VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/2018 al via: chi vince il campionato?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Milan
  Inter
  Lazio
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti)

13.04.2017 08:31 di Luca Marchetti   articolo letto 20551 volte
© foto di Federico De Luca

A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve si sente più forte. Grazie (almeno per la serata di martedì) a due protagonisti: Dybala e Allegri. Entrambi con un contratto da sistemare, entrambi con zero problemi o preoccupazioni.
Per l'argentino è tutto fatto. Non c'è neanche un dettaglio da sistemare. Sarà il giocatore più pagato della Juve, dopo Higuain. Il che significa che andrà a guadagnare (fino al 2022) circa 7 milioni di euro netti a stagione. Un bel balzo in avanti, un grande riconoscimento per le straordinarie qualità di questi ragazzo. L'unico dettaglio da sistemare è quando la Juve lo annuncerà. Lo stesso Dybala parlava di dopo la pausa, qualche settimana fa. Magari ora per scaramanzia si vuole aspettare ancora un po', ma i tifosi della Juventus possono stare tranquilli: la Joya rimane in bianconero.
Per Allegri invece è ancora tutto da fare. Nel senso che la volontà è quella di rimanere insieme, ma devono concordare cifre e durate. Allegri per il momento ha un contratto finio a giugno 2018. È sicuramente uno degli allenatori più importanti nel panorama internazionale: i numeri e i risultati parlando da soli. Lui non ha questa grande smania di andare via, ma - se interpretiamo bene i segnali - sa che prima o poi il campionato lo vincerà qualcun'altro e allora il nuovo ciclo Juve deve essere legato alla costruzione di una squadra che abbia prospettive future. Insomma non una rifondazione ma un rinnovamento che parta da lui. Alla Juve sanno che è difficile trovare di meglio (stesso discorso può farlo serenamente anche Allegri), quindi basterà incontrarsi e capire l'uno le esigenze dell'altro.
È stato più difficile capire cosa sarebbe potuto succedere al Milan in questi mesi. Ora questo closing ci sarà: tutti i tempi finora sono stati rispettati, riunioni su riunioni, avvocati, notai, commercialisti. Tutti al lavoro per chiudere la settimana che consegnerà il Milan ai Yong Gong Li. Poi parleremo di mercato. Concedeteci questo per un semplice motivo: dopo il secondo rinvio anche Fassone e Mirabelli hanno diradato i loro incontri per il futuro. Perché un conto è conoscere, tessere rapporti, buttare ami, un conto è trattare nel vero senso della parola. E finché non c'è stata la certezza che il Milan sarebbe diventato cinese non conveniva impostare trattative più nel concreto. Ecco perché ne parleremo la prossima settimana, eventualmente. Per una questione di serietà. E fra una settimana forse sarà più chiaro anche il destino di Montella e Pioli. Entrambi sono legati ai risultati sul campo per la conferma dell'anno prossimo, e il derby può essere decisivo (in positivo o in negativo). Presentarsi senza l'Europa sarebbe un grave danno per entrambe le milanesi. Alal luce di quanto fatto vedere finora (e per il materiale tecnico a disposizione) sarebbe più grave per l'Inter, ecco perché ora Pioli ha molta tensione addosso. Ha dimostrato di saperla gestire e nei giudizi e le critiche abbiamo il dovere di essere equilibrati. Fino a due settimane fa dicevamo che Pioli era l'uomo giusto al posto giusto. Ha sbagliato in maniera talmente evidente le ultime due partite l'Inter che ora non può che essere criticato. Ma la vera domanda è: in questo momento ci sono allenatori (che conoscano il campionato italiano) liberi che possano garantirti il salto di qualità? Probabilmente questo è quello che si stanno chiedendo sia in Cina che a corso Vittorio Emanuele. Sperando di non dover aprire ancora il file allenatore. Una cosa dovrebbero averla imparata anche a Nanchino: il cambio di allenatore ad agosto non conviene a nessuno e comporta soltanto danni. Se dovessero davvero sentire che il feeling non c'è più meglio una decisione drastica oggi che i mugugni domani.
A proposito di domani uno dei giocatori più richiesti suo mercato è Bernardeschi. Fra pochi giorni arriverà la proposta della Fiorentina per il rinnovo del suo contratto. Due milioni e mezzo netti a stagione per i prossimi 5 anni e la fascia di capitano. Federico ci penserà, seriamente, come è abituato a fare. Senza escludere nulla a priori, ma sapendo che Juventus, Inter e Chelsea lo stanno corteggiando da un bel po'. Di sicuro non viene via gratis da Firenze (40-50 milioni di euro) ma sarà uno dei più nominati in questa estate.
Il mercato non è neanche iniziato che già si muovono le prime pedine. Tenetevi forte. A sensazione ci sarà movimento...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Nainggolan e Belotti meglio di Dembelè. Kalinic, crudo ma chiaro. Niang come Cerci? Keita: sarà vera ritirata quella della Juve? 19.08 - Tre anni fa era l'estate dell'Ice Bucket Challenge. Nato per scherzo e diventato virale. Questa è invece l'estate dell'I go where i want. E' altrettanto virale, anche se evidentemente non è un hashtag o qualcosa di definito. E' la moda, inaugurata da Neymar e Dembelè, di prendere...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Matuidi non basta. Con questo mercato l’obiettivo Champions si allontana. Oltre a Spinazzola anche Caldara? Il modulo da cambiare. Cuadrado via. Inter, Spalletti vuole un fantasista. Schick vice Icardi, arriva un centrale 18.08 - Erano due anni che un giorno si’ e un altro pure, puntualmente, Matuidi era dato come imminente acquisto della Juve. Una storia simile a quella del lupo e il lupo questa volta e’ arrivato. Un giocatore cosi’, fisico, ma anche piedi discreti e visione di gioco, servira’ di sicuro e...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Un Ferragosto di colpi: Juve, Inter e Milan. Caso Keita, restyling Fiorentina: ma non è affatto finita qui 17.08 - Entro il fine settimana sarebbe arrivato Matuidi. E Matuidi è stato. Anche in anticipo (leggero) rispetto alle previsioni. Approfittando della festa di Ferragosto Marotta e Paratici hanno rotto gli indugi e già da martedì sera Paratici era andato a Montecarlo per chiudere la trattativa...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Quanti pensieri sotto il sole di Riccione… Kondo, che pasticcio! Juve e le scuse di Higuain… Sarri, ora o mai più! Ma Asensio? 16.08 - Le spensierate vacanze sono agli sgoccioli… Sotto il sole di Riccione ci si diverte e la mente (e il fisico) si rilassa, immagazzinando energie per i mesi futuri… Eppure, tre o quattro volte al giorno, ci si ritrova a parlare di calcio! Impossibile farne a meno… La Juventus ridimensionata...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Allarme Juve: il rinforzo di Marotta e la scelta (complicata) di Allegri. Inter: la decisione su Schick. Bomber Milan? Un silenzio "studiato". Napoli: ecco la mossa giusta 15.08 - E ben ritrovati a tutti. Questo editoriale va in onda in forma ridotta per ovviare a una questione di "ferie del sottoscritto iniziate giusto ieri". Questo non significa che non si possa toccare il fondo anche questa settimana: ci riusciremo, solo in maniera più concentrata. Vi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

5 giorni al via della nuova serie A: ecco la griglia di partenza… e di arrivo aspettando il 31 Agosto 14.08 - Ovviamente preferiamo tutti la grigliata di Ferragosto alla griglia di partenza della serie A, però, è giusto parlare prima anziché dopo quando sarà tutto più facile per tutti. Certamente ci sono ancora due settimane piene per cambiare obiettivi e per spostare gli equilibri, con un...

EditorialeDI: Marco Conterio

L'anno zero del calcio mondiale. Il risveglio dal sogno Leicester, la lezione di Rooney, i milioni del PSG e le grandi d'Italia in cerca degli ultimi botti 13.08 - Il Leicester City di Claudio Ranieri aveva risvegliato, in tutti noi, una parola antica. Fanciullesca. Favola. Aveva riportato alla mente i racconti di un calcio che fu, le pagine polverose del pallone delle leggende, di quanto la televisione era un miraggio, o di quanto Davide aveva...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve, Milan e Inter: cosa manca. Biglia e Kondo: casi di Ferragosto. Kolarov: l'ovvio del derby 12.08 - Alla Juventus manca un centrocampista, al Milan un centravanti, all'Inter un colpo. Quello del centrocampista inizia ad essere un caso per i bianconeri. Sempre vincenti e sempre leader, ma nel corso degli anni il reparto-chiave, la sala macchine, ha perso irreversibilmente qualità....

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve allarme, il mercato e’ in ritardo. Per la Champions serve di più. Non poteva prendere Strootman con la clausola? Serve un altro Bonucci. Ma anche l’Inter e’ ferma. Milan, occhi su Cavani. Fiorentina, Simeone e Jese’ 11.08 - Guardo la casella degli acquisti su un giornale qualsiasi, conto i giorni che mancano alla fine del mercato (soltanto venti) e comincio a pensare che la Juventus sia in netto ritardo. Magari oggi Marotta mi smentira’ presentando in un colpo solo i tre-quattro giocatori che servono...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve un 10 in attesa del centrocampista, la Roma insiste, l'Inter dribbla. Il Torino scatenato a centrocampo, Schick rifa le visite e ora? 10.08 - La Juve, sebbene non abbia più piazzato la zampata del centrocampista, la notizia della giornata l'ha comunque tirata fuori: Dybala sarà il nuovo 10 bianconero. Voi direte: col mercato non c'entra niente. Vero ma intanto possiamo sgombrare il campo da qualsiasi tipo di voce che continuava...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.