VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Cinderella Milan, il trofeo più bello. La Realpolitik di Preziosi. Allegri, ecco Dybala dopo Pato ed El Shaarawy. Mastour e Gabigol, i prodotti del calcio

31.12.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 19212 volte

Il Milan ha vinto la Supercoppa prima della mezzanotte, per cui il trofeo non è diventato una zucca. E non c'è bisogno che il destino del calcio, il principe azzurro del pallone, vada a cercare le scarpine dei giocatori rossoneri. E' tutto vero. Anche se qualche matrigna dell'hashtag o qualche sorellastra del post non ci sta, non riesce a godersela del tutto perchè non si vuole vedere gioire questo o quello. Certamente rosicando, ma soprattutto ignorando che questo è il Milan. Chi ha scelto nella propria vita di tifare Milan deve sapere una volta per tutte che i colori rossoneri sono questi, sofferenza, ingiustizie, sfortuna, bel gioco e vittorie. Anche vittorie, ma mai solo vittorie. Il Milan allenato da Vincenzo Montella non ha i campioni epocali di almeno 25 anni berlusconiani o di altre epoche della sterminata storia rossonera, ma è senza dubbio il Milan. Perchè gioca bene a pallone e sa soffrire. Il Milan non è solo Viani e Schiaffino o Rocco e Rivera, non è solo Sacchi e Van Basten o Ancelotti e Kakà. Il Milan è anche 51 anni senza scudetti, è anche l'arbitro Brozzi, è Verona, è Istanbul, è il danno infame di Calciopoli dopo tante beffe subite sul campo da chi parla e riparla ancora oggi. E' per questo che è bella Doha. Perchè si può vincere da cigni favoriti, ma anche da cenerentole capitate al gran ballo un po' per caso. Ma, alla fine, alla resa dei conti, dopo anni di magoni e di sofferenze, subito dopo il successo, il sorriso e il cuore sono riconoscibili. Sono quelli del Milan, sono il Milan. Accusati di festeggiare una Supercoppa come fosse una Champions? Succede nella vita, nessuna vergogna. Dipende dalle epoche e da come le si sanno vivere e accettare. Nel 1990, una Juventus in crisi d'astinenza da qualche anno vinse la coppa Italia con un gol di Galia contro il grande Milan campione d'Europa e, a Milano, scattarono i caroselli d'auto bianconeri. Vincere è bello sempre, se hai saputo soffrire e hai saputo meritartelo. E' un figlio il momento magico di Doha e non sarà mai un figliastro nella galleria dei ricordi più emozionanti della storia del Milan.

Enrico Preziosi, il presidente del Genoa, è sfuggito ancora una volta al personaggio che gli hanno costruito attorno suo malgrado. Ma non sappiamo bene se gli infaticabili produttori di polveri sottili siano disponibili ad accorgersene. Per cui riepiloghiamo al meglio. Nel 2011-12, dopo aver ceduto poco prima Ranocchia e Kharja all'Inter, Preziosi avrebbe dovuto essere amico proprio dell'Inter che, peraltro, è molto attiva a livello giovanile. Anche l'Inter voleva il giovanissimo El Shaarawy, ma El Shaarawy va al Milan. Nel 2015 Preziosi doveva essere amico del Milan, per i motivi che Lor signori ripetono ad ogni piè sospinto, per cui Bertolacci avrebbe dovuto andare in comproprietà al Milan. Niente da fare, il buon presidente del Genoa lo cede alla Roma e il Milan deve svenarsi per andarlo a prendere. Nell'inverno 2016, Preziosi doveva essere amico della Roma, perchè i giallorossi oltre ad avergli preso Bertolacci gli avevano pagato bene pure Iago Falque, per cui Rincon...Niente da fare, Rincon non va alla Roma ma va alla Juventus. Che ha preso da Preziosi, anche Sturaro. Così come l'Inter gli ha preso Ansaldi. E il Milan? E Galliani? Saranno mica i grandi assenti da questo quadretto. Il Milan e Galliani, è bene ricordarselo, avevano ormai perso Niang e Suso. A San Siro non potevano mettere piede, sfiduciati e insultati. Niang malissimo in un Torino-Milan del Gennaio 2015, Suso malissimo in Milan-Empoli del Settembre 2016. Preziosi li ha presi, in prestito secco senza alcun diritto d'opzione, li ha curati e li ha restituiti valorizzati al Milan. Così come Kucka, ormai era stato ceduto per 3 milioni in Turchia. Con spirito di servizio, Preziosi lo offre allo stesso prezzo al Milan e il Milan, quando non gioca Kucka, a volte lo riconoscono anche Lor signori, ne subisce un danno. Quindi il Milan da diversi anni a questa parte, ha più ricevuto che dato. Ma più in generale, come legittimo, il presidente del Genoa fa i propri interessi con tutti e non guarda in faccia nessuno. Che abbia rispetto e affetto per Adriano Galliani, anche se questi gli soffia Lapadula quasi sul filo di lana, non deve essere e non può essere una macchia.

Non c'è niente da fare, i ragazzotti baciati dal talento che non riescono ad essere cinici e determinati, lui non li ama. Ci riferiamo a Massimiliano Allegri che, spesso, cogliamo in atteggiamenti nei confronti di Dybala che aveva già avuto a Milano con Pato ed El Shaarawy. Il tecnico livornese non ama i giocatori che, a suo giudizio, si specchiano troppo e questo lo irrigidisce. Con i colpi che ha Dybala e con il sacrificio economico che ha fatto la Juventus per Dybala, questa volta però a dover mediare con il proprio carattere, le proprie irritazioni e le proprie esigenze in buona fede è proprio lui, il buon Max. Come la sua società ha più o meno già fatto trapelare.

Certi eccessi della presentazione e delle attese riposte su Gabigol, ci hanno ricordato qualcosa di un altro prodotto made in youtube, ossia il buon Mastour. Tra l'essere ottimi giocatori di pallone e veri giocatori di calcio, la differenza è abissale. E' proprio qui che casca il marketing. Una azzeccata politica di lancio, perchè mai poi un attaccante esterno debba chiamarsi Gabigol poi...al massimo Gabicross, può mentire. il Campo no. Su Mastour c'era stata qualche forzatura, qualche eccesso d'attesa e il ragazzo, almeno ad oggi allergico alle regole del gioco non solo fuori ma soprattutto in campo, ha abbondantemente pagato per questo fino a questo momento. Chi è così dotato come lui nel contatto con la palla può sempre riprendersi e riscattarsi, ma tocca a lui e solo a lui. Su Gabigol invece è stata costruita in vitro tutta la vicenda, fino all'esborso di 30 milioni (!) che se l'avesse fatto qualsiasi altra squadra per un giocatore in campo solo per pochi minuti in un quadrimestre apriti cielo. Gabigol, esattamente come Mastour, ha tutta la carriera davanti, per cui le sentenze le lasciamo volentieri ad altri. Ma sovraccaricare esageratamente questi ragazzi, e altri magari come loro in futuro, produce un danno di immagine e di credibilità a tutto l'ambiente del pallone.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.