HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata

13.04.2018 07:38 di Enzo Bucchioni   articolo letto 43848 volte
© foto di Federico De Luca

Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef.

IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se l’intervento di Benatia sia o non sia un rigore da fischiare. Sarebbe difficile rispondere anche sotto tortura. A velocità normale, durante la partita, mi era sembrato fallo. Riprese da altra angolazione, moviole e ferma immagine vari, mi hanno fatto venire mille dubbi. Benatia spinge, ma quanto spinge? Poco. Colpisce la palla in anticipo, non benissimo, ma la sposta. Vazquez cade perché si sbilancia per colpire la palla con il petto. Morale: se il fallo non è certo, il rigore non andava dato. Ma il signor Oliver, arbitro inadeguato per una sfida del genere, ha preso la decisione più istintiva, senza avere l’esperienza e la capacità di riflettere per qualche istante, gestire in maniera più matura una vicenda che va oltre il nudo e crudo regolamento. L’arbitro è l’arbitro, non può mai diventare un notaio. Deve anche lui vivere e partecipare alla partita, guidandola, dirigendola, non condizionandola. Nel dubbio lascia stare, queste sono sempre state le indicazioni. Se non avesse fischiato quel rigore il Real non avrebbe detto più di tanto, ci sarebbe stata ancora mezz’ora da giocare. Una sfida bella come questa doveva finire in altro modo e l’arbitro era li anche per capire le sfumature. Partendo proprio dal presupposto che il rigore non è lampante.

L’ARBITRO – La figura di Oliver è focale, ma la era ancor prima della partita. E qualcuno aveva sottolineato la stranezza di tutte queste designazioni dei quarti di Champions, fatte utilizzando arbitri internazionali, ovvio, ma di seconda o terza fascia. Il discorso vale per la Juve, per la Roma, per il City vittima di un gol regolare annullato che ha tarpato le ali alla rimonta con il Liverpool. Questo inglese immaturo a Madrid, ma anche il francese del ritorno e l’olandese dell’andata per la Roma, l’inadeguato scozzese per il Bayern, sanno molto di designazioni politiche. Arbitri o nazioni fuori dai mondiali che devono avere dei contentini o una considerazione geopolitica proprio nell’ottica sottolineata da Agnelli nelle accuse post-partita: Collina gestisce il suo potere in modo attento. Non è certamente il suo predecessore Vilar, spagnolo, per anni accusato di agevolare le squadre della sua nazione. Per evitare certi possibili rumors, per andare anche oltre il super partes, Collina sposa deliberatamente l’eccesso di imparzialità. E’ un problema di carattere e di obiettivi, il problema è posto. E la Juve con Collina non può avere un rapporto normale, dalla pioggia di Perugia che è costata uno scudetto, alle intercettazioni con Meani, allora addetto all’arbitro del Milan, ai tempi di Calciopoli, le ferite sono sempre aperte e bruciano.

IL VAR – A questo proposito, per andare oltre e per evitare certi errori grossolani visti un po’ su tutti i campi in questi quarti, Agnelli ha chiesto fortemente e duramente l’introduzione del Var anche in Champions. Lo dica al presidente dell’Uefa Ceferin, votato da Tavecchio, che si oppone drasticamente. Agnelli è anche presidente dell’associazione dei grandi club, deve avere la forza di porre condizioni: non immagino l’anno prossimo la Champions senza Var. Si tratta di progresso, di equità, di giustizia, di un aiuto all’arbitro e di una gestione meno politica del calcio. Parallelamente però dovrebbe cambiare anche il protocollo. Ricordo che per un rigore del genere di quello di Madrid, nel nostro campionato il Var non sarebbe intervenuto. Per regolamento il Varista può chiamare il collega arbitro solo quando l’errore è evidente e non quando la decisione di fischiare o meno è discrezionale. Il protocollo andrebbe cambiato e in occasione di ogni rigore fischiato, automaticamente, l’arbitro dovrebbe andare a dare un’occhiata per avere la massima sicurezza. Il Var è in rodaggio, va perfezionato, l’importante partire anche nelle coppe visto che ai Mondiali la Fifa lo ha introdotto.

BUFFON – L’arbitro Oliver ha sbagliato anche espellendo Buffon. Intanto è il capitano, ha diritto di parlare e protestare con l’arbitro. Il giallo bastava per quello che ha fatto Buffon (si è scatenato dopo, vedendo il rosso) e per il momento della partita. Il rosso protettivo è il segnale di un arbitro in netta difficoltà decisionale. Mostra i muscoli per evitare che le proteste continuino. Sarebbe bastato con quella autorevolezza che è mancata, prendere Buffon per un braccio, trascinarlo fuori dalla mischia e mettersi a parlare. Ma questo lo sanno fare i grandi arbitri.

Comunque Buffon ha sbagliato. L’ho visto esordire, lo conosco da quando era bambino, so che valori ha lui e che valori ha la sua famiglia. E’ un’icona del calcio mondiale. Forse il più grande portiere della storia del calcio. Capisco il suo sfogo, da uomo gli sono vicino, era la sua ultima partita in Champions, aveva la testa e il cuore pieni di cose, è esploso dentro. Ha detto delle cose che, sono sicuro, oggi lo avranno fatto arrossire. Mi è venuta in mente la testata di Zidane a Materazzi, anche per il francese era l’ultima partita. Anche il francese perse il controllo. La psicologica a volte è difficile, ma altre volte è facile da interpretare. Di una cosa sono certo: Buffon non può chiudere così. Non può lasciare nel mondo questo messaggio negativo che non può appartenergli. Non so come, non so quando, ma un’occasione andrà trovata, Buffon dovrebbe chiedere scusa all’arbitro, ma soprattutto al calcio intero del quale è destinato a restare per sempre come uno dei più grandi.

E anche capire e chiedere scusa è un gesto da grandi. La statura di Buffon non può e non deve misurarsi con l’errore di un piccolo arbitro, deve andare oltre e lasciare un segno indelebile per fair play, comportamento, ideali. A quarant’anni si può.

JUVE FANTASTICA – Detto questo, resta comunque negli occhi questa Juve fantastica in grado di mettere sotto per novanta minuti la squadra più forte del mondo destinata probabilmente a rivincere la Champions. Applausi a tutti. La Juve è l’unica squadra ad avere battuto per tre volte il Real al Santiago Bernabeu in Champions. Anche questa è storia.

SENZA DYBALA – Il rigore è stato decisivo, d’accordo. Ha frustrato un sogno o la possibilità di giocarsela fino in fondo guadagnata sul campo, ma la Juve la sua qualificazione l’aveva compromessa all’andata. Partita pensata male, giocata anche peggio. Con il Real non si gioca con due centrocampisti soli (uno del ’97 come Bentancur) e con tre attaccanti due dei quali (Dybala e Douglas Costa) che non hanno lo spirito di Mandzukic. E solo con lo spirito di Mandzukic, con il sacrificio collettivo, la rabbia e l’umiltà, puoi battere chi tecnicamente è più forte di te. Dybala dovrebbe riflettere e riguardarsi, a confronto, le due partite. Quella che ha giocato lui, facendosi espellere, e quella che ha giocato Mandzukic. I giocatori come lui a volte sono un lusso, in Italia passa, ma in Europa quel lusso non sempre ci si può permettere se è fine a se stesso.

SETTIMO SCUDETTO – Sarà interessante ora vedere e capire come si riverserà sul campionato la rabbia della Juventus. C’è una rabbia che ti carica e un’altra che ti fa perdere lucidità. Conoscendo la Juve sono propenso a credere che troverà un’ulteriore carica, che vorrà rifarsi. Ma certi equilibri a volte sono strani e precari. Qualcosa capiremo domenica, ma soprattutto il 22 aprile nella sfida decisiva con il Napoli. La Juve non soffre mai di ansia da prestazione, ma le partite di questi tre giorni d coppe ci hanno restituito quel calcio del quale si è sempre detto “può sempre succedere di tutto”. E quindi anche interesse al campionato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->