VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte

22.09.2017 07:34 di Enzo Bucchioni   articolo letto 40280 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza alcun obiettivo o alcuna paura. Non si può andare avanti così, serve l’immediata riforma, la serie A come minimo deve scendere a diciotto squadre e la Lega deve studiare un premio-promozione simile a quello retrocessione. Ma è il momento di discutere anche il format e pensare seriamente a play out e play off pure per la serie A.

Non è possibile tollerare ancora oltre che sette-otto squadre, ma anche di più, a un terzo della stagione non abbiano più obiettivi di alcun genere. Anche uno che arrivasse oggi da Marte potrebbe capire come queste squadre possano essere facilmente influenzabili a seconda dell’umore, dell’interesse del momento, delle motivazioni. Il loro atteggiamento può pesare fortemente sulla regolarità della stagione. Ma il campanello d’allarme dovrebbe suonare ancora più forte se pensiamo a che terreno fertile potrebbe essere questo limbo per tutti quelli che ruotano attorno alle scommesse legali e sono in gradi di mettere in piedi certi giri non simpatici.

Insomma, è il momento di aprire gli occhi. Il nostro campionato era il più bello del mondo quando c’erano i grandi campioni, ma anche perché era l’unico in grado di regalare incertezza dall’inizio alla fine, con un grande livellamento di valori e tensione emotiva da agosto a giugno. Oggi non è più così. A fronte di grandi imprese sportive e sogni coronati negli ultimi anni, dal Carpi al Frosinone, dal Crotone alla Spal, al Benevento, va messa in conto la fragilità di certe imprese, di certe società e di certi organici. Purtroppo fra diritti televisivi e fatturati, il divario è enorme e, di conseguenza, tecnicamente l’abisso esiste ancora prima di cominciare a giocare.

Detto questo, la conseguenza è evidente dopo cinque gare. Davanti il tandem Juve-Napoli è solo, in coda Benevento è già al dramma, Crotone e Verona boccheggiano. La Spal fatica.

La Juve, però, ha sudato per battere la Fiorentina in dieci. Perché? Di sicuro è una questione di motivazioni, oltre alla bella gara difensiva dei viola. Ma anche la campagna acquisti, come da noi sempre sottolineato, non ha alzato il livello di questa squadra. C’era da aspettarsi un paio di grandi giocatori in difesa e a centrocampo, gente in grado di aiutare a salire un altro gradino verso Real, Barcellona e compagnia. E invece s’è speso in giocatori che non servivano, soprattutto Douglas Costa (quaranta milioni) o acquisti dell’ultima ora (Howedes) buoni, ma non top player e spesso condizionati da infortuni. L’assenza di un terzino destro da alternare al vecchio Lichtsteiner è clamorosa. De Sciglio è una scommessa, in attesa di vincerla, Sturaro in difesa è un ripiego non da grande squadra come la Juventus. E se un eterno ragazzo di 36 anni come Barzagli è ancora fondamentale, c’è di che riflettere. Matuidi sta facendo bene, ma un interditore muscolare, bravo anche a dare i tempi di gioco manca e purtroppo gente come Marchisio e Khedira è destinata a pause e condizionamenti. E’ impensabile il loro recupero costante ad altissimo livello come un tempo. Insomma, Marotta ha mostrato il braccino, di sicuro frenato da una proprietà (Elkann) che prima guarda i conti, poi i titoli.

Anche l’Inter è stata frenata dai commercialisti. Fair play finanziario e cinesi anche loro d’improvviso con il braccino, hanno fermato a metà il mercato di Sabatini e Ausilio. E’ evidente come questa Inter sia incompleta. Non faccio drammi dopo un pareggio, per me i nerazzurri daranno fastidio a Juve e Napoli, ma Spalletti non può far miracoli. Sta dando un gioco e una mentalità, di sicuro l’acquisto più importante è stato lui, ma l’assenza di una pedina adatta a giocare dietro Icardi è clamorosamente evidente. Spalletti ha un uomo che ragiona e tiene palla davanti alla difesa (Borja Valero), nella catena centrale servirebbe un altro elemento di personalità, qualità e gamba in grado di catalizzare il gioco del centrocampo e smistare le azioni offensive. Un giocatore in grado di tenere palla e far salire la squadra, ma anche di veloci incursioni e soluzioni in rapidità per collegare la squadra a Icardi.

Joao Mario lo può fare, ma è lento. Brozovic non ha il piede raffinato. Anche Borja Valero rende meno più vicino all’area avversaria e poi viene a mancare nell’avvio dell’azione. Non c’è altro. Il buco si nota e Spalletti dovrà essere bravo a mascherare e supplire almeno fino a gennaio quando il fair play finanziario consentirà maggior spazio di manovra. Nel mirino di Sabatini ci sono alcuni giocatori importanti. Il primo è Ozil. Non vuole rinnovare, l’Arsenal potrebbe decidere di venderlo a gennaio per non perderlo a zero. L’Inter c’è. Ma si guarda anche al Psg con Draxler e Pastore, profili interessanti e adatti. Fari accesi anche sul solito Vidal che però Ancelotti non sembra intenzionato a mollare. Alex Teixeira, trequartista brasiliano del Jiangsu è una suggestione, ma spaventa l’ambientamento. A gennaio servono giocatori pronti.

Pronto è Michele Uva, direttore generale della Federcalcio, nuovo vicepresidente dell’Uefa. E’ un ingresso importante.

Uva, giovane manager ma con grandi esperienze alle spalle, ha le capacità necessaria e le energie per aiutare il rinnovamento del calcio e nello stesso tempo dare più peso politico al movimento italiano che deve contare di più a livello propositivo e decisionale. C’è già Collina a capo del settore arbitrale a dimostrare la grande valenza del nostro calcio, la nuova carica prestigiosa di Uva è un altro grande segnale da cogliere.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.