fair play finanziario, questo rischia di non essere possibile. La stagione molto mediatica ma molto meno di campo rispetto alla media/minuti giocati nel Sassuolo da parte di Zaza, sta facendo riflettere molto il "buon" Domenico.

Scrivevamo prima di obiettivi ambiziosi del mercato da parte del Bologna. Dice, come è possibile che possa permetterseli? Al tempo. Il Bologna non è molto mediatico, ma ci piace far sapere che da quando guida il Club, mister Joey Saputo ha "messo" nel Bologna 98 milioni cash, freschi, veri, sonanti. Novantotto milioni. Senza fare prestiti e senza virgolette. Messi. Spesi. Dalla tasca al pallone, dal conto corrente al campo di calcio. Non sappiamo fra fonti di Appiano e fonti giornalistiche quanto effettivamente abbia messo, speso, investito nella molto più mediatica Inter il presidente Erick Thohir, ma 98 restano comunque tanti. Una sorta di Cima Coppi dei nuovi presidenti di Club italiani che vengono dall'estero.

E' un bene per la Nazionale che Antonio Conte guidi il gruppo al'Europeo sapendo di essere di lì a poco il numero uno tecnico del Chelsea. Un bene per il Commissario tecnico: sa benissimo che l'esito dell'Europeo con l'Italia lo seguirà a Stamford Bridge. Fare bene sulla panchina azzurra nell'estate 2016 consentirà al tecnico salentino di approdare a Londra con il petto in fuori, credibile e autorevole. In caso contrario, un Europeo negativo farebbe giurisprudenza sui tabloid inglesi in coincidenza magari con le prime difficoltà, sempre possibili dopo un cambiemento del genere, sul fronte Blues. Non solo, Pensiamo anche ai giocatori della Nazionale italiana, quelli più giovani, quelli più ambiziosi. Anche loro in carne e ossa. Mettersi in luce agli occhi del Ct potrebbe voler dire per loro tenere testo un cordone ombelicale con il prossimo allenatore di una Società ricca e blasonata che "abita" in Champions League.

Semra ci fossero Niang ed El Shaarawy nel dopo Siena fra il presidente Berlusconi e Allegri. E si potrebbe interpretare ci siano sempre Niang e questa volta Menez fra il presidente Berlusconi e Mihajlovic. Paradossalmente, la giusta soluzione tecnica e di campo per il Milan senza l'impiego di Niang fuori causa per due mesi, potrebbe rimodellare lo scenario. Ma la settimana è stata scandita sul fronte dell'eterno triangolo presidenti-allenatori-tifosi, da due punti, da due tacche, a favore dei tecnici. Sia a Milano che a Palermo, i tifosi chiedono ai rispettivi presidenti più continuità di atteggiamento e più disponibilità nella valutazione degli allenatori. Il calcio di oggi è un lavoro delicato. Tutte le squadre sono all'avanguardia tatticamente. Le rose sono numerose e mettere a punto un equilibrio di campo, un sistema di gioco, è mestiere da orologiai svizzeri. E' un lavoro lento, delicato, in discussione ogni minuto, ogni ora, ogni giorno. In questo contesto è complicato che una idea presidenziale, quale che sia l'allenatore o quale che sia sia la squadra, sul tal giocatore o sul tal ruolo, venga assorbita da un tessuto che è andato formandosi fra lavoro quotidiano, passi avanti, passi indietro, conferme, errori, progressi. Non facciamo nomi e cognomi non per stare abbottonati e coperti o al riparo da chissà cosa: il tema non è particolare, ma generale, universale. E' il calcio di oggi, molto vicino alla Formula 1 con scuderie e ingegneri che cercano di superarsi ogni giorno, con un meccanismo, un dettaglio in più. In un calcio così tattico, così esasperato, così sul filo di lana, quando l'allenatore garantisce regole, lavoro, compattezza, ambiente e una doverosa apertura al dialogo con la Società e con il presidente, si è già molto più che a metà dell'opera. I tifosi di qualsiasi squadra lo percepiscono, lo sanno e lo fanno notare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.