HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Icardi non è più il capitano: condividete la scelta dell'Inter?
  Si
  No

La Giovane Italia
Editoriale

Come il Milan può battere la Juventus: perché la Coppa Italia può solo perderla la Juventus, se ci si mette d'impegno. Assurdo chiedere una sostituzione di Allegri

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
09.05.2018 07:13 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 24214 volte

La domanda sulla finale di Coppa Italia è: come il Milan può battere la Juventus? O meglio, come la Juve può perderla? Perché è evidente che se la Juve fa quello che normalmente dovrebbe essere in grado di fare, allora non ci sarebbe partita.
Tuttavia, quante volte nel 2018 la Juventus è stata capace di fare quello che normalmente dovrebbe essere in grado di fare? Inutile ricordare come in questo 2018 le prestazioni generali siano state sempre deficitarie, a parte 3 partite: ritorno di Coppa Italia con l'Atalanta, ritorno di Champions con il Real Madrid, campionato con la Sampdoria.
Dice: 'questa è la tua opinione, intanto in questo 2018 la Juve è stata capace di rimontare il Napoli, cosa pretendi di più?'
Verissimo, ma va anche ricordato come allo stesso tempo si dica che il crollo del Napoli abbia favorito la Juve, ed infatti il Napoli a livello di prestazione generale negli ultimi tre mesi ha fatto anche peggio dei bianconeri.
Dunque si torna al punto di prima: come può perdere la Juve contro il Milan?
C'è un allarme molto recente per Allegri, quello contro l'Inter ovviamente: perché se contro il Napoli la sconfitta era arrivata contro una squadra tatticamente superiore e che stava sublimando in partita la propria superiorità, contro i nerazzurri invece gli errori di Orsato e il colpo di coda finale hanno fatto passare in cavalleria un fenomeno calcistico paranormale senza alcuna spiegazione: per 40 minuti la Juve, con un uomo in più, contro una squadra nettamente più debole e che non stava giocando bene ma quantomeno con determinazione, bene nel giro di 40 minuti la Juve non solo si era fatta rimontare ma stava lasciando giù lo scudetto manco fosse ostaggio inerme del proprio destino, senza alcuna reazione, e ancora peggio senza alcuna spiegazione se non quella del blocco psicologico, il che è assurdo per la squadra che in Italia ha vinto tutto da 6 anni a questa parte.
Questa amnesia non spiegata è l'unica cosa su cui Gattuso può fare leva: perché di buono per la Juve c'è (oltre ovviamente alla propria ricchezza tecnica) che il Milan nell'ultimo mese e mezzo è pure crollato nelle prestazioni: l'ultima partita giocata bene dai rossoneri è stata proprio quella persa a Torino, dove a 10 minuti dalla fine si trovava in pareggio e pure recriminando.
Da allora il Milan è crollato, tanto nella fiducia quanto nel gioco (permettetemi di non considerare come probante la vittoria contro il Verona, una formazione che al momento faticherebbe a entrare nei play-off di Serie B), con un breve intermezzo nella gagliarda partita con il Napoli, quasi a chiudere il cerchio del circolo vizioso di prestazioni con la Juventus.
Gattuso ha una sola scelta: non sbagliare niente, non mollare un centimetro, giocare compatto se non può permettersi di essere brillante. Allo Juventus Stadium stava funzionando, e non è assolutamente un caso che il castello di carte fosse venuto giù alla prima distrazione, quella di Calhanoglu, giustamente cazziato nel post partita.
La Juve però ha la leggerezza dello studente che ha chiuso l'anno con i migliori voti della classe, e adesso si toglie lo sfizio di prendere il 10 e lode. Mentre il Milan ha la pressione di chi è sospeso tra l'essere promosso in Europa League o l'essere rimandato al prossimo anno.

