HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

Catastrofismo Juve: la colpa è del Napoli. Da Sarri a Giampaolo: l'allenatore è più importante della campagna acquisti. Al calcio italiano non basta il nome: quattro idee per una seria rifondazione

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
26.11.2017 10:37 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 35684 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Non è la stessa Juventus di un anno fa. Il confronto, dati alla mano, sembra chiaro e pacifico. Dopo 13 giornate ha il migliore attacco e la quarta miglior difesa, numeri meno buoni di quel che possa sembrare perché negli ultimi dieci anni - sempre e comunque - a vincere lo Scudetto è stata la squadra che ha subito meno reti.
Un ciclo in difesa s'è chiuso nella passata stagione, con gli addii di Dani Alves e Bonucci, e ripartirà più compiutamente nella prossima stagione con gli arrivi certi di Caldara, Spinazzola e un altro terzino destro. Nel frattempo, ci si barcamena con una difesa che resta comunque, almeno per l'Italia, di primissimo livello, ma deve registrarsi meglio. E in questo senso i recenti sfoghi di Pjanic e Benatia non sono arrivati a caso.
Specificato ciò, c'è un altro punto da sottolineare. Con altrettanta e forse ancor più forza. Tutto questo catastrofismo attorno ai bianconeri, e soprattutto attorno ad Allegri, è immotivato. La Juventus sta facendo il suo cammino e classifica alla mano dopo 13 giornate ha conquistato 31 punti. Uno score che, negli ultimi due anni, avrebbe sempre fatto rima con primo posto. Rispetto alla passata stagione, i bianconeri hanno solo due lunghezze in meno, ma basterà battere oggi il Crotone per trasformare questo confronto nuovamente in positivo.
Cosa vuol dire tutto ciò? Significa che se quest'anno in vetta c'è confronto e incertezza non è demerito della Juventus. E' merito delle altre, soprattutto di un Napoli partito fortissimo, il secondo miglior avvio di stagione di una squadra nella storia della Serie A. Solo la Juventus 2005/06 fece meglio.
Ecco perché chiedere la testa di Allegri, o criticare aspramente la squadra, non ha motivazioni solide. Non ha senso non solo per quanto dimostrato da questa squadra nel recente passato, ma anche per quanto sta dimostrando nel presente. Può fare di più certo? Certo. E Allegri, in questo senso, è sempre riuscito a far accelerare le sue squadre nella seconda parte di stagione. Ma la Juve sta comunque già viaggiando su ritmi forsennati e migliorarsi ulteriormente non basterà per ammazzare il campionato. Perché quest'anno in vetta nessuno perde un colpo e, vivaddio, si preannuncia una battaglia all'ultimo punto fino alla fine.

Sarri, Spalletti, Allegri, Di Francesco, Inzaghi e Giampaolo. Sono loro, di questi tempi, a comandare la Serie A. Non è un caso, alcuni sono alla guida delle squadre più forti, ma sono anche i migliori allenatori che in questo momento può mettere in vetrina il nostro campionato, In grado di trasformare in oro anche un calciomercato in alcuni casi deficitario.
Spalletti ha messo ordine, con tre acquisti da squadre di metà classifica, a un'Inter che fino a qualche mese sembrava un caos ingestibile. Al suo posto a Roma è arrivato Di Francesco, che senza Rüdiger e Salah ha dato alla squadra una consapevolezza della sua forza - soprattutto in Europa - mai vista prima. Di Sarri e Allegri in questi mesi abbiamo detto e scritto di tutto e di più: sono i migliori. E presto a questi livelli arriveranno anche Inzaghi e Giampaolo: stanno portando avanti due autentici miracoli. Perché va bene i giovani pescati con lungimiranza in giro per l'Europa dai ds, ma questa estate il primo ha perso Keita, Biglia e Hoedt e il secondo Muriel, Schick, Bruno Fernandes e Skriniar. Non giocatori qualsiasi. Eppure, stanno riuscendo a fare meglio della passata stagione. Vincendo e divertendo.
Una lezione da non sottovalutare, che rivaluta di parecchio la figura dell'allenatore, probabilmente il tassello più importante nella costruzione di una squadra. La controprova? Il sondaggio di TMW del 2 settembre, appena chiusa la campagna trasferimento. Vi abbiamo chiesto: "Chi ha fatto il miglior mercato estivo della Serie A?". E sono arrivate quasi diecimila risposte che hanno issato il Milan al primo posto e il Torino subito dietro. Giustamente, un pensiero condiviso in modo unanime anche dagli addetti ai lavori. Ma entrambe sono lontanissime dalle posizioni europee perché hanno probabilmente fallito nella scelta più importante: quella dell'allenatore. Sia rossoneri che granata a fine novembre non hanno ancora una loro identità di gioco, con Montella che ha battuto tutti i record cambiando 22 formazioni in 22 partite.

Infine, il punto sullo stato di salute del calcio italiano, ancora profondamente malato dopo la catastrofe mondiale. Si sta cercando di capire come ricostruire, ma al momento non c'è certezza. Lunedì ci sarà l'Assemblea di Serie A, la penultima occasione per stilare un organigramma ed evitare il commissariamento dell'intera FIGC, soluzione che vorrebbe adottare il presidente del CONI Giovanni Malagò. Ad oggi, infatti, il punto su cui si sta giocando la partita sembra essere questo: presidente della FIGC eletto dai suoi membri o commissario scelto dal Coni? Punto importante, per carità. Ma è davvero attorno a ciò che si gioca la rinascita del calcio italiano? La risposta è negativa. Servono programmi, idee, e di tutto questo ancora non c'è traccia. Serve modificare ciò che palesemente non va e cambiarlo il più in fretta possibile. Qualche idea? Eccole.

1) Introduzione squadre B - Il modello spagnolo in questi anni si sta rivelando vincente. La squadra B sempre almeno una serie sotto a quella della prima squadra, ma al contempo sempre sotto lo stretto controllo del club che così può far giocare i suoi migliori giovani in campionati competitivi, non nel Primavera, senza esser costretto a prestiti che spesso fanno rima con salti nel buio. In questo modo il rischio che i migliori 16enni non si perdano nell'80% dei casi a 20 anni è molto più basso.
2) Riduzione delle squadre - Quest'anno la conferma più lapalissiana che il gap in Serie A è troppo ampio. Ne ho parlato nel mio precedente editoriale, che vi invito a leggere (in basso il link).
3) Parte del fatturato da dedicare obbligatoriamente ai vivai e ai suoi impianti - Troppi club ci credono ancora troppo. Tra le top leghe europee quelli italiani, tranne sporadici casi, sono i club che investono meno nei Settori Giovanili. Se allora i presidenti non guardano oltre la punta del proprio naso meglio regolamentare questo aspetto, magari obbligando le società di Serie A a investire una parte del proprio fatturato (10-12%) proprio sui giovani e sugli impianti nei quali si allenano.
4) Ammodernamento o costruzione di nuovi impianti - Anche in questi caso lo scenario è desolante, per chi va allo stadio ma anche per chi guarda dalla tv. E l'ammodernamento o la ricostruzione degli stadi è un aspetto che riguarda anche i diritti tv, argomento che molto presto tornerà argomento d'attualità. Perché è giusto ripensare i criteri di divisione degli stessi, modificando la legge Melandri, ma se la torta è più piccola resterai sempre due-tre spanne sotto gli altri. E la colpa è anche di stadi vecchi e obsoleti, che deprezzano il prodotto Serie A avvantaggiando invece quei campionati che negli ultimi 20 anni hanno messo su un piano serio e concreto per rendere gli impianti al passo con i tempi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il colpo di De Laurentiis: Ancelotti rilancia il Napoli e Napoli. E ora Sarri? Ecco la nuova Inter e tutti gli allenatori di A 24.05 - Ancelotti sbarca ufficialmente a Napoli. 3 anni di contratto a circa 5 milioni di euro. Con il suo staff al completo e con una gran voglia di tornare ad essere protagonista nel nostro campionato. Il presidente De Laurentiis ha fatto un grande colpo, ha riportato in Italia un grandissimo...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: un colpo a centrocampo, il futuro di Dybala e le polemiche sullo scudetto. Inter: dalla Champions passano i riscatti… ma non Icardi. Milan: Donnarumma e altri “autogol”. Napoli: Ancelotti sì o no? Italia: benvenuto Mancio, ma… 15.05 - L’Italia della politica cerca un modo per uscire dalla fase di stallo. Ci prova da mesi. Cercano un’intesa ma non la trovano. Ce la mettono tutta. E intanto l’Italia va avanti. Anche senza di loro. Ci si pone delle domande: “Ma non sarà che si può fare anche senza?”. Loro temono che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy