VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
Editoriale

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte

22.09.2017 07:34 di Enzo Bucchioni   articolo letto 40459 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza alcun obiettivo o alcuna paura. Non si può andare avanti così, serve l’immediata riforma, la serie A come minimo deve scendere a diciotto squadre e la Lega deve studiare un premio-promozione simile a quello retrocessione. Ma è il momento di discutere anche il format e pensare seriamente a play out e play off pure per la serie A.

Non è possibile tollerare ancora oltre che sette-otto squadre, ma anche di più, a un terzo della stagione non abbiano più obiettivi di alcun genere. Anche uno che arrivasse oggi da Marte potrebbe capire come queste squadre possano essere facilmente influenzabili a seconda dell’umore, dell’interesse del momento, delle motivazioni. Il loro atteggiamento può pesare fortemente sulla regolarità della stagione. Ma il campanello d’allarme dovrebbe suonare ancora più forte se pensiamo a che terreno fertile potrebbe essere questo limbo per tutti quelli che ruotano attorno alle scommesse legali e sono in gradi di mettere in piedi certi giri non simpatici.

Insomma, è il momento di aprire gli occhi. Il nostro campionato era il più bello del mondo quando c’erano i grandi campioni, ma anche perché era l’unico in grado di regalare incertezza dall’inizio alla fine, con un grande livellamento di valori e tensione emotiva da agosto a giugno. Oggi non è più così. A fronte di grandi imprese sportive e sogni coronati negli ultimi anni, dal Carpi al Frosinone, dal Crotone alla Spal, al Benevento, va messa in conto la fragilità di certe imprese, di certe società e di certi organici. Purtroppo fra diritti televisivi e fatturati, il divario è enorme e, di conseguenza, tecnicamente l’abisso esiste ancora prima di cominciare a giocare.

Detto questo, la conseguenza è evidente dopo cinque gare. Davanti il tandem Juve-Napoli è solo, in coda Benevento è già al dramma, Crotone e Verona boccheggiano. La Spal fatica.

La Juve, però, ha sudato per battere la Fiorentina in dieci. Perché? Di sicuro è una questione di motivazioni, oltre alla bella gara difensiva dei viola. Ma anche la campagna acquisti, come da noi sempre sottolineato, non ha alzato il livello di questa squadra. C’era da aspettarsi un paio di grandi giocatori in difesa e a centrocampo, gente in grado di aiutare a salire un altro gradino verso Real, Barcellona e compagnia. E invece s’è speso in giocatori che non servivano, soprattutto Douglas Costa (quaranta milioni) o acquisti dell’ultima ora (Howedes) buoni, ma non top player e spesso condizionati da infortuni. L’assenza di un terzino destro da alternare al vecchio Lichtsteiner è clamorosa. De Sciglio è una scommessa, in attesa di vincerla, Sturaro in difesa è un ripiego non da grande squadra come la Juventus. E se un eterno ragazzo di 36 anni come Barzagli è ancora fondamentale, c’è di che riflettere. Matuidi sta facendo bene, ma un interditore muscolare, bravo anche a dare i tempi di gioco manca e purtroppo gente come Marchisio e Khedira è destinata a pause e condizionamenti. E’ impensabile il loro recupero costante ad altissimo livello come un tempo. Insomma, Marotta ha mostrato il braccino, di sicuro frenato da una proprietà (Elkann) che prima guarda i conti, poi i titoli.

Anche l’Inter è stata frenata dai commercialisti. Fair play finanziario e cinesi anche loro d’improvviso con il braccino, hanno fermato a metà il mercato di Sabatini e Ausilio. E’ evidente come questa Inter sia incompleta. Non faccio drammi dopo un pareggio, per me i nerazzurri daranno fastidio a Juve e Napoli, ma Spalletti non può far miracoli. Sta dando un gioco e una mentalità, di sicuro l’acquisto più importante è stato lui, ma l’assenza di una pedina adatta a giocare dietro Icardi è clamorosamente evidente. Spalletti ha un uomo che ragiona e tiene palla davanti alla difesa (Borja Valero), nella catena centrale servirebbe un altro elemento di personalità, qualità e gamba in grado di catalizzare il gioco del centrocampo e smistare le azioni offensive. Un giocatore in grado di tenere palla e far salire la squadra, ma anche di veloci incursioni e soluzioni in rapidità per collegare la squadra a Icardi.

