VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Buon anno con i botti!! Il mercato per le convocazioni in Francia. Napoli e i centrocampisti, Roma e le ali, la Juve e i baby. Camplone a Bari

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
31.12.2015 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 33311 volte
© foto di Federico De Luca

Ci siamo. Ultime curve del 2015, preparatevi ad auguri, champagne... e mercato. Da domani partono i botti, c'é chi si è giá mosso per tempo e chi sta preparando le strategie, chi investirá con oculatezza e chi potrá cambiare molto.
Vuole evitare una nuova fregatura il Milan con El Shaarawy. Il Monaco ha fatto sapere che non lo riscatterà (si è fermato a una presenza dall'obbligo firmato a luglio) quindi il Milan se lo riprende. Lo stanno cercando in tanti. Il primo che ha chiamato è stato io Genoa (dove Stephan è esploso): ma stavolta neanche per Preziosi ci sono sconti. Servono 14 milioni per prenderlo. Se poi pagati magari in più tranche o con una modalità diversa non fa niente: ma chi vuole El Sharawy deve prenderlo a titolo definitivo. Ed ecco che spunta la Roma che di un esterno ha bisogno. Sabatini stima El Shaarawy e in questo momento rappresenta la migliore alternativa a Perotti per il ruolo di esterno. Si è parlato anche di Juve, ma da Vinovo smentiscono seccamente: non ci serve un esterno d'attacco, lasciano filtrare. Non sarà semplice come operazione quella giallorossa, ma chiaramente al momento è la soluzione di gran lunga più gradita al giocatore. I prossimi giorni serviranno per capire se è ancora praticabile o meno.

Da tempo, il ds del Napoli Giuntoli è al lavoro per rispondere alle richieste di Sarri: un centrocampista di qualità e possibilmente anche un difensore da affiancare a Koulibaly (richiesto dal Newcastle, ma per adesso non parte). Vecino è sempre l'obiettivo numero uno, più di Klaassen e André Gomes, comunque iscritti alla lista delle idee (costose). E che sono degli obiettivi anche per giugno. Non che la strada per Vecino sia in discesa; ma Sarri lo conosce bene e lo gradirebbe, la Fiorentina da parte sua fa muro e tiene alta la richiesta. Telenovela di gennaio? Puó darsi, come Maksimovic lo è stato nello scorso agosto. Il Napoli vuole ritentare, primi contatti partiti con il Torino ma Cairo vende sempre a costi alti: 25 milioni. Gli stessi rifiutati dalla Juve per Rugani, altro obiettivo complesso. Occhio invece a Gabbiadini, serve una maxi offerta (proprio 25 milioni?) per convincere il Napoli che penserebbe a Immobile in prestito come eventuale alternativa. Immobile infatti ha il sogno Napoli: tornerebbe nella sua terra dopo Germania e Spagna. Poteva essere più semplice se (paradossalmente) non avesse fatto gol ieri e non fosse stato il migliore in campo: ora il Siviglia prima di cederlo ci pensa due volte in più...

A Roma oltre al discorso El Shaarawy Perotti, si pensa a un terzino alternativo a Digne (il solito Adriano del Barça piace a Sabatini) mentre le big di Spagna - proprio il Barcellona oltre al Real - mantengono accesi i radar su Pjanic per l'estate. Ma per quelle grandi manovre ci sarà tempo.

La Juve intanto dopo aver messo le mani su Mandragora proprio dal Genoa per la prossima estate (atteso l'incontro con l'agente per definire anche gli ultimi dettagli) sta ragionando anche su un altro baby gioiello, questa volta sudamericano: Giovani Lo Celso, trequartista classe '96 del Rosario Central, da prendere in sinergia col Sassuolo. Prospettiva affascinante ma non semplice perché altri grandi club spingono, il Chelsea ha offerto 9 milioni e il Psg ha giá rilanciato a 10. Ma Marotta e Paratici col Sassuolo vogliono provarci, sempre ottimi rapporti e patti di ferro (come per Berardi). E l'Inter? È in fase di studio, attesa, strategie di mercato: possibili cessioni in difesa mentre si cerca di trovare l'accordo definitivo con il fondo che ha acquistato Jonathan Calleri. Mancano circa 3 milioni, poi si potrá chiudere sempre sull'asse con il Bologna essendo l'attaccante del Boca extracomunitario.
Attenzione al Genoa che ha cominciato già con il botto (già messi sotto contratto Rigoni e Suso): al momento è sul filo con il Bologna per portare a casa un attaccante molto importante: Giuseppe Rossi. Ai liguri srve un attaccante con caratteristiche diverse da quelle di Pavoletti e Rossi ha voglia di riscatto. Le alternative: Floccari, Floro Flores e anche un pensiero a Borriello. E con la Roma parla di Torosidis, buono sua a destra che a sinistra.
Aspettando i botti di mercato e quelli di Capodanno, appunti sparsi: la Fiorentina pensa a Andy Najar, esterno classe '93 dell'Anderlecht che piace anche all'Arsenal. In uscita dal Napoli Henrique (Fluminense in pole, ma si è inserito il Flamengo, tanto che i dirigenti della Flu si sono precipitati a Castelvolturno) come anche Zuniga (leggera frenata col Bournemouth) e Rafael (tra Carpi e Besiktas). Il Verona ha preso Emanuelson, la Sampdoria dopo aver trovato gli accordi per Ricky Alvarez tratta Benalouane con il Leicester inserendo Pedro Pereira nell'affare, valutato 10 milioni per una plusvalenza importante mentre Rigoni ha firmato fino al 2018 per il Genoa. L'Udinese vende: Argentinos Juniors su Insua, Marquinho tra Corinthians e Fluminense. Occhio a Behrami se il Watford dovesse prendere un nuovo centrocampista. Il Carpi prende Crimi dal Bologna e sonda Barreca dal Cagliari, il Toro ha detto no al prestito di Josef Martinez richiesto dal Panathinaikos. In Serie B, Camplone sarà nel 2016 l'allenatore del Bari, tutto deciso; si riapre per i ritorno di Moretti a Vicenza (svincolato da Sbrissa che sarebbe dovuto andare a Latina), Vicenza dove andrà Cragno al posto di Vigorito (scambio), lo Spezia ha chiuso per Pulzetti e l'Avellino vuole Comi per il dopo Trotta (pronto per il Frosinone). All'estero, Marco Motta si allenerà col Qpr mentre Inler si avvicina allo Schalke. Godetevi il capodanno, buon 2016... e tenetevi forte: buon mercato!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.