VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata

06.01.2017 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 69618 volte
Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata

Qualcuno lo sperava, altri lo auspicavano, ieri sera a tarda ora è arrivata la vera bomba di mercato. Secondo il sito del Financial Times il governo cinese è stufo della corsa alle spese folli per i calciatori, non piace l’immagine negativa del Paese che viene fuori dal mercato calcistico cinese aperto in questi giorni. La Cina non vuol passare per un posto dove si buttano montagne di soldi facili, un problema di immagine, ma anche di cultura. L’Amministrazione Generale dello Sport, che potrebbe essere equiparata a un nostro ministero dello sport, ha fatto sapere che "certe cifre sono irrazionali, presto saranno messi dei tetti agli stipendi dei giocatori e alle spese per i trasferimenti, per riportarli entro ragionevoli limiti".

L’amministrazione dello sport ha aggiunto che le società che non dovessero rispettare i nuovi limiti saranno radiate dai campionati.

Manca una cosa importante, la data dell’entrata in vigore dei nuovi limiti e i limiti stessi.

In attesa di conferme e di ulteriori precisazioni, comunque, a naso non succederà nel giro di un giorno o due, ma la "controrivoluzione calcistica" sembra cominciata. Del resto le esagerazioni delle ultime settimane (38 milioni l’anno a Tevez) non potevano non allarmare e far scattare una reazione politica.

Il Bengodi è già finito?

Non del tutto, ma è possibile che certe cifre assurde siano ridimensionate e non è escluso neppure un intervento della Fifa per omologare i sistemi calcistici mondiali.

Che succederà in questo momento di vacatio?

Si scatenerà ancora di più l’assalto ai grandi e medi giocatori europei e sudamericani? Aspettiamoci di tutto.

Il discorso, se sarà confermato in questi termini, vale per le importazioni di giocatori. Niente è dato sapere (per ora) sugli investimenti che società di capitali o aziende cinesi stanno facendo all’estero per acquistare società calcistiche. A questo punto, però, visto che l’acquisto del Milan non è ancora definito e l’autorizzazione all’esportazione di capitali per Sino Europe Sports non è ancora arrivata, è logico far suonare qualche allarme.

Il governo cinese darà l’ok per una spesa enorme (quasi settecento milioni tra acquisto e risanamento del deficit) per una società calcistica?

E se dovesse dire no, salta tutto?

L’interrogativo va posto anche se fino a ieri gli stessi cinesi avevano sempre fatto sapere che l’interesse verso i grandi brand europei e italiani aveva come scopo far crescere l’attenzione e l’interesse per il calcio in Cina. L’obiettivosarebbe quello di far diventare il pallone un grande sport popolare e organizzare i mondiali nel giro di una ventina d’anni. Non vale più?

Vedremo. Comunque per questa cessione del Milan non c’è pace. La storia dei 200 milioni anticipati da società delle Isole Vergini ha fatto scandalo, ma non deve meravigliare. Non sarebbero paradisi fiscali. E chi pensa e ha scritto che sarebbero in realtà soldi di Berlusconi, credo sia leggermente fuoristrada. Mi sembra ingenuo pensare che un’operazione del genere (anche volendo) possa essere fatta impunemente, sotto gli occhi di tutti, in barba alle regole e a controlli fiscali in essere. In Italia può succedere di tutto, è vero, ma questa sarebbe da Paperopoli.

Nessun problema e nessun allarme, invece, per l’Inter. Suning ha già dato, e l’affare Gagliardini si farà. Semplicemente non può essere preso in prestito con obbligo di riscatto, i 23 milioni andrebbero a gravare sui bilanci in corso e in questo momento l’Inter non può fare operazioni per le regole del fair play finanziario. Per mettere il contratto nel bilancio dell’anno prossimo serve un prestito semplice e l’Atalanta (naturalmente) si vuole cautelare con un accordo blindatissimo e un incontro diretto con mister Zhang che ci sarà la prossima settimana.

Non ha problemi cinesi, ma spagnoli la Juventus. L’ottimo Barillà sul Corriere dello Sport ha rivelato nei giorni scorsi che Morata vuol tornare in Italia, a Torino ha lasciato il cuore. Sembrava una delle tante storie legate agli ex innamorati che giocano poco e invece c’è sotto di più.

Dalla Spagna insistono nel dire che il Real ha già un accordo con Dybala sulla base di uno stipendio altissimo, attorno ai dieci milioni di euro. La cosa non deve stupire, Ronaldo ha trent’anni e per gli spagnoli Dybala è il nuovo Messi: il Real non può farselo sfuggire.

E allora ecco cosa starebbe succedendo: il Real proverà a convincere la Juve offrendo 100 milioni più Morata. I bianconeri proveranno comunque a convincere Dybala ad allungare il contratto (lo hanno fatto anche con Pogba) ben consci che se il giocatore deciderà di andar via, a certe cifre di ingaggio il Real è imbattibile. Tanto vale monetizzare e reinvestire.

Ecco da dove nasce l’interesse deciso e l’attacco a Verratti che vi abbiamo già segnalato un paio di mesi fa. La Juve ha deciso di andare sul centrocampista per reinvestire la plusvalenza (più di 70 milioni) fatta per Dybala. Non è un caso che il procuratore stia dicendo che Verratti non vuole né Inghilterrà né Germania, ma solo Italia. E il giocatore stia ventilando l’addio al Psg. L’operazione è partita. La Juve andrebbe così a coprire il ruolo che fu di Pirlo con un giocatore giovane italiano, ma già esperto a livello internazionale. Non basta. Un altro grande obiettivo mai negato è De Sciglio. Non sappiamo cosa succederà con i nuovi proprietari cinesi, ma il terzino del Milan (scade nel 2018) per il momento non vuol rinnovare e la pressione bianconera su di lui è molto forte. Pista aperta per l’estate prossima. Nel frattempo la Juve ha strappato al Milan e al Napoli il giovane attaccante dell’Ascoli Riccardo Orsolini, 20 anni fra pochi giorni. Si parla di cinque milioni, sarebbe tanta roba. Resterà comunque all’Ascoli fino a fine stagione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.