HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Qual è il vostro miglior acquisto dopo il primo trimestre?
  Muriel (Atalanta)
  Nainggolan (Cagliari)
  Ribery (Fiorentina)
  Lukaku (Inter)
  De Ligt (Juventus)
  Hernandez (Milan)
  Kulusevski (Parma)
  Lozano (Napoli)
  Smalling (Roma)
  Caputo (Sassuolo)

La Giovane Italia
Editoriale

Conte attacca: la benzina sta finendo, ma accusa la Lega Calcio. Cristiano ospite di lusso all’hotel Juventus. Napoli-Atalanta può essere rischiosa per Ancelotti, incredibile ma… Milan: i soliti errori di tutti

30.10.2019 07:15 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 44664 volte

L’Inter ha stroncato il Brescia arrivando al novantesimo con gli occhi fuori dalle orbite e il fiatone di chi non ricorda una partita tranquilla da quando c’era ancora il Muro di Berlino, Antonio Conte aveva già tutti i capelli, e il suo allenatore era Carletto Mazzone che invece i capelli probabilmente non li ha mai avuti (era il 1988). Ha fatto il Primo Tempo che doveva fare l’Inter, producendo gioco ma non avendo molto ritmo, arrivando ad avere il 74% di possesso, ma sottovalutando nel Secondo Tempo il rientro veemente del Brescia, e probabilmente non avendo semplicemente più benzina per correre, come testimonia del resto la prima partita negativa di Barella - l’unico finora che non si era mai preso una vacanza dal produrre una prestazione all’altezza. Sono arrivati tutti con la lingua di fuori, il che conferma i timori post-Parma di Conte (“rosa corta, dobbiamo adeguarci”) che non erano minimamente una critica alla società, ma semplicemente un ricordare la realtà dei fatti per non farsi prendere dall’entusiasmo.
Certo, stante questa situazione, stupisce allora che Conte abbia effettuato solo due sostituzioni. Ma evidentemente vuol dire che i quattro giocatori di movimento dal centrocampo in su che sono rimasti in panchina - Dimarco, Lazaro, Borja Valero e Politano - non sono semplicemente ritenuti all’altezza per fare 20 minuti finali in una partita di sofferenza. Il che è un’accusa grave.
Ma ancora più grave è l’accusa velata di Conte a chi compila i calendari, ovvero la Lega Calcio: “Facciamo 7 partite in 20 giorni, non si è mai visto. Capita in 21, o 22 giorni, a noi invece addirittura 20 giorni”. Evidentemente in queste condizioni anche 24 ore in più di riposo sono ritenute capitali, e allora effettivamente la società Inter dovrebbe farsi sentire se fosse così, e non lasciare che debba toccare a Conte di muovere la questione. Certo è sembrato strano che l’Inter fosse l’unica italiana a scendere in campo di sabato contro il Parma dopo aver giocato in Champions di mercoledì.

La vacanza invece se l’è presa Cristiano Ronaldo. E scusate, ma è gravissimo. O quantomeno, non si era mai visto. Badate bene: non si parla di turnover, ma di vacanza vera e propria. E non alla 29sima giornata o giù di lì, quando hai 10 e passa punti di vantaggio sulla seconda, e devi tenere le energie per le eliminatorie di Champions.
No.
Cristiano ha marcato visita con solo un punto di vantaggio sull’Inter, alla nona giornata, e peraltro con la Juventus che oltre ai titolari in campo, non aveva riserve di ruolo in panchina, essendo Douglas Costa infortunato e Mandzukic fuori rosa.
Ripetiamo: il concetto non è il turnover, giusto, obbligato e ragionevole. Ma tu viaggi con la squadra, ti riposi dalle fatiche, vai in panchina, e se c’è bisogno ci dai una mano.
No: Cristiano Ronaldo ha proprio chiesto di essere esentato dal ritiro prepartita, dal viaggio a Lecce, dalla partita, dal rientro. Datemi questi tre giorni, please. Ovvio: a Cristiano Ronaldo tutto è permesso, anche se così Vinovo sembra l’Hotel Juventus, e l’importante è che ci porti la Champions League, poi può fare quello che vuole. E ovvio, segnerà una tripletta con il Genoa, e poi altri gol e sempre di più.
Eppure. Eppure non si era mai visto a livello di top club europei, che il proprio giocatore stella avesse ricevuto non un turno di riposo, ma proprio un permesso premio già ad ottobre, e con il rischio di essere sorpassati in testa. Il punto non è che la Juventus non potesse vincere senza Cristiano a Lecce. Il punto è che se sei abile e arruolabile, tu fai parte della spedizione anche se magari non giochi per riposarti, proprio perché non si sa mai. Anche perché se l’Inter non avesse avuto il braccino, la vacanza si sarebbe trasformata in un boomerang. Certo, lo sappiamo che lo status di Cristiano Ronaldo in questo momento in pratica è più grande dello status della Juventus. In pratica. Ma in teoria non lo è, la Juventus non dovrebbe essere un hotel.

A proposito di andirivieni, il povero Ancelotti sembra non riuscire ad uscire dal concetto di andirivieni sulla panchina del Napoli, con il destino sottoposto a scrutinio a ogni passo falso. E’ anche ingeneroso, anche se certo le incertezze sono ormai abitudine. Napoli-Atalanta da un lato non è giusto che cambi alcunché, ma dall’altro è iconica: perdere proprio adesso sarebbe quasi un abdicare non dalla prima, non dalla seconda, ma addirittura dalla terza forza. E se già si mette in discussione Ancelotti adesso…

Peggio ci si sente per Milan-Spal. I rossoneri dovevano uscire da questo primo trittico di Pioli con almeno sette punti per dare seguito ai propri proclami di Champions. E invece saranno quattro punti per bene che vada. Il problema è che il quarto posto viene ancora sbandierato dalla società, ennesimo errore che si va ad aggiungere a quelli in campo, tra i tanti anche quelli dei Romagnoli, Musacchio e Kessié, difensori o giocatori difensivi da troppo tempo inguardabili. Si faccia un favore il Milan: provi a sbagliare meno, anche nei proclami. Partita a partita, posizione o posizione. Meglio lasciare il quarto posto dove sta…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il preoccupante segnale Juve, crollata dopo l'uscita di Bentancur. La coperta corta dell'Inter che sogna a gennaio, il crollo del ciclo finito a Napoli. Fonseca e una nuova Roma, la Lazio che vuol fare il Leicester 08.12 - Sono stati due giorni densi di spunti di riflessione. L'apertura con l'Inter che patisce i freddi d'inverno con una coperta troppo corta per l'alta quota, o quanto meno per non andare in ipotermia da brame di gloria senza cadere. Fa bene Antonio Conte a chiedere, gli servono quantità...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Cristiano Ronaldo resta almeno fino al 2021 e fissa gli obiettivi: Champions League e Pallone d’Oro. Per Demiral pronta l’offerta del Milan. Marotta e Paratici, che sfida per Tonali a giugno. Il Real Madrid su Koulibaly 07.12 - Ormai manca meno di un mese all’inizio del mercato e le strategie cominciano ad essere chiare. Parto dal futuro di Cristiano Ronaldo. Resterà sicuramene anche l’anno prossimo alla Juventus. Poi a fine 2021 farà le sue valutazioni, la Cina potrebbe essere un’ipotesi, ma ad oggi la...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Tonali alla Juventus, Kulusevski all’Inter a gennaio: patto di non aggressione. Conte e Sarri, ecco chi vincerà. Ibra al Milan, presto l’annuncio. Napoli, un compromesso per portare Ancelotti a fine stagione 06.12 - Il ricordo della vicenda Lukaku è ancora fresco e una volta di più Juventus e Inter si ritrovano sugli stessi obiettivi. Tonali piace all’Inter? Ma lo vuole anche la Juve. Kulusewski pronto per la Juve? Ma l’Inter non molla. Ovvio, quasi normale, che due grandi società e...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Gli intermediari, la FIFA e i soldi delle società 05.12 - Su 17896 trasferimenti internazionali in 3558 sono stati utilizzati intermediari (quasi il 20% del totale) per una spesa complessiva di 653,9 milioni di dollari in commissioni. Così recita il report Fifa, che prende in considerazione tutti i trasferimenti di tutto il mondo. Nella...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ibra-Milan: ecco cosa manca. Perché non si può criticare la mediocrità finora espressa da Sarri? Se la ride Allegri. Cristiano, ma perché? La Juve difende: la Champions val bene una messa Cristiana.Il miracolo di Conte all’Inter, chi disturba? 04.12 - Il passo Ibrahimovic l’ha fatto: la sua richiesta di 10 milioni netti per un anno e mezzo è stata in parte ridotta. Il Milan ha offerto 6 milioni netti per la metà stagione rimanente più la prossima, e 4 di bonus anche se si tratta di bonus complicati. Ibra ha deciso di controrichiedere...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema (se c'è) non si chiama Sarri... Inter: la mossa di Conte è datata marzo 2019 (e a gennaio arrivano...). Milan: Ibra, un aiuto per Pioli. Cellino e DeLaurentiis: prendere esempio dal giovane Giulini. La lezione di Messi... 03.12 - Buonasera (se leggete di sera). Buongiorno (se leggete di giorno). Mortacci vostra (se non leggete, ma tanto non è il vostro caso, perché state leggendo). Siam qui a scrivere la consueta pappardella di fatti e fatterelli dal puro valore soggettivo. Del resto ognuno ha la sua idea...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

