HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata

13.04.2018 07:38 di Enzo Bucchioni   articolo letto 43796 volte
© foto di Federico De Luca

Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef.

IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se l’intervento di Benatia sia o non sia un rigore da fischiare. Sarebbe difficile rispondere anche sotto tortura. A velocità normale, durante la partita, mi era sembrato fallo. Riprese da altra angolazione, moviole e ferma immagine vari, mi hanno fatto venire mille dubbi. Benatia spinge, ma quanto spinge? Poco. Colpisce la palla in anticipo, non benissimo, ma la sposta. Vazquez cade perché si sbilancia per colpire la palla con il petto. Morale: se il fallo non è certo, il rigore non andava dato. Ma il signor Oliver, arbitro inadeguato per una sfida del genere, ha preso la decisione più istintiva, senza avere l’esperienza e la capacità di riflettere per qualche istante, gestire in maniera più matura una vicenda che va oltre il nudo e crudo regolamento. L’arbitro è l’arbitro, non può mai diventare un notaio. Deve anche lui vivere e partecipare alla partita, guidandola, dirigendola, non condizionandola. Nel dubbio lascia stare, queste sono sempre state le indicazioni. Se non avesse fischiato quel rigore il Real non avrebbe detto più di tanto, ci sarebbe stata ancora mezz’ora da giocare. Una sfida bella come questa doveva finire in altro modo e l’arbitro era li anche per capire le sfumature. Partendo proprio dal presupposto che il rigore non è lampante.

L’ARBITRO – La figura di Oliver è focale, ma la era ancor prima della partita. E qualcuno aveva sottolineato la stranezza di tutte queste designazioni dei quarti di Champions, fatte utilizzando arbitri internazionali, ovvio, ma di seconda o terza fascia. Il discorso vale per la Juve, per la Roma, per il City vittima di un gol regolare annullato che ha tarpato le ali alla rimonta con il Liverpool. Questo inglese immaturo a Madrid, ma anche il francese del ritorno e l’olandese dell’andata per la Roma, l’inadeguato scozzese per il Bayern, sanno molto di designazioni politiche. Arbitri o nazioni fuori dai mondiali che devono avere dei contentini o una considerazione geopolitica proprio nell’ottica sottolineata da Agnelli nelle accuse post-partita: Collina gestisce il suo potere in modo attento. Non è certamente il suo predecessore Vilar, spagnolo, per anni accusato di agevolare le squadre della sua nazione. Per evitare certi possibili rumors, per andare anche oltre il super partes, Collina sposa deliberatamente l’eccesso di imparzialità. E’ un problema di carattere e di obiettivi, il problema è posto. E la Juve con Collina non può avere un rapporto normale, dalla pioggia di Perugia che è costata uno scudetto, alle intercettazioni con Meani, allora addetto all’arbitro del Milan, ai tempi di Calciopoli, le ferite sono sempre aperte e bruciano.

IL VAR – A questo proposito, per andare oltre e per evitare certi errori grossolani visti un po’ su tutti i campi in questi quarti, Agnelli ha chiesto fortemente e duramente l’introduzione del Var anche in Champions. Lo dica al presidente dell’Uefa Ceferin, votato da Tavecchio, che si oppone drasticamente. Agnelli è anche presidente dell’associazione dei grandi club, deve avere la forza di porre condizioni: non immagino l’anno prossimo la Champions senza Var. Si tratta di progresso, di equità, di giustizia, di un aiuto all’arbitro e di una gestione meno politica del calcio. Parallelamente però dovrebbe cambiare anche il protocollo. Ricordo che per un rigore del genere di quello di Madrid, nel nostro campionato il Var non sarebbe intervenuto. Per regolamento il Varista può chiamare il collega arbitro solo quando l’errore è evidente e non quando la decisione di fischiare o meno è discrezionale. Il protocollo andrebbe cambiato e in occasione di ogni rigore fischiato, automaticamente, l’arbitro dovrebbe andare a dare un’occhiata per avere la massima sicurezza. Il Var è in rodaggio, va perfezionato, l’importante partire anche nelle coppe visto che ai Mondiali la Fifa lo ha introdotto.

BUFFON – L’arbitro Oliver ha sbagliato anche espellendo Buffon. Intanto è il capitano, ha diritto di parlare e protestare con l’arbitro. Il giallo bastava per quello che ha fatto Buffon (si è scatenato dopo, vedendo il rosso) e per il momento della partita. Il rosso protettivo è il segnale di un arbitro in netta difficoltà decisionale. Mostra i muscoli per evitare che le proteste continuino. Sarebbe bastato con quella autorevolezza che è mancata, prendere Buffon per un braccio, trascinarlo fuori dalla mischia e mettersi a parlare. Ma questo lo sanno fare i grandi arbitri.

