HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Come il Milan può battere la Juventus: perché la Coppa Italia può solo perderla la Juventus, se ci si mette d'impegno. Assurdo chiedere una sostituzione di Allegri

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
09.05.2018 07:13 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 24207 volte

La domanda sulla finale di Coppa Italia è: come il Milan può battere la Juventus? O meglio, come la Juve può perderla? Perché è evidente che se la Juve fa quello che normalmente dovrebbe essere in grado di fare, allora non ci sarebbe partita.
Tuttavia, quante volte nel 2018 la Juventus è stata capace di fare quello che normalmente dovrebbe essere in grado di fare? Inutile ricordare come in questo 2018 le prestazioni generali siano state sempre deficitarie, a parte 3 partite: ritorno di Coppa Italia con l'Atalanta, ritorno di Champions con il Real Madrid, campionato con la Sampdoria.
Dice: 'questa è la tua opinione, intanto in questo 2018 la Juve è stata capace di rimontare il Napoli, cosa pretendi di più?'
Verissimo, ma va anche ricordato come allo stesso tempo si dica che il crollo del Napoli abbia favorito la Juve, ed infatti il Napoli a livello di prestazione generale negli ultimi tre mesi ha fatto anche peggio dei bianconeri.
Dunque si torna al punto di prima: come può perdere la Juve contro il Milan?
C'è un allarme molto recente per Allegri, quello contro l'Inter ovviamente: perché se contro il Napoli la sconfitta era arrivata contro una squadra tatticamente superiore e che stava sublimando in partita la propria superiorità, contro i nerazzurri invece gli errori di Orsato e il colpo di coda finale hanno fatto passare in cavalleria un fenomeno calcistico paranormale senza alcuna spiegazione: per 40 minuti la Juve, con un uomo in più, contro una squadra nettamente più debole e che non stava giocando bene ma quantomeno con determinazione, bene nel giro di 40 minuti la Juve non solo si era fatta rimontare ma stava lasciando giù lo scudetto manco fosse ostaggio inerme del proprio destino, senza alcuna reazione, e ancora peggio senza alcuna spiegazione se non quella del blocco psicologico, il che è assurdo per la squadra che in Italia ha vinto tutto da 6 anni a questa parte.
Questa amnesia non spiegata è l'unica cosa su cui Gattuso può fare leva: perché di buono per la Juve c'è (oltre ovviamente alla propria ricchezza tecnica) che il Milan nell'ultimo mese e mezzo è pure crollato nelle prestazioni: l'ultima partita giocata bene dai rossoneri è stata proprio quella persa a Torino, dove a 10 minuti dalla fine si trovava in pareggio e pure recriminando.
Da allora il Milan è crollato, tanto nella fiducia quanto nel gioco (permettetemi di non considerare come probante la vittoria contro il Verona, una formazione che al momento faticherebbe a entrare nei play-off di Serie B), con un breve intermezzo nella gagliarda partita con il Napoli, quasi a chiudere il cerchio del circolo vizioso di prestazioni con la Juventus.
Gattuso ha una sola scelta: non sbagliare niente, non mollare un centimetro, giocare compatto se non può permettersi di essere brillante. Allo Juventus Stadium stava funzionando, e non è assolutamente un caso che il castello di carte fosse venuto giù alla prima distrazione, quella di Calhanoglu, giustamente cazziato nel post partita.
La Juve però ha la leggerezza dello studente che ha chiuso l'anno con i migliori voti della classe, e adesso si toglie lo sfizio di prendere il 10 e lode. Mentre il Milan ha la pressione di chi è sospeso tra l'essere promosso in Europa League o l'essere rimandato al prossimo anno.

Vada come vada, qualora anche la Juve perda la Coppa Italia, rimangono comunque assurde le richieste di chi vorrebbe la sostituzione di Allegri. Non importa la qualità del gioco, o le fortune arbitrali lungo la via: il risultato è che Allegri ha vinto il quarto scudetto consecutivo, anche nonostante le difficoltà di prestazione.
Chiedere la sostituzione di Allegri ha totalmente del folle. Sarebbe giustificato solo si volesse pensare a conquistare l'Europa partendo dalla premessa del miglioramento del gioco: lecito, ma tutto da dimostrare che sia abbastanza. E anche ammesso e non concesso che possa essere possibile, sarebbe sufficiente il cambio tecnico per puntare all'Europa, o ci vorrebbe anche un miglioramento sostanziale della rosa, per essere al livello delle altre grandi?
Perché di quello, al povero Allegri, non si potrebbe proprio chiedere di renderne conto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Marotta c'è: le date, il contratto, la sfida alla Juve e il mercato (già a gennaio). Milan: la iella, l'orgoglio, la resa dei conti con l'Uefa... e Ibra. Italia: un azzurro mai visto. Ma attenti alla mer... 20.11 - La menata della sosta ci impedisce di essere brillanti ma, al contrario, molto diretti e avvelenati (la verità è che c’è Cantù-Pesaro di basket e stiamo volando a Desio per sostenere Cantù, glorioserrima società a rischio fallimento per questioni – che caso – legate a patron che se...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Italia, che noia. Giorgetti-Malagò: la ragione sta nel mezzo. Juve B, progetto inutile e da abolire. I 3 migliori allenatori (tutti di C) pronti per il salto 19.11 - Un editoriale senza parlare di mercato oppure senza parlare di Milan, Inter, Juventus e Napoli è sicuramente di poco interesse per il pubblico. Almeno per il grande pubblico. Ma con il campionato fermo e il mercato lontano non avrebbe senso occuparsi dei soliti temi. Allora andiamo...

Editoriale DI: Marco Conterio

I primi clamorosi ma non confermati spifferi sul Pallone d'Oro e il premio più incerto dell'ultima decade. Fenomeni contro Francesi ma può essere l'anno della rivoluzione di Modric 18.11 - Urne chiuse. Così la discussione è ufficialmente pronta per proseguire, adesso senza più chance d'influenzare il giudizio dei 173 giornalisti aventi diritto di voto per il Pallone d'Oro del 2018 che sarà assegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. La redazione di France Football nelle...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di Irrati 13.11 - Quando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli può essere ancora il futuro degli azzurri?” o “ci sono troppi stranieri!”, o “bisogna puntare sui vivai!”. Ma poi ti rendi conto che il buon Marione tra...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy