VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata

06.01.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 69811 volte
Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata

Qualcuno lo sperava, altri lo auspicavano, ieri sera a tarda ora è arrivata la vera bomba di mercato. Secondo il sito del Financial Times il governo cinese è stufo della corsa alle spese folli per i calciatori, non piace l’immagine negativa del Paese che viene fuori dal mercato calcistico cinese aperto in questi giorni. La Cina non vuol passare per un posto dove si buttano montagne di soldi facili, un problema di immagine, ma anche di cultura. L’Amministrazione Generale dello Sport, che potrebbe essere equiparata a un nostro ministero dello sport, ha fatto sapere che "certe cifre sono irrazionali, presto saranno messi dei tetti agli stipendi dei giocatori e alle spese per i trasferimenti, per riportarli entro ragionevoli limiti".

L’amministrazione dello sport ha aggiunto che le società che non dovessero rispettare i nuovi limiti saranno radiate dai campionati.

Manca una cosa importante, la data dell’entrata in vigore dei nuovi limiti e i limiti stessi.

In attesa di conferme e di ulteriori precisazioni, comunque, a naso non succederà nel giro di un giorno o due, ma la "controrivoluzione calcistica" sembra cominciata. Del resto le esagerazioni delle ultime settimane (38 milioni l’anno a Tevez) non potevano non allarmare e far scattare una reazione politica.

Il Bengodi è già finito?

Non del tutto, ma è possibile che certe cifre assurde siano ridimensionate e non è escluso neppure un intervento della Fifa per omologare i sistemi calcistici mondiali.

Che succederà in questo momento di vacatio?

Si scatenerà ancora di più l’assalto ai grandi e medi giocatori europei e sudamericani? Aspettiamoci di tutto.

Il discorso, se sarà confermato in questi termini, vale per le importazioni di giocatori. Niente è dato sapere (per ora) sugli investimenti che società di capitali o aziende cinesi stanno facendo all’estero per acquistare società calcistiche. A questo punto, però, visto che l’acquisto del Milan non è ancora definito e l’autorizzazione all’esportazione di capitali per Sino Europe Sports non è ancora arrivata, è logico far suonare qualche allarme.

Il governo cinese darà l’ok per una spesa enorme (quasi settecento milioni tra acquisto e risanamento del deficit) per una società calcistica?

E se dovesse dire no, salta tutto?

L’interrogativo va posto anche se fino a ieri gli stessi cinesi avevano sempre fatto sapere che l’interesse verso i grandi brand europei e italiani aveva come scopo far crescere l’attenzione e l’interesse per il calcio in Cina. L’obiettivosarebbe quello di far diventare il pallone un grande sport popolare e organizzare i mondiali nel giro di una ventina d’anni. Non vale più?

Vedremo. Comunque per questa cessione del Milan non c’è pace. La storia dei 200 milioni anticipati da società delle Isole Vergini ha fatto scandalo, ma non deve meravigliare. Non sarebbero paradisi fiscali. E chi pensa e ha scritto che sarebbero in realtà soldi di Berlusconi, credo sia leggermente fuoristrada. Mi sembra ingenuo pensare che un’operazione del genere (anche volendo) possa essere fatta impunemente, sotto gli occhi di tutti, in barba alle regole e a controlli fiscali in essere. In Italia può succedere di tutto, è vero, ma questa sarebbe da Paperopoli.

Nessun problema e nessun allarme, invece, per l’Inter. Suning ha già dato, e l’affare Gagliardini si farà. Semplicemente non può essere preso in prestito con obbligo di riscatto, i 23 milioni andrebbero a gravare sui bilanci in corso e in questo momento l’Inter non può fare operazioni per le regole del fair play finanziario. Per mettere il contratto nel bilancio dell’anno prossimo serve un prestito semplice e l’Atalanta (naturalmente) si vuole cautelare con un accordo blindatissimo e un incontro diretto con mister Zhang che ci sarà la prossima settimana.

Non ha problemi cinesi, ma spagnoli la Juventus. L’ottimo Barillà sul Corriere dello Sport ha rivelato nei giorni scorsi che Morata vuol tornare in Italia, a Torino ha lasciato il cuore. Sembrava una delle tante storie legate agli ex innamorati che giocano poco e invece c’è sotto di più.

Dalla Spagna insistono nel dire che il Real ha già un accordo con Dybala sulla base di uno stipendio altissimo, attorno ai dieci milioni di euro. La cosa non deve stupire, Ronaldo ha trent’anni e per gli spagnoli Dybala è il nuovo Messi: il Real non può farselo sfuggire.

E allora ecco cosa starebbe succedendo: il Real proverà a convincere la Juve offrendo 100 milioni più Morata. I bianconeri proveranno comunque a convincere Dybala ad allungare il contratto (lo hanno fatto anche con Pogba) ben consci che se il giocatore deciderà di andar via, a certe cifre di ingaggio il Real è imbattibile. Tanto vale monetizzare e reinvestire.

Ecco da dove nasce l’interesse deciso e l’attacco a Verratti che vi abbiamo già segnalato un paio di mesi fa. La Juve ha deciso di andare sul centrocampista per reinvestire la plusvalenza (più di 70 milioni) fatta per Dybala. Non è un caso che il procuratore stia dicendo che Verratti non vuole né Inghilterrà né Germania, ma solo Italia. E il giocatore stia ventilando l’addio al Psg. L’operazione è partita. La Juve andrebbe così a coprire il ruolo che fu di Pirlo con un giocatore giovane italiano, ma già esperto a livello internazionale. Non basta. Un altro grande obiettivo mai negato è De Sciglio. Non sappiamo cosa succederà con i nuovi proprietari cinesi, ma il terzino del Milan (scade nel 2018) per il momento non vuol rinnovare e la pressione bianconera su di lui è molto forte. Pista aperta per l’estate prossima. Nel frattempo la Juve ha strappato al Milan e al Napoli il giovane attaccante dell’Ascoli Riccardo Orsolini, 20 anni fra pochi giorni. Si parla di cinque milioni, sarebbe tanta roba. Resterà comunque all’Ascoli fino a fine stagione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.