Comunque Buffon ha sbagliato. L’ho visto esordire, lo conosco da quando era bambino, so che valori ha lui e che valori ha la sua famiglia. E’ un’icona del calcio mondiale. Forse il più grande portiere della storia del calcio. Capisco il suo sfogo, da uomo gli sono vicino, era la sua ultima partita in Champions, aveva la testa e il cuore pieni di cose, è esploso dentro. Ha detto delle cose che, sono sicuro, oggi lo avranno fatto arrossire. Mi è venuta in mente la testata di Zidane a Materazzi, anche per il francese era l’ultima partita. Anche il francese perse il controllo. La psicologica a volte è difficile, ma altre volte è facile da interpretare. Di una cosa sono certo: Buffon non può chiudere così. Non può lasciare nel mondo questo messaggio negativo che non può appartenergli. Non so come, non so quando, ma un’occasione andrà trovata, Buffon dovrebbe chiedere scusa all’arbitro, ma soprattutto al calcio intero del quale è destinato a restare per sempre come uno dei più grandi.

E anche capire e chiedere scusa è un gesto da grandi. La statura di Buffon non può e non deve misurarsi con l’errore di un piccolo arbitro, deve andare oltre e lasciare un segno indelebile per fair play, comportamento, ideali. A quarant’anni si può.

JUVE FANTASTICA – Detto questo, resta comunque negli occhi questa Juve fantastica in grado di mettere sotto per novanta minuti la squadra più forte del mondo destinata probabilmente a rivincere la Champions. Applausi a tutti. La Juve è l’unica squadra ad avere battuto per tre volte il Real al Santiago Bernabeu in Champions. Anche questa è storia.

SENZA DYBALA – Il rigore è stato decisivo, d’accordo. Ha frustrato un sogno o la possibilità di giocarsela fino in fondo guadagnata sul campo, ma la Juve la sua qualificazione l’aveva compromessa all’andata. Partita pensata male, giocata anche peggio. Con il Real non si gioca con due centrocampisti soli (uno del ’97 come Bentancur) e con tre attaccanti due dei quali (Dybala e Douglas Costa) che non hanno lo spirito di Mandzukic. E solo con lo spirito di Mandzukic, con il sacrificio collettivo, la rabbia e l’umiltà, puoi battere chi tecnicamente è più forte di te. Dybala dovrebbe riflettere e riguardarsi, a confronto, le due partite. Quella che ha giocato lui, facendosi espellere, e quella che ha giocato Mandzukic. I giocatori come lui a volte sono un lusso, in Italia passa, ma in Europa quel lusso non sempre ci si può permettere se è fine a se stesso.

SETTIMO SCUDETTO – Sarà interessante ora vedere e capire come si riverserà sul campionato la rabbia della Juventus. C’è una rabbia che ti carica e un’altra che ti fa perdere lucidità. Conoscendo la Juve sono propenso a credere che troverà un’ulteriore carica, che vorrà rifarsi. Ma certi equilibri a volte sono strani e precari. Qualcosa capiremo domenica, ma soprattutto il 22 aprile nella sfida decisiva con il Napoli. La Juve non soffre mai di ansia da prestazione, ma le partite di questi tre giorni d coppe ci hanno restituito quel calcio del quale si è sempre detto “può sempre succedere di tutto”. E quindi anche interesse al campionato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: in attesa del "miracolo Modric" si punta a Keita! Juve: altro tassello in arrivo al centro. Milan: attenzione, Leonardo ha un segreto... Napoli: 10 giorni per risolvere un equivoco 07.08 - Ciao. Mancano 10 giorni alla chiusura del mercato poi, purtroppo, inizierà il campionato. Il campionato non interessa a nessuno. A tutti interessa il mercato. “Chi arriva?”. “Ne prendiamo due?”. “La pista è calda?”. Queste cose qui. Pochissimi si chiedono “dove giocherà?” o “ha senso...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Higuain e Caldara boom ma a Leo non basta. De Laurentiis si scrive le regole da solo. Belotti ad un bivio: ora o mai più. Un'estate italiana: la solita pagliacciata 06.08 - E' stata la settimana del diavolo. Tifosi che tornano a sognare e sperare dopo il bluff Lì. L'arrivo di Elliott è servito almeno a fare chiarezza sulla strategia futura della società. Avere un proprietario come fondo non è il massimo ma, almeno, conosciamo la mission. Rivalutare squadra...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy