VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Chi vince spende? E come? Lo strano caso della Juve e il movimento Italia...

15.09.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 37309 volte
© foto di Federico De Luca

È il solito dilemma, vince chi spende o si può vincere spendendo meglio degli altri?
Ad aggiungere dei dati a questa discussione - che comunque è il sale del calcio, visto che ognuno è legittimato a sognare di vincere - ci ha pensato il Cies, un centro di ricerca svizzero concentrato esclusivamente sui numeri del calcio.
Tutti quest'anno sono convinti che la Juventus è entrata nell'olimpo europeo, che sia arrivata insomma in quel novero di squadre che possono vincere la Champions. Se di fatturati abbiamo già parlato (e la Juve lo ha fatto crescere esponenzialmente) ora concentriamoci solo sul mercato. Indipendentemente dai risultati sul campo (che poi sono sempre il giudice supremo) la Juventus quest'anno ha speso 176 milioni di euro sul mercato. Meglio solo la città di Manchester (City 231 mln spesi, United 185). Insomma più spese di Barcellona, Chelsea, Arsenal, Dortmund. Per non parlare di Real e Bayern. Insomma anche nei numeri la Juve è nelle primissime posizioni. Ma il risultato è interessante anche se si valutano gli ultimi 6 anni di campagna acquisti.
La Juventus è ottava nella classifica europea: spesi 618 milioni (il massimo quest'estate) ed è la prima delle italiane: appena dietro ci sono Roma e Inter (nona e decima), molto più staccate il Napoli (14esima) e il Milan addirittura ventesimo. Naturalmente ai vertici di questa classifica ci sono le inglesi: tre. City (1024 milioni spesi, proprietà araba), Chelsea (871 milioni, proprietà russa), United (841 mln, proprietà americana) a seguire neanche a dirlo il Paris Saint Germain (691, araba) e infine il Barcellona (680). Come a dire: non è che chi spende di più per forza vince: tanto è vero che di queste squadre in questo periodo di tempo solo il Chelsea ha vinto (e il Manchester ha giocato una finale). Poi due spagnole (due volte Real e due volte Barca) con addirittura due volte una finale tutta iberica, il Bayern (finalista altre due volte) e l'Inter (con la Juve finalista).
Ma il concetto di chi più spende più vince forse vacilla. L'esempio forse più lampante è il Bayern che nella classifica delle squadre che spendono di più è addirittura 15esimo (dietro il Napoli) ma che in Champions arriva quasi sempre fino in fondo.
Di sicuro però chi spende di più ha più chanches di vincere, senza dubbio, e la Juve, che finora è riuscita a tenere il passo delle grandi proprietà straniere è nelle prime posizioni anche in una speciale classifica: quella dei ricavi ottenuti in questi sei anni. 415 milioni di euro incassati. Terza posizione dopo Liverpool e Valencia. Appena sopra Benfica e Porto. Ma il processo di consolidamento nell'olimpo è iniziato.
Ora tocca alla serie A come movimento cercare di rispondere allo strapotere economico della Premier. Quest'anno in Inghilterra sono stati effettuati trasferimenti per 1772 milioni: più del triplo di 6 anni fa. Quasi la metà degli investimenti totali dei big five (Inghilterra, Italia, Spagna, Germania e Francia). L'Italia è al secondo posto (con il 20% e 855 milioni spesi). E ci sono buone prospettive di crescita visto che le nuove proprietà di Inter e Milan non hanno ancora avuto tempo di poter intervenire come avrebbero voluto sul mercato.
Ma il dato che dovrebbe far riflettere il sistema italiano è un altro. La Juve è certamente una realtà virtuosa che è riuscita con la programmazione, con gli investimenti extracampo e con il mercato a diventare una solida realtà. Il resto - ripetiamo, al netto delle nuove proprietà - ancora no. E questi rischia di diventare sempre più evidente come dato. Infatti in Italia la metà dei famosi 855 milioni sono stati spesi dalle prime tre squadre della classifica. Questo significa che le grandi spendono praticamente tutti quei soldi. In Inghilterra la ricchezza è più diffusa: dei 1772 milioni il 32% viene speso dalle prime 3. C'è più competitività e una redistribuzione diversa degli introiti dei diritti tv. E poi, anche se non si partecipa alle coppe, il fatturato ne risente in maniera meno pesante (prendete il Manchester United che quest'anno diventerà la squadra più ricca del mondo pur senza essere in Champions).
Quindi chi più spende non è detto che vinca, ma ci va vicino. Ma soprattutto il dato vero è che ricchezza genera ricchezza, con pochissime eccezioni. Ecco perché la crescita della Juventus, programmata negli anni economicamente e sportivamente, acquisisce meriti ancora più grandi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.