VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Capolavoro Juve, Milan già al lavoro. Monchi e Totti (e la panchina), Napoli e Sarri (e il portiere)

04.05.2017 08:15 di Luca Marchetti   articolo letto 33183 volte
© foto di Federico De Luca

Ancora applausi e un piede (forse anche più) a Cardiff. Tutti avevano chiesto a Higuain di essere finalmente decisivo anche in Champions e il Pipita ha bussato due volte. Ora non è decisivo solo in campionato, anche in coppa c'è la sua firma per una stagione che per la Juventus potrebbe davvero essere da sogno. A un passo dallo scudetto, in finale di coppa Italia, una finale ipotecata.
La Juve - almeno a livello societario - ha indovinato tutto. Allegri ha condotto fino alla fine un gruppo che era stato costruito per vincere. E non conta neanche continuare a ribadire che vincere non è facile. Più di così la società non può fare. A livello sportivo ora deve naturalmente chiudere, alzare i trofei. La cosa più importante certo, ma il campo il suo primo verdetto lo ha dato. Una partita è una partita: può succedere di tutto. Ma essere arrivati lassù è l'ennesima testimonianza della programmazione praticamente perfetta sia fuori che dentro dal campo.
Non ha problemi la Juve di mercato. Ha già messo a segno i colpi per il futuro (Cadara, Orsolini) ha già sondato a livello internazionale i possibili rinforzi. Ma ora la concentrazione è tutta sul campo.
E' già tutta per la prossima stagione invece quella delle milanesi.
Giornata molto intensa per Mirabelli e Fassone. Dopo il viaggio a Madrid per andare a prendere ulteriori contatti con Morata (anche se la missione è praticamente impossibile, visto che il fascino della Champions per certi giocatori conta) il rientro a Milano è stato subito lavorativo. Trattativa in corso per Kessie, il Milan sta facendo sul serio. Dopo aver raggiunto l'accordo con il giocatore nei giorni scorsi (scavalcando in questo la Roma) si è messa a parlare anche con l'Atalanta che aveva dato la parola ai giallorossi. Ma il mercato è fatto così: se non è tutto a posto c'è sempre spazio per l'inserimento di qualcun altro. E il Milan ne ha approfittato. Chiaramente non è ancora chiusa la trattativa ma i rossoneri stanno facendo passi avanti. Una chiacchierata anche su Petagna (sul quale il Milan ha una percentuale di futura rivendita al 50% quindi tecnicamente se il Milan lo volesse ri-comprare lo pagherebbe la metà). Ma gli obiettivi del Milan non si fermano a Kessie. Oltre a Musacchio (che possiamo praticamente già considerare milanista) un altro obiettivo a centrocampo è Duncan del Sassuolo. Primi contatti con l'agente già avviati, ora bisognerà cominciare a parlare con il Sassuolo. E non è detto che l'arrivo di uno escluda un altro: il Milan vuole rinfrescare le forze a centrocampo. Con Montella? Questo - nonostante le giuste parole di Fassone di conferma - dipende dai risultati e dalla qualificazione in Europa. E Montella lo sa.
Anche l'Inter è in piena fase di ripensamento. Intanto la struttura societaria (arriveranno salvo sorprese Oriali e Baccin come supporto ad Ausilio), poi la squadra visto che sarà puntellata con 4 o 5 giocatori. I nomi li abbiamo fatti anche le scorse settimane: un difensore centrale, un terzino importante, un centrocampista (soprattutto se parte qualcuno) e un attaccante esterno ed eventualmente un partner/riserva di Icardi. Con quanti soldi a disposizione? Questo dipenderà (anche) dalle cessioni, ma la voglia di rivalsa di Suning è molto forte. Manolas, Rudiger, De Vrij, Samir, Bernardeschi, Berardi sono i nomi più caldi finora fatti in casa nerazzurra. Ma quello che ora si chiedono i tifosi dell'Inter è: Pioli rimane o no? La sensazione è che comunque vada con questo terribile finale si sia bruciato le sue possibilità di rimanere in nerazzurro. Per lui - più che per Montella - vale l'accesso in Europa. Più lui di Montella ha i fantasmi di Conte, Simeone, Sarri e Spalletti che gli svolazzano dietro. Basterà aspettare ma l'Inter non ha intenzione di sbagliare anche la prossima stagione.
Si è presentato invece Monchi alla Roma. Bell'impatto, grande personalità dimostrata, ottima impressione, parole efficaci. Quelle che hanno fatto più rumore sono quelle su Totti ma in realtà non c'è nulla di nuovo se non l'ennesima conferma che per la società questo è l'ultimo atto. Lo hanno detto il giorno del rinnovo, lo hanno ribadito fra le righe, lo hanno detto espressamente nel post derby. Monchi lo ha semplicemente ribadito. Ora non aspetta che sapere che ne pensa Totti: avrebbe dovuto lui dire quello che succederà la prossima stagione. Aspettiamo. Personalissima opinione: l'annuncio dell'eventuale addio al calcio giocato spetta solo e soltanto a Totti (che in realtà era stato informato anche da Monchi sulla linea che avrebbe tenuto in conferenza, quindi nessuna "trappolona") glielo si deve per la carriera e la classe. Monchi non ha soltanto parlato con i giornalisti. Lo ha fatto anche con il procuratore di Pellegrini (vero oggetto del desiderio della Roma, che lo può riprendere a una cifra prefissata ma deve mettere a posto il contratto con il giocatore, del Milan e anche dell'Inter) e di Defrel che già a gennaio era nel mirino dei giallorossi. Poi bisognerà decidere anche l'allenatore. Monchi ha detto che è venuto a Roma per avere il privilegio di lavorare con Spalletti. Chissà però se Spalletti rimarrà: radiomercato dice di no. E quindi la Roma si guarda intorno: Emery, Sarri, Di Francesco e Sousa gli allenatori che piacciono di più. Come a Firenze che oltre a Pioli e proprio DI Francesco spunta il nome di Gigi Di Biagio.
Tutti insomma vogliono Sarri. Ma il Napoli che Sarri ce l'ha non lo lascerà andare salvo clamorose (ma veramente clamorose) sorprese. Il contratto dell'allenatore c'è. E può essere risolto solo a partire dalla prossima stagione. Una clausola da 8 milioni di euro da esercitare entro il 30 aprile (altrimenti non vale) e che in realtà vale anche al contrario (ma in quel caso il Napoli dovrebbe pagare un milione a Sarri sempre entro la stessa data).
Ma non è solo una questione di contratto. E' una questione di progetto, di gruppo, di affetti. Sarri vorrebbe che rimanga Mertens a tutti i costi. E il rinnovo sta andando avanti dopo un periodo di stop. Così Sarri è più tranquillo. Non solo: chissà cosa pensa delle trattative che sta portando avanti il suo ds Giuntoli. In Spagna ha tenuto contatti per Yuri esterno sinistro della Real Sociedad (obiettivo però difficile) e ha anche incontrato l'entourage di Inaki Williams, stellina dell'Atletic Bilbao e della nazionae U21 spagnola. Il suo soprannome è la pantera e può giocare in tutti i ruoli dell'attacco. Due caratteristiche che con questo Napoli si sposano benissimo. Il problema potrebbe essere il costo visto che ha una clausola da 50 milioni di euro... Per il ruolo di portiere sondato anche Neto, ora alla Juventus. Ma molto dipenderà da Reina: se dovesse rinnovare vorrebbero puntare su un profilo tipo Skorupski (quindi un giovane che può anche cominciare dalla panchina) oppure si va dritti su un titolare tipo Neto o Sczeszny (che se avesse la chanches però di giocare titolare nell'Arsenal rimarrebbe lì).
Il Siviglia ha sondato Torreira della Samp e il Barcellona invece fa sul serio con Soriano che dopo un campionato strepitoso con il Villarreal ha ricevuto l'attenzione blaugrana.
Grandi nomi, grandi trattative, panchine che ancora devono essere sistemate. Tenetevi forte, si inizia...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.