HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro

23.03.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 13213 volte
© foto di Federico De Luca

Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana.
A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva consentire un ulteriore rinvio del closing non sono arrivati. Ne sono arrivati 20 che consentono a SES, detto in maniera molto semplicistica, di ritardare l'ultimatum Fininvest. Che scritto non è mai stato ma che prevedeva entro questi giorni qui la chiusura dell'operazione. Si attenderà invece ancora il fine settimana. I 20 milioni di oggi sono considerati la dimostrazione di intenti da parte di Ses a fare le cose per bene. Certo quando ci immaginavamo la cessione del Milan da parte di Berlusconi ci immaginavamo una situazione completamente diversa, non una serie di accordi dilazionati nel tempo che servono sia per trovare i finanziatori giusti per questa avventura sia per adempiere a tutte le formalità burocratiche che si sono irrigidite per operazioni extracinesi (dalla Cina). Di sicuro questa situazione non è stato un bene a livello mediatico, non è stato il miglior biglietto da visita e in molti, tanti, si sono fatti un'opinione sugli acquirenti rossoneri non certo lusinghiera. Saranno sempre i fatti a parlare. E finora i fatti dicono che Ses ha versato 220 milioni di euro, praticamente a fondo perduto, per non avere in mano nulla. Fino a prova contraria è impossibile che ci sia qualcuno pronto a perdere così tanti soldi pur di inseguire un sogno. Ma dare per scontata la soluzione (in un verso o nell'altro) è rischioso. Di sicuro ora chi ha da dimostrare, soprattutto ai tifosi, di più è l'eventuale nuovo proprietario.
La cena più importante invece si è tenuta a Roma. Pallotta, Baldissoni e Spalletti, con in più un caro amico giallorosso come Baldini. In 4 per parlare di futuro, di strategie. Per guardarsi negli occhi il più lontano possibile dalle telecamere e dalla necessità di dover nascondere qualche verità. Che sia un lungo percorso non c'è dubbio: Pallotta più chiaro di così non poteva essere. Spalletti dal suo punto di vista pure: io lavoro per vincere. È normale ora pensare alla possibilità Juventus, al fatto che la distanza al momento fra la Roma e la Juve (almeno in classifica) è marcata e che le frizioni della piazza possono portare alla rottura. Ma l'endorsment di Totti e la fiducia incondizionata di Pallotta sono dei segnali molto forti. Come a dire, soprattutto nei confronti del presidente: se veramente vuoi andare via, devi proprio dirlo apertamente. Difficilmente si arriverà a una rottura totale, la storia di Spalletti e della Roma non lo meritano. Ma la società giallorossa un giro di orizzonte intorno per capire come si muovono gli altri potrebbe farlo in maniera preventiva. Pur avendo incassato sorrisi, pacche sulle spalle e rassicurazioni. Puntare sempre al massimo, senza farsi trovare impreparati. In certi casi sembra quasi una partita strategica a scacchi. Oppure siamo noi giornalisti che ci divertiamo a vivisezionare una serie di situazioni pe cercare di avvicinarsi alla soluzione del "problema". Intanto la cena è significativa: sul contenuto, nello specifico, aspettiamo anche le parole dei protagonisti.
Altra cena, in tono minore, ma altrettanto importante a Verona, sponda Chievo. Anche Maran è uno degli allenatori più richiesti del panorama nazionale, lo scorso anno Campedelli lo incatenò, virtualmente parlando, alla panchina della sua squadra. Quest'anno ad andarsene è stato Nember, il direttore sportivo, e Maran sta contribuendo a trovare dlele figure che possano proseguire nella crescita (e mantenimento) di questo club-gioiello. Quindi cena con Stefano Marchetti, direttore sportivo del Cittadella (dove ha lavorato proprio con Maran) di cui da tempo si parla come successo proprio di Nember al Chievo e che ora ha l'appoggio incondizionato e pubblico anche di Maran. Cittadella per molti versi è simile al Chievo, ma in B. Solidità, serietà, passione e competenza. Mai il passo più lungo della gamba, tanti giocatori interessanti tirati fuori. Ecco cosa ha colpito Campedelli: se sarà amore lo scopriremo fra poco...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Sarri al Chelsea con Zola. E vuole Higuain. L’incontro con Abramovich. Napoli, arriva David Luiz. De Laurentiis, cento milioni sul mercato per Ancelotti. Inter, a luglio riproverà per Rafinha. Icardi può partire. Milan, mercato bloccato 25.05 - L’arrivo di Ancelotti al Napoli è il trionfo di Aurelio De Laurentiis e delle sue strategie. Da mesi, sott’acqua, con il sorriso sulle labbra e i complimenti pubblici a Sarri, in realtà aveva già annusato l’aria di divorzio e stava lavorando al futuro senza l’allenatore toscano. Proviamo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il colpo di De Laurentiis: Ancelotti rilancia il Napoli e Napoli. E ora Sarri? Ecco la nuova Inter e tutti gli allenatori di A 24.05 - Ancelotti sbarca ufficialmente a Napoli. 3 anni di contratto a circa 5 milioni di euro. Con il suo staff al completo e con una gran voglia di tornare ad essere protagonista nel nostro campionato. Il presidente De Laurentiis ha fatto un grande colpo, ha riportato in Italia un grandissimo...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy