VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Caso Donnarumma e Voluntary Agreement bocciato, una brutta settimana al Milan. L'Inter piange sulla prima sconfitta, Spalletti deve tenere la barca. Giacomelli horror, ma certi pianti... Complimenti a Massimo Oddo che ha già fatto nove punti

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
17.12.2017 13:54 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 24786 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Una settimana da Dio. Quella di Marco Fassone è stato a mercato ancora chiuso, perché l'amministratore delegato del Milan aveva già gettato le basi per il Milan del 2017-18, trovando accordi con praticamente tutti i giocatori poi acquistati in estate. Il mercato iniziava a luglio, ma già a inizio giugno aveva già trovato la quadratura del cerchio. E anche il rinnovo di Vincenzo Montella, dopo aver paventato - e fatto filtrare a reti unificate - che il tecnico non sarebbe stato confermato. Incidente diplomatico sui giornali a parte, sembrava l'inizio di una nuova era. Basta parametri zero, è finita l'improvvisazione, tutto sarà trasparente. Mi pare di ricordare anche un hashtag lanciato nella circostanza, ma potrei sbagliarmi. È stata trasparente anche l'UEFA che, una settimana prima, ha avvisato come il Milan non avrebbe goduto del voluntary agreement, sebbene poi Fassone si fosse meravigliato della scelta del massimo organismo continentale: non c'è chiarezza sul proprietario e su quante risorse è in grado di promettere e immettere nel Milan. Vorremmo saperlo anche noi, molto incuriositi dalla inchiesta del New York Times. Personalmente mi bastava quella della Gazzetta a firma Marco Iaria, qualche tempo fa: suonare al campanello e non ottenere risposta non è proprio un bel biglietto da visita, giacché ricorda tanto una vicenda svoltasi in Slovenia, più precisamente a Nova Gorica, con gli uffici di un ex presidente del Parma. Sicuramente è un errore pensare così, perché altrimenti Fassone e Mirabelli non si sarebbero giocati la carriera così (anche se il calcio perdona un po' tutti, a parte gli impresentabili alla Ventura - in realtà forse pure lui).

Va detto che la UEFA non sanzionerà subito il Milan in maniera pesante, ma lo farà per gradi. Ci sarà il settlement agreement dove il Milan pagherà qualche milione di multa - tramite premi UEFA non elargiti, quindi non dovrà scucirli di tasca propria - delle stagioni di coppa con la rosa limitata e l'impegno di ridurre le spese e non aumentare gli stipendi per un biennio. Se poi il Milan dovesse sforare questo accordo - come successo con il Galatasaray - allora sarà esclusa dalle coppe, ma con ogni probabilità sarà dopo il 30 giugno del 2020: un discorso a lunghissimo raggio. Più o meno come quello relativo a Donnarumma. Perché il Milan non ha nessuna intenzione di cedere il portiere a gennaio? Perché i suoi soldi, eventualmente, non sarebbero risparmiati sul prossimo bilancio e non conterebbero in caso di settlement agreement: in parole povere Donnarumma è un asset da spostare, eventualmente, al prossimo bilancio che sarà decisivo. Da qui possono derivare tre domande:

- Il Milan fallirà? Solo, come nel caso di Parma e altri, non dovessero venire pagati gli stipendi, ci fosse un buco esagerato e nessuno intenzionato a ripianarlo.

- Il Milan passerà momenti brutti? Anche qui dipende dalla liquidità di chi ha comprato i rossoneri.

- Il Milan cambierà e diventerà di proprietà del fondo Elliott? Questo è già più probabile, ma se un istituto di credito dovesse decidere di rifinanziare il debito - operazione fatta da poco dell'Inter - allora la risposta è no. Ammesso e non concesso che pure a Elliott piacerebbe avere il Milan per una cifra comunque inferiore al suo valore in potenziale.

Ritornando a Donnarumma, sapete perché Raiola ha deciso di agire così? Per vari motivi, ma il principale è lo stesso per cui a fine mercato di qualche anno fa, per spostare Kasami al derelitto Pescara, l'agente si arrabbiò con tutto l'AtaHotel Executive. Soldi e commissioni. Raiola può guadagnare moltissimo da Donnarumma, ma solo con bonus al momento della firma di un rinnovo contrattuale oppure in caso di trasferimento. Pogba insegna, per dirne uno, Raiola tenta di avere una percentuale sul cartellino del giocatore - anche se sarebbe illegale - e di farsi pagare dalle società: le percentuali sugli stipendi sono risibili, i procuratori guadagnano solamente sulle commissioni per chiudere l'affare. E devi avere la forza per chiudere operazioni, nel mare magnum degli agenti. Basti pensare a quanti giocatori vogliono farsi rappresentare dai propri famigliari.

Tornando al calcio giocato, l'Inter si è presa una bella lezione sui denti. Bisogna fare i complimenti a Massimo Oddo - che un anno fa attacco TuttoMercatoWeb per un'intervista, adesso sarebbe probabilmente più contento di farne una - e alla sua Udinese. Già nove punti, in barba alle facili ironie e a quel ruolino che recitava zero vittorie - una, ma a tavolino, con il Sassuolo - in A alla sua prima esperienza a Pescara. Delneri non è uno sprovveduto, ma evidentemente Oddo ha saputo toccare i tasti giusti e ha infuso fiducia a tutti i propri giocatori. Potenzialmente ha tutto per arrivare in una big in breve tempo. Spalletti c'è già e deve affrontare la tempesta: primo in classifica, zero sconfitte, superato l'ostacolo più grosso indenne - la Juventus - con l'occasione di passare un bel Natale rischia di essere virtualmente quarto al fischio finale. L'unica squadra che ha la continuità dovuta è proprio la Juve, le altre dovranno lavorare (e sperare in qualche passaggio a vuoto) per non far sì che imitino il Lione sette volte campione di Francia di fila. Comunque le grandi si vedono dopo una sconfitta: è la settimana chiave della stagione dell'Inter.

Chiusura sulla scorsa giornata di Serie A e su Giacomelli: il VAR è un grosso alibi per arbitri e guardalinee, che possono utilizzarlo anche a distanza di un paio di minuti. Il problema è che lì il direttore di gara, sul fallo di mano di Iago Falque, avrebbe dovuto fischiare subito e, eventualmente, consultare il VAR. Niente espulsione di Immobile e una settimana di pianti e lamentele che sarebbero finiti in soffitta. Invece il rosso - giusto, da regolamento - a Immobile è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. I tifosi che chiedono gli Scudetti di oltre un anno fa, oppure di ritirare la squadra dal campionato, finanche fare causa ad arbitri e VAR, si commentano da soli. È più grave che lo faccia una società, perché lì si passa al "bel tacere che non fu mai scritto". Poi il calcio italiano tende a dare quello che è stato tolto, soprattutto dopo questo tipo di lamentele. Però anche lei, Giacomelli, sui social network stia più accorto, non è la prima volta che la trovano con le mani nella cioccolata.

Ultima postilla: fra pochi giorni inizia il mercato, tutte dicono di rimanere ferme, ufficialmente. Poi tutti faranno qualcosa, dall'Inter all'Atalanta, passando per la Juventus, ma anche il Milan. La sessione dovrebbe essere calma, ma il condizionale va utilizzato nella giusta maniera.

Ultimissima postilla: ci pensate che non andremo al Mondiale?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.