HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata

13.04.2018 07:38 di Enzo Bucchioni   articolo letto 43873 volte
© foto di Federico De Luca

Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef.

IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se l’intervento di Benatia sia o non sia un rigore da fischiare. Sarebbe difficile rispondere anche sotto tortura. A velocità normale, durante la partita, mi era sembrato fallo. Riprese da altra angolazione, moviole e ferma immagine vari, mi hanno fatto venire mille dubbi. Benatia spinge, ma quanto spinge? Poco. Colpisce la palla in anticipo, non benissimo, ma la sposta. Vazquez cade perché si sbilancia per colpire la palla con il petto. Morale: se il fallo non è certo, il rigore non andava dato. Ma il signor Oliver, arbitro inadeguato per una sfida del genere, ha preso la decisione più istintiva, senza avere l’esperienza e la capacità di riflettere per qualche istante, gestire in maniera più matura una vicenda che va oltre il nudo e crudo regolamento. L’arbitro è l’arbitro, non può mai diventare un notaio. Deve anche lui vivere e partecipare alla partita, guidandola, dirigendola, non condizionandola. Nel dubbio lascia stare, queste sono sempre state le indicazioni. Se non avesse fischiato quel rigore il Real non avrebbe detto più di tanto, ci sarebbe stata ancora mezz’ora da giocare. Una sfida bella come questa doveva finire in altro modo e l’arbitro era li anche per capire le sfumature. Partendo proprio dal presupposto che il rigore non è lampante.

L’ARBITRO – La figura di Oliver è focale, ma la era ancor prima della partita. E qualcuno aveva sottolineato la stranezza di tutte queste designazioni dei quarti di Champions, fatte utilizzando arbitri internazionali, ovvio, ma di seconda o terza fascia. Il discorso vale per la Juve, per la Roma, per il City vittima di un gol regolare annullato che ha tarpato le ali alla rimonta con il Liverpool. Questo inglese immaturo a Madrid, ma anche il francese del ritorno e l’olandese dell’andata per la Roma, l’inadeguato scozzese per il Bayern, sanno molto di designazioni politiche. Arbitri o nazioni fuori dai mondiali che devono avere dei contentini o una considerazione geopolitica proprio nell’ottica sottolineata da Agnelli nelle accuse post-partita: Collina gestisce il suo potere in modo attento. Non è certamente il suo predecessore Vilar, spagnolo, per anni accusato di agevolare le squadre della sua nazione. Per evitare certi possibili rumors, per andare anche oltre il super partes, Collina sposa deliberatamente l’eccesso di imparzialità. E’ un problema di carattere e di obiettivi, il problema è posto. E la Juve con Collina non può avere un rapporto normale, dalla pioggia di Perugia che è costata uno scudetto, alle intercettazioni con Meani, allora addetto all’arbitro del Milan, ai tempi di Calciopoli, le ferite sono sempre aperte e bruciano.

IL VAR – A questo proposito, per andare oltre e per evitare certi errori grossolani visti un po’ su tutti i campi in questi quarti, Agnelli ha chiesto fortemente e duramente l’introduzione del Var anche in Champions. Lo dica al presidente dell’Uefa Ceferin, votato da Tavecchio, che si oppone drasticamente. Agnelli è anche presidente dell’associazione dei grandi club, deve avere la forza di porre condizioni: non immagino l’anno prossimo la Champions senza Var. Si tratta di progresso, di equità, di giustizia, di un aiuto all’arbitro e di una gestione meno politica del calcio. Parallelamente però dovrebbe cambiare anche il protocollo. Ricordo che per un rigore del genere di quello di Madrid, nel nostro campionato il Var non sarebbe intervenuto. Per regolamento il Varista può chiamare il collega arbitro solo quando l’errore è evidente e non quando la decisione di fischiare o meno è discrezionale. Il protocollo andrebbe cambiato e in occasione di ogni rigore fischiato, automaticamente, l’arbitro dovrebbe andare a dare un’occhiata per avere la massima sicurezza. Il Var è in rodaggio, va perfezionato, l’importante partire anche nelle coppe visto che ai Mondiali la Fifa lo ha introdotto.

BUFFON – L’arbitro Oliver ha sbagliato anche espellendo Buffon. Intanto è il capitano, ha diritto di parlare e protestare con l’arbitro. Il giallo bastava per quello che ha fatto Buffon (si è scatenato dopo, vedendo il rosso) e per il momento della partita. Il rosso protettivo è il segnale di un arbitro in netta difficoltà decisionale. Mostra i muscoli per evitare che le proteste continuino. Sarebbe bastato con quella autorevolezza che è mancata, prendere Buffon per un braccio, trascinarlo fuori dalla mischia e mettersi a parlare. Ma questo lo sanno fare i grandi arbitri.

Comunque Buffon ha sbagliato. L’ho visto esordire, lo conosco da quando era bambino, so che valori ha lui e che valori ha la sua famiglia. E’ un’icona del calcio mondiale. Forse il più grande portiere della storia del calcio. Capisco il suo sfogo, da uomo gli sono vicino, era la sua ultima partita in Champions, aveva la testa e il cuore pieni di cose, è esploso dentro. Ha detto delle cose che, sono sicuro, oggi lo avranno fatto arrossire. Mi è venuta in mente la testata di Zidane a Materazzi, anche per il francese era l’ultima partita. Anche il francese perse il controllo. La psicologica a volte è difficile, ma altre volte è facile da interpretare. Di una cosa sono certo: Buffon non può chiudere così. Non può lasciare nel mondo questo messaggio negativo che non può appartenergli. Non so come, non so quando, ma un’occasione andrà trovata, Buffon dovrebbe chiedere scusa all’arbitro, ma soprattutto al calcio intero del quale è destinato a restare per sempre come uno dei più grandi.

E anche capire e chiedere scusa è un gesto da grandi. La statura di Buffon non può e non deve misurarsi con l’errore di un piccolo arbitro, deve andare oltre e lasciare un segno indelebile per fair play, comportamento, ideali. A quarant’anni si può.

JUVE FANTASTICA – Detto questo, resta comunque negli occhi questa Juve fantastica in grado di mettere sotto per novanta minuti la squadra più forte del mondo destinata probabilmente a rivincere la Champions. Applausi a tutti. La Juve è l’unica squadra ad avere battuto per tre volte il Real al Santiago Bernabeu in Champions. Anche questa è storia.

SENZA DYBALA – Il rigore è stato decisivo, d’accordo. Ha frustrato un sogno o la possibilità di giocarsela fino in fondo guadagnata sul campo, ma la Juve la sua qualificazione l’aveva compromessa all’andata. Partita pensata male, giocata anche peggio. Con il Real non si gioca con due centrocampisti soli (uno del ’97 come Bentancur) e con tre attaccanti due dei quali (Dybala e Douglas Costa) che non hanno lo spirito di Mandzukic. E solo con lo spirito di Mandzukic, con il sacrificio collettivo, la rabbia e l’umiltà, puoi battere chi tecnicamente è più forte di te. Dybala dovrebbe riflettere e riguardarsi, a confronto, le due partite. Quella che ha giocato lui, facendosi espellere, e quella che ha giocato Mandzukic. I giocatori come lui a volte sono un lusso, in Italia passa, ma in Europa quel lusso non sempre ci si può permettere se è fine a se stesso.

SETTIMO SCUDETTO – Sarà interessante ora vedere e capire come si riverserà sul campionato la rabbia della Juventus. C’è una rabbia che ti carica e un’altra che ti fa perdere lucidità. Conoscendo la Juve sono propenso a credere che troverà un’ulteriore carica, che vorrà rifarsi. Ma certi equilibri a volte sono strani e precari. Qualcosa capiremo domenica, ma soprattutto il 22 aprile nella sfida decisiva con il Napoli. La Juve non soffre mai di ansia da prestazione, ma le partite di questi tre giorni d coppe ci hanno restituito quel calcio del quale si è sempre detto “può sempre succedere di tutto”. E quindi anche interesse al campionato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, la notte verità. Inter, basta frecciatine. Spalletti-Marotta chiudetevi nello spogliatoio. Roma, follia pura. Foggia, “Nember One” Venezia, da Vecchi-Zenga a Cosmi la gondola non gongola 11.03 - Potete raccontarci quello che volete. La cena tra Agnelli e Allegri, la Champions che è un’ossessione della stampa e non del club, che la partita di domani sera con l’Atletico Madrid sarà una come tante altre. Sappiamo e sapete che non è così. Domani, a Torino, ci sarà un bivio. Se...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kean rischia di diventare un caso, sarà sacrificato in estate? La Roma pensa al casting, mentre l'Inter perde candidati alla panchina. Il Napoli può vincere l'Europa League 10.03 - L'Italia scopre, o meglio riscopre, Moise Kean, attaccante della Juventus, primo 2000 a giocare in Serie A. In un periodo in cui i minorenni vanno poco di moda, Donnarumma a parte, poteva sembrare un buon punto da cui ripartire anche per la nostra Nazionale, in preda a un'anemia di...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Roma: Sarri, Gasperini e Giampaolo idee per il futuro. Inter-Icardi patto fino al termine della stagione. Il Milan al lavoro per i rinnovi di Abate, Zapata, Suso e Donnarumma. Juventus, fari accesi su Joao Felix del Benfica 09.03 - L’addio a Di Francesco, la risoluzione consensuale con Monchi, l’arrivo di Ranieri e un futuro ancora da scrivere. La Roma cambia e guarda avanti, con un solo grande obiettivo: la qualificazione alla Champions League del prossimo anno, traguardo fondamentale. Ranieri resterà al timone...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510