HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Catastrofismo Juve: la colpa è del Napoli. Da Sarri a Giampaolo: l'allenatore è più importante della campagna acquisti. Al calcio italiano non basta il nome: quattro idee per una seria rifondazione

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
26.11.2017 10:37 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 35796 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Non è la stessa Juventus di un anno fa. Il confronto, dati alla mano, sembra chiaro e pacifico. Dopo 13 giornate ha il migliore attacco e la quarta miglior difesa, numeri meno buoni di quel che possa sembrare perché negli ultimi dieci anni - sempre e comunque - a vincere lo Scudetto è stata la squadra che ha subito meno reti.
Un ciclo in difesa s'è chiuso nella passata stagione, con gli addii di Dani Alves e Bonucci, e ripartirà più compiutamente nella prossima stagione con gli arrivi certi di Caldara, Spinazzola e un altro terzino destro. Nel frattempo, ci si barcamena con una difesa che resta comunque, almeno per l'Italia, di primissimo livello, ma deve registrarsi meglio. E in questo senso i recenti sfoghi di Pjanic e Benatia non sono arrivati a caso.
Specificato ciò, c'è un altro punto da sottolineare. Con altrettanta e forse ancor più forza. Tutto questo catastrofismo attorno ai bianconeri, e soprattutto attorno ad Allegri, è immotivato. La Juventus sta facendo il suo cammino e classifica alla mano dopo 13 giornate ha conquistato 31 punti. Uno score che, negli ultimi due anni, avrebbe sempre fatto rima con primo posto. Rispetto alla passata stagione, i bianconeri hanno solo due lunghezze in meno, ma basterà battere oggi il Crotone per trasformare questo confronto nuovamente in positivo.
Cosa vuol dire tutto ciò? Significa che se quest'anno in vetta c'è confronto e incertezza non è demerito della Juventus. E' merito delle altre, soprattutto di un Napoli partito fortissimo, il secondo miglior avvio di stagione di una squadra nella storia della Serie A. Solo la Juventus 2005/06 fece meglio.
Ecco perché chiedere la testa di Allegri, o criticare aspramente la squadra, non ha motivazioni solide. Non ha senso non solo per quanto dimostrato da questa squadra nel recente passato, ma anche per quanto sta dimostrando nel presente. Può fare di più certo? Certo. E Allegri, in questo senso, è sempre riuscito a far accelerare le sue squadre nella seconda parte di stagione. Ma la Juve sta comunque già viaggiando su ritmi forsennati e migliorarsi ulteriormente non basterà per ammazzare il campionato. Perché quest'anno in vetta nessuno perde un colpo e, vivaddio, si preannuncia una battaglia all'ultimo punto fino alla fine.

Sarri, Spalletti, Allegri, Di Francesco, Inzaghi e Giampaolo. Sono loro, di questi tempi, a comandare la Serie A. Non è un caso, alcuni sono alla guida delle squadre più forti, ma sono anche i migliori allenatori che in questo momento può mettere in vetrina il nostro campionato, In grado di trasformare in oro anche un calciomercato in alcuni casi deficitario.
Spalletti ha messo ordine, con tre acquisti da squadre di metà classifica, a un'Inter che fino a qualche mese sembrava un caos ingestibile. Al suo posto a Roma è arrivato Di Francesco, che senza Rüdiger e Salah ha dato alla squadra una consapevolezza della sua forza - soprattutto in Europa - mai vista prima. Di Sarri e Allegri in questi mesi abbiamo detto e scritto di tutto e di più: sono i migliori. E presto a questi livelli arriveranno anche Inzaghi e Giampaolo: stanno portando avanti due autentici miracoli. Perché va bene i giovani pescati con lungimiranza in giro per l'Europa dai ds, ma questa estate il primo ha perso Keita, Biglia e Hoedt e il secondo Muriel, Schick, Bruno Fernandes e Skriniar. Non giocatori qualsiasi. Eppure, stanno riuscendo a fare meglio della passata stagione. Vincendo e divertendo.
Una lezione da non sottovalutare, che rivaluta di parecchio la figura dell'allenatore, probabilmente il tassello più importante nella costruzione di una squadra. La controprova? Il sondaggio di TMW del 2 settembre, appena chiusa la campagna trasferimento. Vi abbiamo chiesto: "Chi ha fatto il miglior mercato estivo della Serie A?". E sono arrivate quasi diecimila risposte che hanno issato il Milan al primo posto e il Torino subito dietro. Giustamente, un pensiero condiviso in modo unanime anche dagli addetti ai lavori. Ma entrambe sono lontanissime dalle posizioni europee perché hanno probabilmente fallito nella scelta più importante: quella dell'allenatore. Sia rossoneri che granata a fine novembre non hanno ancora una loro identità di gioco, con Montella che ha battuto tutti i record cambiando 22 formazioni in 22 partite.

Infine, il punto sullo stato di salute del calcio italiano, ancora profondamente malato dopo la catastrofe mondiale. Si sta cercando di capire come ricostruire, ma al momento non c'è certezza. Lunedì ci sarà l'Assemblea di Serie A, la penultima occasione per stilare un organigramma ed evitare il commissariamento dell'intera FIGC, soluzione che vorrebbe adottare il presidente del CONI Giovanni Malagò. Ad oggi, infatti, il punto su cui si sta giocando la partita sembra essere questo: presidente della FIGC eletto dai suoi membri o commissario scelto dal Coni? Punto importante, per carità. Ma è davvero attorno a ciò che si gioca la rinascita del calcio italiano? La risposta è negativa. Servono programmi, idee, e di tutto questo ancora non c'è traccia. Serve modificare ciò che palesemente non va e cambiarlo il più in fretta possibile. Qualche idea? Eccole.

1) Introduzione squadre B - Il modello spagnolo in questi anni si sta rivelando vincente. La squadra B sempre almeno una serie sotto a quella della prima squadra, ma al contempo sempre sotto lo stretto controllo del club che così può far giocare i suoi migliori giovani in campionati competitivi, non nel Primavera, senza esser costretto a prestiti che spesso fanno rima con salti nel buio. In questo modo il rischio che i migliori 16enni non si perdano nell'80% dei casi a 20 anni è molto più basso.
2) Riduzione delle squadre - Quest'anno la conferma più lapalissiana che il gap in Serie A è troppo ampio. Ne ho parlato nel mio precedente editoriale, che vi invito a leggere (in basso il link).
3) Parte del fatturato da dedicare obbligatoriamente ai vivai e ai suoi impianti - Troppi club ci credono ancora troppo. Tra le top leghe europee quelli italiani, tranne sporadici casi, sono i club che investono meno nei Settori Giovanili. Se allora i presidenti non guardano oltre la punta del proprio naso meglio regolamentare questo aspetto, magari obbligando le società di Serie A a investire una parte del proprio fatturato (10-12%) proprio sui giovani e sugli impianti nei quali si allenano.
4) Ammodernamento o costruzione di nuovi impianti - Anche in questi caso lo scenario è desolante, per chi va allo stadio ma anche per chi guarda dalla tv. E l'ammodernamento o la ricostruzione degli stadi è un aspetto che riguarda anche i diritti tv, argomento che molto presto tornerà argomento d'attualità. Perché è giusto ripensare i criteri di divisione degli stessi, modificando la legge Melandri, ma se la torta è più piccola resterai sempre due-tre spanne sotto gli altri. E la colpa è anche di stadi vecchi e obsoleti, che deprezzano il prodotto Serie A avvantaggiando invece quei campionati che negli ultimi 20 anni hanno messo su un piano serio e concreto per rendere gli impianti al passo con i tempi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy