VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Capello: la Nazionale come la Juve. Nazionale: Lotito stoppa Mancini. Coman come El Shaarawy. Allegri punta De Sciglio...

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
19.03.2016 08:16 di Mauro Suma   articolo letto 37203 volte

Al calcio piace fare giri strani e poi ritornare. Il calcio è fatto apposta per essere la scienza esatta dei precedenti, per mostrarsi ciclico come poche altre cose della vita. Fabio Capello, un grande del calcio giocato e un gigante del calcio vissuto dalla panchina, ha dichiarato in settimana che non intende ripartire da una Nazionale. In molti ci hanno creduto, quasi tutti hanno preso per buona la frase. E probabilmente sarà anche così. Ma attenzione, lupi di mare come Fabio Capello nel calcio italiano e mondiale ce ne sono pochi. Quando vuole, Don Fabio sa perfettamente come depistare, come far decantare le cose. Cosa aveva dichiarato infatti nei primi mesi del 2004? Che non sarebbe mai andato ad allenare la Juve...bene...pochi mesi dopo, nell'estate del 2004,diventava il nuovo tecnico bianconero. La storia ripassa e la storia richiama. Quel che risulta al povero cronista è che quando il presidente Tavecchio, per la successione di Antonio Conte, aveva dichiarato che il budget per il nuovo Ct sarebbe stato più basso pensava ad una soluzione che non prevedesse il "contributo" dello sponsor. Ma lo sponsor invece c'è, è prestigioso e pesante. E spinge proprio per Fabio Capello. Ha preso probabilmente tempo Don Fabio nell'attesa che anche il presidente Tavecchio converga sul suo nome: non vuole essere il Ct dello sponsor, ma di tutta la Federazione. Se così fosse, tutto sarebbe quadrato, legittimo e comprensibile.

A Roberto Mancini non sarebbe dispiaciuto affatto convolare con la Nazionale. Ci ha pensato e ha accarezzato il progetto. Il titolo nostro è eccessivo. Il presidente Lotito non ha stoppato Mancini, ma una delle remore del Mancio riguardava qualche piccola scoria rimasta fra lui e il numero uno della Lazio negli anni successivi all'esperienza biancoceleste. Probabilmente lo stesso presidente Lotito ci sarebbe passato sopra, ma non è detto. Quel che però appare abbastanza chiaro, negli ultimi giorni, è lo scenario di cui sopra. Quello del nuovo Ct azzurro, se fosse Capello, potrebbe essere un mandato di 2 anni fino al Mondiale, un arco di tempo fatto apposta per consentire a Mancini di proseguire nell'Inter. E poi...

I tifosi rossoneri hanno accusato la Società rossonera di aver rinforzato con ElShaarawy proprio una diretta concorrente per il terzo posto. Nessun tifoso bianconero accusa la propria Società di aver favorito con Coman proprio la squadra che senza il francese sembrava domata e che invece grazie al francese ha posto fine al sogno juventino nel modo più improvviso, lacerante e tranciante possibile. Questione di epoche e di cicli. In realtà le differenze ci sono e sono tutte a favore del Milan, ma in questo periodo tutto particolare non conta. Questo è il momento in cui se l'Inter chiude il bilancio a meno 100 tranquilli che adesso investe e compra, se invece il Milan chiude a meno 90 ecco che smobilita e perde i pezzi. E' la grande redazione trasversale politicamente corretta che disegna gli scenari e le uniche reazioni devono essere pazienza e disincanto. Torniamo a ElShaarawy e Coman. La Roma si è rilanciata grazie all'esonero di Garcia, all'arrivo di Spalletti, alla crescita di Pjanic, alla ri-esplosione di Salah, all'arrivo di Perotti e all'arrivo di ElShaarawy. Stephan è uno dei fattori importanti della Roma, non l'unico. Quella sera, invece, all'Allianz Arena, la partita era chiusa, vinta, risolta, dalla Juve padrona del campo per 70 minuti. Ed è uno e solo, unico e non trino, il fattore che la cambia, la ribalta, la ridisegna: Coman. Nessuna criminalizzazione del direttore Marotta per carità, il mercato in uscita quando deve essere fatto va fatto. Sia per ElShaarawy che per Coman. Ma non si può presentare un conto chilometrico al Milan e il nulla assoluto alla Juventus.

Nello scorso mese di Gennaio è stata la rivalità a 360 gradi, in campo e fuori, fra Milan e Juventus a impedire alle due società di parlare seriamente di Mattia De Sciglio. Le cose sono rimaste così e sembrano destinate a rimanere così. Ma se Lichtsteiner continua la sua manovra di atterraggio e il Milan continua a progettare numerosi cambiamenti, ecco che potrebbe tornare in auge la cara, vecchia cotta di Allegri per Mattia. E' di un'altra categoria, la frase che negli anni rossoneri Max ripeteva spesso. Sembrava disperso nelle giovanili rossonere, ma su segnalazione di un esperto di calcio da lui molto considerato, Allegri ha voluto vederlo e seguirlo. Fino a lanciarlo e a tutelarlo. Allegri è l'unico allenatore che De Sciglio ha avuto per il quale giocare a destra e a sinistra è la stessa cosa, per il tecnico di Livorno va bene uguale ed è forte uguale. Sarà molto importante per il Milan tenere Mattia, rinforzare Mattia, giovane, milanese, italiano, di talento.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.