VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
11.09.2017 12:20 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 26379 volte
© foto di Federico De Luca

Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la lungaggine, bensì l'organizzazione e le regole. Tenere il mercato aperto quando il pallone è fermo è una normale conseguenza del libero mercato. A chi dà fastidio il mercato aperto da giugno ad agosto quando tutto è fermo? A nessuno. Forse qualche Direttore o allenatore si disturba perché inizia il campionato e il mercato è ancora aperto? Beh, quello è solo un vantaggio. Marotta, giustamente, ragiona da Direttore della Juventus; ma, se fosse stato alla Samp o al Varese come agli inizi della sua carriera, avrebbe avuto lo stesso pensiero? Spieghiamo il perché: per la Juve, Inter, Napoli o Milan, insomma per le big, chiudere prima avrebbe un senso. Avrebbe un senso anche allinearsi alle altre leghe europee. Ma siccome al campionato partecipano 20 squadre di A e 22 di B, oltre alle 56-57 di C, il mercato aperto fino al 31 agosto è una manna per gli allenatori. I test estivi non servono a nulla e non si ha la percezione di capire bene il valore della squadra. Le prime due giornate iniziano ad aiutare per essere sicuri delle scelte fatte. Siccome molte squadre cambiano sempre tanti calciatori, è giusto avere la possibilità di sistemare quello che non va, senza dover aspettare gennaio. La Premier chiude prima ma, per tradizione, inizia anche prima il campionato. La nostra serie A non può iniziare prima del 22-23 agosto e non avrebbe neanche senso. Vogliamo paragonarci all'Inghilterra? Sbagliato! Loro durante l'anno hanno mille coppe di Lega a cui tengono molto. Noi abbiamo la Coppetta Italia che interessa solo quando arriviamo alle semifinali e finali. I ragionamenti che stanno facendo per anticipare la chiusura del mercato sono senza logica. Così come era senza logica tutta la tiritera di Ventura di annullare le torunè cinesi, di iniziare prima il campionato perché tutto doveva ruotare attorno alla sfida del 2 settembre alla Spagna e dobbiamo fare tutto in vista di quella gara per poi fare le figuracce che abbiamo fatto solo perché lui non è in grado di schierare un modulo decente. Più che cambiare la data di chiusura del mercato, anche perché non cambierebbe nulla chiuderlo il 20 anziché il 31 agosto, in Italia dovremmo preoccuparci di capire come mai le società comprano sempre più stranieri e meno italiani. Qualcuno si è dato una risposta seria? C'è una regola che ammazza il mercato interno e spinge a fare le operazioni estere. Ve la faccio breve: se il Milan compra un giocatore dalla Juve (esempio Bonucci) il Milan deve coprire l'acquisto con regolare fidejussione bancaria. Così come se l'Atalanta acquista un giocatore del Chievo Verona. Il sistema diventa laborioso. Se l'Atalanta, invece, acquista un senegalese dalla Premier non deve garantire alcuna fidejussione bancaria. Se foste voi una società di calcio cosa fareste? Si incentiva l'acquisto di giocatori stranieri e operazioni all'estero con capitali che non girano più in Italia ma portiamo soldi negli altri Paesi. La Federazione, per garantire i pagamenti, potrebbe sostituire le fidejussioni con i punti di penalizzazione e sicuramente i club si attrezzeranno per essere in regola. In Italia avevamo un giochino che funzionava ma poi, dalla sera alla mattina, hanno deciso di toglierlo. Le comproprietà! Qualcuno ne ha abusato e tutti hanno pagato. Sbagliato! Era una buona formula per far girare i calciatori e il danaro, ma soprattutto consentiva di fare operazioni intelligenti e alcune scommesse senza perdere il controllo del calciatore. Riportare le comproprietà sarebbe un'idea da non sottovalutare; certamente va imposto qualche paletto ma potrebbe aiutare a rendere più ricco il nostro mercato che, nell'ultima sessione, si è rilanciato molto.
In chiusura il gioco delle poltrone: stiamo trovando una soluzione. Tavecchio sta componendo il puzzle. Brunelli alla Presidenza di A con Fassone vice, Agnelli in Europa, Lotito in Federazione... mancherebbe la presidenza di serie B ma arriverà anche quella. Certamente l'idea di affidare la Presidenza a Marco Brunelli è la scelta più logica e intelligente. Brunelli, da una vita Direttore Generale del Palazzo, conosce delibere, fogli, bandi e personaggi. Persona pacata e grande lavoratore. Oggi la Lega ha bisogno di un Presidente che faccia e non di un politico che disfi. Brunelli porterà sicuramente ordine ma soprattutto concretezza. Poi, come sempre, la Lega sarà in mano ai Presidenti ma quando i Presidenti saranno in giro per l'Italia ci vuole un Presidente che coordini tutto. Per questo Brunelli è la figura migliore per presente e futuro. Con Santoro forma una coppia perfetta per rilanciare una Lega, per troppi anni, in mano a Presidenti che pensavano e pensano solo a dividersi la torta dei diritti tv. A proposito di diritti tv: dopo la pagliacciata dell'ultima asta urge tornare alle regole vecchie e a far fare soldi a chi è capace. Solo così la serie A potrà portare a casa ancora un miliardo dalle televisioni italiane e 200 milioni dai diritti all'estero. Di questo passo la Lega prenderebbe solo 600-700 milioni di euro e allora sì che la benzina nella macchina non basterebbe per arrivare all'autogrill. Via la politica dal Palazzo e dentro chi questo mestiere lo sa fare davvero.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.