VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
22.05.2017 08:43 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 82080 volte
© foto di Federico De Luca

Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in questi anni Berlusconi nel calcio. In settimana ha lasciato un regalino di 71 milioni di debiti ai nuovi proprietari e un parco calciatori che, fatta eccezione per 4-5 calciatori, non è utilizzabile neanche per fare uno scambio di figurine. Roba da far dire ai bambini quando aprono le bustine "papà, ma questo chi è?". Finalmente al Milan hanno indossato una maglia da Milan e per questo dobbiamo solo complimentarci. Ieri si è chiusa definitivamente una pagina del passato, adesso Mirabelli e Fassone potranno scatenarsi con quello che avranno a budget. Sicuramente a Mirabelli e Fassone va detto un primo grazie: grazie di aver fatto tornare a sognare i tifosi rossoneri con idee e trattative concrete e non con fantasmi di calciatori. Complimenti al Milan che ha chiuso con dignità, all'Inter ad esempio non è rimasta neanche quella. Sandra direbbe "che barba che noia", il finto Berlusconi della serie 1993 invece direbbe "non è bello vincere quanto è brutto perdere". La Juventus, ormai, è diventata abitudinaria. In Italia vince senza soffrire, ad agosto leggi le formazioni e già conosci i verdetti, trionfa ed entra nella storia ma annulla anche giro in città con il pullman scoperto e la festa della sera perché pensa solo alla finalissima di Cardiff. Questa Juventus non ha rivali ed è talmente forte da non far divertire più neanche i rivali che, almeno una volta, potevano dire "sì vabbè ma ha rubato". Niente! Non possiamo dire alla Juventus che si compra gli arbitri, non possiamo dire che ha vinto perché in Lega e Federazione è la più forte, ma che noia. E non c'è neanche più Biscardi che poteva falsare le moviole. La Juventus si è allenata in campionato e Coppa Italia perché il tifoso della Juventus festeggerà come un dannato solo per l'eventuale vittoria della Champions. Il resto non è gioia ma semplice esultanza. Vogliamo vedere i tifosi della Juve impazzire come fossero napoletani o romanisti per la conquista di uno scudetto. Tifo Juve a Cardiff soprattutto per questo. Sarebbe bellissimo vedere un tifoso juventino impazzire per un trofeo e non essere abituato alla vittoria. In Italia speriamo sempre nella vittoria di un Napoli o di una Roma soprattutto per le feste che inizierebbero oggi e finirebbero l'anno dopo. La Juve vince e neanche il tempo di far tramontare il sole che è già tutto finito. La Juventus non ha più rivali in Italia, gli unici rivali, come nel 2006, sono a Torino. E, dispiace per Cairo, non sono granata. Andrea Agnelli ha costruito un impero. Ha preso la nuova Juve rasa al suolo e l'ha resa grande, dopo una prima fase di rodaggio. Ha indovinato quasi tutte le scelte e l'ha piazzata sul tetto d'Italia e l'ha avvicinata alle più grandi d'Europa. Il fatturato non si inventa, si costruisce. Se Marotta ha speso 95 milioni per Higuain e non ha fatto morire gli altri di fame significa che questa società ha costruito un gran valore. Agnelli deve stare attento solo alle dinamiche interne, solo quelle potrebbero ostacolare la crescita di un club arrivato tra i top nel mondo. Il resto, fuori da Torino, non fa paura.
L'Inter sta pianificando il futuro. Ausilio, in settimana, ci ha dato la possibilità di scrivere qualcosa e non di parlare sempre delle stesse situazioni. Ha sparato a zero su tutto e tutti. Se è stata una mossa per farsi esonerare, allora, Piero è diventato geniale. Abbiamo capito che al contratto non ci rinuncia, forse adesso si gioca la carta del risentimento in attesa di un esonero che lo libererebbe dai guai ma non influirebbe sul suo conto corrente. Walter il magnifico sta arrivando e con lui arriverà anche Lucianone Spalletti. Un ottimo allenatore ma un altro che - in quanto a comunicazione - avrebbe bisogno di un addetto stampa personale ogni volta che apre bocca. Spalletti non è la prima scelta dell'Inter e neanche la seconda: è l'unica possibile. Arriverà lui al 99% e Sabatini si è già incontrato segretamente con Spalletti per discutere di ingaggio e strategie di mercato. Per uno Spalletti che viene, c'è un Vecchi che va. Dalla prima squadra al rischio di perdere anche la Primavera nerazzurra. Stefano Vecchi, infatti, è in scadenza e non è detto che Sabatini lo confermi. Ausilio e Samaden, invece, sarebbero più propensi a continuare con Vecchi.
Potrebbe essere arrivata la svolta anche per la Roma. Monchi, stando a quanto abbiamo raccolto, sarebbe disposto a sposare la linea italiana per la panchina e avrebbe raggiunto l'accordo con Eusebio Di Francesco. Contratto di due anni a Di Francesco che è pronto ad ufficializzare il suo passaggio alla Roma. Lo avrebbe già comunicato anche al Sassuolo. Nel giro di panchine, il valzer va delineandosi. Il Sassuolo si sarebbe confrontato, per il suo successore, anche con lo stesso Di Francesco. Due nomi in agenda già da un po'. Il primo è Cristian Bucchi del Perugia e l'altro è Massimo Oddo. Il secondo, per ora, è stato scartato. Piace molto Bucchi che a Sassuolo porterebbe anche Di Chiara e, forse, Dezi. Bucchi si sta giocando la serie A con il Perugia ed è giusto non disturbarlo anche perché - maniacale com'è - sta pensando al campo giorno e notte. Noi, però, facciamo cronaca e siamo costretti a darvi le notizie. Il Sassuolo è convinto di Bucchi ma da metà settimana scorsa gli emiliani hanno una forte concorrente: il Bari. Sogliano punterà ancora su una figura giovane. Mentre Giancaspro pensava ad un senior come Iachini, il Direttore vuole un giovane. E' consapevole che convincere Bucchi è complicato vista la concorrenza del Sassuolo e anche le tempistiche giocano contro il Bari ma Sogliano fa bene a provarci. Bucchi sarebbe perfetto per una piazza come Bari che vuole subito il nome del Mister ma se aspetta dieci giorni e prende Bucchi ha solo da guadagnarci. Alternative? Sogliano ha già parlato con De Zerbi e incontrerà Fabio Grosso. Con i caratteri che si ritrovano Sogliano e De Zerbi, a metà ottobre, sono già a stracci in faccia mentre Grosso, ottimo profilo, ha solo il grande punto di domanda di iniziare ad allenare tra i grandi in una piazza come Bari che, da ora in poi, non ti perdonerà più nulla. Per Sogliano è arrivato il momento della verità. Meglio l'uovo oggi o la gallina domani?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.