VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Catastrofismo Juve: la colpa è del Napoli. Da Sarri a Giampaolo: l'allenatore è più importante della campagna acquisti. Al calcio italiano non basta il nome: quattro idee per una seria rifondazione

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
26.11.2017 10:37 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 35426 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Non è la stessa Juventus di un anno fa. Il confronto, dati alla mano, sembra chiaro e pacifico. Dopo 13 giornate ha il migliore attacco e la quarta miglior difesa, numeri meno buoni di quel che possa sembrare perché negli ultimi dieci anni - sempre e comunque - a vincere lo Scudetto è stata la squadra che ha subito meno reti.
Un ciclo in difesa s'è chiuso nella passata stagione, con gli addii di Dani Alves e Bonucci, e ripartirà più compiutamente nella prossima stagione con gli arrivi certi di Caldara, Spinazzola e un altro terzino destro. Nel frattempo, ci si barcamena con una difesa che resta comunque, almeno per l'Italia, di primissimo livello, ma deve registrarsi meglio. E in questo senso i recenti sfoghi di Pjanic e Benatia non sono arrivati a caso.
Specificato ciò, c'è un altro punto da sottolineare. Con altrettanta e forse ancor più forza. Tutto questo catastrofismo attorno ai bianconeri, e soprattutto attorno ad Allegri, è immotivato. La Juventus sta facendo il suo cammino e classifica alla mano dopo 13 giornate ha conquistato 31 punti. Uno score che, negli ultimi due anni, avrebbe sempre fatto rima con primo posto. Rispetto alla passata stagione, i bianconeri hanno solo due lunghezze in meno, ma basterà battere oggi il Crotone per trasformare questo confronto nuovamente in positivo.
Cosa vuol dire tutto ciò? Significa che se quest'anno in vetta c'è confronto e incertezza non è demerito della Juventus. E' merito delle altre, soprattutto di un Napoli partito fortissimo, il secondo miglior avvio di stagione di una squadra nella storia della Serie A. Solo la Juventus 2005/06 fece meglio.
Ecco perché chiedere la testa di Allegri, o criticare aspramente la squadra, non ha motivazioni solide. Non ha senso non solo per quanto dimostrato da questa squadra nel recente passato, ma anche per quanto sta dimostrando nel presente. Può fare di più certo? Certo. E Allegri, in questo senso, è sempre riuscito a far accelerare le sue squadre nella seconda parte di stagione. Ma la Juve sta comunque già viaggiando su ritmi forsennati e migliorarsi ulteriormente non basterà per ammazzare il campionato. Perché quest'anno in vetta nessuno perde un colpo e, vivaddio, si preannuncia una battaglia all'ultimo punto fino alla fine.

Sarri, Spalletti, Allegri, Di Francesco, Inzaghi e Giampaolo. Sono loro, di questi tempi, a comandare la Serie A. Non è un caso, alcuni sono alla guida delle squadre più forti, ma sono anche i migliori allenatori che in questo momento può mettere in vetrina il nostro campionato, In grado di trasformare in oro anche un calciomercato in alcuni casi deficitario.
Spalletti ha messo ordine, con tre acquisti da squadre di metà classifica, a un'Inter che fino a qualche mese sembrava un caos ingestibile. Al suo posto a Roma è arrivato Di Francesco, che senza Rüdiger e Salah ha dato alla squadra una consapevolezza della sua forza - soprattutto in Europa - mai vista prima. Di Sarri e Allegri in questi mesi abbiamo detto e scritto di tutto e di più: sono i migliori. E presto a questi livelli arriveranno anche Inzaghi e Giampaolo: stanno portando avanti due autentici miracoli. Perché va bene i giovani pescati con lungimiranza in giro per l'Europa dai ds, ma questa estate il primo ha perso Keita, Biglia e Hoedt e il secondo Muriel, Schick, Bruno Fernandes e Skriniar. Non giocatori qualsiasi. Eppure, stanno riuscendo a fare meglio della passata stagione. Vincendo e divertendo.
Una lezione da non sottovalutare, che rivaluta di parecchio la figura dell'allenatore, probabilmente il tassello più importante nella costruzione di una squadra. La controprova? Il sondaggio di TMW del 2 settembre, appena chiusa la campagna trasferimento. Vi abbiamo chiesto: "Chi ha fatto il miglior mercato estivo della Serie A?". E sono arrivate quasi diecimila risposte che hanno issato il Milan al primo posto e il Torino subito dietro. Giustamente, un pensiero condiviso in modo unanime anche dagli addetti ai lavori. Ma entrambe sono lontanissime dalle posizioni europee perché hanno probabilmente fallito nella scelta più importante: quella dell'allenatore. Sia rossoneri che granata a fine novembre non hanno ancora una loro identità di gioco, con Montella che ha battuto tutti i record cambiando 22 formazioni in 22 partite.

Infine, il punto sullo stato di salute del calcio italiano, ancora profondamente malato dopo la catastrofe mondiale. Si sta cercando di capire come ricostruire, ma al momento non c'è certezza. Lunedì ci sarà l'Assemblea di Serie A, la penultima occasione per stilare un organigramma ed evitare il commissariamento dell'intera FIGC, soluzione che vorrebbe adottare il presidente del CONI Giovanni Malagò. Ad oggi, infatti, il punto su cui si sta giocando la partita sembra essere questo: presidente della FIGC eletto dai suoi membri o commissario scelto dal Coni? Punto importante, per carità. Ma è davvero attorno a ciò che si gioca la rinascita del calcio italiano? La risposta è negativa. Servono programmi, idee, e di tutto questo ancora non c'è traccia. Serve modificare ciò che palesemente non va e cambiarlo il più in fretta possibile. Qualche idea? Eccole.

1) Introduzione squadre B - Il modello spagnolo in questi anni si sta rivelando vincente. La squadra B sempre almeno una serie sotto a quella della prima squadra, ma al contempo sempre sotto lo stretto controllo del club che così può far giocare i suoi migliori giovani in campionati competitivi, non nel Primavera, senza esser costretto a prestiti che spesso fanno rima con salti nel buio. In questo modo il rischio che i migliori 16enni non si perdano nell'80% dei casi a 20 anni è molto più basso.
2) Riduzione delle squadre - Quest'anno la conferma più lapalissiana che il gap in Serie A è troppo ampio. Ne ho parlato nel mio precedente editoriale, che vi invito a leggere (in basso il link).
3) Parte del fatturato da dedicare obbligatoriamente ai vivai e ai suoi impianti - Troppi club ci credono ancora troppo. Tra le top leghe europee quelli italiani, tranne sporadici casi, sono i club che investono meno nei Settori Giovanili. Se allora i presidenti non guardano oltre la punta del proprio naso meglio regolamentare questo aspetto, magari obbligando le società di Serie A a investire una parte del proprio fatturato (10-12%) proprio sui giovani e sugli impianti nei quali si allenano.
4) Ammodernamento o costruzione di nuovi impianti - Anche in questi caso lo scenario è desolante, per chi va allo stadio ma anche per chi guarda dalla tv. E l'ammodernamento o la ricostruzione degli stadi è un aspetto che riguarda anche i diritti tv, argomento che molto presto tornerà argomento d'attualità. Perché è giusto ripensare i criteri di divisione degli stessi, modificando la legge Melandri, ma se la torta è più piccola resterai sempre due-tre spanne sotto gli altri. E la colpa è anche di stadi vecchi e obsoleti, che deprezzano il prodotto Serie A avvantaggiando invece quei campionati che negli ultimi 20 anni hanno messo su un piano serio e concreto per rendere gli impianti al passo con i tempi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero 10.02 - Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Arbitro napoletano per la Juve, l’ultima follia dei complottisti che non la smettono di inquinare il calcio. Dybala lascia la casa a Torino. Anche Ronaldo spinge Icardi al Real. E l’Inter cosa aspetta a ridiscutere la clausola? 09.02 - Finalmente un campionato incerto, due squadra in corsa per lo scudetto, uno straordinario Napoli per il gioco che esprime, un’altrettanto straordinaria Juventus che non molla un centimetro, eppure c’è qualcuno che questa volata non se lo gode.  Ma come si fa nel 2018 a pensare ancora...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato non finisce mai: l’Inter mani su Martinez, Napoli Younes e Sarri e Gattuso sempre più rossonero... 08.02 - È davvero passata già una settimana dalla fine del mercato. Non ce ne siamo neanche accorti, davvero, e la battuta (troppo semplice) che è perché anche durante il mercato non è che è successo molto non ve la passo. Semplicemente le società hanno continuato a lavorare... Il colpo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.