VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Cerci: al Milan vuole smentire Cairo. Juve: non solo Sneijder, anche Pastore, Vazquez e Mata. Portieri: Scuffet da Udine a Torino, Handa in uscita, Bardi inquieto. Destro: anche qui un giro un po' largo. Inter: Shaqiri e Podolski al posto di Osvaldo

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
10.01.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 50287 volte

Nei giorni della trattativa di ingegneria specializzata per l'arrivo di Alessio Cerci a zero (giocatore in vendita a 15 milioni quattro mesi prima), Filippo Inzaghi ha temuto solo per un attimo. Quando, per parlare "da presidente a presidente", Silvio Berlusconi ha chiamato Urbano Cairo. Perché in quella telefonata ad alto livello, il presidente Cairo ha tranquillizzato il presidente Berlusconi sulle doti tecniche di Alessio, ma si è soffermato per un istante anche su alcune questioni caratteriali. Superate le ultimissime remore con altre telefonate e altri contatti, ecco Cerci prima a Milanello, poi in campo e quindi a Casa Milan. E non a caso il messaggio subliminale di Cerci è stato molto chiaro: sorrisi, disponibilità, umiltà. Con i dirigenti, con i compagni di squadra, con i tifosi. E' da qui che si parte. Cerci c'è, grazie al Chelsea che ha trasformato, sul piano formale e non economico, lo status di Torres da giocatore ceduto in prestito a giocatore ceduto a titolo definitivo, e senza clausole immaginifiche datate giugno 2015. Anzi, la speranziella del Milan è di arrivare come minimo al giugno 2016 e con un occhio rivolto all'Atletico già al giugno 2017...

Trattativa ambiziosa quella bianconera per Sneijder. Non è spedita, ma è in piedi. Un passo avanti e uno indietro. La trattativa c'è ma non decolla definitivamente. E Wes non può giocare la Champions League. Allegri però lo vuole perché ha bisogno di aggiungere gol a quelli di Tevez. Segna solo Carlitos. Llorente è in preoccupante involuzione, Vidal c'è e non c'è, Morata sta sbocciando solo adesso. E se Sneijder fosse solo una copertura lasciata a mollo senza l'accelerazione definitiva, per consentire al direttore Marotta per lavorare su altre operazioni? Al PSG c'è Pastore sempre pronto, sempre in attesa e stimatissimo in media dai tecnici italiani. Al Manchester United, Mata non è titolare. E nel Palermo c'è quel Franco Vazquez che il Club siciliano sta blindando proprio per poterlo poi trattare al meglio su fronti importanti di mercato.

Tra Udinese e Juventus se non è asse poco ci manca. Asamoah, Isla, Pereyra e ancor prima Iaquinta e altri. Ecco perché Scuffet sembra il prospetto giusto per occupare quel posto, fra i pali juventini, che è stato di Zoff e che è, pro tempore, di Buffon. Anche perché sul fronte dei portieri, il mondo gira veloce. L'Inter ad esempio, che come tutti i Club alle prese con i grossi problemi economici dei bilanci in passivo degli anni scorsi, è cosciente del fatto che la coperta sarà sempre corta. Ma ha deciso la trazione anteriore. E i soldi che ci sono per Kovacic, per Podolski e per Shaqiri difficilmente ci saranno per Handanovic. La cessione del portiere sloveno e il risparmio sull'ingaggio attuale e su quello del prolungamento potrebbero coprire le spese del coraggioso mercato invernale interista. Anche perché un talento come Francesco Bardi è in uscita da Verona, vuol giocare e vuole continuare a crescere...

Mattia Destro. Quest'estate lo cercava il Chelsea. Ma lui attendeva, come Cerci, notizie dalla Milano rossonera. Che poi non sono arrivate, nonostante il contatto a Forte dei Marmi fra Adriano Galliani e Walter Sabatini. Oggi la situazione non è cambiata. Il pollice di Mattia e del suo Staff verso il Milan è bello alto. E come per Cerci potrebbe accadere a Gennaio quello che non è accaduto a fine Agosto. Non è semplice, non è scontato, c'è di mezzo un Garcia attento e intenso. Ma la vicenda è in evoluzione. Molti tifosi del Milan ricordano, ad esempio, con quanta grinta, una grinta "pazziniana", sia entrato Destro in campo nei minuti finali di Roma-Milan. E' quello lo spirito giusto, lo spirito che deve sempre avere il Milan di quest'anno.

Il Milan era in un momento bellissimo: Napoli, Roma, Cerci e Real Madrid, Poi l'Inter ha piazzato il suo: Podolski, Juventus e Shaqiri. Le cose cambiano in un attimo nel calcio. E possono ricambiare a stretto giro. Le due milanesi si marcano stretto. Sono come quei velocisti che stanno vicini in gruppo per creare la scia giusta e poi contendersi lo striscione d'arrivo a scapito degli avversari. Anche i prossimi passi sono analoghi: per il Milan il Torino in Campionato e il sogno di Destro, per l'Inter il Genoa in Campionato e l'ipotesi, già riferita in tempi non sospetti in questo spazio, di Lucas Leiva. Fate il vostro gioco, il futuro è aperto e il destino sta facendo le sue scelte. Come sempre, sorprendenti e insospettabili.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.