VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Ciao Ernesto: visto Keisuke? Dybala: a quale Zamparini credere? Mancini: questa volta il futuro è Simeone

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
06.02.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 40275 volte

L'abbiamo vissuto fino alla fine, Ernestito. Si collegava con Milan Channel anche dal San Raffaele. Sereno, da titolo, come sempre. L'estate di Ronaldinho, ci diceva: "vedrai Mauretto, Dinho andrà meglio di Rivaldo, lo sento". E in effetti andò abbastanza così'. Ma mai avevamo visto Bronzetti spendersi e accalorarsi come per Keisuke Honda. Dopo la conferenza stampa di presentazione del Gennaio 2014 nella sala Executive di San Siro, aveva voluto microfoni e telecamere. Avvertiva scetticismo, ma lui ci credeva. E voleva raccontare, prevedere, spiegare. Aveva ragione lui anche questa volta. Honda piace poco a giornalisti e tifosi, ma molto ai suoi allenatori. Seedorf, Inzaghi e Mihajlovic, caratteri e professionalità agli antipodi ma con un comune denominatore: Keisuke gioca. E, caro, dolce, Ernestino, Honda fino ad oggi è mancato solo fra il Gennaio e il Marzo del 2015, quando era stremato dalla Coppa d'Asia. Poi sempre bene fra gol e assist. In giro ci sono volgaroni che, per odio e disperazione, hanno dileggiato Honda per spernacchiare Galliani. Ernesto ne soffriva, ma senza imprecare. Stile Bronzetti: contenuti, sorrisi, cortesia. Se proprio doveva finire adesso, il derby vinto e il tuo Honda brillante titolare sono titoli in grande stile. Ma non di coda, gioia cara. Titoli d'onore. Per un uomo bello e disarmato, giusto così, Anche se quaggiù, per il momento, ha avuto la meglio il maledetto male.

Quest'estate Maurizio Zamparini lo ha ripetuto alla noia: Berlusconi e il Milan offrivano di più, ma Paulo, Dybala, ha scelto la Juventus. Il giorno dopo Palermo-Milan, forse con la luna per traverso, una nuova, curiosa, contradditoria, versione. L'augurio è che se avesse saputo che Galliani si trovava a Terni da Ernesto, forse avrebbe fatto a meno di dargli del furbo. Ma stiamo sul punto. conosciamo alla perfezione i timecode e i frames delle immagini televisive dei gol di Dybala che la scorsa estate avevano rafforzato la convinzione del presidente Berlusconi: prendiamolo. E Adriano Galliani era caldissimo: nelle immagini deve essere bello, bellissimo, biondo e con gli occhi azzurri, decide il Presidente ma mettiamolo in condizione di decidere bene. Questa era la determinazione del Milan su Dybala. Poi il giocatore, poi i fondi, ed è andata diversamente. Ma a quale Zamparini dobbiamo credere? A quello che Berlusconi offriva di più o a quello che Galliani ha fatto il furbo? I tifosi del Milan scrivono sui social che il numero uno del Palermo cambia versioni come cambia gli allenatori. Forse, ma senza esagerare. Maurizio Zamparini sa alternare urla e voce roca a sorrisi e voce calda nel giro di pochi istanti e si è sempre fatto perdonare qualche ictus verbale da dieci anni a questa parte. Quindi, perdonato. Anche se in fondo all'ultimissimo Zamparini possono però sempre credere i rosichisti, pochissimi ma riconoscibilissimi, di questi ultimi giorni rossoneri: rosiconi di dentro e "milanisti" di fuori. Se poi segna e risegna Bacca, apriti cielo. Non sanno più come annaspare e come confermare la loro piccola, inutile, sentenza d'odio. Rispetto al livore piccolo piccolo, contano i grandi fatti: Jackson Martinez non pervenuto a Madrid e Bacca, stimatissimo da sempre da Carlo Ancelotti, nel pieno della sua stagione rossonera; Bacca e Kucka costo 33 milioni in due pienamente operativi, Kondogbia 40 milioni da solo poco significativo sul campo ma amorevolmente protetto da un ambiente che in questo momento non conosce zizzania e veleni.

Milan-Inter del Gennaio 2016 come Inter-Liverpool del Marzo 2008. Il rischio c'è, tutto pieno e tutto aperto. Mesi, anni, di aplomb britannico non potevano aver cambiato una personalità e un carattere. La brocca è la brocca. Ed è sempre lì, in bilico, soprattutto nel regno della pressione, ovvero l'arena mediatica del calcio italiano. Il paragone fra le due partite e i due momenti, almeno a livello psicologico, ci sta tutto. Il Mancini del pre, del durante e del post derby è molto ma molto simile a quello che era esondato dopo lo 0-1 firmato Fernando Torres in quella gara di ritorno degli Ottavi di finale di Champions League. Quella sera, per quello sfogo, il presidente Moratti aveva deciso: per adesso andiamo avanti, ma in estate nel riparliamo. E arrivò Josè Mourinho. I due-tre mesi di Mancini dopo quell'Inter-Liverpool erano stati opachi e difficili, con uno Scudetto prima stravinto, poi rimesso in discussione e poi vinto solo nel secondo tempo di Parma con la doppietta di Ibra. Se allo zig-zag psicologico dei giorni del derby, dovessero seguire mesi analoghi a quelli del 2008, anche il presidente Thohir potrebbe ritrovarsi nella condizione di fare la stessa analisi di otto anni fa. Quindi Mourinho? No, il calcio è andato avanti e Thohir ha speso già tantissimo. E non può apparecchiare la tavola per le richieste di mercato da ristorante, nella scala Conte, da 1000 euro, a uso e consumo del grande portoghese. In realtà c'è un allenatore che appagherebbe la visione internazionale del presidente nerazzurro, un tecnico tutto anema e core che fa grandi cose senza spendere grosse cifre sul mercato, capace di costruire armate rivoluzionarie con le motivazioni più che con i milioni di euro. Si chiama Diego Pablo Simeone.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.