VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti)

13.04.2017 08.31 di Luca Marchetti   articolo letto 20282 volte
© foto di Federico De Luca

A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve si sente più forte. Grazie (almeno per la serata di martedì) a due protagonisti: Dybala e Allegri. Entrambi con un contratto da sistemare, entrambi con zero problemi o preoccupazioni.
Per l'argentino è tutto fatto. Non c'è neanche un dettaglio da sistemare. Sarà il giocatore più pagato della Juve, dopo Higuain. Il che significa che andrà a guadagnare (fino al 2022) circa 7 milioni di euro netti a stagione. Un bel balzo in avanti, un grande riconoscimento per le straordinarie qualità di questi ragazzo. L'unico dettaglio da sistemare è quando la Juve lo annuncerà. Lo stesso Dybala parlava di dopo la pausa, qualche settimana fa. Magari ora per scaramanzia si vuole aspettare ancora un po', ma i tifosi della Juventus possono stare tranquilli: la Joya rimane in bianconero.
Per Allegri invece è ancora tutto da fare. Nel senso che la volontà è quella di rimanere insieme, ma devono concordare cifre e durate. Allegri per il momento ha un contratto finio a giugno 2018. È sicuramente uno degli allenatori più importanti nel panorama internazionale: i numeri e i risultati parlando da soli. Lui non ha questa grande smania di andare via, ma - se interpretiamo bene i segnali - sa che prima o poi il campionato lo vincerà qualcun'altro e allora il nuovo ciclo Juve deve essere legato alla costruzione di una squadra che abbia prospettive future. Insomma non una rifondazione ma un rinnovamento che parta da lui. Alla Juve sanno che è difficile trovare di meglio (stesso discorso può farlo serenamente anche Allegri), quindi basterà incontrarsi e capire l'uno le esigenze dell'altro.
È stato più difficile capire cosa sarebbe potuto succedere al Milan in questi mesi. Ora questo closing ci sarà: tutti i tempi finora sono stati rispettati, riunioni su riunioni, avvocati, notai, commercialisti. Tutti al lavoro per chiudere la settimana che consegnerà il Milan ai Yong Gong Li. Poi parleremo di mercato. Concedeteci questo per un semplice motivo: dopo il secondo rinvio anche Fassone e Mirabelli hanno diradato i loro incontri per il futuro. Perché un conto è conoscere, tessere rapporti, buttare ami, un conto è trattare nel vero senso della parola. E finché non c'è stata la certezza che il Milan sarebbe diventato cinese non conveniva impostare trattative più nel concreto. Ecco perché ne parleremo la prossima settimana, eventualmente. Per una questione di serietà. E fra una settimana forse sarà più chiaro anche il destino di Montella e Pioli. Entrambi sono legati ai risultati sul campo per la conferma dell'anno prossimo, e il derby può essere decisivo (in positivo o in negativo). Presentarsi senza l'Europa sarebbe un grave danno per entrambe le milanesi. Alal luce di quanto fatto vedere finora (e per il materiale tecnico a disposizione) sarebbe più grave per l'Inter, ecco perché ora Pioli ha molta tensione addosso. Ha dimostrato di saperla gestire e nei giudizi e le critiche abbiamo il dovere di essere equilibrati. Fino a due settimane fa dicevamo che Pioli era l'uomo giusto al posto giusto. Ha sbagliato in maniera talmente evidente le ultime due partite l'Inter che ora non può che essere criticato. Ma la vera domanda è: in questo momento ci sono allenatori (che conoscano il campionato italiano) liberi che possano garantirti il salto di qualità? Probabilmente questo è quello che si stanno chiedendo sia in Cina che a corso Vittorio Emanuele. Sperando di non dover aprire ancora il file allenatore. Una cosa dovrebbero averla imparata anche a Nanchino: il cambio di allenatore ad agosto non conviene a nessuno e comporta soltanto danni. Se dovessero davvero sentire che il feeling non c'è più meglio una decisione drastica oggi che i mugugni domani.
A proposito di domani uno dei giocatori più richiesti suo mercato è Bernardeschi. Fra pochi giorni arriverà la proposta della Fiorentina per il rinnovo del suo contratto. Due milioni e mezzo netti a stagione per i prossimi 5 anni e la fascia di capitano. Federico ci penserà, seriamente, come è abituato a fare. Senza escludere nulla a priori, ma sapendo che Juventus, Inter e Chelsea lo stanno corteggiando da un bel po'. Di sicuro non viene via gratis da Firenze (40-50 milioni di euro) ma sarà uno dei più nominati in questa estate.
Il mercato non è neanche iniziato che già si muovono le prime pedine. Tenetevi forte. A sensazione ci sarà movimento...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.