VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Capolavoro Juve, Milan già al lavoro. Monchi e Totti (e la panchina), Napoli e Sarri (e il portiere)

04.05.2017 08:15 di Luca Marchetti   articolo letto 33266 volte
© foto di Federico De Luca

Ancora applausi e un piede (forse anche più) a Cardiff. Tutti avevano chiesto a Higuain di essere finalmente decisivo anche in Champions e il Pipita ha bussato due volte. Ora non è decisivo solo in campionato, anche in coppa c'è la sua firma per una stagione che per la Juventus potrebbe davvero essere da sogno. A un passo dallo scudetto, in finale di coppa Italia, una finale ipotecata.
La Juve - almeno a livello societario - ha indovinato tutto. Allegri ha condotto fino alla fine un gruppo che era stato costruito per vincere. E non conta neanche continuare a ribadire che vincere non è facile. Più di così la società non può fare. A livello sportivo ora deve naturalmente chiudere, alzare i trofei. La cosa più importante certo, ma il campo il suo primo verdetto lo ha dato. Una partita è una partita: può succedere di tutto. Ma essere arrivati lassù è l'ennesima testimonianza della programmazione praticamente perfetta sia fuori che dentro dal campo.
Non ha problemi la Juve di mercato. Ha già messo a segno i colpi per il futuro (Cadara, Orsolini) ha già sondato a livello internazionale i possibili rinforzi. Ma ora la concentrazione è tutta sul campo.
E' già tutta per la prossima stagione invece quella delle milanesi.
Giornata molto intensa per Mirabelli e Fassone. Dopo il viaggio a Madrid per andare a prendere ulteriori contatti con Morata (anche se la missione è praticamente impossibile, visto che il fascino della Champions per certi giocatori conta) il rientro a Milano è stato subito lavorativo. Trattativa in corso per Kessie, il Milan sta facendo sul serio. Dopo aver raggiunto l'accordo con il giocatore nei giorni scorsi (scavalcando in questo la Roma) si è messa a parlare anche con l'Atalanta che aveva dato la parola ai giallorossi. Ma il mercato è fatto così: se non è tutto a posto c'è sempre spazio per l'inserimento di qualcun altro. E il Milan ne ha approfittato. Chiaramente non è ancora chiusa la trattativa ma i rossoneri stanno facendo passi avanti. Una chiacchierata anche su Petagna (sul quale il Milan ha una percentuale di futura rivendita al 50% quindi tecnicamente se il Milan lo volesse ri-comprare lo pagherebbe la metà). Ma gli obiettivi del Milan non si fermano a Kessie. Oltre a Musacchio (che possiamo praticamente già considerare milanista) un altro obiettivo a centrocampo è Duncan del Sassuolo. Primi contatti con l'agente già avviati, ora bisognerà cominciare a parlare con il Sassuolo. E non è detto che l'arrivo di uno escluda un altro: il Milan vuole rinfrescare le forze a centrocampo. Con Montella? Questo - nonostante le giuste parole di Fassone di conferma - dipende dai risultati e dalla qualificazione in Europa. E Montella lo sa.
Anche l'Inter è in piena fase di ripensamento. Intanto la struttura societaria (arriveranno salvo sorprese Oriali e Baccin come supporto ad Ausilio), poi la squadra visto che sarà puntellata con 4 o 5 giocatori. I nomi li abbiamo fatti anche le scorse settimane: un difensore centrale, un terzino importante, un centrocampista (soprattutto se parte qualcuno) e un attaccante esterno ed eventualmente un partner/riserva di Icardi. Con quanti soldi a disposizione? Questo dipenderà (anche) dalle cessioni, ma la voglia di rivalsa di Suning è molto forte. Manolas, Rudiger, De Vrij, Samir, Bernardeschi, Berardi sono i nomi più caldi finora fatti in casa nerazzurra. Ma quello che ora si chiedono i tifosi dell'Inter è: Pioli rimane o no? La sensazione è che comunque vada con questo terribile finale si sia bruciato le sue possibilità di rimanere in nerazzurro. Per lui - più che per Montella - vale l'accesso in Europa. Più lui di Montella ha i fantasmi di Conte, Simeone, Sarri e Spalletti che gli svolazzano dietro. Basterà aspettare ma l'Inter non ha intenzione di sbagliare anche la prossima stagione.
Si è presentato invece Monchi alla Roma. Bell'impatto, grande personalità dimostrata, ottima impressione, parole efficaci. Quelle che hanno fatto più rumore sono quelle su Totti ma in realtà non c'è nulla di nuovo se non l'ennesima conferma che per la società questo è l'ultimo atto. Lo hanno detto il giorno del rinnovo, lo hanno ribadito fra le righe, lo hanno detto espressamente nel post derby. Monchi lo ha semplicemente ribadito. Ora non aspetta che sapere che ne pensa Totti: avrebbe dovuto lui dire quello che succederà la prossima stagione. Aspettiamo. Personalissima opinione: l'annuncio dell'eventuale addio al calcio giocato spetta solo e soltanto a Totti (che in realtà era stato informato anche da Monchi sulla linea che avrebbe tenuto in conferenza, quindi nessuna "trappolona") glielo si deve per la carriera e la classe. Monchi non ha soltanto parlato con i giornalisti. Lo ha fatto anche con il procuratore di Pellegrini (vero oggetto del desiderio della Roma, che lo può riprendere a una cifra prefissata ma deve mettere a posto il contratto con il giocatore, del Milan e anche dell'Inter) e di Defrel che già a gennaio era nel mirino dei giallorossi. Poi bisognerà decidere anche l'allenatore. Monchi ha detto che è venuto a Roma per avere il privilegio di lavorare con Spalletti. Chissà però se Spalletti rimarrà: radiomercato dice di no. E quindi la Roma si guarda intorno: Emery, Sarri, Di Francesco e Sousa gli allenatori che piacciono di più. Come a Firenze che oltre a Pioli e proprio DI Francesco spunta il nome di Gigi Di Biagio.
Tutti insomma vogliono Sarri. Ma il Napoli che Sarri ce l'ha non lo lascerà andare salvo clamorose (ma veramente clamorose) sorprese. Il contratto dell'allenatore c'è. E può essere risolto solo a partire dalla prossima stagione. Una clausola da 8 milioni di euro da esercitare entro il 30 aprile (altrimenti non vale) e che in realtà vale anche al contrario (ma in quel caso il Napoli dovrebbe pagare un milione a Sarri sempre entro la stessa data).
Ma non è solo una questione di contratto. E' una questione di progetto, di gruppo, di affetti. Sarri vorrebbe che rimanga Mertens a tutti i costi. E il rinnovo sta andando avanti dopo un periodo di stop. Così Sarri è più tranquillo. Non solo: chissà cosa pensa delle trattative che sta portando avanti il suo ds Giuntoli. In Spagna ha tenuto contatti per Yuri esterno sinistro della Real Sociedad (obiettivo però difficile) e ha anche incontrato l'entourage di Inaki Williams, stellina dell'Atletic Bilbao e della nazionae U21 spagnola. Il suo soprannome è la pantera e può giocare in tutti i ruoli dell'attacco. Due caratteristiche che con questo Napoli si sposano benissimo. Il problema potrebbe essere il costo visto che ha una clausola da 50 milioni di euro... Per il ruolo di portiere sondato anche Neto, ora alla Juventus. Ma molto dipenderà da Reina: se dovesse rinnovare vorrebbero puntare su un profilo tipo Skorupski (quindi un giovane che può anche cominciare dalla panchina) oppure si va dritti su un titolare tipo Neto o Sczeszny (che se avesse la chanches però di giocare titolare nell'Arsenal rimarrebbe lì).
Il Siviglia ha sondato Torreira della Samp e il Barcellona invece fa sul serio con Soriano che dopo un campionato strepitoso con il Villarreal ha ricevuto l'attenzione blaugrana.
Grandi nomi, grandi trattative, panchine che ancora devono essere sistemate. Tenetevi forte, si inizia...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata 13.04 - Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef. IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le lezioni di Juve e Roma: a tutti. Sarri e il suo sogno e i prestiti “vietati” 12.04 - È una beffa. Forse la peggiore. Un rigore, di cui discuteremo anche a lungo, nel tempo di recupero, con addirittura l’espulsione di Buffon, raramente visto così arrabbiato. La Juventus stava raddoppiando l’impresa della Roma, e sarebbe stato duro dover scegliere quale sarebbe stato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La rifondazione della Juventus: è davvero possibile? E dove? Ecco quello di cui ha bisogno per crescere. Ma servono molti soldi, sicuri che questo non sia il massimo in Europa? 11.04 - Si fa presto a dire rivoluzione juventina. Le macerie (solo europee, va detto) lasciate dagli attacchi aerei di Cristiano Ronaldo hanno stappato le discussioni sulla rifondazione a Vinovo. Gente che va, gente che viene, progetti che cambiano. Ora, francamente sembra altamente impraticabile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.