HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
22.05.2017 08:43 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 82551 volte
© foto di Federico De Luca

Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in questi anni Berlusconi nel calcio. In settimana ha lasciato un regalino di 71 milioni di debiti ai nuovi proprietari e un parco calciatori che, fatta eccezione per 4-5 calciatori, non è utilizzabile neanche per fare uno scambio di figurine. Roba da far dire ai bambini quando aprono le bustine "papà, ma questo chi è?". Finalmente al Milan hanno indossato una maglia da Milan e per questo dobbiamo solo complimentarci. Ieri si è chiusa definitivamente una pagina del passato, adesso Mirabelli e Fassone potranno scatenarsi con quello che avranno a budget. Sicuramente a Mirabelli e Fassone va detto un primo grazie: grazie di aver fatto tornare a sognare i tifosi rossoneri con idee e trattative concrete e non con fantasmi di calciatori. Complimenti al Milan che ha chiuso con dignità, all'Inter ad esempio non è rimasta neanche quella. Sandra direbbe "che barba che noia", il finto Berlusconi della serie 1993 invece direbbe "non è bello vincere quanto è brutto perdere". La Juventus, ormai, è diventata abitudinaria. In Italia vince senza soffrire, ad agosto leggi le formazioni e già conosci i verdetti, trionfa ed entra nella storia ma annulla anche giro in città con il pullman scoperto e la festa della sera perché pensa solo alla finalissima di Cardiff. Questa Juventus non ha rivali ed è talmente forte da non far divertire più neanche i rivali che, almeno una volta, potevano dire "sì vabbè ma ha rubato". Niente! Non possiamo dire alla Juventus che si compra gli arbitri, non possiamo dire che ha vinto perché in Lega e Federazione è la più forte, ma che noia. E non c'è neanche più Biscardi che poteva falsare le moviole. La Juventus si è allenata in campionato e Coppa Italia perché il tifoso della Juventus festeggerà come un dannato solo per l'eventuale vittoria della Champions. Il resto non è gioia ma semplice esultanza. Vogliamo vedere i tifosi della Juve impazzire come fossero napoletani o romanisti per la conquista di uno scudetto. Tifo Juve a Cardiff soprattutto per questo. Sarebbe bellissimo vedere un tifoso juventino impazzire per un trofeo e non essere abituato alla vittoria. In Italia speriamo sempre nella vittoria di un Napoli o di una Roma soprattutto per le feste che inizierebbero oggi e finirebbero l'anno dopo. La Juve vince e neanche il tempo di far tramontare il sole che è già tutto finito. La Juventus non ha più rivali in Italia, gli unici rivali, come nel 2006, sono a Torino. E, dispiace per Cairo, non sono granata. Andrea Agnelli ha costruito un impero. Ha preso la nuova Juve rasa al suolo e l'ha resa grande, dopo una prima fase di rodaggio. Ha indovinato quasi tutte le scelte e l'ha piazzata sul tetto d'Italia e l'ha avvicinata alle più grandi d'Europa. Il fatturato non si inventa, si costruisce. Se Marotta ha speso 95 milioni per Higuain e non ha fatto morire gli altri di fame significa che questa società ha costruito un gran valore. Agnelli deve stare attento solo alle dinamiche interne, solo quelle potrebbero ostacolare la crescita di un club arrivato tra i top nel mondo. Il resto, fuori da Torino, non fa paura.
L'Inter sta pianificando il futuro. Ausilio, in settimana, ci ha dato la possibilità di scrivere qualcosa e non di parlare sempre delle stesse situazioni. Ha sparato a zero su tutto e tutti. Se è stata una mossa per farsi esonerare, allora, Piero è diventato geniale. Abbiamo capito che al contratto non ci rinuncia, forse adesso si gioca la carta del risentimento in attesa di un esonero che lo libererebbe dai guai ma non influirebbe sul suo conto corrente. Walter il magnifico sta arrivando e con lui arriverà anche Lucianone Spalletti. Un ottimo allenatore ma un altro che - in quanto a comunicazione - avrebbe bisogno di un addetto stampa personale ogni volta che apre bocca. Spalletti non è la prima scelta dell'Inter e neanche la seconda: è l'unica possibile. Arriverà lui al 99% e Sabatini si è già incontrato segretamente con Spalletti per discutere di ingaggio e strategie di mercato. Per uno Spalletti che viene, c'è un Vecchi che va. Dalla prima squadra al rischio di perdere anche la Primavera nerazzurra. Stefano Vecchi, infatti, è in scadenza e non è detto che Sabatini lo confermi. Ausilio e Samaden, invece, sarebbero più propensi a continuare con Vecchi.
Potrebbe essere arrivata la svolta anche per la Roma. Monchi, stando a quanto abbiamo raccolto, sarebbe disposto a sposare la linea italiana per la panchina e avrebbe raggiunto l'accordo con Eusebio Di Francesco. Contratto di due anni a Di Francesco che è pronto ad ufficializzare il suo passaggio alla Roma. Lo avrebbe già comunicato anche al Sassuolo. Nel giro di panchine, il valzer va delineandosi. Il Sassuolo si sarebbe confrontato, per il suo successore, anche con lo stesso Di Francesco. Due nomi in agenda già da un po'. Il primo è Cristian Bucchi del Perugia e l'altro è Massimo Oddo. Il secondo, per ora, è stato scartato. Piace molto Bucchi che a Sassuolo porterebbe anche Di Chiara e, forse, Dezi. Bucchi si sta giocando la serie A con il Perugia ed è giusto non disturbarlo anche perché - maniacale com'è - sta pensando al campo giorno e notte. Noi, però, facciamo cronaca e siamo costretti a darvi le notizie. Il Sassuolo è convinto di Bucchi ma da metà settimana scorsa gli emiliani hanno una forte concorrente: il Bari. Sogliano punterà ancora su una figura giovane. Mentre Giancaspro pensava ad un senior come Iachini, il Direttore vuole un giovane. E' consapevole che convincere Bucchi è complicato vista la concorrenza del Sassuolo e anche le tempistiche giocano contro il Bari ma Sogliano fa bene a provarci. Bucchi sarebbe perfetto per una piazza come Bari che vuole subito il nome del Mister ma se aspetta dieci giorni e prende Bucchi ha solo da guadagnarci. Alternative? Sogliano ha già parlato con De Zerbi e incontrerà Fabio Grosso. Con i caratteri che si ritrovano Sogliano e De Zerbi, a metà ottobre, sono già a stracci in faccia mentre Grosso, ottimo profilo, ha solo il grande punto di domanda di iniziare ad allenare tra i grandi in una piazza come Bari che, da ora in poi, non ti perdonerà più nulla. Per Sogliano è arrivato il momento della verità. Meglio l'uovo oggi o la gallina domani?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Sarri al Chelsea con Zola. E vuole Higuain. L’incontro con Abramovich. Napoli, arriva David Luiz. De Laurentiis, cento milioni sul mercato per Ancelotti. Inter, a luglio riproverà per Rafinha. Icardi può partire. Milan, mercato bloccato 25.05 - L’arrivo di Ancelotti al Napoli è il trionfo di Aurelio De Laurentiis e delle sue strategie. Da mesi, sott’acqua, con il sorriso sulle labbra e i complimenti pubblici a Sarri, in realtà aveva già annusato l’aria di divorzio e stava lavorando al futuro senza l’allenatore toscano. Proviamo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il colpo di De Laurentiis: Ancelotti rilancia il Napoli e Napoli. E ora Sarri? Ecco la nuova Inter e tutti gli allenatori di A 24.05 - Ancelotti sbarca ufficialmente a Napoli. 3 anni di contratto a circa 5 milioni di euro. Con il suo staff al completo e con una gran voglia di tornare ad essere protagonista nel nostro campionato. Il presidente De Laurentiis ha fatto un grande colpo, ha riportato in Italia un grandissimo...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy