HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa

Direttore Sportitalia e Tuttomercatoweb
15.01.2018 13:32 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 39702 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai, solo adesso, qualcuno si ponga delle domande sulla cessione del club rossonero. Scrivemmo un editoriale, circa un anno fa, dove chiedevamo lumi sulla trattativa del club rossonero. Un valore eccessivo se consideriamo la mancanza di uno stadio di proprietà, Casa Milan in affitto, Milanello ormai datato e un parco calciatori che sicuramente non aveva il valore di anni prima. Il brand? Bene, solo un po' caro. Queste domande, ai tempi, ce le siamo poste anche noi. Ma tutto è passato inosservato. Venerdì sera ci arriva la notizia, che non diamo proprio perché non confermata dalla Procura della Repubblica, su una possibile indagine sulla cessione del Milan. Abbiamo provato a verificare le fonti, dall'entourage di Berlusconi fanno sapere di non aver ricevuto nulla e minacciano querele a chi dovesse scrivere qualcosa di non fondato. La stessa Procura ha smentito, anche se qualche giudice, probabilmente, ha sentito puzza di bruciato e in futuro potrebbe (sottolineiamo potrebbe) aprire una indagine. Per ora c'è zero. Zero assoluto, come i cantanti. Non siamo berlusconiani, anzi, ma non capiamo perché proprio oggi ci siano chiacchiericci sulla cessione del club. Una cessione in ballo da quasi due anni. Non giudichiamo, assolutamente, come si sono svolti i fatti ma avremmo preferito tempistiche completamente diverse, sempre per amore della verità. E se qualcuno ha sbagliato paghi pure. Ma se non c'è nulla sarebbe ora di finirla con i processi mediatici che poi si trasformano in bolla di sapone quando diventano processi giuridici.
Parliamo di calcio che è meglio. Venerdì sera, su Sportitalia, Pedullà ci ha fatto paura. Mentre tutti titolano di un rinnovo, quasi scontato, tra Sarri e il Napoli sembra che Sarri non sia così vicino al rinnovo con De Laurentiis. E non è, solo, un problema di ingaggio. Se ci pensiamo bene, due secondi, il ciclo di Sarri a Napoli, a fine anno, forse potrebbe davvero essere finito. Se vincesse lo scudetto dovrebbe andare via con il bottino perché di più non potrebbe fare. Se non dovesse vincere lo scudetto molti calciatori che hanno mercato andrebbero via. Il gruppo ha tentato la scalata in questa stagione ma in caso di scudetto mancato si potrebbe ripartire da zero, o quasi. Da qui nascono i pedinamenti a Marco Giampaolo. Il Napoli lo sta seguendo ma, ovviamente, non lo ha ancora sondato ufficialmente. Prima c'è da convincere Sarri ma, come fanno tutti i grandi club, studiano già un eventuale successore. Sarri e il Napoli potrebbero dirsi addio, la logica dice anche che sarebbe giusto per entrambi, ma il cuore si spezza. Perché la favola Sarri a Napoli è riuscita benissimo. Tutti gli davano 3 partite a quello sfigato con la tuta che aveva allenato, poco prima, Arezzo, Empoli o Sorrento. La scommessa l'ha vinta alla grande ma, forse, a giugno partono i titoli di coda. E ci dispiacerebbe non poco.
Un'altra riflessione da fare è su Walter il Magnifico. Lo abbiamo osannato, a Palermo. Distrutto a Roma. A Milano ci sta piacendo. Perché parla poco ma lavora tanto. Fa il Direttore Sportivo e non si improvvisa Presidente o paladino della giustizia, come a Roma. Il suo arrivo all'Inter l'ha fatto maturare, anche se non parliamo più di un ragazzino. E sapete cosa vi dico? Senza soldi in tasca Walter lavora meglio. Non può spendere e spandare e non deve fare le trattative che, non sempre, gli riescono benissimo. E' un uomo di calcio e non un mercante. Si vede. Adesso che l'Inter non può spendere soldi lui inventa. E inventa bene. Deve fare scommesse su calciatori reduci da infortunii o ancora non esplosi. Certo, non può andare sulle certezze altrimenti dovrebbe spendere tanti soldi e quelli non ci sono. Chi si lamenta di Lisandro Lopez non ha capito che, innanzitutto, questo passa il convento e poi che non deve partire come titolare assoluto. Buona anche l'operazione Rafinha. Per modalità e per aspetto tecnico. Anche qui qualche neo deve esserci, altrimenti il Barcellona se lo sarebbe tenuto in Spagna. L'enigma è la condizione fisica ma i medici avrebbero già garantito sul recupero del ragazzo. Caro Walter, continua così e torna quello di Palermo. Il Walter di Roma non ci è piaciuto, a Milano la nebbia dell'alba ti fa bene, forse perché ti ricorda la nebbia (di fumo) che aleggia nel tuo ufficio.
Infine parliamo della corsa alla Presidenza federale. Argomento che trattiamo con estremo piacere. E' un grande pasticcio e, ancora una volta, l'interesse personale prevale su quello di sistema. Si candidano in tre, forse in quattro. La candidatura di Lotito sarebbe senza senso e fuori luogo. Un Presidente di due club, Lazio e Salernitana, non può governare il calcio italiano. O fai il Presidente di club o il Presidente federale. Tutto non puoi avere. Nonostante siamo consapevoli della bravura politica ed imprenditoriale di Lotito che capisce tutto con due mosse di anticipo. Sarebbe un ottimo Presidente Federale ma avendo due club non è presentabile. Cosa resta? Due nomi, entrambi buoni: Sibilia e Gravina. Se i due si uniscono fanno bingo, se la C e la D si spaccano confermano il solito problema italiano che non riusciamo mai a prendere una decisione. La proposta più intelligente l'ha fatta Sibilia a Tommasi: ti affidiamo la parte tecnica ma tu molla quella politica. Come è giusto che sia ad un Presidente di una Associazione tecnica; in questo caso quella dei calciatori. Tommasi non può fare politica. Non ha le capacità, non è presentabile ma soprattutto non ha i numeri. Andrà, per la terza volta consecutiva, a perdere la guerra. Già persa sostenendo Albertini e Abodi. Adesso ha deciso di bruciarsi in prima persona. Contento lui... Tommasi non ha le conoscenze politiche e soprattutto i suoi stessi associati dovrebbero chiedersi se sta lavorando bene per l'AIC e se politicamente sta facendo le mosse giuste. Sibilia è un politico. Candidarsi sarebbe un errore. Da meno di un anno è stato eletto come Presidente della Lega Nazionale Dilettanti e, non avendo ancora fatto molto del suo progetto illustrato, sarebbe giusto che prima finisse il lavoro in serie D, dove c'è tantissimo da fare e dove non è stato fatto ancora nulla. Sibilia e Gravina devono diventare una cosa sola anche perché, a Sibilia, non serve e non è producente governare con il 51%. Ha bisogno almeno di un 65%. Non esiste che le Leghe siano spaccate. A, B, C e Dilettanti devono avere un unico candidato e devono votare per la stessa persona. Altrimenti ha fallito il sistema. Si parlino Sibilia e Gravina e ragionino per il bene del calcio italiano. Non quello personale. Una sola cosa vi chiediamo: evitiamo il commissariamento perché questa Federazione ha bisogno di un Presidente che decida e soprattutto di un Presidente che attui le riforme. Siamo morti, cerchiamo la resurrezione in nuovi regolamenti e nuovi format.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa 30.11 - Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->