HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva!

10.01.2018 08:32 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 29796 volte

Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale. Quindi, essendo in fase di sperimentazione, è soggetto ad errori e, soprattutto, migliorie. Non ne posso più di chi continua a tuonare come il VAR sia un male per il calcio. Ricordo quando è comparso il cellulare (purtroppo sono dell’era del telefono a casa con fili). In tanti lo demonizzarono, ora è parte integrante della nostra vita quotidiana e, anche chi non voleva entraci in contatto, l’ha nel proprio taschino. Come l’onnipresente smarthphone, anche il VAR non ha solo aspetti positivi ma è utopia pensare di poterne fare a meno… Ma come migliorare la tecnologia applicata al calcio? Penso sempre ai colleghi americani… Nell’NFL (da una vita), l’Head Coach può avvalersi dei cosiddetti “Challenge”. Se una chiamata arbitrale non lo convince, può chiedere l’intervento della “tecnologia”. Accade anche nel tennis e in tanti altri sport… Ecco, non sarebbe male applicare tale metodo anche al calcio. Che sia l’allenatore a chiedere l’utilizzo del VAR. Al massimo due o tre chiamate a partita a disposizione di ogni allenatore, magari con un bonus se la chiamata risulta “corretta”. In questo modo si toglierebbe un po’ di pressione all’arbitro e si eviterebbero tante scenate da parte dei nostri allenatori (e non solo) per il “non intervento” del VAR. Certo, alla fine l’ultima parola sarebbe sempre quella del direttore di gara ma il “challenge” sarebbe a discrezione dell’allenatore e, quindi, non ci sarebbe più il rischio che l’arbitro si possa dimenticare del VAR…
Argomento VAR esaurito, almeno per il momento (sono certo che se ne discuterà in eterno). Parliamo di calciomercato. Nessun dubbio: ci agitiamo tanto ma sarà un mercato, parlo del nostro orticello italiano, molto ma molto povero. Il Barcellona spende, senza preoccuparsi di nulla, 160 milioni di euro per Coutinho, da noi ci si azzanna per Deulofeu, uno che, al Barcellona appunto, fa la riserva e, con l’arrivo di Coutinho, farebbe anche tanta tribuna. Ma, non dimentichiamolo mai, siamo italiani, quindi in grado di sorprendere e stupire… Marotta, Sabatini, Giuntoli, tanto per citare quelli che ammiro maggiormente, sono persone che hanno dimostrato di saper “fare mercato” e, di conseguenza, qualcosa accadrà. E Monchi? Ecco, non vorrei essere il buon Monchi. Dopo un inizio contraddistinto da applausi e consensi, la Roma ha perso la retta via. Di Francesco sta facendo di tutto per impedire al gruppo di smarrire il concetto di squadra ma, è evidente, che qualcosa si sia rotto. Troppe persone che si lamentano o che festeggiano più del lecito. Da qui la concreta possibilità che, a gennaio, un big venga sacrificato. Perché? Per smuovere le acque e, magari, riportare l’attenzione su altri argomenti, come, ad esempio, gli obiettivi della società (qualificazione alla prossima Champions League)… Se dovesse arrivare un’offerta importante per un gioiello giallorosso, Monchi dovrà decidere cosa fare: cedere o resistere? A volte, per migliorare una squadra, può anche essere utile lasciar andar via qualcuno, a patto che si riesca a trovare immediatamente un sostituto all’altezza… A Salah è stato permesso di andarsene ma, ancora oggi, uno del suo calibro non è arrivato a Roma. Meglio imparare dagli errori per non rischiare un’altra stagione anonima…
E qui vengo al Milan. Lo ammetto: non sono mai stato un grande estimatore di André Silva. Diffido sempre dai “bomber del Porto”. Sicuramente ha doti interessanti ma, con tutto il rispetto, non lo vedo, tra cinque anni, dominare in Europa. Il Diavolo ha investito quasi 40 milioni sul giovane André Silva ma, a questo punto, in tanti si interrogano sul suo futuro. All’estero, visti gli otto gol segnati in Europa League (zero in campionato), lo stimano in tanti. Davanti ad un’offerta da almeno 40 milioni (c’è qualcuno disposto a sborsarli? Sì, l’Arsenal potrebbe farsi avanti presto), potrebbe essere lungimirante cederlo ora e, con i soldi incassati, provare a prendere giocatori già abituati al calcio italiano. Gente come Cristante o Jankto, tanto per intenderci, ossia elementi che sanno come districarsi nel tattico torneo italico. Chiusura sulla lite Conte-Mourinho. A questo punto, dopo tante offese reciproche, alcune anche sopra le righe, sarebbe carino se uno dei due decidesse di fare un passo indietro. Probabile che non accadrà e, quindi, aspettiamoci altre puntate di una telenovela che sta facendo la felicità dei media inglesi… E’ proprio vero. La Premier League ha tutto: soldi, campioni e due galli nello stesso pollaio che non vogliono abbassare la cresta…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter con la Samp per la svolta in campionato. Juventus: Dybala un anno decisivo, Bernardeschi ora è l’arma in più. Di Francesco merita fiducia ma serve un cambio di marcia. Atalanta: il rinnovo di Gasperini segnale forte della società 22.09 - Ne ero convinto e alla fine la Champions ha confermato la mia sensazione. Contro il Tottenham, l’Inter ha trovato il risultato, la prestazione ma soprattutto la reazione che voleva Spalletti. Quella rabbia che ha portato a ribaltare una situazione che avrebbe aperto in maniera ufficiale...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy