VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro

23.03.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 13163 volte
© foto di Federico De Luca

Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana.
A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva consentire un ulteriore rinvio del closing non sono arrivati. Ne sono arrivati 20 che consentono a SES, detto in maniera molto semplicistica, di ritardare l'ultimatum Fininvest. Che scritto non è mai stato ma che prevedeva entro questi giorni qui la chiusura dell'operazione. Si attenderà invece ancora il fine settimana. I 20 milioni di oggi sono considerati la dimostrazione di intenti da parte di Ses a fare le cose per bene. Certo quando ci immaginavamo la cessione del Milan da parte di Berlusconi ci immaginavamo una situazione completamente diversa, non una serie di accordi dilazionati nel tempo che servono sia per trovare i finanziatori giusti per questa avventura sia per adempiere a tutte le formalità burocratiche che si sono irrigidite per operazioni extracinesi (dalla Cina). Di sicuro questa situazione non è stato un bene a livello mediatico, non è stato il miglior biglietto da visita e in molti, tanti, si sono fatti un'opinione sugli acquirenti rossoneri non certo lusinghiera. Saranno sempre i fatti a parlare. E finora i fatti dicono che Ses ha versato 220 milioni di euro, praticamente a fondo perduto, per non avere in mano nulla. Fino a prova contraria è impossibile che ci sia qualcuno pronto a perdere così tanti soldi pur di inseguire un sogno. Ma dare per scontata la soluzione (in un verso o nell'altro) è rischioso. Di sicuro ora chi ha da dimostrare, soprattutto ai tifosi, di più è l'eventuale nuovo proprietario.
La cena più importante invece si è tenuta a Roma. Pallotta, Baldissoni e Spalletti, con in più un caro amico giallorosso come Baldini. In 4 per parlare di futuro, di strategie. Per guardarsi negli occhi il più lontano possibile dalle telecamere e dalla necessità di dover nascondere qualche verità. Che sia un lungo percorso non c'è dubbio: Pallotta più chiaro di così non poteva essere. Spalletti dal suo punto di vista pure: io lavoro per vincere. È normale ora pensare alla possibilità Juventus, al fatto che la distanza al momento fra la Roma e la Juve (almeno in classifica) è marcata e che le frizioni della piazza possono portare alla rottura. Ma l'endorsment di Totti e la fiducia incondizionata di Pallotta sono dei segnali molto forti. Come a dire, soprattutto nei confronti del presidente: se veramente vuoi andare via, devi proprio dirlo apertamente. Difficilmente si arriverà a una rottura totale, la storia di Spalletti e della Roma non lo meritano. Ma la società giallorossa un giro di orizzonte intorno per capire come si muovono gli altri potrebbe farlo in maniera preventiva. Pur avendo incassato sorrisi, pacche sulle spalle e rassicurazioni. Puntare sempre al massimo, senza farsi trovare impreparati. In certi casi sembra quasi una partita strategica a scacchi. Oppure siamo noi giornalisti che ci divertiamo a vivisezionare una serie di situazioni pe cercare di avvicinarsi alla soluzione del "problema". Intanto la cena è significativa: sul contenuto, nello specifico, aspettiamo anche le parole dei protagonisti.
Altra cena, in tono minore, ma altrettanto importante a Verona, sponda Chievo. Anche Maran è uno degli allenatori più richiesti del panorama nazionale, lo scorso anno Campedelli lo incatenò, virtualmente parlando, alla panchina della sua squadra. Quest'anno ad andarsene è stato Nember, il direttore sportivo, e Maran sta contribuendo a trovare dlele figure che possano proseguire nella crescita (e mantenimento) di questo club-gioiello. Quindi cena con Stefano Marchetti, direttore sportivo del Cittadella (dove ha lavorato proprio con Maran) di cui da tempo si parla come successo proprio di Nember al Chievo e che ora ha l'appoggio incondizionato e pubblico anche di Maran. Cittadella per molti versi è simile al Chievo, ma in B. Solidità, serietà, passione e competenza. Mai il passo più lungo della gamba, tanti giocatori interessanti tirati fuori. Ecco cosa ha colpito Campedelli: se sarà amore lo scopriremo fra poco...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.