VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva!

10.01.2018 08:32 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 29064 volte

Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale. Quindi, essendo in fase di sperimentazione, è soggetto ad errori e, soprattutto, migliorie. Non ne posso più di chi continua a tuonare come il VAR sia un male per il calcio. Ricordo quando è comparso il cellulare (purtroppo sono dell’era del telefono a casa con fili). In tanti lo demonizzarono, ora è parte integrante della nostra vita quotidiana e, anche chi non voleva entraci in contatto, l’ha nel proprio taschino. Come l’onnipresente smarthphone, anche il VAR non ha solo aspetti positivi ma è utopia pensare di poterne fare a meno… Ma come migliorare la tecnologia applicata al calcio? Penso sempre ai colleghi americani… Nell’NFL (da una vita), l’Head Coach può avvalersi dei cosiddetti “Challenge”. Se una chiamata arbitrale non lo convince, può chiedere l’intervento della “tecnologia”. Accade anche nel tennis e in tanti altri sport… Ecco, non sarebbe male applicare tale metodo anche al calcio. Che sia l’allenatore a chiedere l’utilizzo del VAR. Al massimo due o tre chiamate a partita a disposizione di ogni allenatore, magari con un bonus se la chiamata risulta “corretta”. In questo modo si toglierebbe un po’ di pressione all’arbitro e si eviterebbero tante scenate da parte dei nostri allenatori (e non solo) per il “non intervento” del VAR. Certo, alla fine l’ultima parola sarebbe sempre quella del direttore di gara ma il “challenge” sarebbe a discrezione dell’allenatore e, quindi, non ci sarebbe più il rischio che l’arbitro si possa dimenticare del VAR…
Argomento VAR esaurito, almeno per il momento (sono certo che se ne discuterà in eterno). Parliamo di calciomercato. Nessun dubbio: ci agitiamo tanto ma sarà un mercato, parlo del nostro orticello italiano, molto ma molto povero. Il Barcellona spende, senza preoccuparsi di nulla, 160 milioni di euro per Coutinho, da noi ci si azzanna per Deulofeu, uno che, al Barcellona appunto, fa la riserva e, con l’arrivo di Coutinho, farebbe anche tanta tribuna. Ma, non dimentichiamolo mai, siamo italiani, quindi in grado di sorprendere e stupire… Marotta, Sabatini, Giuntoli, tanto per citare quelli che ammiro maggiormente, sono persone che hanno dimostrato di saper “fare mercato” e, di conseguenza, qualcosa accadrà. E Monchi? Ecco, non vorrei essere il buon Monchi. Dopo un inizio contraddistinto da applausi e consensi, la Roma ha perso la retta via. Di Francesco sta facendo di tutto per impedire al gruppo di smarrire il concetto di squadra ma, è evidente, che qualcosa si sia rotto. Troppe persone che si lamentano o che festeggiano più del lecito. Da qui la concreta possibilità che, a gennaio, un big venga sacrificato. Perché? Per smuovere le acque e, magari, riportare l’attenzione su altri argomenti, come, ad esempio, gli obiettivi della società (qualificazione alla prossima Champions League)… Se dovesse arrivare un’offerta importante per un gioiello giallorosso, Monchi dovrà decidere cosa fare: cedere o resistere? A volte, per migliorare una squadra, può anche essere utile lasciar andar via qualcuno, a patto che si riesca a trovare immediatamente un sostituto all’altezza… A Salah è stato permesso di andarsene ma, ancora oggi, uno del suo calibro non è arrivato a Roma. Meglio imparare dagli errori per non rischiare un’altra stagione anonima…
E qui vengo al Milan. Lo ammetto: non sono mai stato un grande estimatore di André Silva. Diffido sempre dai “bomber del Porto”. Sicuramente ha doti interessanti ma, con tutto il rispetto, non lo vedo, tra cinque anni, dominare in Europa. Il Diavolo ha investito quasi 40 milioni sul giovane André Silva ma, a questo punto, in tanti si interrogano sul suo futuro. All’estero, visti gli otto gol segnati in Europa League (zero in campionato), lo stimano in tanti. Davanti ad un’offerta da almeno 40 milioni (c’è qualcuno disposto a sborsarli? Sì, l’Arsenal potrebbe farsi avanti presto), potrebbe essere lungimirante cederlo ora e, con i soldi incassati, provare a prendere giocatori già abituati al calcio italiano. Gente come Cristante o Jankto, tanto per intenderci, ossia elementi che sanno come districarsi nel tattico torneo italico. Chiusura sulla lite Conte-Mourinho. A questo punto, dopo tante offese reciproche, alcune anche sopra le righe, sarebbe carino se uno dei due decidesse di fare un passo indietro. Probabile che non accadrà e, quindi, aspettiamoci altre puntate di una telenovela che sta facendo la felicità dei media inglesi… E’ proprio vero. La Premier League ha tutto: soldi, campioni e due galli nello stesso pollaio che non vogliono abbassare la cresta…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.