HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà il Mondiale?
  Germania
  Brasile
  Spagna
  Argentina
  Portogallo
  Francia
  Belgio
  Inghilterra
  Altro

Editoriale

Bravo Zidane, il primo a fregare il Real Madrid. Napoli: è cambiato l'allenatore, non la strategia del club (né il fatturato). Il progetto ItalJuve si rinnova anche senza BBC: chi vuole Benatia e Mandzukic?

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
03.06.2018 09:33 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 70704 volte
Bravo Zidane, il primo a fregare il Real Madrid. Napoli: è cambiato l'allenatore, non la strategia del club (né il fatturato). Il progetto ItalJuve si rinnova anche senza BBC: chi vuole Benatia e Mandzukic?

Don Fabio Capello è in una fase in cui può dispensare verità e certezze a ruota libera. Conosce tutto e tutti, ha vinto ovunque e adesso è passato a vestire i panni del commentatore. E in questa veste, subito dopo la decisione di Zinedine Zidane di abbandonare la barca Real Madrid, ha detto la sua: "Ha fatto benissimo. Non avesse vinto la Champions, sarebbe stato Florentino Perez ad esonerarlo. Anche con me il Real fece così".
Capello, come su molti altri argomenti, quando parla di camiseta blanca sa bene a cosa si riferisce: è un club che ti accoglie tra i riflettori di tutto il mondo, ti copre di gloria e di soldi e poi ti esonera al primo passo falso. A lui è capitato due volte. Sia nel 1997 (Sanz presidente) che nel 2007 (Calderon presidente) ha vinto la Liga e poi è stato cacciato perché non era riuscito a vincere anche la Champions.
Sarebbe capitato anche a Zidane, che però è riuscito in un'impresa mai riuscita prima e nessun altro: vincere tre Champions League in due anni e mezzo. Avere la meglio in otto finali su otto e alzare al cielo un trofeo ogni 98 giorni. Numeri mostruosi.
Zidane, è stato promosso dalla squadra B il 4 gennaio 2016, ha fatto meglio di tutti i suoi predecessori, ma sapeva perfettamente che sarebbe bastato un passo falso per fare la fine di tutti gli altri. E per questo, dopo aver riscritto la storia della Champions League, ha fatto lui il primo passo spiazzando il Real Madrid e Florentino Perez: alle 11.30 di giovedì calma piatta su tutti i giornali spagnoli, alle 13.10 - dopo un breve colloquio col presidente - il suo addio era già ufficiale. Un colpo da maestro degno del miglior Zidane calciatore. Chapeau.

Dopo la delusione per i 91 punti che non sono serviti per vincere lo Scudetto e la decisione di Maurizio Sarri - chiara ma latente già da qualche settimana - di lasciare Napoli, Aurelio De Laurentiis ha estratto dal cilindro una delle migliori mosse da quando ha preso possesso del club, forse l'unica possibile in questo momento storico per evitare che la piazza e la squadra dall'euforia passassero alla depressione. L'arrivo di Carlo Ancelotti è servito, innanzitutto, per spazzare via l'ipotesi smobilitazione (Jorginho l'unico che ad oggi ha chiesto la cessione) e ha rilanciato sogni e ambizioni.
Questo però non vuol dire che il Napoli grazie ad Ancelotti da un giorno all'altro si ritroverà in rosa Lewandowski e Vidal o Benzema e David Luiz. E' bene chiarirlo in un'estate in cui il club partenopeo dovrà fare tanto perché sa bene che nell'ultima stagione il problema principale è stato quello della coperta corta. Se a questo aggiungiamo che Reina, Maggio e Rafael sono già andati via e, come detto, Jorginho lo farà presto, ecco che alla voce 'entrate' dobbiamo aspettarci almeno 5-6 giocatori. Ma i nuovi acquisti saranno tutti in linea con quanto fatto negli ultimi anni. Magari ci sarà un'eccezione, ma non sarà più di una. Le strategie della società negli anni sono sempre state portate avanti ascoltando le richieste degli allenatori, ma secondo una linea ben precisa:
1) Calciatore di massimo 26-27 anni (il portiere l'unica eccezione).
2) Curriculum all'altezza delle ambizioni della squadra (confermarsi ogni anni nelle prime quattro posizioni).
3) Ingaggio in linea con i parametri del club.
4) La possibilità di rivendere il calciatore dopo qualche anno effettuando un'importante plusvalenza.
Perché il Napoli, che per fatturato non è la Juve, ma nemmeno l'Inter, la Roma o il Milan, negli ultimi anni è riuscito regolarmente a sopravanzare le milanesi soprattutto per il suo modo di agire sul mercato. E gli acquisti devono essere fatti anche guardando al futuro, alla possibilità di una cessione. Ecco perché gli obiettivi, anche con Ancelotti in panchina, non sono cambiati. E nei prossimi giorni aspettiamoci trattative sempre più serrate per Fabian Ruiz, Simone Verdi, Milan Badelj, Lucas Torreira, Sime Vrsaljko e Federico Chiesa, l'obiettivo numero uno ma anche il più difficile da raggiungere.

Ingaggi ben più importanti di quelli del Napoli può permettersi la Juventus, che non a caso nei prossimi giorni metterà sotto contratto Emre Can corrispondendo al centrocampista tedesco uno stipendio da 5 milioni di euro netti per i prossimi quattro anni. Per la società campione d'Italia quella appena iniziata sarà un'estate importante, perché non solo dovrà rendere ancor più competitiva la rosa soprattutto in chiave Champions, ma dovrà ridare alla squadra quell'identità forte (e italiana) che con l'addio di Bonucci prima e di Buffon poi è stata minata alle fondamenta. Restano Chiellini (prossimo capitano) e Barzagli, ma l'età che avanza farà di entrambi - soprattutto del centrale di Fiesole - due comprimari piuttosto che due pilastri della squadra che verrà.
Serve una nuova BBC, un nuovo nucleo di difensori forti e italiani che dovrà rappresentare il pilastro del prossimo ciclo. Ed è quello a cui sta lavorando la società: in rosa c'è già Daniele Rugani, arriveranno Mattia Caldara e Mattia Perin e sullo sfondo c'è un altro grande obiettivo: Alessio Romagnoli. Il centrale classe '95 del Milan non è un'esigenza prioritaria, ma un'idea fissa per dare vita a una nuova ItalJuve. Proprio come hanno fatto Buffon, Barzagli, Chiellini e Bonucci.
L'acquisto di Romagnoli, in un reparto numericamente già abbondante, è però vincolato a una cessione. Chi? Mehdi Benatia, calciatore che la Juventus è pronta a dare via in caso di offerta da 15-20 milioni di euro. Il marocchino ex Roma è sul mercato, così come Mario Mandzukic. Per entrambi, servirà solo la giusta offerta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Morata vuole solo la Juve, ma l'idea è quella di un centrocampo d'assalto. Folle dire di no a 50 milioni per Jorginho, così come allo scambio Icardi-Higuain. Ma chi è il presidente del Milan? 10.06 - È iniziato con le bombe, il calciomercato 2018. Più scritte che non realizzate, eccezion fatta per l'arrivo di Cristante alla Roma - con Coric e Marcano - e i parametri zero: dell'Inter, da de Vrij ad Asamoah, oppure della Juventus, con Emre Can. Latita però il grande acquisto, quello...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma, fatta per Kluivert, il Napoli pensa a Praet se va via Hamsik. Juventus e Inter pronte all’assalto su Chiesa 09.06 - La rivoluzione di Monchi è già cominciata. Spazio alla linea verde, un progetto iniziato già l’anno scorso con l’arrivo di due grandissimi prospetti come Ünder e Schick. Il ds giallorosso, dopo aver piazzato anche il colpo Cristante, ora è pronto a chiudere per Justin Kluivert, talento...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve cede Higuain e Benatia. Accordo con Morata, ma il Chelsea aspetta l’allenatore. Conte e Sarri derby Real. Anche Icardi in ballo. Inter, l’obiettivo vero è Chiesa 08.06 - Molti tifosi bianconeri si chiedono come mai la Juventus non dica che due giocatori importanti come Higuain e Benatia sono incedibili e non intervenga sulle voci sempre più insistenti. La risposta è banale: perché sono in vendita. La dura legge della Juventus colpisce ancora: come...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy