VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Caro Silvio, un pensiero per te. Capolavoro Juve! Mancini, liberaci dal male... andate in pace

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
08.08.2016 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 69680 volte
© foto di Federico De Luca

Nel mio cuore c'è sempre stato spazio per una sola squadra: l'Avellino. Ma da bambino ti impongono che devi tifare per una grande, altrimenti quando vai al mare ti dicono: per chi tifi? Tu non puoi rispondere solo Avellino. Bene, io ho sempre detto Avellino ma da piccolo ero anche tifoso del Milan. Crescendo e lavorando nel calcio poi ogni fede passa in secondo piano e acquisisci la lucidità del giornalista e il tifoso resta dentro di te nel ricordo da bambino. Avevo 6 anni e mi regalarono il cappello con le treccine di Gullit. Ne avevo dieci e mio padre, con mio zio, mi fecero un regalo: tribuna autorità per vedere la semifinale di Coppa Campioni del Milan contro il Monaco. Vincemmo facile, 3 gol e tutti a casa. Per completare la serata mio padre mi portò a cena all'Assassino, ristorante covo milanista dove trovammo Sacchi e Braida. Mi fecero l'autografo e dopo 20 anni lo feci vedere a Braida che nel frattempo avevo conosciuto per questioni lavorative. Ero piccolo quando il Milan trionfò a Barcellona e oggi Berlusconi lo ricorda come il successo più bello della sua carriera trentennale. Mille ricordi legati al Milan di Berlusconi. Poi la passione rossonera è svanita con il passare degli anni, la ritrovai in una semifinale a Lione (0-0) quarti di Champions e in finale ad Atene contro il Liverpool: ma in quel caso, sarò sincero, più che la passione per il Milan era per l'allora fidanzata malata milanista. Ho apprezzato il Milan nei racconti di Gattuso, l'ho disprezzato per alcune strategie di Galliani e l'ho disprezzato ultimamente per la pessima gestione del finale di un film stupendo. Caro Silvio, ti fa onore lasciare oggi prima che sia troppo tardi. Nella vita tutto finisce. E' come se fossimo in un ospedale: puoi essere Berlusconi o un parcheggiatore abusivo ma lì dentro siamo tutti uguali. Siamo tutti uguali anche quando il tempo passa e, prima o poi, il Signore ci presenta il conto. Il calcio oggi ti presenta il conto e tutti ti riconosciamo che sei stato un eroe. Solo chi fa calcio e lo vive, non da tifoso, sa bene che vincere è sempre difficile. Tu, Presidente, hai vinto tutto e non potevi permetterti un altro anno umiliante e fallimentare. Umiliante la gestione del club, più che i risultati. Avevi perso il controllo e la diatriba Galliani-Barbara ne è stato il peggiore epilogo di come il tempo passa e trascorre male. Tua figlia contro il tuo alleato storico. La politica ha portato via tempo prezioso al calcio, adesso la vecchiaia che incombe e le forze che vengono meno. I cinesi non avranno mai la passione di Berlusconi e Moratti come gli americani non hanno la passione dei Sensi ma a comandare spesso sono, purtroppo, i soldi. C'è una grande differenza e non sta solo nei soldi. I cinesi non hanno neanche le competenze di Berlusconi, più Silvio di Moratti e Sensi. Il calcio è passione e sacrifici. Come quando apri un ristorante. Il proprietario deve essere sempre lì altrimenti camerieri e cuochi fanno il diavolo che vogliono. Tra 20 anni Barbara racconterà ai suoi tre figli quanto è stato grande il nonno nel calcio e mostrerà quelle vhs, Mondiavolo e i Tre tulipani, che oggi io ancora conservo.
Lasciamo da parte il libro dei ricordi e passiamo all'attualità. Un libro di complimenti per la Juventus che, ormai, comanda stabilmente il sistema del calcio italiano. Anche nella furbizia è diventata regina. Marotta sapeva di dover dar via Pogba (e ci mancherebbe) ma prima ha steso un tappeto di acquisti che ha gettato fumo negli occhi ai tifosi. La gestione mediatica, quello che non capisce l'Inter, di questi tempi è fondamentale. La notizia va gestita e non subita. Alla Juventus hanno studiato ogni dettaglio. Ti prendo Pjanic, poi andiamo su Dani Alves, Benatia, il colpo del futuro Pjaca e il regalo ai tifosi Higuain. Così quando cedo Pogba per una vagonata di soldi nessuno può dire nulla. Signori, Marotta ha riscritto il manuale del calciomercato. E a scriverlo è ancora una volta un Dg della Juventus. Queste sono lezioni che a Coverciano non spiegano ma il Direttore 2.0 lavora così. Straordinario. Pogba è stato un capolavoro tecnico e finanziario. Così come il mercato di questa estate ma adesso serve un centrocampista vero ad Allegri. Witsel il mio preferito. La Juventus vincerà ancora lo scudetto soprattutto perché non ci sarà concorrenza; le uniche squadre che in Italia possono contrastare il potere bianconero sono le milanesi, oggettivamente ancora fuori dai radar. Sarà una Juve che vincerà facile il tricolore ma in Europa dovrà ancora assestarsi bene.
L'Inter è un vero disastro. Siamo arrivati ai titoli di coda il giorno 7 agosto sera. Mi faccio una domanda: Pedullà è da un mese e mezzo che ci racconta questa storia di Mancini e l'Inter. Quindi se la racconta lui significa che la rottura c'è da tempo. La mia domanda è da terza elementare con debito in intelligenza: ma bisognava arrivare a due settimane dall'inizio del campionato per compiere questa sceneggiata? Mancini se ne va ma cosa è tornato a fare? Ha fatto peggio di Mazzarri, ha voluto 1256 calciatori e ha fatto spendere un patrimonio alla società. Alla faccia del manager all'inglese. L'Inter ha supportato tutti i suoi capricci e mica se ne andava se i cinesi non gli davano una buonuscita da 2 milioni di euro. Cose dell'altro mondo. Moratti ha chiuso il suo ciclo nerazzurro con un fallimento: aver "imposto" a Thohir il ritorno del Mancio. Mazzarri aveva i tifosi contro, Mancini con i tifosi dalla sua ha fatto peggio. Oggi se ne va e lascia una squadra senza identità e carattere. Infelice e confusa. Non ci sono i tempi per una rivoluzione ma è quel che servirebbe alla società e alla squadra. Un tiro mancino con scoppio ritardato. Ne esce male Ausilio che non ha fatto chiarezza e non ha saputo gestire la diatriba tra proprietà e mister. Ne esce a pezzi il DS e ci farebbe piacere capire il ruolo di Gardini. Dopo il fallimento di Treviso e la retrocessione di Verona qualcuno starà pensando anche male... Per fortuna a Milano non sono superstiziosi come dalle mie parti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.