VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Ciao Walter, 5 anni di vuoto e un conto corrente come jackpot. Pellè e l'Italia delle contraddizioni. Milan e Inter, il mercato fatto in casa

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
10.10.2016 12:07 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 99417 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Prima di giudicare il calcio andrebbe giudicata la coerenza di Walter Sabatini, in arte "Walter il magnifico". Prima dell'esonero di Garcia disse che in caso di allontanamento dell'allenatore francese, sarebbe andato via con lui. Garcia fu esonerato e Sabatini restò comodamente alla sua scrivania. Aggiunse, tempo prima, che non sarebbe mai andato via da Roma senza trofei. E' andato via, giovedì scorso, e la bacheca di Trigoria è più vuota di un frigorifero di uno studente fuori corso, lontano da casa. Sabatini è questo. In 5 anni ve lo abbiamo raccontato sotto mille vesti e con mille facce diverse. Ha cambiato più facce che sigarette. La Capitale lo fa diventare presuntuoso e arrogante, perde l'umiltà che lo aveva portato fino a Roma e crede di essere diventato imbattibile, a tal punto da provare a diventare, nel calcio, il nuovo Moggi. Alla fine pagherà per i risultati non raggiunti e per aver operato sul mercato in maniera poco limpida e trasparente. Operazioni, quasi sempre, condotte con gli stessi agenti e Direttori Sportivi, consulenti di mercato e addetti stampa sistemati nelle società più "amiche". Sabatini è rimasto inghiottito dal ritorno di Spalletti, dall'esasperazione degli americani e dallo stesso caso Totti che gli è ben presto sfuggito di mano con una pessima campagna di comunicazione. Walter è così: un ottimo talent scout ma un pessimo Direttore Sportivo. Ha avuto l'occasione della vita: vincere a Roma. L'ha cannata clamorosamente, eppure sono stati gli anni dove Milan e Inter si sono messe in ferie forzate. Due club su tre che vincono, per tradizione, in Italia si sono presi una pausa di riflessione mentre Sabatini costruiva la nuova Roma. Ha costruito il primo piano della casa ma in 5 anni ha tirato su solo quello. Se ne va da Roma con una società con l'impalcatura a vista e le gru ancora all'opera. I suoi amici giornalisti evidenziano come abbia portato valore alla società con 150 milioni di plusvalenze ma non sottolineano i soldi buttati dal Direttore Sportivo e soprattutto dimenticano la cosa più importante: un Direttore si giudica per i successi e non per i milioni che vanno e che vengono. Marotta ha preso Pogba a 0 e lo ha venduto a 130 milioni di euro ma se la Juventus fosse arrivata terza o seconda, in questi anni, sarebbe bello comodo sul divano di casa sua. Galliani andrà via dal Milan da sconfitto perché negli ultimi anni non ne ha indovinata mezza ma come fai a criticare un Dirigente che ha vinto pure il torneo dei pulcini sotto casa mia? Puoi fargli le pulci e infatti gliele facciamo ma Galliani ha riempito la bacheca di Via Turati a tal punto da dover trovare una sede più grande per poter ospitare le coppe. La famiglia Sensi, a Roma, pregava giorno e notte che da lassù il grande Franco non vedesse lo strazio di questa Roma. Qualche intuizione buona sul mercato, ci mancherebbe, ma tanti giocatori incompiuti portati a Trigoria e spacciati come talenti. Altri strapagati e rivenduti alla metà e una famosa frase che non gli perdoneremo mai: "in Italia non abbiamo giocatori giovani all'altezza per questo compriamo all'Estero". Al Direttore Sportivo di un club campione d'Italia Primavera con tantissimi giovani che giocano bene e ovunque tranne che a Roma non glielo consentiamo. Vada per il discorso che comprare all'Estero aiuta i Direttori e le operazioni con gli agenti ma dire che in Italia giovani forti non ne abbiamo è una bestemmia in Vaticano. Proprio la Roma che in giro ha un patrimonio mai sfruttato. Morale: in 5 anni Sabatini, a Roma, non ha vinto nulla e l'unico vero vincitore è il suo conto corrente. E' arrivato benestante, va via da magnate.
Ma in Italia non ci sorprendiamo più di nulla. Siamo anche l'Italia di Pellè. A tutti consentiamo tutto ma, ad un certo punto, dobbiamo cercare un capro espiatorio e al posto di punirlo lo bastoniamo. Pellè ha sbagliato a non dare la mano a Ventura. Pellè deve volare più basso perché la fama, la bellezza e i soldi forse gli hanno dato alla testa e quando indossa la maglia azzurra e non quella dei cinesi deve rispettare non solo Ventura ma tutti gli italiani... Finita l'omelia di Padre Michele vi dico anche che la Federazione nelle vesti di Papa buono non ce la vediamo proprio. A Pellè una multa e una tribuna in Macedonia sarebbero bastate per una giusta punizione. No! Sbattiamolo fuori a furor di popolo per dare l'esempio. Ma l'esempio di cosa? Che un ragazzo a caldo abbia fatto una fesseria ci sta e va punita ma se io parcheggio al posto dei disabili merito una bella multa, qualche punto in meno sulla patente e anche qualche giusto "vaffa" dal povero disabile. Se, però, vengo arrestato per aver parcheggiato al posto sbagliato, allora, non ci sto. La Federazione di Tavecchio così virtuosa perché non guarda in casa propria prima di proclamarsi paladino della giustizia? C'è molto ma molto di peggio di una mano non data al momento di una sostituzione.
Proviamo a parlare di calcio per due minuti ma quando il campionato è fermo è una noia assoluta. La B ci ha regalato delle emozioni e ci ha confermato che Brocchi è un ottimo allenatore e avrebbe dovuto guidare prima il Brescia e poi il Milan. Il campionato ci sta dicendo che in Italia abbiamo un grande allenatore e che farà una grande carriera: Cristian Bucchi e il suo Perugia macinano la terza vittoria consecutiva e se facciamo il calcolo con i punti persi, ad inizio stagione, al 94' capiamo che la vera favola è proprio il Perugia. Perché favola? Perché il Perugia nei singoli non è nulla di trascendentale ma è una macchina perfetta perché è squadra vera. L'Avellino è messo male, la Salernitana gode nel derby ma ha ancora ampi margini di miglioramento e al Frosinone manca la giusta costanza per spiccare il volo. Il Verona è fortissimo ma non è il Cagliari dello scorso anno. In serie A, Milan e Inter, dovrebbero sfruttare la crisi per lanciare i giovani di valore. Lo diciamo da due anni. Il Milan mette in vetrina Donnarumma e adesso Locatelli ma anche l'Inter dovrebbe avere maggiore coraggio a lanciare i giovani. Nella Primavera di Vecchi ci sono ragazzi di assoluto valore. Il mio preferito? Theophilus Awua, 18 anni, gioca da play davanti alla difesa e l'ho visto solo una volta. Nella gara persa dall'Inter contro la Roma. E' stato amore a prima vista, come un anno fa in Sassuolo-Juventus con Adjapong. Entrambi del 1998. Sul ragazzino del Sassuolo ci ho preso, adesso sono curioso di vedere ancora Awua nelle prossime gare dell'Inter.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.