HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa

Direttore Sportitalia e Tuttomercatoweb
15.01.2018 13:32 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 39615 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai, solo adesso, qualcuno si ponga delle domande sulla cessione del club rossonero. Scrivemmo un editoriale, circa un anno fa, dove chiedevamo lumi sulla trattativa del club rossonero. Un valore eccessivo se consideriamo la mancanza di uno stadio di proprietà, Casa Milan in affitto, Milanello ormai datato e un parco calciatori che sicuramente non aveva il valore di anni prima. Il brand? Bene, solo un po' caro. Queste domande, ai tempi, ce le siamo poste anche noi. Ma tutto è passato inosservato. Venerdì sera ci arriva la notizia, che non diamo proprio perché non confermata dalla Procura della Repubblica, su una possibile indagine sulla cessione del Milan. Abbiamo provato a verificare le fonti, dall'entourage di Berlusconi fanno sapere di non aver ricevuto nulla e minacciano querele a chi dovesse scrivere qualcosa di non fondato. La stessa Procura ha smentito, anche se qualche giudice, probabilmente, ha sentito puzza di bruciato e in futuro potrebbe (sottolineiamo potrebbe) aprire una indagine. Per ora c'è zero. Zero assoluto, come i cantanti. Non siamo berlusconiani, anzi, ma non capiamo perché proprio oggi ci siano chiacchiericci sulla cessione del club. Una cessione in ballo da quasi due anni. Non giudichiamo, assolutamente, come si sono svolti i fatti ma avremmo preferito tempistiche completamente diverse, sempre per amore della verità. E se qualcuno ha sbagliato paghi pure. Ma se non c'è nulla sarebbe ora di finirla con i processi mediatici che poi si trasformano in bolla di sapone quando diventano processi giuridici.
Parliamo di calcio che è meglio. Venerdì sera, su Sportitalia, Pedullà ci ha fatto paura. Mentre tutti titolano di un rinnovo, quasi scontato, tra Sarri e il Napoli sembra che Sarri non sia così vicino al rinnovo con De Laurentiis. E non è, solo, un problema di ingaggio. Se ci pensiamo bene, due secondi, il ciclo di Sarri a Napoli, a fine anno, forse potrebbe davvero essere finito. Se vincesse lo scudetto dovrebbe andare via con il bottino perché di più non potrebbe fare. Se non dovesse vincere lo scudetto molti calciatori che hanno mercato andrebbero via. Il gruppo ha tentato la scalata in questa stagione ma in caso di scudetto mancato si potrebbe ripartire da zero, o quasi. Da qui nascono i pedinamenti a Marco Giampaolo. Il Napoli lo sta seguendo ma, ovviamente, non lo ha ancora sondato ufficialmente. Prima c'è da convincere Sarri ma, come fanno tutti i grandi club, studiano già un eventuale successore. Sarri e il Napoli potrebbero dirsi addio, la logica dice anche che sarebbe giusto per entrambi, ma il cuore si spezza. Perché la favola Sarri a Napoli è riuscita benissimo. Tutti gli davano 3 partite a quello sfigato con la tuta che aveva allenato, poco prima, Arezzo, Empoli o Sorrento. La scommessa l'ha vinta alla grande ma, forse, a giugno partono i titoli di coda. E ci dispiacerebbe non poco.
Un'altra riflessione da fare è su Walter il Magnifico. Lo abbiamo osannato, a Palermo. Distrutto a Roma. A Milano ci sta piacendo. Perché parla poco ma lavora tanto. Fa il Direttore Sportivo e non si improvvisa Presidente o paladino della giustizia, come a Roma. Il suo arrivo all'Inter l'ha fatto maturare, anche se non parliamo più di un ragazzino. E sapete cosa vi dico? Senza soldi in tasca Walter lavora meglio. Non può spendere e spandare e non deve fare le trattative che, non sempre, gli riescono benissimo. E' un uomo di calcio e non un mercante. Si vede. Adesso che l'Inter non può spendere soldi lui inventa. E inventa bene. Deve fare scommesse su calciatori reduci da infortunii o ancora non esplosi. Certo, non può andare sulle certezze altrimenti dovrebbe spendere tanti soldi e quelli non ci sono. Chi si lamenta di Lisandro Lopez non ha capito che, innanzitutto, questo passa il convento e poi che non deve partire come titolare assoluto. Buona anche l'operazione Rafinha. Per modalità e per aspetto tecnico. Anche qui qualche neo deve esserci, altrimenti il Barcellona se lo sarebbe tenuto in Spagna. L'enigma è la condizione fisica ma i medici avrebbero già garantito sul recupero del ragazzo. Caro Walter, continua così e torna quello di Palermo. Il Walter di Roma non ci è piaciuto, a Milano la nebbia dell'alba ti fa bene, forse perché ti ricorda la nebbia (di fumo) che aleggia nel tuo ufficio.
Infine parliamo della corsa alla Presidenza federale. Argomento che trattiamo con estremo piacere. E' un grande pasticcio e, ancora una volta, l'interesse personale prevale su quello di sistema. Si candidano in tre, forse in quattro. La candidatura di Lotito sarebbe senza senso e fuori luogo. Un Presidente di due club, Lazio e Salernitana, non può governare il calcio italiano. O fai il Presidente di club o il Presidente federale. Tutto non puoi avere. Nonostante siamo consapevoli della bravura politica ed imprenditoriale di Lotito che capisce tutto con due mosse di anticipo. Sarebbe un ottimo Presidente Federale ma avendo due club non è presentabile. Cosa resta? Due nomi, entrambi buoni: Sibilia e Gravina. Se i due si uniscono fanno bingo, se la C e la D si spaccano confermano il solito problema italiano che non riusciamo mai a prendere una decisione. La proposta più intelligente l'ha fatta Sibilia a Tommasi: ti affidiamo la parte tecnica ma tu molla quella politica. Come è giusto che sia ad un Presidente di una Associazione tecnica; in questo caso quella dei calciatori. Tommasi non può fare politica. Non ha le capacità, non è presentabile ma soprattutto non ha i numeri. Andrà, per la terza volta consecutiva, a perdere la guerra. Già persa sostenendo Albertini e Abodi. Adesso ha deciso di bruciarsi in prima persona. Contento lui... Tommasi non ha le conoscenze politiche e soprattutto i suoi stessi associati dovrebbero chiedersi se sta lavorando bene per l'AIC e se politicamente sta facendo le mosse giuste. Sibilia è un politico. Candidarsi sarebbe un errore. Da meno di un anno è stato eletto come Presidente della Lega Nazionale Dilettanti e, non avendo ancora fatto molto del suo progetto illustrato, sarebbe giusto che prima finisse il lavoro in serie D, dove c'è tantissimo da fare e dove non è stato fatto ancora nulla. Sibilia e Gravina devono diventare una cosa sola anche perché, a Sibilia, non serve e non è producente governare con il 51%. Ha bisogno almeno di un 65%. Non esiste che le Leghe siano spaccate. A, B, C e Dilettanti devono avere un unico candidato e devono votare per la stessa persona. Altrimenti ha fallito il sistema. Si parlino Sibilia e Gravina e ragionino per il bene del calcio italiano. Non quello personale. Una sola cosa vi chiediamo: evitiamo il commissariamento perché questa Federazione ha bisogno di un Presidente che decida e soprattutto di un Presidente che attui le riforme. Siamo morti, cerchiamo la resurrezione in nuovi regolamenti e nuovi format.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy