VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Conte, Chelsea-Juve come Nazionale-Juve. Brozovic-Inter, cessione inevitabile. Italia sveglia, la Spagna arranca. Milan cinese, nonostante Tavecchio e i negazionisti

13.08.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 27192 volte

Non appena si è diffusa la voce di Leonardo Bonucci concupito dal Chelsea, è partito il fuoco di sbarramento bianconero. Grande campagna acquisti per non aver nulla da invidiare ai Blues, probabilissimo adeguamento contrattuale al giocatore per non perdere un'anima della squadra. Antonio Conte ha appena ricambiato: la Juventus rinforza Raiola e lo United con l'operazione Pogba e, percepiti i problemi per arrivare a Matuidi e i sogni madridisti di Sissoko, scattano gli abboccamenti con Nemanja Matic, centrocampista proprio del Chelsea. Immediato il colloquio fra il nuovo inquilino di Stamford Bridge e il giocatore: anche se c'è Kante punto su dite, non accettare, resta qui. Detto, fatto. Più o meno lo stesso clima che esisteva fra bianconeri e Nazionale sul tema degli stage, o sulla convocazione di Bonucci pre-Europei vista la sua squalifica in Coppa Italia.

Marcelo Brozovic è arrivato all'Inter, dalla Dinamo Zagabria (vera e propria fucina di talenti visti anche Rog e Pjaca, complimenti) nel Gennaio 2015. Un'era diversa rispetto a quella di Suning e di Kia. All'epoca si prendevano i giocatori per averli un certo periodo gratis, cercare di valorizzarli e quindi venderli alla prima occasione. La prima rata di Brozovic è in scadenza, essendo stata prevista a suo tempo un anno e mezzo dopo il suo acquisto. Ecco il motivo dell'apertura nerazzurra alla sua cessione, dopo il peraltro ottimo colpo di Joao Mario. L'Inter risparmia la prima rata, cede il giocatore, fa una bella plusvalenza e rimborsa per intero gli 8 milioni pattuiti un anno e mezzo prima con la Dinamo Zagabria. Metodo moderno, magari non si conferisce una grande stabilità alla squadra ma la necessità virtù regna sovrana.

Il calcio italiano deve svegliarsi e reagire. Nessuno sintetizza e nessuno declina, ma la Spagna è in crisi. Il Real Madrid non ha fatto acquisti eccetto Morata e ha dovuto solo pensare alle cessioni, sia quelle fatte (Jesè) che quelle sognate e invocate: James Rodriguez, Isco e forse Kovacic se Zidane toglie la pregiudiziale tecnica. il Barcellona di grosso ha fatto una sola operazione, Andrè Gomes, sul mercato interno e se punta Dybala in questo momento non c'è molto da preoccuparsi. L'Atletico Madrid e il Siviglia hanno fatto sostanzialmente, con una cifra non esorbitante a favore dei colchoneros, lo scambio Gameiro-Vietto. Il Bayern e il PSG restano due potenze anche se non hanno fatto i fuochi d'artificio delle due di Manchester, mentre la Spagna rimane sostanzialmente a guardare. Con Florentino Perez che riguardo al mercato, lui abituato a presentarsi, pagare e prendere, è costretto a dire: "Vediamo se capita qualche occasione entro il 31 Agosto". L'Italia deve cogliere la palla al balzo e sorprendere gli spagnoli in stallo, sia in campo che fuori.

Non fidarsi dei comunicati stampa e voler fare come San Tommaso, fa bene al mestiere e alla categoria. Nessuna polemica e nessun rilievo. Ma il negazionismo strisciante, alla Tavecchio (elogiato da chi lo derideva per la frase sulle "cose strane") viene tritato un giorno dopo l'altro da fatti, annunci, movimenti, riposizionamenti. Il Milan è stato venduto e verrà rilanciato. E' bene iniziare a familiarizzare con questo concetto: Mr. Bee non fa testo e non fa giurisprudenza, è stata solo una operazione mediatica. Servita a tutti ma proprio a tutti? Forse, non facciamo le verginelle. Ma è finita, sorpassata, tumulata. Oggi c'è ben altro e succederà ben altro. Che poi le stesse cose, non nascondetevi, che si sussurravano sui campi, negli uffici, sulle tribune e nei vari dietro le quinte all'epoca della cessione da Moratti a Thohir, ossia i capitali esteri che rientrano, oggi sul conto del Milan e di Berlusconi vengono invece scritte ed esplicitate, lo vediamo bene. Ma fa parte di quel pregiudizio umano, sportivo e politico per cui su Moratti il quoziente dello scetticismo viene storicamente arrotondato per difetto, un po' come per De Benedetti in altri campi, e invece su Berlusconi per eccesso. E' tutto qui.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.