HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Come il Milan può battere la Juventus: perché la Coppa Italia può solo perderla la Juventus, se ci si mette d'impegno. Assurdo chiedere una sostituzione di Allegri

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
09.05.2018 07:13 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 24188 volte

La domanda sulla finale di Coppa Italia è: come il Milan può battere la Juventus? O meglio, come la Juve può perderla? Perché è evidente che se la Juve fa quello che normalmente dovrebbe essere in grado di fare, allora non ci sarebbe partita.
Tuttavia, quante volte nel 2018 la Juventus è stata capace di fare quello che normalmente dovrebbe essere in grado di fare? Inutile ricordare come in questo 2018 le prestazioni generali siano state sempre deficitarie, a parte 3 partite: ritorno di Coppa Italia con l'Atalanta, ritorno di Champions con il Real Madrid, campionato con la Sampdoria.
Dice: 'questa è la tua opinione, intanto in questo 2018 la Juve è stata capace di rimontare il Napoli, cosa pretendi di più?'
Verissimo, ma va anche ricordato come allo stesso tempo si dica che il crollo del Napoli abbia favorito la Juve, ed infatti il Napoli a livello di prestazione generale negli ultimi tre mesi ha fatto anche peggio dei bianconeri.
Dunque si torna al punto di prima: come può perdere la Juve contro il Milan?
C'è un allarme molto recente per Allegri, quello contro l'Inter ovviamente: perché se contro il Napoli la sconfitta era arrivata contro una squadra tatticamente superiore e che stava sublimando in partita la propria superiorità, contro i nerazzurri invece gli errori di Orsato e il colpo di coda finale hanno fatto passare in cavalleria un fenomeno calcistico paranormale senza alcuna spiegazione: per 40 minuti la Juve, con un uomo in più, contro una squadra nettamente più debole e che non stava giocando bene ma quantomeno con determinazione, bene nel giro di 40 minuti la Juve non solo si era fatta rimontare ma stava lasciando giù lo scudetto manco fosse ostaggio inerme del proprio destino, senza alcuna reazione, e ancora peggio senza alcuna spiegazione se non quella del blocco psicologico, il che è assurdo per la squadra che in Italia ha vinto tutto da 6 anni a questa parte.
Questa amnesia non spiegata è l'unica cosa su cui Gattuso può fare leva: perché di buono per la Juve c'è (oltre ovviamente alla propria ricchezza tecnica) che il Milan nell'ultimo mese e mezzo è pure crollato nelle prestazioni: l'ultima partita giocata bene dai rossoneri è stata proprio quella persa a Torino, dove a 10 minuti dalla fine si trovava in pareggio e pure recriminando.
Da allora il Milan è crollato, tanto nella fiducia quanto nel gioco (permettetemi di non considerare come probante la vittoria contro il Verona, una formazione che al momento faticherebbe a entrare nei play-off di Serie B), con un breve intermezzo nella gagliarda partita con il Napoli, quasi a chiudere il cerchio del circolo vizioso di prestazioni con la Juventus.
Gattuso ha una sola scelta: non sbagliare niente, non mollare un centimetro, giocare compatto se non può permettersi di essere brillante. Allo Juventus Stadium stava funzionando, e non è assolutamente un caso che il castello di carte fosse venuto giù alla prima distrazione, quella di Calhanoglu, giustamente cazziato nel post partita.
La Juve però ha la leggerezza dello studente che ha chiuso l'anno con i migliori voti della classe, e adesso si toglie lo sfizio di prendere il 10 e lode. Mentre il Milan ha la pressione di chi è sospeso tra l'essere promosso in Europa League o l'essere rimandato al prossimo anno.

Vada come vada, qualora anche la Juve perda la Coppa Italia, rimangono comunque assurde le richieste di chi vorrebbe la sostituzione di Allegri. Non importa la qualità del gioco, o le fortune arbitrali lungo la via: il risultato è che Allegri ha vinto il quarto scudetto consecutivo, anche nonostante le difficoltà di prestazione.
Chiedere la sostituzione di Allegri ha totalmente del folle. Sarebbe giustificato solo si volesse pensare a conquistare l'Europa partendo dalla premessa del miglioramento del gioco: lecito, ma tutto da dimostrare che sia abbastanza. E anche ammesso e non concesso che possa essere possibile, sarebbe sufficiente il cambio tecnico per puntare all'Europa, o ci vorrebbe anche un miglioramento sostanziale della rosa, per essere al livello delle altre grandi?
Perché di quello, al povero Allegri, non si potrebbe proprio chiedere di renderne conto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy