HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte

22.09.2017 07:34 di Enzo Bucchioni   articolo letto 40762 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza alcun obiettivo o alcuna paura. Non si può andare avanti così, serve l’immediata riforma, la serie A come minimo deve scendere a diciotto squadre e la Lega deve studiare un premio-promozione simile a quello retrocessione. Ma è il momento di discutere anche il format e pensare seriamente a play out e play off pure per la serie A.

Non è possibile tollerare ancora oltre che sette-otto squadre, ma anche di più, a un terzo della stagione non abbiano più obiettivi di alcun genere. Anche uno che arrivasse oggi da Marte potrebbe capire come queste squadre possano essere facilmente influenzabili a seconda dell’umore, dell’interesse del momento, delle motivazioni. Il loro atteggiamento può pesare fortemente sulla regolarità della stagione. Ma il campanello d’allarme dovrebbe suonare ancora più forte se pensiamo a che terreno fertile potrebbe essere questo limbo per tutti quelli che ruotano attorno alle scommesse legali e sono in gradi di mettere in piedi certi giri non simpatici.

Insomma, è il momento di aprire gli occhi. Il nostro campionato era il più bello del mondo quando c’erano i grandi campioni, ma anche perché era l’unico in grado di regalare incertezza dall’inizio alla fine, con un grande livellamento di valori e tensione emotiva da agosto a giugno. Oggi non è più così. A fronte di grandi imprese sportive e sogni coronati negli ultimi anni, dal Carpi al Frosinone, dal Crotone alla Spal, al Benevento, va messa in conto la fragilità di certe imprese, di certe società e di certi organici. Purtroppo fra diritti televisivi e fatturati, il divario è enorme e, di conseguenza, tecnicamente l’abisso esiste ancora prima di cominciare a giocare.

Detto questo, la conseguenza è evidente dopo cinque gare. Davanti il tandem Juve-Napoli è solo, in coda Benevento è già al dramma, Crotone e Verona boccheggiano. La Spal fatica.

La Juve, però, ha sudato per battere la Fiorentina in dieci. Perché? Di sicuro è una questione di motivazioni, oltre alla bella gara difensiva dei viola. Ma anche la campagna acquisti, come da noi sempre sottolineato, non ha alzato il livello di questa squadra. C’era da aspettarsi un paio di grandi giocatori in difesa e a centrocampo, gente in grado di aiutare a salire un altro gradino verso Real, Barcellona e compagnia. E invece s’è speso in giocatori che non servivano, soprattutto Douglas Costa (quaranta milioni) o acquisti dell’ultima ora (Howedes) buoni, ma non top player e spesso condizionati da infortuni. L’assenza di un terzino destro da alternare al vecchio Lichtsteiner è clamorosa. De Sciglio è una scommessa, in attesa di vincerla, Sturaro in difesa è un ripiego non da grande squadra come la Juventus. E se un eterno ragazzo di 36 anni come Barzagli è ancora fondamentale, c’è di che riflettere. Matuidi sta facendo bene, ma un interditore muscolare, bravo anche a dare i tempi di gioco manca e purtroppo gente come Marchisio e Khedira è destinata a pause e condizionamenti. E’ impensabile il loro recupero costante ad altissimo livello come un tempo. Insomma, Marotta ha mostrato il braccino, di sicuro frenato da una proprietà (Elkann) che prima guarda i conti, poi i titoli.

Anche l’Inter è stata frenata dai commercialisti. Fair play finanziario e cinesi anche loro d’improvviso con il braccino, hanno fermato a metà il mercato di Sabatini e Ausilio. E’ evidente come questa Inter sia incompleta. Non faccio drammi dopo un pareggio, per me i nerazzurri daranno fastidio a Juve e Napoli, ma Spalletti non può far miracoli. Sta dando un gioco e una mentalità, di sicuro l’acquisto più importante è stato lui, ma l’assenza di una pedina adatta a giocare dietro Icardi è clamorosamente evidente. Spalletti ha un uomo che ragiona e tiene palla davanti alla difesa (Borja Valero), nella catena centrale servirebbe un altro elemento di personalità, qualità e gamba in grado di catalizzare il gioco del centrocampo e smistare le azioni offensive. Un giocatore in grado di tenere palla e far salire la squadra, ma anche di veloci incursioni e soluzioni in rapidità per collegare la squadra a Icardi.

Joao Mario lo può fare, ma è lento. Brozovic non ha il piede raffinato. Anche Borja Valero rende meno più vicino all’area avversaria e poi viene a mancare nell’avvio dell’azione. Non c’è altro. Il buco si nota e Spalletti dovrà essere bravo a mascherare e supplire almeno fino a gennaio quando il fair play finanziario consentirà maggior spazio di manovra. Nel mirino di Sabatini ci sono alcuni giocatori importanti. Il primo è Ozil. Non vuole rinnovare, l’Arsenal potrebbe decidere di venderlo a gennaio per non perderlo a zero. L’Inter c’è. Ma si guarda anche al Psg con Draxler e Pastore, profili interessanti e adatti. Fari accesi anche sul solito Vidal che però Ancelotti non sembra intenzionato a mollare. Alex Teixeira, trequartista brasiliano del Jiangsu è una suggestione, ma spaventa l’ambientamento. A gennaio servono giocatori pronti.

Pronto è Michele Uva, direttore generale della Federcalcio, nuovo vicepresidente dell’Uefa. E’ un ingresso importante.

Uva, giovane manager ma con grandi esperienze alle spalle, ha le capacità necessaria e le energie per aiutare il rinnovamento del calcio e nello stesso tempo dare più peso politico al movimento italiano che deve contare di più a livello propositivo e decisionale. C’è già Collina a capo del settore arbitrale a dimostrare la grande valenza del nostro calcio, la nuova carica prestigiosa di Uva è un altro grande segnale da cogliere.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...

Editoriale DI: Andrea Losapio

La Superlega, Football Leaks e il pallone sgonfiato: tutto molto triste. Dopo un decennio abbiamo una candidata alla Champions, forse più di una. Chi prenderà il quarto posto? 04.11 - Der Spiegel e L'Espresso stanno portando avanti, da anni oramai, una battaglia contro i furbetti del pallone. In principio si è parlato di Doyen Sports e Twente, dei rapporti di Radamel Falcao con i fondi di investimento, dell'ascesa dell'Atletico Madrid anche grazie agli investimenti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy