VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

C'era una volta...

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
18.09.2016 10:50 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 43560 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

1980/81 - C'era una volta una Serie A che voleva venire fuori con forza dagli anni di piombo. Aveva nuovi sogni e nuove energie, aveva un disperato bisogno di riaprire le frontiere. Era ormai da 14 anni, dall'anno della maledetta rete di Pak Doo Ik, che la strada per i giocatori non italiani era sbarrata. Ed era giunta l'ora di voltare pagina. Sembrava, all'epoca, la migliore soluzione per far ripartire il movimento, ma questa riforma aveva avuto come effetto collaterale quello di far crollare la competitività soprattutto a livello internazionale. Dopo la Coppa dei Campioni conquistata dal Milan nel 1969, nessun altro club italiano era riuscito a tornare sul tetto d'Europa e i dirigenti della Federazione avevano capito che era giunto il momento di cambiare. In quella estate turbolenta, che aveva visto Lazio e Milan retrocedere per lo scandalo Totonero, approdarono in Serie A undici stranieri: da Juary a Falcao, passando per Krol, Bertoni, Prohaska, Fortunato, De Camargo, Neumann, van de Korput, Brady e Luis Silvio. Quest'ultimo, acquistato dalla Pistoiese per 170 milioni di lire, aveva attirato su di sé sorrisi e critiche. Chi ebbe la fortuna di vederlo giocare dal vivo dubitò (probabilmente a ragione) che fosse davvero un calciatore professionista. Ma andava bene così, anche a costo di qualche svista viva gli stranieri, viva il multiculturalismo. Anche perché di italiani ce n'erano in abbondanza e di molto forti: in Argentina due estati prima la Nazionale aveva chiuso il Mondiale al quarto posto e la fiducia non mancava di certo. Era quella un'Italia piena di giocatori forti!

PRIMA GIORNATA SERIE A 1980/81
Calciatori utilizzati (subentranti compresi) - 202
Calciatori stranieri - 7
Percentuale stranieri: 3.46%

1988/89 - C'era una volta una Serie A che era il centro del calcio mondiale. C'erano i campioni più importanti e le squadre più forti. C'era Maradona e il grande Milan. C'era l'Inter del Trap e un astro nascente come Roberto Baggio. La riapertura agli stranieri era stato un vero e proprio successo. Anzi, a partire da quella estate la Federazione decise di permettere a ogni squadra di tesserare tre stranieri e non più due. Fu un successone: Rijkard, van Basten, Gullit, Laudrup, Matthäus, Brehme, Maradona, Careca, Diaz, Völler, Caniggia, Evair, Rui Barros, Ruben Sosa e tanti altri tutti insieme. Tutti fortissimi, tutti con giocatori italiani altrettanto bravi. Erano gli anni dell'entusiasmo e dell'incoscienza, di un cambiamento che stava avvenendo nei fatti ancor prima che nelle parole. L'epoca d'oro del nostro calcio, di lì a poco avremmo ospitato anche un Mondiale che eravamo pronti a disputare da protagonisti. Perché quella Italia era forte, fortissima. I suoi calciatori scendevano in campo coi migliori nel campionato più competitivo al mondo.

PRIMA GIORNATA SERIE A 1988/89
Calciatori utilizzati (subentranti compresi) - 224
Calciatori stranieri - 37
Percentuale stranieri: 16.51%

1994/95 - C'era una volta una Serie A che era pienamente consapevole della sua forza. C'era un Milan che aveva dimostrato di essere per distacco la squadra più forte in Europa: aveva vinto la Champions pochi mesi prima e altre due volte tra l'89 e il '90, aveva rivoluzionato il modo di intendere il calcio con Sacchi in panchina. Da paese storicamente costretto a inseguire eravamo diventati paese d'avanguardia. Ma non era solo il Milan ad essere forte: la Samp non era salita sul tetto d'Europa per una questione di dettagli, la Nazionale per sfortuna non era salita sul gradino più alto del podio negli ultimi due Mondiali.
L'incoscienza di fine anni '80 si era tramutata in consapevolezza: sapevamo di essere i più forti e per questo non mancavano i rimpianti per qualche occasione persa di troppo. Il numero di stranieri era costante e questo permetteva ai giovani talenti italiani di emergere. Mentre Baggio alzava al cielo il Pallone d'Oro, Totti e Del Piero cominciavano a muovere i loro primi passi in Serie A. E Buffon già scalpitava nel settore giovanile del Parma. Non male, che dite?