Joao Mario lo può fare, ma è lento. Brozovic non ha il piede raffinato. Anche Borja Valero rende meno più vicino all’area avversaria e poi viene a mancare nell’avvio dell’azione. Non c’è altro. Il buco si nota e Spalletti dovrà essere bravo a mascherare e supplire almeno fino a gennaio quando il fair play finanziario consentirà maggior spazio di manovra. Nel mirino di Sabatini ci sono alcuni giocatori importanti. Il primo è Ozil. Non vuole rinnovare, l’Arsenal potrebbe decidere di venderlo a gennaio per non perderlo a zero. L’Inter c’è. Ma si guarda anche al Psg con Draxler e Pastore, profili interessanti e adatti. Fari accesi anche sul solito Vidal che però Ancelotti non sembra intenzionato a mollare. Alex Teixeira, trequartista brasiliano del Jiangsu è una suggestione, ma spaventa l’ambientamento. A gennaio servono giocatori pronti.

Pronto è Michele Uva, direttore generale della Federcalcio, nuovo vicepresidente dell’Uefa. E’ un ingresso importante.

Uva, giovane manager ma con grandi esperienze alle spalle, ha le capacità necessaria e le energie per aiutare il rinnovamento del calcio e nello stesso tempo dare più peso politico al movimento italiano che deve contare di più a livello propositivo e decisionale. C’è già Collina a capo del settore arbitrale a dimostrare la grande valenza del nostro calcio, la nuova carica prestigiosa di Uva è un altro grande segnale da cogliere.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: sboccia Costa, ma “mister ottavi” ha il solito problema. Milan: Gattuso deve risolvere il “guaio estivo” (e c’è un esempio da seguire). Inter: Spalletti, Icardi e i pericolosi suonatori di violino. Napoli: Sarri non farti fregare 05.12 - Intanto chiedo un grande applauso al direttore artistico Luca Tommassini. Bravo Luca, riesci a sorprenderci ogni volta. (Se non chiedi un applauso per Luca Tommassini, oggigiorno non sei nessuno). Poi riflettiamo sul Natale. Il Natale sta arrivando con le sue luci e le sue mille...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, gli alibi sono finiti. Inter, adesso dimostra a Torino chi sei. Napoli, sono pochi 13 calciatori per lo scudetto. Sassuolo, quando paga Angelozzi? 04.12 - Siamo tutti professori senza cattedra ma è il bello del nostro mestiere dove giudichiamo ma non siamo giudicati perché alla fine parlare è facile ma fare calcio è davvero complicato. Puoi spendere soldi, puoi fare progetti ma il calcio è bello e maledetto proprio perché può stravolgerli....

EditorialeDI: Andrea Losapio

La Russia è una tristezza che capiremo solo a giugno. Napoli incompiuto ma pur sempre primo in classifica, la Juventus è più forte. Milan e Sardegna-gate: perché rinnovare a Montella? 03.12 - C'è chi era al caldo di Zanzibar e chi al freddo di Mosca. Chi si godeva il bagno in un periodo che solitamente porta solo spifferi e chi rischiava di scivolare sul marciapiede in Russia in attesa di un sorteggio che non ci vedeva protagonisti. Sembrano due storie molto lontane fra...

EditorialeDI: Mauro Suma

Napoli disinnescato dalla Juve. Il macellaio di Carnago. Giochi di guerra a Novara. Icardi-Tevez, bivio Inter 02.12 - Lo stesso abbraccio sportivamente "cattivo" visto a San Siro, al termine di Milan-Juventus. Se lo sono regalati i giocatori della Juventus, cinici più che mai al San Paolo nell'ennesimo capitolo della saga di Higuain. Più ha male alla mano e più lo fischiano, più segna. Gol decisivi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.