VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro

23.03.2017 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 12934 volte
© foto di Federico De Luca

Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana.
A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva consentire un ulteriore rinvio del closing non sono arrivati. Ne sono arrivati 20 che consentono a SES, detto in maniera molto semplicistica, di ritardare l'ultimatum Fininvest. Che scritto non è mai stato ma che prevedeva entro questi giorni qui la chiusura dell'operazione. Si attenderà invece ancora il fine settimana. I 20 milioni di oggi sono considerati la dimostrazione di intenti da parte di Ses a fare le cose per bene. Certo quando ci immaginavamo la cessione del Milan da parte di Berlusconi ci immaginavamo una situazione completamente diversa, non una serie di accordi dilazionati nel tempo che servono sia per trovare i finanziatori giusti per questa avventura sia per adempiere a tutte le formalità burocratiche che si sono irrigidite per operazioni extracinesi (dalla Cina). Di sicuro questa situazione non è stato un bene a livello mediatico, non è stato il miglior biglietto da visita e in molti, tanti, si sono fatti un'opinione sugli acquirenti rossoneri non certo lusinghiera. Saranno sempre i fatti a parlare. E finora i fatti dicono che Ses ha versato 220 milioni di euro, praticamente a fondo perduto, per non avere in mano nulla. Fino a prova contraria è impossibile che ci sia qualcuno pronto a perdere così tanti soldi pur di inseguire un sogno. Ma dare per scontata la soluzione (in un verso o nell'altro) è rischioso. Di sicuro ora chi ha da dimostrare, soprattutto ai tifosi, di più è l'eventuale nuovo proprietario.
La cena più importante invece si è tenuta a Roma. Pallotta, Baldissoni e Spalletti, con in più un caro amico giallorosso come Baldini. In 4 per parlare di futuro, di strategie. Per guardarsi negli occhi il più lontano possibile dalle telecamere e dalla necessità di dover nascondere qualche verità. Che sia un lungo percorso non c'è dubbio: Pallotta più chiaro di così non poteva essere. Spalletti dal suo punto di vista pure: io lavoro per vincere. È normale ora pensare alla possibilità Juventus, al fatto che la distanza al momento fra la Roma e la Juve (almeno in classifica) è marcata e che le frizioni della piazza possono portare alla rottura. Ma l'endorsment di Totti e la fiducia incondizionata di Pallotta sono dei segnali molto forti. Come a dire, soprattutto nei confronti del presidente: se veramente vuoi andare via, devi proprio dirlo apertamente. Difficilmente si arriverà a una rottura totale, la storia di Spalletti e della Roma non lo meritano. Ma la società giallorossa un giro di orizzonte intorno per capire come si muovono gli altri potrebbe farlo in maniera preventiva. Pur avendo incassato sorrisi, pacche sulle spalle e rassicurazioni. Puntare sempre al massimo, senza farsi trovare impreparati. In certi casi sembra quasi una partita strategica a scacchi. Oppure siamo noi giornalisti che ci divertiamo a vivisezionare una serie di situazioni pe cercare di avvicinarsi alla soluzione del "problema". Intanto la cena è significativa: sul contenuto, nello specifico, aspettiamo anche le parole dei protagonisti.
Altra cena, in tono minore, ma altrettanto importante a Verona, sponda Chievo. Anche Maran è uno degli allenatori più richiesti del panorama nazionale, lo scorso anno Campedelli lo incatenò, virtualmente parlando, alla panchina della sua squadra. Quest'anno ad andarsene è stato Nember, il direttore sportivo, e Maran sta contribuendo a trovare dlele figure che possano proseguire nella crescita (e mantenimento) di questo club-gioiello. Quindi cena con Stefano Marchetti, direttore sportivo del Cittadella (dove ha lavorato proprio con Maran) di cui da tempo si parla come successo proprio di Nember al Chievo e che ora ha l'appoggio incondizionato e pubblico anche di Maran. Cittadella per molti versi è simile al Chievo, ma in B. Solidità, serietà, passione e competenza. Mai il passo più lungo della gamba, tanti giocatori interessanti tirati fuori. Ecco cosa ha colpito Campedelli: se sarà amore lo scopriremo fra poco...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.