VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti)

13.04.2017 08:31 di Luca Marchetti   articolo letto 20664 volte
© foto di Federico De Luca

A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve si sente più forte. Grazie (almeno per la serata di martedì) a due protagonisti: Dybala e Allegri. Entrambi con un contratto da sistemare, entrambi con zero problemi o preoccupazioni.
Per l'argentino è tutto fatto. Non c'è neanche un dettaglio da sistemare. Sarà il giocatore più pagato della Juve, dopo Higuain. Il che significa che andrà a guadagnare (fino al 2022) circa 7 milioni di euro netti a stagione. Un bel balzo in avanti, un grande riconoscimento per le straordinarie qualità di questi ragazzo. L'unico dettaglio da sistemare è quando la Juve lo annuncerà. Lo stesso Dybala parlava di dopo la pausa, qualche settimana fa. Magari ora per scaramanzia si vuole aspettare ancora un po', ma i tifosi della Juventus possono stare tranquilli: la Joya rimane in bianconero.
Per Allegri invece è ancora tutto da fare. Nel senso che la volontà è quella di rimanere insieme, ma devono concordare cifre e durate. Allegri per il momento ha un contratto finio a giugno 2018. È sicuramente uno degli allenatori più importanti nel panorama internazionale: i numeri e i risultati parlando da soli. Lui non ha questa grande smania di andare via, ma - se interpretiamo bene i segnali - sa che prima o poi il campionato lo vincerà qualcun'altro e allora il nuovo ciclo Juve deve essere legato alla costruzione di una squadra che abbia prospettive future. Insomma non una rifondazione ma un rinnovamento che parta da lui. Alla Juve sanno che è difficile trovare di meglio (stesso discorso può farlo serenamente anche Allegri), quindi basterà incontrarsi e capire l'uno le esigenze dell'altro.
È stato più difficile capire cosa sarebbe potuto succedere al Milan in questi mesi. Ora questo closing ci sarà: tutti i tempi finora sono stati rispettati, riunioni su riunioni, avvocati, notai, commercialisti. Tutti al lavoro per chiudere la settimana che consegnerà il Milan ai Yong Gong Li. Poi parleremo di mercato. Concedeteci questo per un semplice motivo: dopo il secondo rinvio anche Fassone e Mirabelli hanno diradato i loro incontri per il futuro. Perché un conto è conoscere, tessere rapporti, buttare ami, un conto è trattare nel vero senso della parola. E finché non c'è stata la certezza che il Milan sarebbe diventato cinese non conveniva impostare trattative più nel concreto. Ecco perché ne parleremo la prossima settimana, eventualmente. Per una questione di serietà. E fra una settimana forse sarà più chiaro anche il destino di Montella e Pioli. Entrambi sono legati ai risultati sul campo per la conferma dell'anno prossimo, e il derby può essere decisivo (in positivo o in negativo). Presentarsi senza l'Europa sarebbe un grave danno per entrambe le milanesi. Alal luce di quanto fatto vedere finora (e per il materiale tecnico a disposizione) sarebbe più grave per l'Inter, ecco perché ora Pioli ha molta tensione addosso. Ha dimostrato di saperla gestire e nei giudizi e le critiche abbiamo il dovere di essere equilibrati. Fino a due settimane fa dicevamo che Pioli era l'uomo giusto al posto giusto. Ha sbagliato in maniera talmente evidente le ultime due partite l'Inter che ora non può che essere criticato. Ma la vera domanda è: in questo momento ci sono allenatori (che conoscano il campionato italiano) liberi che possano garantirti il salto di qualità? Probabilmente questo è quello che si stanno chiedendo sia in Cina che a corso Vittorio Emanuele. Sperando di non dover aprire ancora il file allenatore. Una cosa dovrebbero averla imparata anche a Nanchino: il cambio di allenatore ad agosto non conviene a nessuno e comporta soltanto danni. Se dovessero davvero sentire che il feeling non c'è più meglio una decisione drastica oggi che i mugugni domani.
A proposito di domani uno dei giocatori più richiesti suo mercato è Bernardeschi. Fra pochi giorni arriverà la proposta della Fiorentina per il rinnovo del suo contratto. Due milioni e mezzo netti a stagione per i prossimi 5 anni e la fascia di capitano. Federico ci penserà, seriamente, come è abituato a fare. Senza escludere nulla a priori, ma sapendo che Juventus, Inter e Chelsea lo stanno corteggiando da un bel po'. Di sicuro non viene via gratis da Firenze (40-50 milioni di euro) ma sarà uno dei più nominati in questa estate.
Il mercato non è neanche iniziato che già si muovono le prime pedine. Tenetevi forte. A sensazione ci sarà movimento...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Sicuri che non vi interessa il fatturato? Ed è vero che chi spende di più, vince di più? 22.02 - Ancora numeri, per cercare di analizzare quanto il mercato influisce, soprattutto quanto i soldi influiscono sulle prestazioni. Soldi uguale mercato. Ma è vero che chi meglio spende meglio spende? Ovvero il famoso concetto del fatturato? E' un argomento che ciclicamente torna di attualità....

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Da Robben a Balo, quante offerte per l’estate! Juve su de Vrij, il Real tenta Bonucci… Ma Ibra non lo vuole nessuno? 21.02 - Sarà un’estate caldissima e non solo per le alte temperature (gli esperti parlano di una “bella stagione” torrida). Tutti si stanno affannando per cercare l’affare del secolo. Indubbiamente non mancano le super offerte. La lista di “parametri zero” è lunga ed interessante. Al Bayern...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.