VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/2018 al via: chi vince il campionato?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Milan
  Inter
  Lazio
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro

23.03.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 13115 volte
© foto di Federico De Luca

Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana.
A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva consentire un ulteriore rinvio del closing non sono arrivati. Ne sono arrivati 20 che consentono a SES, detto in maniera molto semplicistica, di ritardare l'ultimatum Fininvest. Che scritto non è mai stato ma che prevedeva entro questi giorni qui la chiusura dell'operazione. Si attenderà invece ancora il fine settimana. I 20 milioni di oggi sono considerati la dimostrazione di intenti da parte di Ses a fare le cose per bene. Certo quando ci immaginavamo la cessione del Milan da parte di Berlusconi ci immaginavamo una situazione completamente diversa, non una serie di accordi dilazionati nel tempo che servono sia per trovare i finanziatori giusti per questa avventura sia per adempiere a tutte le formalità burocratiche che si sono irrigidite per operazioni extracinesi (dalla Cina). Di sicuro questa situazione non è stato un bene a livello mediatico, non è stato il miglior biglietto da visita e in molti, tanti, si sono fatti un'opinione sugli acquirenti rossoneri non certo lusinghiera. Saranno sempre i fatti a parlare. E finora i fatti dicono che Ses ha versato 220 milioni di euro, praticamente a fondo perduto, per non avere in mano nulla. Fino a prova contraria è impossibile che ci sia qualcuno pronto a perdere così tanti soldi pur di inseguire un sogno. Ma dare per scontata la soluzione (in un verso o nell'altro) è rischioso. Di sicuro ora chi ha da dimostrare, soprattutto ai tifosi, di più è l'eventuale nuovo proprietario.
La cena più importante invece si è tenuta a Roma. Pallotta, Baldissoni e Spalletti, con in più un caro amico giallorosso come Baldini. In 4 per parlare di futuro, di strategie. Per guardarsi negli occhi il più lontano possibile dalle telecamere e dalla necessità di dover nascondere qualche verità. Che sia un lungo percorso non c'è dubbio: Pallotta più chiaro di così non poteva essere. Spalletti dal suo punto di vista pure: io lavoro per vincere. È normale ora pensare alla possibilità Juventus, al fatto che la distanza al momento fra la Roma e la Juve (almeno in classifica) è marcata e che le frizioni della piazza possono portare alla rottura. Ma l'endorsment di Totti e la fiducia incondizionata di Pallotta sono dei segnali molto forti. Come a dire, soprattutto nei confronti del presidente: se veramente vuoi andare via, devi proprio dirlo apertamente. Difficilmente si arriverà a una rottura totale, la storia di Spalletti e della Roma non lo meritano. Ma la società giallorossa un giro di orizzonte intorno per capire come si muovono gli altri potrebbe farlo in maniera preventiva. Pur avendo incassato sorrisi, pacche sulle spalle e rassicurazioni. Puntare sempre al massimo, senza farsi trovare impreparati. In certi casi sembra quasi una partita strategica a scacchi. Oppure siamo noi giornalisti che ci divertiamo a vivisezionare una serie di situazioni pe cercare di avvicinarsi alla soluzione del "problema". Intanto la cena è significativa: sul contenuto, nello specifico, aspettiamo anche le parole dei protagonisti.
Altra cena, in tono minore, ma altrettanto importante a Verona, sponda Chievo. Anche Maran è uno degli allenatori più richiesti del panorama nazionale, lo scorso anno Campedelli lo incatenò, virtualmente parlando, alla panchina della sua squadra. Quest'anno ad andarsene è stato Nember, il direttore sportivo, e Maran sta contribuendo a trovare dlele figure che possano proseguire nella crescita (e mantenimento) di questo club-gioiello. Quindi cena con Stefano Marchetti, direttore sportivo del Cittadella (dove ha lavorato proprio con Maran) di cui da tempo si parla come successo proprio di Nember al Chievo e che ora ha l'appoggio incondizionato e pubblico anche di Maran. Cittadella per molti versi è simile al Chievo, ma in B. Solidità, serietà, passione e competenza. Mai il passo più lungo della gamba, tanti giocatori interessanti tirati fuori. Ecco cosa ha colpito Campedelli: se sarà amore lo scopriremo fra poco...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Matuidi non basta. Con questo mercato l’obiettivo Champions si allontana. Oltre a Spinazzola anche Caldara? Il modulo da cambiare. Cuadrado via. Inter, Spalletti vuole un fantasista. Schick vice Icardi, arriva un centrale 18.08 - Erano due anni che un giorno si’ e un altro pure, puntualmente, Matuidi era dato come imminente acquisto della Juve. Una storia simile a quella del lupo e il lupo questa volta e’ arrivato. Un giocatore cosi’, fisico, ma anche piedi discreti e visione di gioco, servira’ di sicuro e...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Un Ferragosto di colpi: Juve, Inter e Milan. Caso Keita, restyling Fiorentina: ma non è affatto finita qui 17.08 - Entro il fine settimana sarebbe arrivato Matuidi. E Matuidi è stato. Anche in anticipo (leggero) rispetto alle previsioni. Approfittando della festa di Ferragosto Marotta e Paratici hanno rotto gli indugi e già da martedì sera Paratici era andato a Montecarlo per chiudere la trattativa...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Quanti pensieri sotto il sole di Riccione… Kondo, che pasticcio! Juve e le scuse di Higuain… Sarri, ora o mai più! Ma Asensio? 16.08 - Le spensierate vacanze sono agli sgoccioli… Sotto il sole di Riccione ci si diverte e la mente (e il fisico) si rilassa, immagazzinando energie per i mesi futuri… Eppure, tre o quattro volte al giorno, ci si ritrova a parlare di calcio! Impossibile farne a meno… La Juventus ridimensionata...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Allarme Juve: il rinforzo di Marotta e la scelta (complicata) di Allegri. Inter: la decisione su Schick. Bomber Milan? Un silenzio "studiato". Napoli: ecco la mossa giusta 15.08 - E ben ritrovati a tutti. Questo editoriale va in onda in forma ridotta per ovviare a una questione di "ferie del sottoscritto iniziate giusto ieri". Questo non significa che non si possa toccare il fondo anche questa settimana: ci riusciremo, solo in maniera più concentrata. Vi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

5 giorni al via della nuova serie A: ecco la griglia di partenza… e di arrivo aspettando il 31 Agosto 14.08 - Ovviamente preferiamo tutti la grigliata di Ferragosto alla griglia di partenza della serie A, però, è giusto parlare prima anziché dopo quando sarà tutto più facile per tutti. Certamente ci sono ancora due settimane piene per cambiare obiettivi e per spostare gli equilibri, con un...

EditorialeDI: Marco Conterio

L'anno zero del calcio mondiale. Il risveglio dal sogno Leicester, la lezione di Rooney, i milioni del PSG e le grandi d'Italia in cerca degli ultimi botti 13.08 - Il Leicester City di Claudio Ranieri aveva risvegliato, in tutti noi, una parola antica. Fanciullesca. Favola. Aveva riportato alla mente i racconti di un calcio che fu, le pagine polverose del pallone delle leggende, di quanto la televisione era un miraggio, o di quanto Davide aveva...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve, Milan e Inter: cosa manca. Biglia e Kondo: casi di Ferragosto. Kolarov: l'ovvio del derby 12.08 - Alla Juventus manca un centrocampista, al Milan un centravanti, all'Inter un colpo. Quello del centrocampista inizia ad essere un caso per i bianconeri. Sempre vincenti e sempre leader, ma nel corso degli anni il reparto-chiave, la sala macchine, ha perso irreversibilmente qualità....

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve allarme, il mercato e’ in ritardo. Per la Champions serve di più. Non poteva prendere Strootman con la clausola? Serve un altro Bonucci. Ma anche l’Inter e’ ferma. Milan, occhi su Cavani. Fiorentina, Simeone e Jese’ 11.08 - Guardo la casella degli acquisti su un giornale qualsiasi, conto i giorni che mancano alla fine del mercato (soltanto venti) e comincio a pensare che la Juventus sia in netto ritardo. Magari oggi Marotta mi smentira’ presentando in un colpo solo i tre-quattro giocatori che servono...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve un 10 in attesa del centrocampista, la Roma insiste, l'Inter dribbla. Il Torino scatenato a centrocampo, Schick rifa le visite e ora? 10.08 - La Juve, sebbene non abbia più piazzato la zampata del centrocampista, la notizia della giornata l'ha comunque tirata fuori: Dybala sarà il nuovo 10 bianconero. Voi direte: col mercato non c'entra niente. Vero ma intanto possiamo sgombrare il campo da qualsiasi tipo di voce che continuava...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Bacca & Gabigol, noie milanesi! Juve-Strootman, impossibile… Napoli quanti esuberi! Ibra, dacci una gioia… 09.08 - Lo ammetto: sono anni che non vedevo tanto entusiasmo, a Milano, attorno ad entrambe le squadre della città. Il Diavolo è tornato a dettar legge (almeno d’estate), con un mercato faraonico… L’Inter, con calma e raziocinio, sta plasmando una squadra “alla Spalletti”. Tutti felici ma...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.