HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Caso Donnarumma e Voluntary Agreement bocciato, una brutta settimana al Milan. L'Inter piange sulla prima sconfitta, Spalletti deve tenere la barca. Giacomelli horror, ma certi pianti... Complimenti a Massimo Oddo che ha già fatto nove punti

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
17.12.2017 13:54 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 24823 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Una settimana da Dio. Quella di Marco Fassone è stato a mercato ancora chiuso, perché l'amministratore delegato del Milan aveva già gettato le basi per il Milan del 2017-18, trovando accordi con praticamente tutti i giocatori poi acquistati in estate. Il mercato iniziava a luglio, ma già a inizio giugno aveva già trovato la quadratura del cerchio. E anche il rinnovo di Vincenzo Montella, dopo aver paventato - e fatto filtrare a reti unificate - che il tecnico non sarebbe stato confermato. Incidente diplomatico sui giornali a parte, sembrava l'inizio di una nuova era. Basta parametri zero, è finita l'improvvisazione, tutto sarà trasparente. Mi pare di ricordare anche un hashtag lanciato nella circostanza, ma potrei sbagliarmi. È stata trasparente anche l'UEFA che, una settimana prima, ha avvisato come il Milan non avrebbe goduto del voluntary agreement, sebbene poi Fassone si fosse meravigliato della scelta del massimo organismo continentale: non c'è chiarezza sul proprietario e su quante risorse è in grado di promettere e immettere nel Milan. Vorremmo saperlo anche noi, molto incuriositi dalla inchiesta del New York Times. Personalmente mi bastava quella della Gazzetta a firma Marco Iaria, qualche tempo fa: suonare al campanello e non ottenere risposta non è proprio un bel biglietto da visita, giacché ricorda tanto una vicenda svoltasi in Slovenia, più precisamente a Nova Gorica, con gli uffici di un ex presidente del Parma. Sicuramente è un errore pensare così, perché altrimenti Fassone e Mirabelli non si sarebbero giocati la carriera così (anche se il calcio perdona un po' tutti, a parte gli impresentabili alla Ventura - in realtà forse pure lui).

Va detto che la UEFA non sanzionerà subito il Milan in maniera pesante, ma lo farà per gradi. Ci sarà il settlement agreement dove il Milan pagherà qualche milione di multa - tramite premi UEFA non elargiti, quindi non dovrà scucirli di tasca propria - delle stagioni di coppa con la rosa limitata e l'impegno di ridurre le spese e non aumentare gli stipendi per un biennio. Se poi il Milan dovesse sforare questo accordo - come successo con il Galatasaray - allora sarà esclusa dalle coppe, ma con ogni probabilità sarà dopo il 30 giugno del 2020: un discorso a lunghissimo raggio. Più o meno come quello relativo a Donnarumma. Perché il Milan non ha nessuna intenzione di cedere il portiere a gennaio? Perché i suoi soldi, eventualmente, non sarebbero risparmiati sul prossimo bilancio e non conterebbero in caso di settlement agreement: in parole povere Donnarumma è un asset da spostare, eventualmente, al prossimo bilancio che sarà decisivo. Da qui possono derivare tre domande:

- Il Milan fallirà? Solo, come nel caso di Parma e altri, non dovessero venire pagati gli stipendi, ci fosse un buco esagerato e nessuno intenzionato a ripianarlo.

- Il Milan passerà momenti brutti? Anche qui dipende dalla liquidità di chi ha comprato i rossoneri.

- Il Milan cambierà e diventerà di proprietà del fondo Elliott? Questo è già più probabile, ma se un istituto di credito dovesse decidere di rifinanziare il debito - operazione fatta da poco dell'Inter - allora la risposta è no. Ammesso e non concesso che pure a Elliott piacerebbe avere il Milan per una cifra comunque inferiore al suo valore in potenziale.

Ritornando a Donnarumma, sapete perché Raiola ha deciso di agire così? Per vari motivi, ma il principale è lo stesso per cui a fine mercato di qualche anno fa, per spostare Kasami al derelitto Pescara, l'agente si arrabbiò con tutto l'AtaHotel Executive. Soldi e commissioni. Raiola può guadagnare moltissimo da Donnarumma, ma solo con bonus al momento della firma di un rinnovo contrattuale oppure in caso di trasferimento. Pogba insegna, per dirne uno, Raiola tenta di avere una percentuale sul cartellino del giocatore - anche se sarebbe illegale - e di farsi pagare dalle società: le percentuali sugli stipendi sono risibili, i procuratori guadagnano solamente sulle commissioni per chiudere l'affare. E devi avere la forza per chiudere operazioni, nel mare magnum degli agenti. Basti pensare a quanti giocatori vogliono farsi rappresentare dai propri famigliari.

Tornando al calcio giocato, l'Inter si è presa una bella lezione sui denti. Bisogna fare i complimenti a Massimo Oddo - che un anno fa attacco TuttoMercatoWeb per un'intervista, adesso sarebbe probabilmente più contento di farne una - e alla sua Udinese. Già nove punti, in barba alle facili ironie e a quel ruolino che recitava zero vittorie - una, ma a tavolino, con il Sassuolo - in A alla sua prima esperienza a Pescara. Delneri non è uno sprovveduto, ma evidentemente Oddo ha saputo toccare i tasti giusti e ha infuso fiducia a tutti i propri giocatori. Potenzialmente ha tutto per arrivare in una big in breve tempo. Spalletti c'è già e deve affrontare la tempesta: primo in classifica, zero sconfitte, superato l'ostacolo più grosso indenne - la Juventus - con l'occasione di passare un bel Natale rischia di essere virtualmente quarto al fischio finale. L'unica squadra che ha la continuità dovuta è proprio la Juve, le altre dovranno lavorare (e sperare in qualche passaggio a vuoto) per non far sì che imitino il Lione sette volte campione di Francia di fila. Comunque le grandi si vedono dopo una sconfitta: è la settimana chiave della stagione dell'Inter.

Chiusura sulla scorsa giornata di Serie A e su Giacomelli: il VAR è un grosso alibi per arbitri e guardalinee, che possono utilizzarlo anche a distanza di un paio di minuti. Il problema è che lì il direttore di gara, sul fallo di mano di Iago Falque, avrebbe dovuto fischiare subito e, eventualmente, consultare il VAR. Niente espulsione di Immobile e una settimana di pianti e lamentele che sarebbero finiti in soffitta. Invece il rosso - giusto, da regolamento - a Immobile è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. I tifosi che chiedono gli Scudetti di oltre un anno fa, oppure di ritirare la squadra dal campionato, finanche fare causa ad arbitri e VAR, si commentano da soli. È più grave che lo faccia una società, perché lì si passa al "bel tacere che non fu mai scritto". Poi il calcio italiano tende a dare quello che è stato tolto, soprattutto dopo questo tipo di lamentele. Però anche lei, Giacomelli, sui social network stia più accorto, non è la prima volta che la trovano con le mani nella cioccolata.

Ultima postilla: fra pochi giorni inizia il mercato, tutte dicono di rimanere ferme, ufficialmente. Poi tutti faranno qualcosa, dall'Inter all'Atalanta, passando per la Juventus, ma anche il Milan. La sessione dovrebbe essere calma, ma il condizionale va utilizzato nella giusta maniera.

Ultimissima postilla: ci pensate che non andremo al Mondiale?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy