VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Champions: che fatica! Ma nessuna isteria, please. Ci vuole un punto di vista nuovo. Anche per Mazzarri e Benitez. E un retroscena su Kasami

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
23.10.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 20501 volte
© foto di Federico De Luca

Ancora una volta la Champions non regala sorrisi alle italiane.
E' sempre un campanello d'allarme. Non più di due settimane fa eravamo soddisfatti perché sembrava che il peggio fosse passato. All'inizio di questa stagione tuttosommato non era andata male: le due italiane avevano vinto entrambe. Un mese dopo è cambiato tutto.
La Juventus incappa in due sconfitte consecutive, la Roma (apprezzatissima anche fuori dai confini nazionali) ne prende addirittura sette.
E' questa la reale dimensione delle italiane? A questo punto dobbiamo dire di sì. Forse ci siamo soltanto illusi che il peggio fosse alle spalle. Ogni partita è una verifica, una prova, un ostacolo. Che ci ricorda come e quanto si può migliorare. Dipende anche dal mercato, ovvio. Dipende dalla nostra mentalità che deve modificarsi e pensare alla progettualità.
Fiducia e tempo devono essere le nostre parole d'ordine. Ma con convinzione. Altrimenti non serve a nulla. Saper gestire una sconfitta è diventato vitale. Tutte le nostre squadre devono affrontare un momento di difficoltà nella stagione. E in questo periodo chi, a mio avviso, sta interpretando al meglio il suo ruolo è Di Benedetto a Roma. Raffredda gli animi quando la temperatura si alza troppo, dà fiducia quando c'è bisogno di tirare sul il morale alla truppa. Queste certezze aiutano la società. Io non so se la Roma riuscirà a vincere quest'anno (ha sicuramente tutte le carte in regola) ma questo comportamento è di sicuro un arma in più, che (soprattutto in una città molto passionale come Roma) vale tanto quanto un ottimo acquisto di Sabatini.
Dicevamo della convinzione delle scelte. All'Inter si discute molto sul futuro di Mazzarri, se è l'allenatore giusto o no. Qualcuno addirittura suggerisce che finora non è stata cambiata la guida tecnica perché la situazione debitoria è pesante. E' di sicuro una chiave di lettura: ma se si insinua il dubbio della sfiducia è comunque finita. E quindi fa benissimo Thohir a dimostrare in ogni occasione la sua gratitudine e fiducia per il lavoro dell'allenatore nerazzurro.
Così come è determinato De Laurentiis sul discorso rinnovo Benitez. Il presidente napoletano ha voglia di trattenere l'allenatore perché sa che con lui il Napoli può continuare a crescere. Ora bisognerà capire se Benitez ha le stesse intenzioni, visto che finora è stato determinante nella gestione (non solo sul campo) della squadra.
E' chiaro che i risultati, il rapporto con il gruppo e con la società continueranno ad essere determinanti per il futuro. Ma già da queste prime mosse di rinnovi e conferme possiamo affermare che qualcosa è cambiato. Programmazione e fiducia. Nonostante i brutti risultati in Champions.
Sperando che almeno in Europa League la tendenza cambi: perché va bene essere pazienti e cercare una progettualità vincente. Ma poi i risultati in qualche modo (alla lunga) devono arrivare. Altrimenti la strada imboccata potrebbe non essere quella giusta.
Nella serata di Champions un pizzico d'Italia sorride: due gol sono arrivati uno da Cerci e uno da Donati. Emigranti sotto il segno del mercato e delle necessità economiche italiane, visto che ormai, quando arriva un'offerta non si può rifiutarla.
E poi un retroscena su Kasami: l'ultimo giorno di mercato invernale di due anni fa saltò all'ultimo minuto il suo trasferimento al Pescara. Era al Fulham e avrebbe potuto tornare in Italia (era stato già al Palermo e nelle giovanili della Lazio). Finì in Svizzera, al Lucerna, nonostante il tentativo da parte dei dirigenti del Pescara di rendere comunque valido il trasferimento. In quell'occasione Mino Raiola (suo agente) diventò letteralmente una furia: se la prese con la connessione internet dell'albergo che ospita il mercato visto che a causa del mancato TMS il trasferimento non si perfezionò. Parole pesanti, accuse dure.
Dopo la Svizzera, ancora Fulham e poi la Grecia. Cinque partite in campionato e 3 gol. E da ieri sera anche quello pesantissimo contro la Juventus. Il suo portiere Roberto glielo aveva predetto: vinceremo uno a zero con gol di Kasami. Aveva detto di testa. Ha sbagliato di pochissimo. Esattamente come in campo, per la rabbia della Juve...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Raiola, Casa Milan non è più casa tua! Pisa in cerca di gloria su Gattuso. Inter show: Suning prepara il bottino. Cittadella-Marchetti: vi avevamo detto tutto... 29.05 - Neanche una riga su Totti? Sarebbe la ripetizione delle ripetizioni di quanto hanno già scritto tutti. Totti e il suo addio è da libro cuore, nell'era dei social viene tutto ingigantito e siamo sicuri che, se non siamo romani e romanisti, non possiamo capire fino in fondo cosa provano...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.