Vada come vada, qualora anche la Juve perda la Coppa Italia, rimangono comunque assurde le richieste di chi vorrebbe la sostituzione di Allegri. Non importa la qualità del gioco, o le fortune arbitrali lungo la via: il risultato è che Allegri ha vinto il quarto scudetto consecutivo, anche nonostante le difficoltà di prestazione.
Chiedere la sostituzione di Allegri ha totalmente del folle. Sarebbe giustificato solo si volesse pensare a conquistare l'Europa partendo dalla premessa del miglioramento del gioco: lecito, ma tutto da dimostrare che sia abbastanza. E anche ammesso e non concesso che possa essere possibile, sarebbe sufficiente il cambio tecnico per puntare all'Europa, o ci vorrebbe anche un miglioramento sostanziale della rosa, per essere al livello delle altre grandi?
Perché di quello, al povero Allegri, non si potrebbe proprio chiedere di renderne conto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri-Napoli, l'addio è stato un flop per tutti. Inter, su Icardi ha ragione Spalletti. Frosinone, la cura di Baroni. Roma, Faggiano l'uomo giusto per il dopo Monchi. Benevento, hai fatto bene a fidarti di Bucchi 11.02 - Dirlo dopo questo week end è troppo facile ma un passaggio lo avevamo già fatto. Il divorzio estivo tra il Napoli e Maurizio Sarri è stato un flop per tutti. Quando le cose vanno bene e un allenatore trova l'habitat ideale bisognerebbe fare di tutto per andare avanti il più possibile....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La differenza tra Piatek e Hamsik: De Laurentiis e la lezione alla medio-alta borghesia del calcio italiano che troppo spesso non viene compresa 10.02 - Nel calcio per costruire un progetto importante saper cedere è molto più importante di saper acquistare. Saper resistere, contrattare e rifiutare quando da una cessione sembra possano arrivare solo vantaggi è fondamentale. E' la differenza tra chi fa impresa in modo lungimirante e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus e Real quanti intrecci: Marcelo e Isco per Dybala, ecco l’ultima idea di mercato. Hamsik al Dalian. Saint Maximin è l’esterno che il Milan ha scelto per l’anno prossimo. Per il futuro di Spalletti decisivi i prossimi 2 mesi 09.02 - Il tempo non manca ma il quadro delle operazioni per giugno comincia a delinearsi. La Juventus è sempre molto attiva. In casa bianconera sono in atto alcune riflessioni. È chiaro che in estate il lavoro non mancherà. Paratic, che ha già preso Ramsey, vuole ulteriormente rafforzare...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, c’è Mourinho e non Conte per il dopo-Spalletti. Milinkovic Savic al Milan, Chiesa e Barella nerazzurri, Isco alla Juve, Mancini alla Roma: tutti gli obiettivi del mercato estivo 08.02 - Dopo aver incontrato Conte che stava andando a comprare un divano sotto la sede dell’Inter, prima o poi qualcuno si imbatterà anche in Mourinho mentre passeggia gustandosi un gelato. Chissà…Miracoli, allucinazioni, miraggi e realtà del mercato. Sono d’accordo con Spalletti, certi...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Che mercato è stato? Lo dicono i numeri... dietrofront Napoli: Hamsik rimane qui 07.02 - Partiamo dall’ultima notizia che ha movimentato le redazioni di tutta Italia (e forse anche di tutta la Cina). Il Napoli ha comunicato con un tweet che ha deciso di “soprassedere” per questioni legate alle modalità di pagamento relative alla trattativa Hamsik. Può saltare un’operazione...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allenatori sull’orlo di una crisi di nervi: Spalletti e quell’unica cosa che lo può salvare; Allegri e il caso Dybala; Di Francesco e una sentenza quasi scritta. Gattuso e Ancelotti ridono, protetti dalla società 06.02 - Come diceva Trapattoni, gli allenatori si dividono in due categorie: quelli che sono stati esonerati, e quelli che lo saranno. E febbraio è un buon momento per mettere a friggere un allenatore e il suo destino, visto che certe situazioni cominciano a non avere ritorno. Il problema...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510