PRIMA GIORNATA SERIE A 1994/95
Calciatori utilizzati (subentranti compresi) - 231
Calciatori stranieri - 32
Percentuale stranieri: 13.85%

2000/01 - C'era una volta una Serie A più spendacciona che ricca. Un campionato che ormai da qualche anno sfoggiava una Ferrari senza, però, avere i soldi per manutenzione e benzina. Per chi, come me, era poco più che bambino tutto ciò che luccicava sembrava oro. In Europa, soprattutto in Coppa UEFA, dettavamo legge da anni come mai nei decenni precedenti. In Coppa dei Campioni eravamo sempre protagonisti e in Italia al vertice c'era un'alternanza piuttosto rara. Un campionato abbagliante.
Erano gli anni delle sette sorelle, l'apertura delle frontiere dopo la sentenza Bosman aveva raddoppiato in pochi anni il numero di stranieri e tutti i presidenti, con assegni non sempre coperti, si sfidavano a suon di rilanci da capogiro. Il crollo era alle porte, ma noi continuavamo a girarci dall'altro lato. Ci godevamo il presente e chi muoveva i fili nel Palazzo lo permetteva senza freni, ben consapevole che sarebbe durato ancora poco.

PRIMA GIORNATA SERIE A 2000/01
Calciatori utilizzati (subentranti compresi) - 249
Calciatori stranieri - 87
Percentuale stranieri: 34.93%

2006/07 - C'era una volta una Serie A che continuava a cullarsi sui successi e sulla lungimiranza del passato. Un gigante dai piedi d'argilla. Il Mondiale alzato al cielo poche settimane prima era servito per nascondere la polvere sotto il tappeto, per rimandare riforme che altri paesi avevano già attuato. Il ciclone Calciopoli fu il punto di non ritorno e non riuscivamo a comprenderne le conseguenze. Fu per molti campioni, non solo stranieri, la scusa per fuggire altrove, anche se sapevamo che in molti casi i motivi della fuga erano legati al nostro perdere terreno nei confronti delle altre leghe. La Germania, a differenza nostra, aveva usato il Mondiale come volano per il suo campionato. La Liga e la Premier ci stavano scavalcando, come risultati e come appeal, ma noi invece di seguire la loro scia pedalavamo in direzione opposta. Sostituivamo stranieri forti con stranieri normali e nemmeno troppo giovani. Con gli ultimi successi di una generazione ormai al tramonto ripetevamo a gran voce che andava tutto bene. Ma tutti sapevamo che non era così.

PRIMA GIORNATA SERIE A 2006/07
Calciatori utilizzati (subentranti compresi) - 279
Calciatori stranieri - 75
Percentuale stranieri: 26.88%

2014/15 - C'era una volta un campionato che s'era smarrito, era sprofondato nel buio. La disastrosa spedizione della Nazionale in Sudafrica spiegava bene cosa eravamo diventati. Dopo Calciopoli, avevamo fatto tutto il contrario di quello che dovevamo fare e ne pagavamo le conseguenze. Avevamo tolto spazio ai nostri giovani per dar spazio a un numero sempre maggiore di stranieri che non avevano aumentato la competitività del nostro campionato. Tutt'altro. Avevamo favorito la fuga dei campioni per far spazio a giocatori senza futuro e con ingaggi pesanti. Tante operazioni non avevano alcun senso, ormai il calciomercato seguiva spesso e volentieri logiche che col campo non aveva nulla a che fare: commissioni e agenti avevano preso il sopravvento sui progetti e i risultati erano sotto gli occhi di tutti.
L'ultima figuraccia Mondiale era almeno servita per far saltare qualche testa. Da qualche settimana, il nuovo presidente della FIGC era Carlo Tavecchio. Non sembrava la persona migliore, non s'era presentato benissimo con qualche discorso discutibile e più di una parola fuoriposto, ma era nel calcio da anni e al momento del suo insediamento annunciò tante riforme: non ci restava che fidarci di lui. E sperare.

PRIMA GIORNATA SERIE A 2014/15
Calciatori utilizzati (subentranti compresi) - 278
Calciatori stranieri - 161
Percentuale stranieri: 57.91%

2016/17 - C'era una volta, e adesso non c'è più, il campionato più bello del mondo. Non ci resta nemmeno l'illusione che le cose possano cambiare a breve perché le riforme - tra tutte quella delle rose a 25 e del 4+4 - non hanno prodotto risultati significativi. Il numero di italiani protagonisti non è aumentato, anzi. Abbiamo dato il via a questa stagione con un Roma-Udinese che presentava dal primo minuto un italiano su 22. Il problema non sono gli stranieri in sé, perché avessimo quelli che ci sono in Premier forse non saremmo qui a lamentarci. Il problema è che la Juve è l'unico top club con una mentalità europea e per i nostri club arrivare in fondo alle competizioni europee è sempre più utopia. Se la Nazionale raggiunge i quarti di un Europeo viene accolta in trionfo, se rimediamo figuracce in Europa League contro squadre ai più sconosciuti non ci sorprende nemmeno.
C'era una volta, e speriamo ritornerà in futuro, il campionato più bello del mondo. Perché continuare a nascondere i problemi e a ripeterci che il nostro 'non sarà il più bello, ma resta il campionato più difficile' non risolve i problemi. Serve una svolta, quella che non c'è stata nell'ultimo biennio.

PRIMA GIORNATA SERIE A 2016/17
Calciatori utilizzati (subentranti compresi) - 279
Calciatori stranieri - 156
Percentuale stranieri: 55.91%

(Tabellini tratti da www.calcio.com)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.