HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis...

20.07.2018 07:40 di Enzo Bucchioni   articolo letto 69044 volte
© foto di Federico De Luca

Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa per tutto l’indotto quindi anche il Milan di Elliott dovrà ridimensionare e fare i conti con le ambizioni dei giocatori più importanti. Bonucci era arrivato a Milano con l’idea di guidare la riscossa dei rossoneri, era convinto da capitano di trascinarli verso la Champions, a nuovo fasti. Purtroppo sappiamo come è andata e senza Europa difficilmente Bonucci resterà soprattutto per il suo ingaggio (7 netti più bonus), ma anche perché il giocatore ha voglia di platee più importanti. Sappiamo dell’interessamento del Psg probabilmente caldeggiato anche da Buffon, ma nelle ultime ore anche le big inglesi (le due di Manchester e il Chelsea) stanno monitorando la situazione pronti a intervenire con un’offerta. Simile il discorso su Donnarumma che potrebbe diventare una grande plusvalenza anche se la valutazione fatta l’anno scorso (70 milioni) oggi sembra difficilmente proponibile. Il giocatore guadagna 6 milioni netti e a libro paga del Milan c’è anche il fratello. Difficile riuscire a portarlo oggi al Psg, la pista più calda l’anno scorso. Ma non è detto. Raiola ha ottimi rapporti con Altani, se Areola dovesse andare alla Roma magari Donnarumma potrebbe ritrovarsi volentieri alla scuola di Buffon. Un anno con un gigante, a crescere e imparare ancora, a irrobustirsi dopo un’annata non brillantissima, prima di prenderne l’eredità. La strada verso il Chelsea (darebbe in cambio Morata) è percorribile se Courtois finirà al Real, ma Sarri pare abbia manifestato la volontà di avere un portiere esperto e carismatico come Reina che potrebbe aiutarlo ad addestrare la difesa ai nuovi sistemi di gioco e di allenamento. Una storia ancora tutta da scrivere. Il terzo giocatore rossonero da tempo vicino alla porta di uscita è Suso. Anche per lui le attenzioni non mancano. Il Napoli lo scambierebbe volentieri con Callejon che non fa impazzire Ancelotti, ma piace anche a Monchi per la Roma. Come si vede oggi sapremo molto del futuro immediato del Milan. Se davvero oggi il Tas dovesse confermare la sentenza di esclusione dall’Europa, da domani il lavoro in uscita di Mirabelli diventerebbe pressante. Pare infatti che il Cda che dovrebbe portare alla presidenza Scaroni, sarebbe orientato a confermare questa gestione tecnica almeno fino alla fine del mercato. E per gestione tecnica allarghiamo il discorso anche alla panchina. Come anticipato una settimana fa, nel medio-breve periodo, Elliott vedrebbe bene in panchina Conte con Giuntoli del Napoli (non rinnova) come direttore tecnico. Nonostante le smentite e la fiducia a Gattuso, il tema resta di attualità, ci sono da capire i tempi. A Conte l’Europa interessa relativamente, prese anche la Juve da ricostruire, sarebbe l’ennesima sfida. Anche qui la situazione però al momento è congelata.
E Cavani al Napoli? C’è chi sta lavorando per cercare un punto d’incontro che oggi è lontano. L’idea di riportare il Matador a Napoli c’è ed è forte. Adl, come scritto una settimana fa, nonostante discorsi diversi, sa benissimo che ha bisogno di un grande nome e di un grande colpo per infiammare la piazza e dare ad Ancelotti quell’attaccante di spessore internazionale che in rosa manca. Cavani guadagna 12 milioni netti, un’enormità. Ma c’è chi dopo l’ok di De Laurentiis sta lavorando per cercare delle soluzioni economiche sopportabili dal Napoli e gradite a Cavani e al Psg. Operazione complicatissima, ma lo si sapeva da quando è nata l’idea. La frase di ieri di Luigi De Laurentiis, “A chi non piacerebbe il ritorno di Cavani?”, lascia aperta la porta e coltiva la suggestione. Ma anche Adl nei suoi tanti discorsi delle ultime settimane ha sempre detto “sono qua”, “mi chiami”, “si riduca l’Ingaggio”, “fatemi chiamare”, tutte cose che qualcuno sta cercando di fare. Poi vedremo. I giornali francesi degli ultimi giorni hanno confermato tutta questa operazione sotterranea, avallata anche dal Psg, per arrivare a una intesa economica, è quello il nodo. Ancelotti ha in caldo anche l’ipotesi Benzema (guadagna attorno agli otto), con il quale ha un rapporto di grande stima, ma Adl sa anche che Benzema, nonostante possa essere un investimento simile, non produrrebbe gli effetti di un ritorno di Cavani. Salita anche qui, l’alternativa sono buoni giocatori graditi a Ancelotti come Rodrigo o Mariano Diaz, sui quali comunque c’è attenzione. Serve tempo, la decisione entro la prima decade di agosto.
La Juventus si gode gli effetti dell’arrivo di Cristiano Ronaldo. Sold out lo stadio, tutti venduti gli abbonamenti, niente vendita libera. Incasso attorno ai 30 milioni, più tutto il merchandising di due settimane di fuoco e l’effetto sul titolo in borsa. L’operazione non soltanto si sta rivelando sostenibile, ma può rafforzare ancora di più la Juventus. E così l’idea di riportare Pogba in bianconero non è più soltanto una roba lontana e forse irrealizzabile. Anzi. Come sappiamo, lo scaltro Raiola avrebbe fatto inserire una clausola di ricompra a favore della Juve di 60 milioni di euro. Se ci sono gli estremi per percorrere una strada del genere la Juventus si è detta disponibile. Le risorse le sta drenando, sul mercato ci sono diversi giocatori della rosa, non titolari, ma anche Pjanic non è più incedibile. Il suo nuovo procuratore Ramadani sta valutando due strade, quella del Barcellona (c’è già stato un contatto in primavera), ora anche quella del Chelsea. Le caratteristiche di Pjanic piacciono molto a Sarri, se non dovessero riuscire a trattenere Hazard i Blues potrebbero pensare anche a Pjanic. La Juventus è pronta a sparare molto alto, Pjanic arrivato dalla Roma con la clausola attorno ai 40 milioni, ora è valutato almeno 100 dai bianconeri.
Sempre per rientrare nell’operazione-Ronaldo e reinvestire anche su Pogba, la Juve, come sappiamo, sta trattando la cessione di Higuain al Chelsea che vuole anche Rugani. Cento milioni? Si ragiona su questa cifra. Ma sappiamo anche che in vendita c’è pure Pjaca. Marotta vuole cash o prestito con obbligo di riscatto a 23 milioni. A queste cifre la Fiorentina si è messa da parte, in pole squadre spagnole e inglesi. Ma la storia non è finita, oggi è previsto un incontro e potrebbe entrare in ballo un’opzione-acconto per Chiesa l’anno prossimo. Intanto la Fiorentina sta andando avanti con il suo mercato creativo fatto di pochi soldi da investire. Due arrivi in un giorno: il talentuoso brasiliano Gerson, 21 anni, in prestito dalla Roma e il centrocampista muscolare Norgaard, 24 anni, danese del Brondby, pagato poco più di tre milioni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510