VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic

14.07.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 128205 volte
Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic

Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato a febbraio e deflagrato nell’intervallo della finale di Cardiff. Morale: ha vinto Allegri.
L’allenatore avrà la squadra che vuole e soprattutto andranno via dalla Juve i giocatori che hanno avuto problemi o scarso feeling con Allegri. Ora si capiscono molte cose, dal ritardo nel rinnovo del contratto del tecnico, non l'ha fatto fino alle rassicurazioni che i dissidenti sarebbero stati ceduti. Bonucci in testa.
Personalmente non sono sorpreso, Lo avevo anche scritto su questo sito andando dietro alle parole di Marotta sempre molto vere. Il dirigente bianconero un mese fa disse: "Non ci sono incedibili, possono andare quelli che non sono più legati a questa maglia".
È andata così. E quando Bonucci ha capito che Allegri avrebbe avuto ancora più potere, si è mosso per andar via. Non all’estero, non
ci vuole andare. Il Milan è perfetto, a decidere ci ha messo poco. E la Juve ha accompagnato Bonucci alla porta anche rimettendoci un bel po'.
Ai bianconeri andranno quaranta milioni, De Sciglio (dieci?) sarà invece trattato a parte. Al giocatore un quadriennale da sei milioni netti. Tanta roba.
Ma, secondo indiscrezioni, Montella vorrebbe affidargli la fascia di capitano per sfruttare il suo carisma. Un po' come fece nel 2012 con Gonzalo rifondando la Fiorentina.
Per gli ottimisti Bonucci oggi partirà con il Milan per il torneo in Cina. Per altri mancano dettagli per la firma, non è tutto fatto. Sarà. Comunque tornare indietro sarà impossibile.
Ma cosa ha portato alla rottura? La madre della vicenda risiede nel mega contratto di Dybala e nell’atteggiamento tenuto dalla società e dall’allenatore nei suoi confronti. Al ragazzino è stato aumentato lo stipendio portandolo a oltre sei milioni a salire. Molti senatori che guadagnano meno, non hanno gradito. In particolare Bonucci che non era d’accordo neppure con la svolta tattica e il nervosismo è esploso contro il Palermo. Si parla di "mani addosso", comunque l’allenatore è stato drastico. O lo punite come voglio io o mi dimetto. La tribuna di Oporto è sempre stata ritenuta eccessiva dal giocatore, non l’ha mai digerita. Nell’intervallo di Cardiff, poi, secondo indiscrezioni, Bonucci se la sarebbe presa brutalmente con Dybala e anche con l’allenatore contestando la formazione.
Tutto smentito dalla Juve, ma il dopo suona come conferma. Allegri firma il rinnovo, ma solo dopo aver avuto garanzie sull’epurazione dei suoi contestatori.
Dani Alves se n’è andato dopo quello che ha visto in quello spogliatoio, invitando Dybala (è stato menato?) a fare altrettanto. Ma dopo Bonucci tocchera’ a Cuadrado che non ha gradito l’esclusione di Cardiff e (mi dicono) anche di Mandzukic che si è ribellato al ruolo di gregario.
Questa è una ricostruzione probabile-possibile. Regge. La cessione comunque è clamorosa. Mi volete cedere? Bene, ma io vado solo al Milan, deve essere stata la risposta.
Ora il Milan è costruito bene, la Juve comincerà a spingere su Matuidi, Berna (oggi si comincia a stringere) ,De Sciglio e compagnia. Ma le sorprese possono essere due. Manolas per la difesa e il sogno proibito Matic
Il Milan oltre a Bonucci ha chiuso anche per Biglia a 17 più 3 di bonus. Il grande regista è arrivato., ora occhi su Aubumeyang ma anche su Belotti. Intanto Kalinic ha rotto con la Fiorentina , il Milan non scuce i trenta milioni che vuole Corvino e allora mi richiedo: ma perché non l’hanno fatto andare in Cina a gennaio? Può andarci fino a domani, ma ora è tutto maledettamente complicato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.