HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Ciclo Juve, D-Day a Napoli. Tutto inizia li, anche in Europa

10.05.2018 08:21 di Luca Marchetti   articolo letto 17810 volte
© foto di Federico De Luca

La Juve mette il sigillo anche sulla coppa, aspetta soltanto di poter festeggiare il settimo scudetto. E chiude nel migliore dei modi una delle stagioni più difficili, grazie alla grande annata del Napoli che l’ha “costretta” a correre più del dovuto. Chiude probabilmente anche un ciclo, indipendentemente dal futuro di Allegri. E questo sarà l’argomento centraledi discussione fra lui, Marotta e Agnelli. Quali saranno le intenzioni della Juve? Per adempiere al motto “vincere è l’unica cosa che conta”, cosa verrà messo a disposizione della squadra e della società. Vincere non è mai banale, entrare nella storia è straordinario. Richiede non solo qualità ma un grande impegno mentale (oltre che tecnico, fisico e tattico). Un cambiamento nello spogliatoio sarà necessario: Buffon non ci sarà più, Lichtsteiner (Borussia Dortumund o Monaco) e Asamoah (Inter) neanche. C’è da capire il futuro di Mandzukic e quello di Marchisio. Senza dimenticare che qualcuno potrà essere attratto dai gioielli bianconeri. La Juve ha già le mani su molti giocatori (Spinazzola, Caldara, Eme Can per citarne alcuni), piacciono molti altri (in primis Darmian ultimo in ordine di “arrivo” Bonaventura) ma ci vorrà un po’ più di tempo per ricostruire un gruppo vincente. Allegri lo sa fare, ma sa anche quali sono gli snodi. E continuare a vincere non sarà scontato. Senza dimenticare che lo stesso Allegri per tutto quello che ha fatto non può che essere uno dei pezzi più ambiti in Europa. Ora si parla di Arsenal, in Inghilterra dicono sia il profilo perfetto (insieme a Luis Enrique). Dipenderà anche da quello che vorrà fare la Juventus, insieme a lui. In linea di massima non può esserci situazione migliore per i bianconeri e difficilmente si può trovare una società più strutturata della Juve. Ma il calcio è anche opportunità e stimoli.
Il destino potrebbe far anche incrociare di nuovo Allegri e Sarri. Sicuramente in serie A (ad oggi soluzione più probabile) ma chissà che per un allineamento di congiunture non si verifichi in Inghilterra. Perché se Allegri è accostato alla panchina dell’Arsenal, Sarri è nelle mire del Chelsea. Il primo problema è paradossalmente Conte (che non ha intenzione di andare via da Londra se prima non trova una sistemazione di suo gradimento), ma la cosa più importante potrebbe accadere fra poche ore: ovvero il fatidico incontro fra Sarri e De Laurentiis. La clausola tra poco scade e De Laurentiis la sua offerta l’ha fatta con un fisso che supera (di poco) i 3 milioni di euro più un milione circa di bonus in caso di qualificazione in Champions League. L’offerta difficilmente è migliorabile e De Laurentiis, giustamente, vuole capire le intenzioni di Sarri, il quale, altrettanto legittimamente, vuole capire dal suo presidente che tipo di intenzioni ha riguardo la prossima stagione. Anche se a Napoli molti dovessero andarsene nessuno vieta di costruire comunque una squadra competitiva, mantenendo alta la qualità. Ecco perché è importante l’incontro. Di fronte a un progetto interessante (da valutare anche la “voglia” di Sarri di rimettersi in gioco) l’accordo ci sarà. Altrimenti ognuno per la sua strada con De Laurentiis che continuerà nel suo progetto di crescita e la sensazione è che se Sarri non dovesse rimanere il presidente voglia mantenere comunque alto il livello di esperienza in panchina.
A proposito di esperienza: l’Inter (che dovrebbe prolungare con Spalletti) ne ha fatto tesoro e per il prossimo anno vorebbe riportare in nerazzurro Kovacic, ma il Real Madrid non ha intenzione di privarsene, ma con i procuratori di Kovacic ha parlato anche di Benkovic, difensore della Dinamo Zagabria che i nerazzurri seguono da tempo. E anche a Roma potrebbe esserci un ritorno ma nei quadri dirigenziali: pronto un posto per Ricky Massara anche nello staff di Monchi che lo avrebbe voluto, anzi ri-voluto, con grande forza.
La chiusura la dedichiamo al Milan. La grande delusione per la finale persa amaramente ora porta a pensieri foschi anche per il futuro. È chiaro che ora è necessario per tutti arrivare alla qualificazione in Europa League, senza preliminari (quindi sesti in campionato), ma la partita di Donnarumma per esempio di stasera non ha certo aiutato il portierone rossonero nel tenere alta la valutazione. Il Milan oltre al discorso Elliot dovrà tirare le somme e capire come continuare la crescita. Dopo la campagna acquisti estiva le premesse erano altre, ma il finale di stagione e l’arrivo di Gattuso avevano fatto cambiare le sensazioni. La coppa Italia avrebbe aiutato molto, soprattutto a livello di prestigio e di percezione. Non averla vinta non significa fallimento. Bisogna solo non mollare in campionato. Che sarebbe stato facile non l’aveva detto nessuno, soprattutto dopo i primi mesi. Ma rimanere senza Europa, quello sì, che sarebbe un grave danno...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Su Piatek il Milan accontenta il Genoa, ma su Higuain la colpa è anche di Gattuso. Juventus vicina a De Ligt! Non c’è l’offerta che il Napoli vuole per Allan. E il Barcellona adesso compra Doumbia? 23.01 - E’ andata come doveva andare. Esattamente 14 giorni fa vi avvisavamo che il triangolo Higuain-Morata-Piatek era impigliato intorno alla policy del Chelsea del non fare contratti pluriennali agli ultratrentenni, e che se Higuain si fosse incaponito su quell’aspetto, allora sarebbe...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510