VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Come cresce il fatturato con gli sceicchi, farà così anche l'Inter. Juventus come Bayern Monaco, il Milan butta soldi dalla finestra

Nato a Bergamo il 23-06-1984, a TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei, inviato per Francia 2016. Ha collaborato con Odeon, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 scrive per il Corriere della Sera
16.10.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 46343 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Sergio Aguero, James Rodriguez oppure Luis Suarez. Sembrano nomi da fantascienza, impossibili da richiedere alle proprie società di appartenenza se non per chi non ha trovato il modo per avere soldi infiniti (vita da coin-op e da console in generale) in un circuito chiuso come il calcio. Forse lo ha fatto l'Inter che con Suning pare avere pescato il classico jolly dal mazzo, trovando investitori in grado di mettere sul piatto argomenti convincenti, soprattutto monetari.

La vita è spesso una questione di timing, di tempo, di trovarsi al posto giusto nel momento corretto. Se ci fosse stata la globalizzazione quindici anni prima, con la crescita enorme di Cina e India, con la possibilità di rendere ecumenici gli eventi sportivi più di quanto non potessero esserlo prima, probabilmente parleremmo della Serie A come l'attuale Premier League. Perché i grandi investitori - come i Berlusconi o i Moratti - avrebbero portato nel nostro calcio i migliori giocatori del mondo, creandoci un fiocco e sfruttando il fatto del campionato più bello di tutti. Insomma, il Parma di Crespo e Veron, oppure la Fiorentina di Rui Costa e Batistuta, il Milan di Bierhoff Weah prima e Shevchenko dopo, l'Inter di Ronaldo e Vieri, la Lazio di Nedved, la Juventus di Zidane... probabilmente gli investitori avrebbero portato miliardi di euro (non c'è refuso, non c'è inganno) e il nostro pallone avrebbe vinto di merchandising, di marketing e di pubblicità. Come ora, insomma, perché il fatturato delle big inglesi è esploso per questo.

Ci sono, appunto, dei modi diversi per arrivare a fatturati spaventosi. Uno è quello del Bayern Monaco, sfruttato in parte dalla Juventus, fra stadio e infrastrutture, tra risultati sportivi e mosse molto più avanti rispetto a tutti. Certo, l'Allianz Arena (e la crisi del Monaco 1860) ha dato una mano molto superiore a quella dello Stadium, perché quasi doppio per capienza. Il Bayern è passato da 189 milioni di euro nel 2005 ai 450 del 2016: un'esplosione enorme soprattutto considerando che i diritti televisivi, in Bundes, sono molto inferiori rispetto a quelli italiani. Nel lungo periodo è il più sostenibile e il migliore, perché non deve rendere conto alle televisioni e, in parte, nemmeno alle possibilità di spese dei fan.

Poi c'è il modello inglese puro: quello che porta le grandi d'Inghilterra a triplicare il fatturato con merchandising, biglietti e tv, integrandolo con un altro bell'incasso come quello della Champions League. Che però è secondario, mentre per le nostre squadre è assolutamente principale. Il Manchester United che acquista Pogba e Ibrahimovic è però fuori dalle fab four, ed è un segnale abbastanza chiaro di come girano le cose in Inghilterra.

Infine ci sono gli sceicchi: arrivano, sponsorizzano, acquistano, discutono con l'UEFA del Fair Play Finanziario, cambiano regolamenti e trovano scorciatoie. È quello più facile, ma è anche redditizio. Perché il Manchester City è arrivato a fatturare, nel 2015, circa 350 milioni di sterline, 490 di euro. Ora con il Brexit e con il calo esagerato della valuta inglese sarà un bel po' differente, ma nel 2006 il Manchester City incassava circa 85 milioni di euro, come la Lazio e poco più della Fiorentina, ora ne vale quasi sei volte in più. Certo, è una scorciatoia, perché arrivando a Guardiola e Aguero il tuo nome risuona, rischia di diventare importante. L'Inter con Suning farà così: ha tenuto Icardi per farlo diventare una bandiera, un monumento, l'uomo copertina. Gabigol, come spiegato da Tronchetti Provera, potrebbe avere la forza commerciale di Ronaldo (almeno è quello che gli addetti del marketing proveranno a fare) ma l'idea è chiara: riuscire a prendersi una fetta importantissima di mercato nel sudest asiatico: l'Europa non ha nemmeno gli abitanti della Cina, se tutti tifassero Inter - cosa impossibile - il bacino d'utenza, anche in senso monetario, sarebbe totalmente differente. La globalizzazione aiuterà l'Inter come fatto con Paris Saint Germain e City, appunto.

Il fatturato della Juventus continua a salire, di anno in anno, mentre quello dell'Inter lo sta facendo, seppur a fatica. La Roma, con i suoi 214 milioni di euro è terza in Italia, il Napoli quinto e tallona l'Inter. Il secondo è ancora il Milan. Ma come? I rossoneri non hanno avuto la forza economica per anni perché bloccata da una struttura elefantiaca, soprattutto per gli emolumenti. Continuare ad acquistare a zero per poi retribuire salari esagerati ha portato a una contrazione: i costi fissi hanno distrutto il Milan, che poi ha speso malissimo i propri oboli. Quindi la domanda successiva può essere: tocca cedere Romagnoli e Donnarumma per tentare di fare qualcosa di più? La risposta è sì, perché il Milan in questo momento non è la seconda squadra d'Italia, forse non è nemmeno nelle prime cinque: azzerare e ripartire è il modo migliore, a meno che questi fantomatici cinesi (l'Inter nel frattempo è passata di mano due volte mentre il Milan è ancora al primo step) non vogliano davvero investire. A quel punto bisognerebbe ringraziare la globalizzazione. Anche per un cambio dirigenza che è arrivato davvero troppo tardi, dopo soldi spesi in maniera completamente errata.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.