VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Ciao ciao Mazzarri (e non c'entra il disastro di Livorno). Dall'America alla Cina, un Milan nuovo: il 16 aprile la verità (e un arrivo importante). Juve, il sacrificio per tenere Pogba

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
01.04.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 38387 volte
© foto di Federico De Luca

Niente, a quanto pare al Grande Fratello un tizio si è fatto una tizia. Anzi no, una tizia si è fatta un tizio. Anzi no, lei ha fatto a lui un servizietto con i controfiocchi. Una noia mortale a dir la verità: almeno un tempo il mito Taricone costruiva capanne porcherecce per nascondere le pudenda e gridava "Sono 'o guerriero!", oggi perfetti sconosciuti fanno di tutto per mostrare chiappe e perizomi all'ora di cena, prima di completare il consueto percorso "ospitate in tv - ospitate in discoteca - dimenticatoio - depressione bestiale - inaugurazioni di pollerie ai centri commerciali - miniera a spaccar pietre".
Oh, per carità, bene così, ma quanto ci mancano i cari vecchi Pasquali Laricchia del Gf, i Patrick Ray Pugliese del Gf, le Floriane Secondi del Gf, soprattutto i Paolo Mari del Gf che in mutanda bianca urlavano a lor signori di stare attenti perché altrimenti "ve la faccio sul letto" (la pupu). Ah, che contenuti, che profondità, che grandi pagine di cultura in tv.
Ora no, ora ci si scassa il piffero e quindi tanto meglio guardare l'entusiasmante Livorno-Inter, succulento posticipo di campionato che in contemporanea sfida la Marcuzzi a colpi di share. Al momento della compilazione di codesta articolessa non sappiamo chi tra Thohir e Vladimira Luxuria abbia vinto la tenzone, ma possiamo anche fregarcene bellamente che tanto campiamo lo stesso.
Del resto quello appena passato è stato il fine settimana di Napoli-Juve, della terza contro la prima, della Signora stravolta che si arrende al ciuccio furibondo, di De Laurentiis che con classe sopraffina twitta carinerie alla D'Amico, di Conte che fa i conti in tasca agli altri, di pullman messi sotto assedio in un Paese che dovrebbe essere civile, di giocatori scoppiati e di altri che rischiano il posto perché Conte a un certo punto smetterà di fare i calcoli e comincerà a "tagliare teste". Pensiamo a Osvaldo, al momento grande delusione del mercato invernale bianconero nonostante l'appoggio totale del mister bi-campione d'Italia. Il destino del bomber è incerto come non mai: difficile ma ancora possibile la convocazione per i Mondiali, difficile e quasi impossibile il riscatto dagli inglesi del Southampton. Troppi 18 milioni per un giocatore dal grande potenziale ma che rischia la fine di un Borriello qualsiasi. Difficile che la Signora decida di scialacquare, soprattutto ora che ha deciso (sì, pare proprio di sì...) di puntare su un altro azzurrabilissimo, tra l'altro già bianconero per metà. Indizi: ha un nome che ricorda vagamente Napoli e una capigliatura importante. No, purtroppo non è Marisa Laurito, ma Ciruzzo Immobile. Che costa pure meno: 12 milioni per la metà del Toro.
Su Pogba non cambiamo idea. Il giocatore mostra segni di fastidio, minimi mal di pancia, a Napoli più che a un polpo somigliava a una cozza, ma ribadiamo il concetto: resterà in bianconero anche nella prossima stagione così come il suo allenatore.
Questione "romuntada": la Signora è stanca, sulle gambe, ha l'Europa League con i mangiaformaggio del Lione, la rosa assai ridotta e una concorrente (la Roma, appunto) che viaggia come una lippa, ma francamente per come la vediamo noi ha le stesse possibilità di essere raggiunta che hanno Seedorf e Galliani di andare a mangiare la pizza insieme al Giropizza.

A proposito di Milan: per quel che riguarda Kakà la faccenda è abbastanza chiara. Il giocatore ama il Milan più di se stesso, Galliani vorrebbe trattenerlo a costo di pagare l'ingaggio di tasca sua, i tifosi lo adorano e sono ricambiati al 100%, ma le possibilità che il matrimonio continui sono molto molto poche. Il destino americano era scritto nel momento stesso in cui il giocatore è tornato a Milano. Solo una miracolosa qualificazione alla Champions avrebbe cambiato il destino del brasiliano dall'ingaggio troppo elevato per restare a fare (al massimo)l'Europa League. Sarà divorzio, doloroso divorzio, ma fatto per il bene del club allenato da Clarence Seedorf.
Già, Seedorf. Settimana scorsa si parlava di esonero certo, di Seedorf incapace, inadatto, inetto, gradasso, smargiasso, eccetera eccetera. Dall'alto di un ego gonfio come certe ruote di pavone, il tecnico ha mantenuto la calma e, infine, ha cementato il di lui culone sulla panca del Diavolo. Negli ambienti rossoneri c'è chi ancora storce il naso al grido di "ma alla lunga non durerà", chi scrive invece resta convinto che l'olandese al di là delle sue anomalie e sfidando correnti interne non proprio favorevoli, resterà al suo posto almeno per tutta la prossima stagione con la benedizione di patron Silvio.
Meno chiaro il destino di Galliani. L'ad "della parte sportiva" in nome del tacito accordo "io mi faccio i fatti miei, tu fatti i fatti tuoi" domani mattina non sarà presente con Barbara Berlusconi alla conferenza stampa di presentazione di "Casa Milan", programmata presso la sede rossonera. L'intraprendente figlia del capo sarà invece coadiuvata da Jaap Kalma (Direttore Commerciale del club) e dal super modaiolo architetto Fabio Novembre, uno che - così a naso - quando facevano le squadre all'oratorio al massimo veniva scelto per fare l'arbitro anche se portava il pallone da casa.
Dicevamo di Galliani: il suo futuro sarà più caro il prossimo 16 aprile, giorno del cda. C'è chi paventa una fuga cinese del dirigentissimo (dalle parti di Lippi), più facile che resti al suo posto in attesa che venga pian piano liquidata la... Liquidazione. Di sicuro dovrà entrare a patti con il nuovo direttore sportivo: scendono le quotazioni di Sogliano (teme il "commissariamento" da parte dello stesso Galliani), salgono quelle di Giovanni Galli, uno che a San Siro qualche partita l'ha fatta. Nel frattempo Adriano è stato chiaro: "Mi dicono che anche quest'anno chiuderemo il bilancio in pari". Resta solo da capire chi tra "lui" e "lei" si prenderà il merito.

Concludiamo l'editoriale quaresimale proprio mentre Mazzarri fa la figura del cacciucco a Livorno. Il tecnico insiste: "Parlerò a fine stagione".

Le cose sono tre:
1) Sa già che non verrà confermato.
2) Pensa "non parlo che non si sa mai come la prende l'indonesiano".
3) Vuol fare il figo alla Mou senza essere nato a Setubal.
In ogni caso per Walterone tira una brutta aria e il pareggio in Toscana c'entra relativamente. Il patron ha già fatto i suoi sondaggi in terra d'Albione. Il nome del papabile ve l'abbiamo già detto: Arsene Wenger. Non è detto che col francese si trovi un accordo, ma per Mazzarri cambia poco poco poco...

Ps. E ora perdonate, ma il sottoscritto gira sul 5. Se becco il momento "ammucchiata totale" ho svoltato la serata (Twitter @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.