De Zerbi a scuola da Sarri... eh, scusate il contrario! Cambiare allenatore? In A e B (quasi sempre) un flop. Lo Monaco picchiato ma il calcio resta in silenzio 02.12 - Ci sono giorni che non sai cosa scrivere. Devi pensare mezz'ora prima di trovare qualche argomento interessante. Giorni, come questi, che devi tenere fuori mille argomenti e che vorresti toccare tutti. Ho scelto. Vorrei parlare di calcio ma non posso parlare solo di calcio. C'è una...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

L'Inter aveva ragione: la cessione di Icardi era necessaria per fare il salto di qualità. Per gennaio già presa un'altra decisione non banale: Marotta non torna sui suoi passi 01.12 - Ma l'Inter ci ha davvero guadagnato? Ma era davvero necessario vivere e alimentare per mesi il caso Icardi, scaricarlo ben prima di darlo via, e puntare su Romelu Lukaku? Sicuri che la priorità fosse il centravanti? La scorsa estate i dubbi su quanto fatto da Giuseppe Marotta, sul...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, tra De Paul e un nuovo tentativo per Vidal. C’è anche Pinamonti per l’attacco. La Fiorentina di nuovo su Politano. Napoli in pole per Amrabat, a gennaio i rinnovi di Zielinski, Milik e Maksimovic 30.11 - L’Inter sogna gli ottavi di Champions League e nel frattempo continua a muoversi sul mercato. A gennaio non è facile migliorare la squadra, ma Marotta e Ausilio faranno il possibile per cercare di soddisfare Antonio Conte. È chiaro che il primo della lista per il centrocampo resta...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, ok di Zhang: arrivano Giroud e Matic. Marotta non molla Kulusevski e sfida la Juve. Milan aspetta il sì di Ibra. Napoli, prove di pace per Adl. Fiorentina, ecco il centro sportivo da sogno da 70 milioni 29.11 - Il signor Zhang, come l’uomo del monte, ha detto sì. Marotta avrà le risorse per fare mercato nel mese di gennaio, porterà a casa quel centrocampista e quell’attaccante che Conte ha chiesto chiaramente e pubblicamente per provare ad avvicinare ancora di più la Juventus. Del resto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510