VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Campioni con le valigie in mano: Higuain e Nainggolan primi della lista. Juve: via una stella in estate, occhio anche ai big di Inter e Lazio. Ma c'è una ricetta per non perdersi e l'esempio è bianconero

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista e vicedirettore di Firenzeviola.it.
10.04.2016 00.00 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 41510 volte
© foto di Image Sport

Viva l'Italia, strimpellava il Maestro. Sì. Solo che di vivo c'è poco, dalle casse dei club al futuro delle società se paragonate con quelle del resto del globo. Sicché sopravviva l'Italia, e tragga ancora una volta beneficio dalla munificenza delle big d'Europa, pronte a pagare e strapagare i suoi gioielli. Rassegnatevi. Oramai funziona così. Avete mai sentito parlare della migliore stella del Barcellona, del Real Madrid, del Manchester City, del Chelsea o dell'Arsenal, per una squadra italiana? Viceversa. Avete letto delle stelle della Juventus, del Napoli, della Roma, per le grandi d'Europa? Ecco. Perfetto.

Dunque non stupitevi, a Napoli, se Gonzalo Higuain deciderà di non rinnovare. O se lo farà e sarà questa arma importante per De Laurentiis per non cedere sul prezzo. Però la decisione bavarese è a buon punto e Carlo Ancelotti lo ha chiesto come primo nome alla dirigenza del Bayern Monaco. Certo, di mezzo può inserirsi anche il Paris Saint-Germain che però dovrebbe virare poi su Karim Benzema (se l'Arsenal non dovesse a sua volta riuscire a prenderlo). Una giravolta che però rischia di privare davvero il Napoli del suo centravanti. De Laurentiis, imperterrito, chiede la cifra della clausola ma anche il giocatore ed il suo entourage sono consci che un prezzo del genere non lo pagherà nessuno. Che il Napoli esca più forte dall'addio possibile dell'argentino? Niente affatto. Giuntoli si sta già muovendo per il sostituto, e con cotanti milioni è possibile costruire un'intera squadra.

Non ne incasserà 100, ma le offerte pioveranno importanti, la Juventus per Paul Pogba. La Vecchia Signora è conscia che, comunque, offerte più alte di quelle in arrivo questa estate difficilmente arriveranno in futuro. Sicché la strategia di cedere ora, al massimo della resa, l'ex United, è strategia saggia e giusta. Occhio anche ad Alvaro Morata: la Juventus strizza l'occhio anche alla possibilità di incassare forte con lui ed avere cash per una squadra all'altezza di lottare per la Champions.

Però i big partiranno. Ovunque. La Roma, nonostante le rassicurazioni di James Pallotta, perderà un big a centrocampo. La trattativa per Radja Nainggolan al Chelsea è impostata, i Blues hanno preso informazioni anche per Miralem Pjanic. Insomma, Antonio Conte vuole uno dei due con sè a Londra e per la trequarti, tra i nomi sondati, ha anche Ivan Perisic. Non come prima alternativa, ma l'Inter è conscia che in estate dovrà far fronte ad un sacrificio. Importante. Pesante. Occhio pure a Mauro Icardi, corteggiato da Josè Mourinho e da Diego Pablo Simeone. Perisic, appunto, e Marcelo Brozovic sono le alternative.

Le stelle rischiano di partire ovunque, ma quel che farà la differenza sarà la capacità delle dirigenze di saper far fronte ai grandi addii. Prendete la Juventus: ha salutato Arturo Vidal, Andrea Pirlo e Carlos Tevez, ma ha saputo costruire una squadra forte, più giovane e di maggior prospettiva. La Lazio dovrà essere capace di superare almeno due cessioni di big: Lucas Biglia ed uno tra Antonio Candreva e Felipe Anderson, i maggiori indiziati. Matias Vecino, Milan Badelj ed occhio anche al richiestissimo Federico Bernardeschi, più Khouma El Babacar, quelli che la Fiorentina rischia di perdere a giugno. La lista è lunga, c'è un big in uscita da quasi ogni piazza. In casa Milan, intanto, solo rumors su Gianluigi Donnarumma, per adesso, anche se 38 milioni di euro sono cifra irrinunciabile a prescindere da doti ed età. Però è vero che in molte sono folli di Carlos Bacca, ma Silvio Berlusconi non vorrebbe perdere la stella colombiana in estate.

La ricetta per ripartire, però, c'è. E' quella di cui parlavamo prima. Avere un progetto, dirigenti capaci, un apparato scouting di livello. La Juventus deve essere l'esempio per tutti: ognuno ha un suo compito, in ogni settore dell'azienda, della società, del club. La Roma vuole diventare più inglese puntando più sul video-scouting, l'Inter sta cercando di implementare l'apparato di ricerca e monitoraggio giocatori dallo scorso anno guidato da Mirabelli. La Fiorentina si è dotata, dopo un faticoso operato, di un nuovo sistema di scouting e rivoluzionare anche in quello sarebbe un peccato anche se i segnali e le chiacchiere dicono il contrario. Sarà un'estate di rivoluzione, insomma. Dovunque. Ma nulla è perduto. Basta cambiare, sì, ma con intelligenza.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.