VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Chi è il favorito per lo Scudetto? Juve attenta ai falsi positivi, il Milan pesa il proprio ego. Icardi non può non essere un caso. Klopp contro Mourinho, due mondi diversi. E vince il più affascinante

01.11.2015 09:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 82842 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Com'è possibile sbilanciarsi, settimana dopo settimana, nel campionato più incerto degli ultimi dieci anni? C'è una Fiorentina che piace ma che negli scontri diretti ha lasciato indietro qualche punto di troppo. C'è la Roma che davanti è forse la migliore di tutte, ha un Pjanic trascinatore al di là del rosso di stasera e la difesa incomincia a crescere. L'Inter che bella non è ma che di riffa o di raffa trova i suoi punti. E il Napoli: il gioco è spumeggiante, se Sarri - come pare - ha messo a posto la retroguardia può dire la propria fino in fondo, d'altro canto Higuain appare inarrestabile nelle ultime gare. Può non essere tutt'oro quel che luccica, ma per ora risplende. Così la risposta al quesito non esiste, perché ogni settimana la valutazione cambia: giallorossi e partenopei sembrano i più attrezzati.

A proposito di Inter, c'è un problema Icardi. Perché è vero che il turnover con la Roma poteva anche essere fisiologica, ma che in una partita "Scudetto" (sempre per l'assunto che pare non dare una favorita, se non di settimana in settimana) Mancini lasci in panchina il proprio capitano - che ha pure deciso l'ultima gara, con un tocco facile ma da grande staccante - è la cartina tornasole di un momento complicato. Non tanto per Icardi, quanto per i nerazzurri: Jovetic e l'argentino, almeno sulla carta, sono complementari. Anzi, formano una delle coppie più belle della Serie A, potenzialmente. Poi capita che il montenegrino faccia la punta centrale, Ljajic giochi benissimo contro il Bologna e Icardi vada in panchina. Le parole di martedì sera (con meno palloni che arrivano rispetto all'anno scorso) rispecchiano esattamente il centravanti nerazzurro: il gioco di Mancini non si vede. I risultati arrivano ugualmente, è difficile pure contestare. Perché i risultati determinano le classifiche, ma anche il pensiero dell'opinione pubblica.

Nel frattempo c'è una squadra che non può dirsi rientrata per la lotta Scudetto, ed è la Juventus. Buffon ha detto bene, dopo la partita con il Sassuolo, perché vincendo sarebbero stati tre punti fondamentali per il tricolore. I passi falsi sono fisiologici in una stagione, e servirebbe tornare a essere lo squadrone di due anni fa - non dello scorso, pur avendo raggiunto la finale di Champions - per mantenere un ritmo tranquillamente da primo posto. Inutile dire che il finale sarà molto più caldo rispetto agli anni scorsi, ma il campionato si vince soprattutto con le piccole. La Juventus era uno schiacciasassi, ora non lo è: anche nell'aperitivo del sabato ha dato dimostrazione di non avere quel solco che, negli anni passati, c'era in occasioni di vittorie fondamentali. Quindi bisogna stare attenti ai falsi positivi: con l'Atalanta la Juventus ha dominato in lungo e in largo, con il Toro sono arrivati i tre punti, ma deve preoccupare più la prestazione da minestrina nel primo tempo dell'infrasettimanale.

E il Milan? Non bellissimo, a tratti troppo simile ai cugini dell'Inter, ma in grado - finalmente - di blindare una difesa che, di fatto, è parsa come il problema fino a qui. L'uno a zero con il Chievo è da interpretare, anche grazie a due interventi di Donnarumma - ma è possibile mettere in discussione un grande giocatore come Diego Lopez? - che hanno mascherato i soliti, annosi problemi dell'undici di Mihajlovic. Quella di stasera, con una Lazio scottata dalla defezione di Bergamo (primo tempo da dominatori, secondo in apnea), può essere la prova del nove, non solo per quanto riguarda i punti in fila. L'impressione è che il Milan non sia ancora squadra adatta per i primi tre posti, ma ci crede Berlusconi: bontà sua, giocando così si può arrivare in Europa solo con le grande prestazioni dei singoli.

La chiusura è giustamente dedicata alla figura, barbina, di Mourinho in Premier League. Finora il Liverpool di Klopp aveva avuto qualche problema ad andare in gol, escludendo la gara di Coppa in settimana contro il Bournemouth, ed è toccato al Chelsea risvegliare la vena di Coutinho, oltre a ricordare a Benteke come si butta la palla in porta. Eppure i Blues erano anche andati in vantaggio, con la rete di Ramires. Quella fra Mourinho e Klopp è una sfida bellissima, perché sono due grandi allenatori: uno vincente, uno dei migliori degli ultimi dieci anni. L'altro è l'underdog per eccellenza, il tecnico che preferisce i club da costruire alle corazzate. Con il Borussia Dortmund è andata così, ritornando alla vittoria del Meisterschale dopo il rischio fallimento, mentre il Liverpool non vince una Premier League da oltre un Giubileo. Il suo contratto, triennale, lo pone davanti a una meravigliosa avventura. Non si può non essere affascinati da Klopp, mentre per Mou comincia il momento più difficile. Probabilmente non saluterà il Chelsea, stipendiare un altro allenatore solo per la Champions League sarebbe un grosso errore, considerando il cachet del portoghese. Così Mou può non essere al capolinea solo per una questione contrattuale. E, in questo, è diametralmente opposto al Klopp che lascia Dortmund per trovare (con calma) una nuova avventura.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti... 24.07 - I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.