VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Chi è il favorito per lo Scudetto? Juve attenta ai falsi positivi, il Milan pesa il proprio ego. Icardi non può non essere un caso. Klopp contro Mourinho, due mondi diversi. E vince il più affascinante

01.11.2015 09:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 82856 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Com'è possibile sbilanciarsi, settimana dopo settimana, nel campionato più incerto degli ultimi dieci anni? C'è una Fiorentina che piace ma che negli scontri diretti ha lasciato indietro qualche punto di troppo. C'è la Roma che davanti è forse la migliore di tutte, ha un Pjanic trascinatore al di là del rosso di stasera e la difesa incomincia a crescere. L'Inter che bella non è ma che di riffa o di raffa trova i suoi punti. E il Napoli: il gioco è spumeggiante, se Sarri - come pare - ha messo a posto la retroguardia può dire la propria fino in fondo, d'altro canto Higuain appare inarrestabile nelle ultime gare. Può non essere tutt'oro quel che luccica, ma per ora risplende. Così la risposta al quesito non esiste, perché ogni settimana la valutazione cambia: giallorossi e partenopei sembrano i più attrezzati.

A proposito di Inter, c'è un problema Icardi. Perché è vero che il turnover con la Roma poteva anche essere fisiologica, ma che in una partita "Scudetto" (sempre per l'assunto che pare non dare una favorita, se non di settimana in settimana) Mancini lasci in panchina il proprio capitano - che ha pure deciso l'ultima gara, con un tocco facile ma da grande staccante - è la cartina tornasole di un momento complicato. Non tanto per Icardi, quanto per i nerazzurri: Jovetic e l'argentino, almeno sulla carta, sono complementari. Anzi, formano una delle coppie più belle della Serie A, potenzialmente. Poi capita che il montenegrino faccia la punta centrale, Ljajic giochi benissimo contro il Bologna e Icardi vada in panchina. Le parole di martedì sera (con meno palloni che arrivano rispetto all'anno scorso) rispecchiano esattamente il centravanti nerazzurro: il gioco di Mancini non si vede. I risultati arrivano ugualmente, è difficile pure contestare. Perché i risultati determinano le classifiche, ma anche il pensiero dell'opinione pubblica.

Nel frattempo c'è una squadra che non può dirsi rientrata per la lotta Scudetto, ed è la Juventus. Buffon ha detto bene, dopo la partita con il Sassuolo, perché vincendo sarebbero stati tre punti fondamentali per il tricolore. I passi falsi sono fisiologici in una stagione, e servirebbe tornare a essere lo squadrone di due anni fa - non dello scorso, pur avendo raggiunto la finale di Champions - per mantenere un ritmo tranquillamente da primo posto. Inutile dire che il finale sarà molto più caldo rispetto agli anni scorsi, ma il campionato si vince soprattutto con le piccole. La Juventus era uno schiacciasassi, ora non lo è: anche nell'aperitivo del sabato ha dato dimostrazione di non avere quel solco che, negli anni passati, c'era in occasioni di vittorie fondamentali. Quindi bisogna stare attenti ai falsi positivi: con l'Atalanta la Juventus ha dominato in lungo e in largo, con il Toro sono arrivati i tre punti, ma deve preoccupare più la prestazione da minestrina nel primo tempo dell'infrasettimanale.

E il Milan? Non bellissimo, a tratti troppo simile ai cugini dell'Inter, ma in grado - finalmente - di blindare una difesa che, di fatto, è parsa come il problema fino a qui. L'uno a zero con il Chievo è da interpretare, anche grazie a due interventi di Donnarumma - ma è possibile mettere in discussione un grande giocatore come Diego Lopez? - che hanno mascherato i soliti, annosi problemi dell'undici di Mihajlovic. Quella di stasera, con una Lazio scottata dalla defezione di Bergamo (primo tempo da dominatori, secondo in apnea), può essere la prova del nove, non solo per quanto riguarda i punti in fila. L'impressione è che il Milan non sia ancora squadra adatta per i primi tre posti, ma ci crede Berlusconi: bontà sua, giocando così si può arrivare in Europa solo con le grande prestazioni dei singoli.

La chiusura è giustamente dedicata alla figura, barbina, di Mourinho in Premier League. Finora il Liverpool di Klopp aveva avuto qualche problema ad andare in gol, escludendo la gara di Coppa in settimana contro il Bournemouth, ed è toccato al Chelsea risvegliare la vena di Coutinho, oltre a ricordare a Benteke come si butta la palla in porta. Eppure i Blues erano anche andati in vantaggio, con la rete di Ramires. Quella fra Mourinho e Klopp è una sfida bellissima, perché sono due grandi allenatori: uno vincente, uno dei migliori degli ultimi dieci anni. L'altro è l'underdog per eccellenza, il tecnico che preferisce i club da costruire alle corazzate. Con il Borussia Dortmund è andata così, ritornando alla vittoria del Meisterschale dopo il rischio fallimento, mentre il Liverpool non vince una Premier League da oltre un Giubileo. Il suo contratto, triennale, lo pone davanti a una meravigliosa avventura. Non si può non essere affascinati da Klopp, mentre per Mou comincia il momento più difficile. Probabilmente non saluterà il Chelsea, stipendiare un altro allenatore solo per la Champions League sarebbe un grosso errore, considerando il cachet del portoghese. Così Mou può non essere al capolinea solo per una questione contrattuale. E, in questo, è diametralmente opposto al Klopp che lascia Dortmund per trovare (con calma) una nuova avventura.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero 10.02 - Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.